Calcio Catania 2014-2015

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Calcio Catania.

Calcio Catania
Stagione 2014-2015
Allenatore Italia Maurizio Pellegrino (fino al 14/09/2014)
Italia Giuseppe Sannino (fino al 19/12/2014)
Italia Maurizio Pellegrino (fino al 3/1/2015)
Italia Dario Marcolin (dal 3/1/2015)
Presidente Italia Antonino Pulvirenti
Serie B 22º posto (Retrocesso in Lega Pro dalla giustizia sportiva)
Coppa Italia Terzo turno
Maggiori presenze Campionato: Rosina (32)
Totale: Rosina (32)
Miglior marcatore Campionato: Calaiò (17)
Totale: Rosina (5)
Stadio Angelo Massimino
Abbonati 10.270
Maggior numero di spettatori 17.271 vs Trapani (11 aprile 2015)[1]
Minor numero di spettatori 11.575 vs Brescia (20 dicembre 2014)[1]
Media spettatori 13.476[1]
Dati aggiornati al 20-08-2015

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti il Calcio Catania nelle competizioni ufficiali della stagione 2014-2015.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Mercato[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 luglio 2014 i tifosi del Catania rimangono impietriti dopo la cessione del tanto amato Mariano Izco ceduto al Chievo dopo 8 anni in maglia rosso-azzurra dopo 218 presenze e 6 goal, indimenticabile nei cuori catanesi il goal vittoria a Torino in un Juventus-Catania 1-2 del 2009 oppure la doppietta in Catania-Roma 4-1 nel 2014, lui rispose così: (Capisco il vostro dispiacere anche se mi fa male leggere certi messaggi e sentire certe parole. Lasciarsi dopo 8 anni non è facile, ma purtroppo così è il calcio e noi siamo dei professionisti, dobbiamo avere la forza di cambiare e scegliere il meglio per la nostra carriera.Voglio ringraziare tutti voi tifosi del Catania per l'affetto che mi avete dimostrato, lo porterò sempre nel cuore. Mi avete accolto quando ancora ero un ragazzino e mi avete fatto diventare grande, in campo e fuori. Ringrazio anche tutti gli addetti ai lavori, allenatori, massaggiatori, magazzinieri, fisioterapisti, perché tutti hanno reso la mia esperienza a Catania indimenticabile. Un ringraziamento va inoltre alla dirigenza che mi ha portato in Italia e dato l'opportunità di dimostrare il mio talento. Ora sono coinvolto in un'altra magnifica avventura, ancora in Serie A con il Chievo, ma volevo dirvi che porterò sempre Catania nel cuore. Indossare questa maglia per così tanti anni e stato un onore per me e Catania sarà anche la città dove vivrò in futuro. Mi auguro che il prossimo anno il Catania possa ritornare in Serie A - perché è questa la categoria che merita.)

Il Catania e soprattutto i tifosi vogliono ripartire dopo la retrocessione in cadetteria, la campagna #ripartiAmo del Catania dà i suoi frutti: sono più di 10.000 gli abbonamenti sottoscritti per seguire le gare interne allo stadio Angelo Massimino. Numeri da primato nel contesto della Serie B - sottolineano dalla società - dato simile a quello della passata stagione e pertanto dimostrazione concreta dell'importanza della maglia e del club, a prescindere dalla categoria, per appassionati sinceri che amano anzitutto sentirsi parte di un progetto, coinvolti emotivamente.

