Alessandro Matri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alessandro Matri
20150616 - Portugal - Italie - Genève - Alessandro Matri.jpg
Matri, nel 2015, con la divisa della Nazionale italiana.
Nazionalità Italia Italia
Altezza 183 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Lazio
Carriera
Giovanili
1994-1995 Blu e Bianco3.png Virtus Don Bosco
1995-1996 Fanfulla Fanfulla
1996-2004 Milan
Squadre di club1
2001-2004 Milan 1 (0)
2004-2005 Prato 32 (5)
2005-2006 Lumezzane 32 (13)[1]
2006-2007 Rimini 28 (4)
2007-2011 Cagliari 125 (36)
2011-2013 Juventus 69 (27)
2013-2014 Milan 15 (1)
2014 Fiorentina 15 (4)
2014-2015 Genoa 16 (7)
2015 Juventus 5 (0)
2015- Lazio 17 (4)
Nazionale
2011- Italia Italia 7 (1)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate all'11 febbraio 2016

Alessandro Matri (Sant'Angelo Lodigiano, 19 agosto 1984) è un calciatore italiano, attaccante della Lazio, in prestito dal Milan, e della Nazionale italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce il 19 agosto 1984 a Sant'Angelo Lodigiano e cresce nel paese di Graffignana in provincia di Lodi. La prima passione non è per il pallone bensì per il ciclismo. Alessandro correva per il Pedale Graffignanino, prometteva bene, come testimoniano le medaglie che ha vinto, però una caduta violenta dalla bici lo porta a un cambiamento di progetti sportivi per il futuro. In accordo con i genitori, abbandona le due ruote e sceglie di concentrare le proprie energie sul calcio.[2]

Alessandro inizia la carriera calcistica nella squadra del Don Bosco Graffignana e poi passa al Fanfulla su segnalazione di un dirigente che lo vide giocare. All'età di 11 anni passa nelle giovanili del Milan dopo la segnalazione dell'osservatore Ruben Buriani, dove rimarrà fino all'età di 20 anni.[2]

Trascorre il proprio tempo libero a Graffignana con la famiglia e gli amici; da marzo 2009 è legato sentimentalmente a Federica Nargi, velina di Striscia la notizia dal 2008 al 2012.[3]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Centravanti puro, ama muoversi lungo la profondità del campo e spicca per qualità dei movimenti offensivi e dei tempi di inserimento. Dotato di spirito di sacrificio, è anche abile nel pressing.[4]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Milan e i vari prestiti[modifica | modifica wikitesto]

Ottiene il suo debutto, da titolare, in Serie A il 24 maggio 2003 durante la trasferta persa, per 4-2, contro il Piacenza disputando 70 minuti di gioco per poi essere sostituito dal compagno di squadra Roberto Bortolotto.[5] Nella sua prima stagione da professionista ottiene una sola presenza mentre nella seconda non scenderà mai in campo disputando le sue partite nella Primavera del Milan.

Si mette successivamente in mostra in Serie C1, in prestito, con le maglie di Prato nella stagione 2004-2005 (36 presenze e 5 gol) e Lumezzane nella stagione 2005-2006 (35 presenze e 14 gol).[2][6]

Nell'estate del 2006 passa al Rimini di mister Acori, in Serie B, con la formula del prestito.[7] In questa stagione, nonostante la presenza di attaccanti più esperti come Ricchiuti, Jeda e Moscardelli, riesce a ritagliarsi uno spazio importante.[8] Matri chiude il campionato con quattro reti all'attivo, tutte siglate nel girone di ritorno, tra cui la sua prima doppietta in carriera sul campo del Brescia e il gol che ha deciso il derby romagnolo contro il Cesena.[9]

Cagliari[modifica | modifica wikitesto]

L'11 giugno 2007 metà del suo cartellino viene acquistato dal Cagliari.[10] Ha esordito con la maglia rossoblù il 26 agosto seguente, andando subito a segno nella prima giornata di campionato contro il Napoli.[11] Nonostante alcuni gol nell'arco della stagione, Matri viene spesso relegato in panchina dall'allenatore Davide Ballardini, che gli preferisce il compagno di reparto Acquafresca. Tuttavia, il giorno dopo il divorzio tra la società sarda e il tecnico ravennate, il Cagliari riscatta l'altra metà del suo cartellino[12] per 2,3 milioni di euro.[13]

Nella prima parte della stagione successiva Matri non riesce ancora a ritagliarsi uno spazio da titolare nella compagine sarda, che lo vede spesso partire dalla panchina. Tuttavia, nel girone di ritorno, l'attaccante lodigiano mette a segno sei gol, risultando essere il terzo miglior cannoniere della squadra dopo Acquafresca e Jeda.[14]

L'annata 2009-2010 comincia sulla falsa riga della precedente per Matri che, inizialmente, parte dalla panchina. Tuttavia, dopo la cessione di Robert Acquafresca, riesce a guadagnare nel giro di poche settimane il posto da titolare. Il 13 dicembre 2009, dopo 16 partite, riesce anche ad eguagliare il record di Gigi Riva di sette match consecutivi a segno.[15] Termina la stagione con 13 gol messi a segno, scendendo in campo per tutte le 38 partite del campionato.[16]

Comincia la stagione 2010-2011 con una doppietta, realizzata l'11 settembre 2010 contro la Roma nella gara giocata al Sant'Elia e vinta per 5-1.[17][18] In totale l'attaccante realizza quattro doppiette, con un bottino complessivo di 11 reti. Con 36 marcature, inoltre, risulta essere al quinto posto nella classifica dei migliori marcatori di sempre in massima serie con la maglia del Cagliari.[19]

Juventus[modifica | modifica wikitesto]

Matri con la maglia della Juventus in una amichevole estiva contro il Málaga del 2012

Il 31 gennaio 2011 viene ufficializzato il suo trasferimento alla Juventus con la formula del prestito oneroso (2,5 milioni di euro) con diritto di riscatto fissato a 15,5 milioni di euro.[20][21] L'esordio con la maglia bianconera arriva il 2 febbraio seguente, nella trasferta di Palermo che vede la Juventus perdere per 2-1.[22] Tre giorni dopo torna a Cagliari da avversario e realizza i suoi primi due gol con la maglia della Juventus, nella partita terminata sul punteggio di 3-1 per i bianconeri.[23] Il 13 febbraio seguente, invece, esordisce con la maglia bianconera allo Stadio Olimpico di Torino, segnando con un colpo di testa il gol che ha permesso alla Juve di vincere il derby d'Italia contro l'Inter per 1-0.[24][25] Termina la sua stagione con 20 gol segnati (11 in rossoblù e 9 in bianconero) in 38 presenze, divenendo l'unico calciatore, insieme a Morgan De Sanctis, ad aver disputato tutte le partite del campionato 2009-2010 e 2010-2011.[26]

Il 22 giugno 2011, dopo essere riscattato dalla Juventus, firma un contratto quadriennale fino al 30 giugno 2015 con i bianconeri.[27] Segna il suo primo gol nella Serie A 2011-2012 il 18 settembre seguente, in occasione della 3ª giornata contro il Siena.[28][29] Il 22 ottobre 2011, invece, mette a segno la sua prima doppietta stagionale, nella partita interna contro il Genoa terminata sul punteggio di 2-2.[30][31]

Il 2 aprile 2012 rinnova il suo contratto con la società torinese per altri 2 anni, ovvero fino al 30 giugno 2017.[32] Il 6 maggio 2012 conquista il suo primo scudetto con la maglia bianconera, ottenuto con una giornata d'anticipo nella partita giocata sul campo neutro di Trieste contro il Cagliari e vinta per 2-0.[33][34][35] Conclude la stagione con 10 reti.