Oltre alla cessione di Izco da registrare le partenze di Gonzalo Bergessio e Francesco Fedato alla Sampdoria, Francesco Lodi al Parma in prestito con diritto di riscatto, Pablo Barrientos al San Lorenzo, Mariano Andujar al Napoli, Jaroslav Plasil torna al Bordeaux, Cristiano Biraghi al Chievo insieme a Maxi Lopez, Keko all'Albacete in Spagna, Andrea Catellani allo Spezia poi futuro capocannoniere della Serie B 2014-2015, Pablo Álvarez al Rosario Central. Al Leeds vengono ceduti Giuseppe Bellusci in prestito con diritto di riscatto, Mirco Antenucci e Souleymane Doukara. Kingsley Boateng va in prestito agli olandesi del NAC Breda, Federico Moretti va al Vicenza ritrovando il suo vecchio compagno Fabio Sciacca e Nicola Legrottaglie chiude la carriera nel Catania dopo 3 stagioni in maglia rosso-azzurra collezionando 80 presenze e 8 goal.

In entrata grandi nomi per la Serie B l'ex Napoli Emanuele Calaiò autore di 18 goal in campionato ed Alessandro Rosina entrambi provenienti dal Siena. Dal Basilea arriva il centrale argentino Gastón Sauro, ritornano al Catania Raphael Martinho e Edgar Çani. Dal Boca Juniors arriva Gonzalo Escalante e dal Rangers de Talca Gonzalo Piermarteri. Raphael Martinho non è l'unico brasiliano infatti c'è anche Marcelinho ex (Atlético Madrid e Flamengo) in arrivo dallo Skoda Xanthi. Altri giocatori in arrivo sono: Michal Chrapek dallo Wisla Cracovia; il portiere Luca Anania proveniente dal Livorno, Adrián Calello dal Chievo, Juan Manuel Ramos uruguaiano dal Montevideo Wanderers, Moses Odjer aggregato alla Primavera debutta in prima squadra il 29 novembre 2014, nella partita contro contro la Ternana giocando 71 minuti dopo aver sostituito Alexis Rolin e infine Filip Jankovic dal Parma poi futuro convocato per il Campionato mondiale di calcio Under-20 in Nuova Zelanda con la Serbia.

Nonostante che i bookmakers e le agenzie di scommesse pronosticassero che il Catania fosse la squadra super favorita per vincere il campionato cadetto, i fatti si rivelarono ben presto molto diversi, anche a causa dei numerosi infortuni sotto la gestione fisica-atletica del preparatore atletico Ventrone, che dimezzarono la squadra, a tal punto da richiamare più volte i giocatori della Primavera.

Girone d'andata[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 settembre 2014 finisce l'avventura del tecnico Maurizio Pellegrino, che resta nella società come responsabile del settore giovanile. La squadra siciliana ha raccolto appena un punto nelle prime tre giornate di campionato.

Il 19 dicembre 2014 si dimette il sostituto Giuseppe Sannino «Mi dimetto - per dare serenità all'ambiente. Ringrazio la città di Catania, i tifosi rossazzurri, i calciatori, che sono stati straordinari, la società, i magazzinieri, i massaggiatori e tutto il personale al lavoro a Torre del Grifo». Sannino ha guidato i rossazzurri per 15 partite collezionando 5 vittorie, 4 pareggi e 6 sconfitte. I rapporti tra l'allenatore e il presidente Nino Pulvirenti, erano ormai difficili da tempo e sono stati irrimediabilmente compromessi negli ultimi giorni, quando Sannino ha avuto un nuovo scontro con il preparatore atletico Ventrone, con il quale c'erano tensioni legate all'elevato numero di infortuni muscolari registrato nelle file etnee in questi mesi.

Al posto di Giuseppe Sannino ritorna in panchina Maurizio Pellegrino, allenatore nei primi tre turni, poi esonerato da Pulvirenti. Maurizio Pellegrino era tornato a gestire l'attività del vivaio. Va via da Catania anche il collaboratore di Giuseppe Sannino Troise schierandosi contro il metodo della preparazione atletica di Ventrone e contro l'operato del dg Pablo Cosentino, i tifosi della curva Nord non entreranno allo stadio. Pretendono il licenziamento dei due e una presa di posizione ferma del presidente Antonino Pulvirenti che, un paio di giorni prima, aveva dichiarato di voler continuare con i due suoi uomini di riferimento.

Dopo il girone d'andata il Catania si ritrova terz'ultimo a 21 punti, l'unica nota positiva è stata la vittoria contro la Virtus Entella per 5-1. I tifosi chiedono spiegazioni e disertano lo stadio per le partite Catania-Brescia e Catania-Carpi. Numerose volte fino a fine campionato gli ultras del Catania lanciano cori pesanti contro la gestione Pulvirenti-Cosentino ed il preparatore Ventrone.

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Il 2015 si apre con un nuovo cambio in panchina con l'esonero di Maurizio Pellegrino sostituito da Dario Marcolin. Ecco il comunicato ufficiale: «Il Calcio Catania S.p.A. comunica di aver sollevato dall'incarico di Responsabile tecnico della prima squadra il signor Maurizio Pellegrino, che ricoprirà nuovamente la carica di Responsabile del Settore Giovanile rossazzurro. La conduzione tecnica della prima squadra viene affidata all'allenatore Dario Marcolin, già vice di Siniša Mihajlović nella stagione agonistica 2009/10, caratterizzata da un ottimo girone di ritorno. Dario Marcolin é assistito dall'allenatore in seconda Enrico Annoni, Giuseppe Irrera assume il ruolo di collaboratore tecnico».

Nel mercato invernale la dirigenza etnea effettua una vera e propria rivoluzione, vengono ceduti Sebastian Leto al Lanús, Gino Peruzzi, Fabian Monzón Alexis Rolin al Boca Juniors, Alberto Frison alla Sampdoria, Marcelinho va dai greci dell'Atromitos, Edgar Çani al Leeds United, Adrián Calello va al Quilmes, l'ex Primavera Agatino Garufi va al Santarcangelo Calcio squadra che milita in Lega Pro girone B. Finisce anche l'avventura in rosso-azzurro delle due bandiere argentine Almiron e Spolli. Sergio Almiron dopo 3 stagioni ed 84 presenze con 9 goal chiude col Catania con una rescissione consensuale del contratto (indimenticabili i goal contro l'Inter in un Catania-Inter del 2011 e la doppietta contro il Chievo a quei tempi reti che sapevano di Europa League in un Catania-Chievo 2-1 del 2012). Anche Nicolas Spolli dopo 6 stagioni, dal 2009 al gennaio 2015 collezionando 153 presenze e 9 goal, lascia la squadra etnea per passare alla Roma in prestito.

Grandi sono i colpi in entrata con gli acquisti di Lorenzo Del Prete dal Perugia, il portiere d'esperienza nazionale belga Jean-François Gillet dal Torino impegnato in Europa League, l'ex difensore della Nazionale Under-21 Antonio Mazzotta e Manuel Coppola dal Cesena neo promossa in Serie A, Luca Ceccarelli dallo Spezia, Daniele Sciaudone dal Bari, Raffaele Schiavi dal Frosinone neo promosso in Serie B. Acquistato anche il bomber Riccardo Maniero dal Pescara, che con la Juventus nel 2005 vinse il Torneo di Viareggio e l'anno successivo il Campionato Primavera, nella stagione 2006-2007 conquistò la Supercoppa Primavera e la Coppa Italia Primavera. Completa la campagna acquisti Nicola Belmonte dall'Udinese. Il 6 gennaio 2015 Daniele Delli Carri è ingaggiato come direttore sportivo. Il 1º marzo 2015 finisce l'avventura del preparatore atletico Giampiero Ventrone, ex di Juventus e Bari, che viene sostituito da Massimo Neri, il quale può vantare esperienze con Juventus, Roma, Real Madrid e con le nazionali di Inghilterra e Russia.

Il girone di ritorno si rivela con alti e bassi: la prima vittoria del 2015 é ai danni della Pro Vercelli per 4-0; verso la fine del campionato il Catania addirittura potrebbe qualificarsi per i play-off dopo cinque vittorie consecutive: (Catania-Avellino 1-0), Varese-Catania 0-3), (Catania-Trapani 4-1), (Latina-Catania 1-2), (Catania-Ternana 2-0), ma nelle ultime cinque partite realizza solo due punti.