La stagione 2012-2013 inizia con la conquista della Supercoppa italiana, arrivata l'11 agosto 2012 allo Stadio nazionale di Pechino grazie alla vittoria per 4-2 contro il Napoli.[36][37]

Il 19 settembre 2012 esordisce nelle competizioni UEFA per club, in occasione della partita di Champions League pareggiata per 2-2 in casa del Chelsea.[38] Il 29 settembre seguente arriva anche il suo primo gol stagionale, nel corso della partita casalinga vinta per 4-1 contro la Roma.[39] Il 12 febbraio 2013 segna la sua prima rete nella massima competizione europea per club, durante la partita esterna vinta per 3-0 contro il Celtic, valevole per gli ottavi di finale della competizione.[40][41] Il 5 maggio successivo, grazie alla vittoria interna della Juventus sul Palermo per 1-0, vince – con tre giornate d'anticipo – il secondo scudetto consecutivo.[42]

Il 18 agosto aggiunge al suo palmarès un'altra Supercoppa italiana, battendo in finale la Lazio allo Stadio Olimpico di Roma;[43] Matri, tuttavia, non scende in campo nella partita terminata 4-0 per i bianconeri.[44]

Ritorno al Milan e i vari prestiti[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 agosto seguente viene ufficializzato il suo ritorno al Milan[45][46] per 11 milioni di euro (pagabili in 4 anni) [47] e sceglie di indossare il numero 9.[48] Torna a vestire la maglia rossonera il 1º settembre seguente, in occasione della partita interna vinta per 3-1 contro il Cagliari, sua ex squadra.[49][50] Il 27 ottobre 2013 arriva il suo primo ed unico gol con la società milanese, nel corso della trasferta persa per 3-2 contro il Parma.[51]

Fiorentina[modifica | modifica wikitesto]

Dopo 19 presenze ed 1 rete con i rossoneri, il 15 gennaio 2014 viene ufficializzato il suo prestito dal Milan alla Fiorentina fino al termine della stagione.[52] Esordisce in maglia viola il 19 gennaio seguente, realizzando una doppietta nella partita di campionato Catania-Fiorentina (0-3).[53] Il 21 febbraio esordisce in Europa League nella gara di andata dei sedicesimi di finale contro Esbjerg, segnando anche il primo gol per i viola che si imporranno sugli avversari per 1-3.[54] Chiude la stagione con i viola con 21 presenze e 5 reti e finito il prestito fa ritorno al Milan.

Genoa[modifica | modifica wikitesto]

L'11 luglio passa in prestito al Genoa.[55] Con la maglia rossoblù esordisce in campionato il 14 settembre in trasferta a Firenze proprio contro la sua ex squadra subentrando nel secondo tempo a Mauricio Pinilla. Il 24 settembre, nella quarta giornata di campionato, sigla le sue prime due reti con la maglia dei grifoni (al 35' e al 48') nella gara Verona-Genoa (2-2).[56] Il 5 ottobre segna il suo 100º gol tra i professionisti siglando la rete della vittoria nella trasferta vinta 2-1 contro il Parma. Si ripete il 26 ottobre, in occasione della gara numero 1600 in Serie A del Genoa[57], segnando la sua quarta rete stagionale in campionato siglando il gol del momentaneo 1-1 nella partita poi vinta per 2-1 al Bentegodi contro il Chievo Verona[58].

Complessivamente con i rossoblù colleziona 17 presenze e 7 gol.

Juventus[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 febbraio 2015, ritorna alla Juventus con la modalità del prestito gratuito per 6 mesi[59] con 2,5 milioni di euro di stipendio al lordo pagato per metà dal Milan.[60] Qui ritrova Stefano Sturaro con il quale ha giocato a Genova nei sei mesi precedenti e Massimiliano Allegri che lo ha già allenato sia al Cagliari sia al Milan e nutre grande stima nei suoi confronti. Il 7 aprile, in occasione della partita di Coppa Italia, valevole per l'accesso in finale tra Fiorentina e Juventus, segna il gol dello 0-1 del complessivo 0-3 che porta la Juventus in finale di Coppa Italia.[61]

Il 20 maggio, una sua rete risolve la finale di Coppa Italia all'Olimpico contro la Lazio. Il gol decisivo del 2-1 durante i tempi supplementari consegna la decima Coppa Italia alla Juventus.[62]

Dopo 9 presenze e 2 gol fa ritorno al Milan.