Il Catania si salva sul campo all'ultima giornata contro il Carpi vincitore del campionato, una vera e propria macchina da guerra, pareggiando 0-0. Chiude il deludente campionato di Serie B con 49 punti e un buon bottino di reti fatte, ma il reparto difensivo è tra i peggiori del campionato.

Retrocessione in Lega Pro[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 giugno 2015 esplode una nuova bufera che travolge la società etnea, accusata di aver truccato e comprato alcune partite del campionato cadetto appena concluso, al fine di evitare la retrocessione in Lega Pro della squadra rossoazzurra. L'inchiesta, denominata I treni del gol, coordinata dalla Procura di Catania, porta all'arresto di sette dirigenti fra cui quelli del presidente Antonino Pulvirenti, dell'ad e procuratore sportivo Pablo Cosentino, dell'ex direttore sportivo Daniele Delli Carri, oltre a due procuratori e due gestori di scommesse online, destinati agli arresti domiciliari. L'accusa che viene contestata è di frode sportiva e truffa.

Il 20 agosto 2015 il Tribunale Nazionale della FIGC stabilisce la retrocessione in Lega Pro con 12 punti di penalizzazione e una multa di 150.000 euro più i 300.000 ad Antonino Pulvirenti con 5 anni di squalifica e i 50.000 a Pablo Cosentino, squalificato per 4 anni. Il 29 agosto la Corte d'Appello Federale della FIGC riduce la penalizzazione a 9 punti.

Divise[modifica | modifica wikitesto]

Per la stagione 2014-2015, lo sponsor tecnico rimane Givova, mentre nelle divise, oltre al main sponsor TTT Lines, si aggiunge Fortè, catena di supermercati.

Nelle prime tre gare ufficiali, i rossoazzurri hanno giocato con la prima divisa della stagione precedente. Il kit casalingo è stato reso noto solo in occasione della quarta giornata di campionato, Catania-Modena del 20 settembre 2014. Esso è composto da una maglia rossa con palo centrale azzurro, spezzando quindi la tradizione delle strisce rossoazzurre[2]; i pantaloncini sono azzurri, così come i calzettoni[2]. La seconda divisa è gialla con decorazioni rossoazzurre[2], mentre la terza divisa, utilizzata per la prima volta in campionato contro il Perugia il 13 settembre, è blu navy, con decorazioni rossoazzurre[2]. La divisa da portiere invece è completamente verde.

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa 13/14
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Portiere

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Rosa, numerazione e ruoli sono aggiornati al 30 gennaio 2015.[3]

N. Ruolo Giocatore
1 Belgio P Jean-François Gillet [4]
1 Italia P Alberto Frison [5]
2 Croazia D Dragan Lovric [6]
2 Argentina D Gino Peruzzi [5]
3 Argentina D Nicolás Spolli (capitano)[5]
4 Argentina C Sergio Almirón [7]
5 Italia D Raffaele Schiavi [4]
5 Uruguay D Alexis Rolín [5]
6 Brasile C Raphael Martinho
7 Italia A Riccardo Maniero [4]
7 Brasile C Marcelinho [5]
8 Argentina C Gonzalo Escalante
9 Italia A Emanuele Calaiò
10 Italia A Alessandro Rosina
10 Italia C Francesco Lodi [8]
11 Argentina A Sebastián Leto [5]
12 Italia P Giuseppe Ficara [6]
13 Italia C Agatino Garufi [5]
14 Slovenia A Maks Barišič
15 Argentina D Gastón Sauro
16 Argentina C Adrián Calello [5]
17 Albania A Edgar Çani [5]
18 Argentina D Fabián Monzón [5]
19 Argentina C Lucas Castro
N. Ruolo Giocatore
20 Polonia C Michał Chrapek
21 Argentina C Fabián Rinaudo
22 Italia P Pietro Terracciano
23 Slovacchia D Norbert Gyömbér
24 Italia D Ciro Capuano
25 Argentina C Gonzalo Piermarteri
26 Italia D Nicola Belmonte [4]
26 Italia P Luca Anania [8]
27 Serbia C Filip Janković
27 Italia D Michele De Matteis [8]
28 Italia D Tino Parisi [6]
29 Italia A Fabio Salvatore Aveni [7]
31 Italia D Luigi Carillo [6]
32 Italia C Agostino Gallo [6]
33 Uruguay D Juan Ramos [6]
34 Italia A Mattia Rossetti [6]
34 Croazia C Stjepan Ostrek [5]
36 Italia A Gabriele Di Carlo [5]
39 Ghana C Moses Odjer [6]
42 Italia C Manuel Coppola [4]
43 Italia D Antonio Mazzotta [4]
44 Italia C Daniele Sciaudone [4]
45 Italia D Luca Ceccarelli [4]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie B[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Serie B 2014-2015.