Lazio[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 agosto 2015, nell'ultimo giorno della sessione estiva di calciomercato, passa in prestito alla Lazio per un anno.[63][64] L'esordio arriva il 13 settembre successivo dove mette a segno anche una doppietta nella partita casalinga vinta, proprio per 2-0, contro l'Udinese.[65]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 febbraio 2011 viene convocato per la prima volta in Nazionale, da parte del CT Cesare Prandelli, in vista dell'amichevole del 9 febbraio seguente contro la Germania (1-1), nella quale tuttavia non viene impiegato. Nel seguente mese di marzo, viene ancora una volta convocato in azzurro per le gare in trasferta contro la Slovenia (0-1) e l'Ucraina (0-2). Esordisce proprio in quest'ultima gara, subentrando al 61' della ripresa a Giuseppe Rossi, e segnando la rete dello 0-2 finale per gli azzurri su assist di Sebastian Giovinco.[66]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate all'11 febbraio 2016.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2002-2003 Italia Milan A 1 0 CI 0 0 UCL 0 0 - - - 1 0
2003-2004 A 0 0 CI 0 0 UCL 0 0 SI+SU+CInt 0+0+0 0+0+0 0 0
2004-2005 Italia Prato C1 32 5 CI-C 4 0 - - - - - - 36 5
2005-2006 Italia Lumezzane C1 32+2[67] 13+0 CI+CI-C 1+0 1 - - - - - - 35 14
2006-2007 Italia Rimini B 28 4 CI 2 1 - - - - - - 30 5
2007-2008 Italia Cagliari A 34 6 CI 2 1 - - - - - - 36 7
2008-2009 A 31 6 CI 2 1 - - - - - - 33 7
2009-2010 A 38 13 CI 1 0 - - - - - - 39 13
2010-gen. 2011 A 22 11 CI 1 0 - - - - - - 23 11
Totale Cagliari 125 36 6 2 - - - - 131 38
gen.-giu. 2011 Italia Juventus A 16 9 CI 0 0 UEL 0 0 - - - 16 9
2011-2012 A 31 10 CI 1 0 - - - - - - 32 10
2012-2013 A 22 8 CI 3 0 UCL 9 2 SI 1 0 35 10
2013-gen. 2014 Italia Milan A 15 1 CI 0 0 UCL 3 0 - - - 18 1
Totale Milan 16 1 0 0 3 0 0 0 19 1
gen.-giu. 2014 Italia Fiorentina A 15 4 CI 3 0 UEL 3 1 - - - 21 5
2014-feb. 2015 Italia Genoa A 16 7 CI 1 0 - - - - - - 17 7
feb.-giu. 2015 Italia Juventus A 5 0 CI 2 2 UCL 2 0 SI 0 0 9 2
Totale Juventus 74 27 6 2 11 2 1 0 92 31
2015-2016 Italia Lazio A 17 4 CI 2 1 UCL+UEL 0+6 0+2 SI - - 25 7
Totale carriera 357 101 25 7 23 5 1 0 406 113

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Italia Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
29-03-2011 Kiev Ucraina Ucraina 0 – 2 Italia Italia Amichevole 1 Ingresso al 61’ 61’
07-06-2011 Liegi Italia Italia 0 – 2 Irlanda Irlanda Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
11-11-2011 Breslavia Polonia Polonia 0 – 2 Italia Italia Amichevole - Ingresso al 61’ 61’
15-11-2011 Roma Italia Italia 0 – 1 Uruguay Uruguay Amichevole -
29-02-2012 Genova Italia Italia 0 – 1 Stati Uniti Stati Uniti Amichevole - Uscita al 59’ 59’
18-11-2014 Genova Italia Italia 1 – 0 Albania Albania Amichevole - Ingresso al 65’ 65’
16-06-2015 Ginevra Italia Italia 0 – 1 Portogallo Portogallo Amichevole - Ingresso al 73’ 73’
Totale Presenze 7 Reti 1

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Juventus: 2011-2012, 2012-2013, 2014-2015
Juventus: 2012, 2013
Juventus: 2014-2015

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 34 (13) se si comprendono i play-out.
  2. ^ a b c Biografia - Alessandro Matri alessandromatri.it
  3. ^ Federica Nargi ha conquistato Alessandro Matri, attaccante del Cagliari, su gossipblog.it.
  4. ^ Giulio Gori, Il bilancio attaccanti al netto di Vucinic, juventibus.com. URL consultato il 29 giugno 2013.
  5. ^ Piacenza Calcio 1919 - AC Milan, in transfermarkt.it, 24 maggio 2003. URL consultato il 31 agosto 2015.
  6. ^ Massimo Pianigiani, Primi movimenti, presi 4 giocatori, in Il Tirreno, 30 luglio 2004. URL consultato il 31 agosto 2015.
  7. ^ Francesco Graffagnini, Ufficiale: il Milan dirotta Matri al Rimini, in tuttomercatoweb.com, 7 giugno 2006. URL consultato il 20 luglio 2012.
  8. ^ Marco Conterio, Esclusiva TMW - Acori: "Matri-Milan: perfetto! Futuro? In attesa...", in tuttomercatoweb.com, 22 luglio 2012. URL consultato il 22 luglio 2012.
  9. ^ Calcio. Il derby è biancorosso: decide Matri (1-0). Ora la Juve, in newsrimini.it, 14 aprile 2007. URL consultato il 29 novembre 2010.
  10. ^ Alessio Calfapietra, Ufficiale: Alessandro Matri al Cagliari, in tuttomercatoweb.com, 11 giugno 2007. URL consultato il 29 novembre 2010.
  11. ^ Il Napoli stecca la prima in A; al San Paolo vince il Cagliari 2-0, in la Repubblica, 26 agosto 2007. URL consultato il 20 luglio 2012.
  12. ^ Stefano Sica, Ufficiale: Matri è tutto del Cagliari, in tuttomercatoweb.com, 29 maggio 2008. URL consultato il 29 novembre 2010.
  13. ^ Alessandro Matri, transfermarkt.it. URL consultato il 20 luglio 2012.
  14. ^ Cagliari Calcio, transfermarkt.it. URL consultato il 20 luglio 2012.
  15. ^ La storia del Cagliari archivia il nuovo record: Matri ne fa sette, proprio come Riva, in goal.com, 13 dicembre 2009. URL consultato il 20 luglio 2012.
  16. ^ Cagliari Calcio, transfermarkt.it. URL consultato il 20 luglio 2012.
  17. ^ Cagliari 5-1 Roma, legaseriea.it, 11 settembre 2010. URL consultato il 20 luglio 2012.
  18. ^ Mattia Fontana, Serie A - Profondo giallorosso, il Cagliari vince 5-1, in Eurosport, 11 settembre 2010. URL consultato il 29 novembre 2010.