Girone d'andata[modifica | modifica wikitesto]

Catania
30 agosto 2014, ore 20:30 CEST
1ª giornata
Catania 3 – 3
referto
Virtus Lanciano Stadio Angelo Massimino (15.881[1] spett.)
Arbitro Daniele Minelli (Varese)

Vercelli
7 settembre 2014, ore 18:00 CEST
2ª giornata
Pro Vercelli 3 – 2
referto
Catania Stadio Silvio Piola (3.524[1] spett.)
Arbitro Luigi Nasca (Bari)

Perugia
13 settembre 2014, ore 15:00 CEST
3ª giornata
Perugia 1 – 0
referto
Catania Stadio Renato Curi (12.506[1] spett.)
Arbitro Mariani (Aprilia)

Catania
20 settembre 2014, ore 15:00 CEST
4ª giornata
Catania 0 – 0
referto
Modena Stadio Angelo Massimino (13.467[1] spett.)
Arbitro Aleandro Di Paolo (Avezzano)

Crotone
23 settembre 2014, ore 20:30 CEST
5ª giornata
Crotone 1 – 1
referto
Catania Stadio Ezio Scida (4.698[1] spett.)
Arbitro Luca Pairetto (Nichelino)

Catania
28 settembre 2014, ore 18:00 CEST
6ª giornata
Catania 2 – 1
referto
Pescara Stadio Angelo Massimino (14.319[1] spett.)
Arbitro Davide Ghersini (Genova)

Frosinone
4 ottobre 2014, ore 15:00 CEST
7ª giornata
Frosinone 1 – 0
referto
Catania Stadio comunale Matusa (5.007[1] spett.)
Arbitro Daniele Chiffi (Padova)

Catania
12 ottobre 2014, ore 12:30 CEST
8ª giornata
Catania 2 – 3
referto
Bari Stadio Angelo Massimino (13.864[1] spett.)
Arbitro Renzo Candussio (Cervignano del Friuli)

La Spezia
18 ottobre 2014, ore 15:00 CET
9ª giornata
Spezia 3 – 0
referto
Catania Stadio Alberto Picco (5.737[1] spett.)
Arbitro Leonardo Baracani (Firenze)

Catania
25 ottobre 2014, ore 15:00 CET
10ª giornata
Catania 3 – 1
referto
Vicenza Stadio Angelo Massimino (12.505[1] spett.)
Arbitro Ivano Pezzuto (Lecce)

Catania
28 ottobre 2014, ore 20:30 CET
11ª giornata
Catania 5 – 1
referto
Virtus Entella Stadio Angelo Massimino (12.475[1] spett.)
Arbitro Michael Fabbri (Ravenna)

Avellino
1º novembre 2014, ore CET
12ª giornata
Avellino 1 – 0 Catania Stadio Partenio - Adriano Lombardi (8.000[1] spett.)
Arbitro Gianluca Aureliano (Bologna)