  19. ^ Calcio/Cagliari-Lazio – Finalmente sono cento, Rocchi: ‘Ora mi rendo conto di quanto ho fatto per questa società’, in cittaceleste.it, 30 ottobre 2011. URL consultato il 20 luglio 2012.
  20. ^ Ufficiale: Matri in prestito alla Juve, in Corriere dello Sport, 31 gennaio 2011. URL consultato il 20 luglio 2012.
  21. ^ Fabrizio Zorzoli, Ufficiale: Alessandro Matri alla Juventus, in tuttomercatoweb.com, 31 gennaio 2011. URL consultato il 20 luglio 2012.
  22. ^ Palermo 2-1 Juventus, legaseriea.it, 2 febbraio 2011. URL consultato il 20 luglio 2012.
  23. ^ Riccardo Pratesi, Matri dà due calci alla crisi. La Juve vince 3-1 a Cagliari, in La Gazzetta dello Sport, 5 febbraio 2011. URL consultato il 20 luglio 2012.
  24. ^ Juventus 1-0 Inter, legaseriea.it, 13 febbraio 2011. URL consultato il 20 luglio 2012.
  25. ^ Mattia Fontana, Serie A - Matri esalta la Juve, l’Inter frena la corsa, in Eurosport, 13 febbraio 2011. URL consultato il 20 luglio 2012.
  26. ^ Carriera, alessandromatri.it. URL consultato il 20 luglio 2012.
  27. ^ Matri, Motta, Pepe e Quagliarella riscattati, in juventus.com, 22 giugno 2011. URL consultato il 20 luglio 2012.
  28. ^ Siena 0-1 Juventus, legaseriea.it, 18 settembre 2011. URL consultato il 20 luglio 2012.
  29. ^ Matri-gol e la Juve vola, in juventus.com, 18 settembre 2011. URL consultato il 20 luglio 2012.
  30. ^ Juventus 2-2 Genoa, legaseriea.it, 22 ottobre 2011. URL consultato il 20 luglio 2012.
  31. ^ Serie A -Matri non basta, la Juve pareggia ancora, in Eurosport, 22 ottobre 2011. URL consultato il 20 luglio 2012.
  32. ^ Bonucci e Matri, sempre più Juve, in juventus.com, 2 aprile 2012. URL consultato il 2 aprile 2012.
  33. ^ Riccardo Pratesi, Vucinic e autogol, delirio Juve Per i bianconeri è il 28° scudetto, in La Gazzetta dello Sport, 6 maggio 2012. URL consultato il 7 maggio 2012.
  34. ^ Alberto Gasparri, La Juventus è campione d'Italia, in Sport Mediaset, 6 maggio 2012. URL consultato il 7 maggio 2012.
  35. ^ Vladimiro Cotugno, Juve Campione d'Italia, 2-0 al Cagliari. Milan ko, in Tuttosport, 6 maggio 2012. URL consultato il 21 luglio 2012.
  36. ^ La Supercoppa è della Juve, Napoli ko 4-2 tra le polemiche, in Sky Sport, 11 agosto 2012. URL consultato il 14 agosto 2012.
  37. ^ Supercoppa, la Juve travolge il Napoli. E gli azzurri disertano la premiazione, in La Stampa, 11 agosto 2012. URL consultato il 14 agosto 2012.
  38. ^ Fabio Balaudo, La Juve mette paura al Chelsea, in uefa.com, 19 settembre 2012. URL consultato il 14 novembre 2012.
  39. ^ Juventus 4 - 1 Roma, legaseriea.it, 29 settembre 2012. URL consultato il 14 novembre 2012.
  40. ^ Paolo Menicucci, Juventus padrona al Celtic Park, in uefa.com, 12 febbraio 2013. URL consultato il 15 febbraio 2013.
  41. ^ Riccardo Pratesi, Champions, Celtic-Juventus 0-3. Matri-Marchisio-Vucinic: quarti a un passo, in La Gazzetta dello Sport, 12 febbraio 2013. URL consultato il 15 febbraio 2013.
  42. ^ Riccardo Pratesi, Juventus, scudetto bis: 1-0 sul Palermo. Conte sale ancora sul tetto della Serie A, in La Gazzetta dello Sport, 5 maggio 2013. URL consultato il 6 maggio 2013.
  43. ^ Maurizio Nicita, Supercoppa, Juventus super: 4-0 alla Lazio con gol di Pogba, Chiellini, Lichtsteiner e Tevez, in La Gazzetta dello Sport, 18 agosto 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  44. ^ Juventus 4 - 0 Lazio, legaseriea.it, 18 agosto 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  45. ^ AC Milan comunicato ufficiale, acmilan.com, 30 agosto 2013. URL consultato il 30 agosto 2013.
  46. ^ Grazie Alessandro!, in juventus.com, 30 agosto 2013. URL consultato il 30 agosto 2013.
  47. ^ Accordo con l'A.C. Milan per la cessione definitiva del calciatore Alessandro Matri (PDF), juventus.com, 30 agosto 2013. URL consultato il 30 agosto 2013.
  48. ^ Ciao Boa - Ecco Matri!, acmilan.com, 30 agosto 2013. URL consultato il 30 agosto 2013.
  49. ^ Fabiana Della Valle, Milan-Cagliari 3-1, aspettando Kakà, ci pensano Robinho, Mexes e Balotelli, La Gazzetta dello Sport, 1º settembre 2013. URL consultato il 1º settembre 2013.
  50. ^ Max Cristina, Milan, Robinho e Balotelli in gol: 3-1 al Cagliari, Sport Mediaset, 1º settembre 2013. URL consultato il 1º settembre 2013.
  51. ^ Marco Pasotto, Parma-Milan 3-2, Parolo esalta il Tardini, La Gazzetta dello Sport, 27 ottobre 2013. URL consultato il 27 ottobre 2013.
  52. ^ Matri e' un giocatore della Fiorentina, violachannel.tv, 15 gennaio 2014. URL consultato il 15 gennaio 2014.
  53. ^ Catania 0-3 Fiorentina, Legaseriea.it, 19 gennaio 2014. URL consultato il 21 febbraio 2014.
  54. ^ (EN) Pelle Rasmussen, Esbjerg not quitting after Viola defeat, in UEFA.com, 20 febbraio 2014.
  55. ^ Colpo del Genoa: Ufficiale Matri, genoacfc.it, 11 luglio 2014.
  56. ^ Hellas Verona 2-2 Genoa, Legaseriea.it, 24 settembre 2014. URL consultato il 26 settembre 2014.
  57. ^ GRIFO: 1600 IN SERIE A GIRONE UNICO, genoacfc.it. URL consultato il 27 ottobre 2014.
  58. ^ Serie A: Chievo-Genoa 1-2, rimonta rossoblù con Matri e Pinilla, gazzetta.it. URL consultato il 27 ottobre 2014.
  59. ^ Matri torna in bianconero, juventus.com, 2 febbraio 2015. URL consultato il 7 febbraio 2015.
  60. ^ Calciomercato Juventus: preso Matri, il bomber di ritorno, tuttosport.com, 2 febbraio 2015. URL consultato il 7 febbraio 2015.
  61. ^ Fabiana Della Valle, Fiorentina-Juventus 0-3: Matri, Pereyra e Bonucci portano Allegri in finale, in La Gazzetta dello Sport, 7 aprile 2015. URL consultato il 13 dicembre 2015.
  62. ^ Jacopo Gerna, Juve infinita, vince la 10ª Coppa Italia: Matri piega la Lazio ai supplementari, in La Gazzetta dello Sport, 20 maggio 2015.
  63. ^ Alessandro Matri è un giocatore biancoceleste, sslazio.it, 31 agosto 2015. URL consultato il 31 agosto 2015.
  64. ^ Lazio: ufficiale l'arrivo in prestito di Alessandro Matri - Transfermarkt, transfermarkt.it. URL consultato il 07 settembre 2015.
  65. ^ Lazio-Udinese 2-0, super Matri: che doppietta!, in Il Corriere dello Sport, 13 settembre 2015. URL consultato il 13 dicembre 2015.
  66. ^ Amichevole Ucraina-Italia 0-2, in Corriere della Sera, 29 marzo 2011. URL consultato il 20 gennaio 2014.
  67. ^ Play-out.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]