Catania
8 novembre 2014, ore CET
13ª giornata
Catania 2 – 1 Varese Angelo Massimino (12.314[1] spett.)
Arbitro Riccardo Ros (Pordenone)

Erice
16 novembre 2014, ore CET
14ª giornata
Trapani 2 – 2 Catania Stadio Polisportivo Provinciale (7.056[1] spett.)
Arbitro Fabrizio Pasqua (Tivoli)

Catania
22 novembre 2014, ore CET
15ª giornata
Catania 1 – 0 Latina Angelo Massimino (13.691[1] spett.)
Arbitro Diego Roca (Foggia)

Terni
29 novembre 2014, ore CET
16ª giornata
Ternana 1 – 0 Catania Stadio Libero Liberati (4.208[1] spett.)
Arbitro Renzo Candussio (Cervignano del Friuli)

Catania
6 dicembre 2014, ore CET
17ª giornata
Catania 2 – 2 Bologna Angelo Massimino (13.040[1] spett.)
Arbitro Luca Piretto (Nichelino)

Livorno
13 dicembre 2014, ore CET
18ª giornata
Livorno 4 – 2 Catania Stadio Armando Picchi (5.410[1] spett.)
Arbitro Aleandro Di Paolo (Avezzano)

Catania
20 dicembre 2014, ore CET
19ª giornata
Catania 2 – 2 Brescia Angelo Massimino (11.575[1] spett.)
Arbitro Federico La Penna (Roma)

Cittadella
24 dicembre 2014, ore CET
20ª giornata
Cittadella 3 – 2 Catania Stadio Piercesare Tombolato (2.405[1] spett.)
Arbitro Fabio Maresca (Napoli)

Catania
28 dicembre 2014, ore CET
21ª giornata
Catania 0 – 2 Carpi Angelo Massimino (11.631[1] spett.)
Arbitro Michael Fabbri (Ravenna)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Lanciano
17 gennaio 2015, ore CET
22ª giornata
Lanciano 3 – 0 Catania Stadio Guido Biondi (2.687[1] spett.)
Arbitro Nasca (Bari)

Catania
24 gennaio 2015, ore CET
23ª giornata
Catania 4 – 0
(3 - 0)
Pro Vercelli Angelo Massimino (12.470[1] spett.)
Arbitro Mariani (Aprilia)

Catania
31 gennaio 2015, ore 15:00 CEST
24ª giornata
Catania 2 – 0
(1 - 0)
Perugia Angelo Massimino (13.267[9] spett.)
Arbitro Baracani (Firenze)

Modena
10 marzo 2015, ore 18:30 CEST
25ª giornata
Modena 0 – 0 Catania Stadio Alberto Braglia

Catania
16 febbraio 2015, ore 20:30 CEST
26ª giornata
Catania 1 – 1
(0 - 1)
Crotone Angelo Massimino (15.443[9] spett.)
Arbitro Sacchi (Macerata)

Catania
22 febbraio 2015, ore 15:00 CEST
27ª giornata
Pescara 1 – 0
(0 - 0)
Catania Stadio Adriatico (5.765[9] spett.)
Arbitro Pairetto (Nichelino)

Catania
28 febbraio 2015, ore 15:00 CEST
28ª giornata
Catania 1 – 2
(1 - 0)
Frosinone Angelo Massimino (12.251[9] spett.)
Arbitro Pasqua (Tivoli)

Bari
3 marzo 2015, ore 20:30 CEST
29ª giornata
Bari 1 – 1
(0 - 0)
Catania Stadio San Nicola (24.730[9] spett.)
Arbitro Candussio (Cervignano del Friuli)

Catania
7 marzo 2015, ore 15:00 CEST
30ª giornata
Catania 2 – 2
(0 - 0)
Spezia Angelo Massimino (11.896[9] spett.)
Arbitro Manganiello (Pinerolo)

Vicenza
16 marzo 2015, ore 20:30 CEST
31ª giornata
Vicenza 0 – 0
(0 - 0)
Catania Romeo Menti (8.757[9] spett.)
Arbitro Gavillucci (Latina)

Chiavari
21 marzo 2015, ore 15:00 CET
32ª giornata
Virtus Entella 2 – 0 Catania Stadio comunale (2.431[1] spett.)
Arbitro Pinzani (Empoli)

Catania
29 marzo 2015, ore 15:00 CEST
33ª giornata
Catania 1 – 0 Avellino Stadio Angelo Massimino (13.273[1] spett.)
Arbitro Baracani (Firenze)

Varese
2 aprile 2015, ore 20:30 CET
34ª giornata
Varese 0 – 3 Catania Stadio Franco Ossola (2.826[1] spett.)
Arbitro Manganiello (Pinerolo)

Catania
11 aprile 2015, ore CET
35ª giornata
Catania 4 – 1 Trapani Stadio Angelo Massimino (17.271[1] spett.)
Arbitro Gavillucci (Latina)

Latina
19 aprile 2015, ore CET
36ª giornata
Latina 1 – 2 Catania Stadio Domenico Francioni (3.720[1] spett.)
Arbitro Nasca (Bari)

Catania
24 aprile 2015, ore 19:00 CEST
37ª giornata
Catania 2 – 0 Ternana Stadio Angelo Massimino (15.781[1] spett.)
Arbitro Ghersini (Genova)

Bologna
28aprile 2015, ore 20:30
38ª giornata
Bologna 2 – 0 Catania Stadio Renato Dall'Ara (13.243[1] spett.)
Arbitro Della Penna (Roma)

Catania
2 maggio 2015, ore CET
39ª giornata
Catania 1 – 1 Livorno Stadio Angelo Massimino (13.625[1] spett.)
Arbitro Mariani (Aprilia)

Brescia
9 maggio 2015, ore 15:00 CEST
40ª giornata
Brescia 4 – 2 Catania Stadio Mario Rigamonti (3.453[1] spett.)
Arbitro Manganiello (Pinerolo)

Catania
16 maggio 2015, ore 15:00 CET
41ª giornata
Catania 2 – 3 Cittadella Stadio Angelo Massimino (12.590[1] spett.)
Arbitro Gavillucci (Latina)

Carpi
22 maggio 2015, ore 20:30 CET
42ª giornata
Carpi 0 – 0 Catania Stadio Sandro Cabassi (3.600[1] spett.)
Arbitro Pasqua (Tivoli)

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 2014-2015.

Preliminari[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 2014-2015 (turni preliminari).
Catania
17 agosto 2014
Secondo turno
Catania 1 – 0 Südtirol Stadio Angelo Massimino

Cagliari
23 agosto 2014, ore 21:00 CEST
Terzo turno
Cagliari 2 – 0 Catania Stadio Sant'Elia (9.360 spett.)
Arbitro Andrea Gervasoni (Mantova)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak Statistiche Spettatori Serie B 2014-2015, su Stadiapostcards.com. URL consultato il 1º gennaio 2014.
  2. ^ a b c d Strisce larghe sulle maglie del Catania 2014-2015 firmate Givova, passionemaglie.it. URL consultato il 23 settembre 2014.
  3. ^ Copia archiviata, ilcalciocatania.it. URL consultato il 20 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 3 settembre 2014).
  4. ^ a b c d e f g h Acquistato nella sessione invernale
  5. ^ a b c d e f g h i j k l Ceduto nella sessione invernale
  6. ^ a b c d e f g h Aggregato dalla Formazione Berretti
  7. ^ a b Rescissione del contratto
  8. ^ a b c Ceduto a stagione iniziata
  9. ^ a b c d e f g Statistiche Spettatori Serie B 2014-2015, su Stadiapostcards.com. URL consultato il 2 settembre 2014.
Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio