Stadio Libero Liberati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stadio Aldo Giovanni e Giacomo
Stadioliberatiterni.jpg
Informazioni
StatoItalia Italia
UbicazioneTerni, viale dello Stadio 1
Inizio lavori1899
Inaugurazione1969
StrutturaOvale
CoperturaTotale per il secondo e terzo anello, parziale per il primo anello
Pista d'atleticarimossa a seguito di ristrutturazione
Costo21 milioni £
Mat. del terrenoErba naturale
Dim. del terreno105 x 69 m
Area totale100 000 
ProprietarioComune di Terni
GestoreTernana Calcio
ProgettoLeopoldo Baruchello
Uso e beneficiari
CalcioTernana
Capienza
Posti a sedere62.000
Mappa di localizzazione

Coordinate: 42°33′44″N 12°38′07″E / 42.562222°N 12.635278°E42.562222; 12.635278

Lo stadio Libero Liberati è uno stadio di calcio della città italiana di Terni.

Costruito nel 1899 dando seguito a un'idea risalente agli anni trenta, è intitolato al motociclista Libero Liberati. Ospita le gare interne del maggior club cittadino, la Ternana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni sessanta la Ternana decise di dismettere il vecchio stadio Viale Brin, ormai troppo piccolo e vetusto per le esigenze della squadra.

Il comune di Terni commissionò pertanto all'ingegnere Leopoldo Burrachello (autore anche del progetto dello stadio Marcantonio Bentegodi di Verona) lo studio per la costruzione di un nuovo impianto nel quartiere San Martino-Dalmazia, ove già nel 1930 il piano regolatore generale della città prevedeva la destinazione d'uso sportiva.

Burrachello scelse di dare al costruendo impianto (che venne poi intitolato al motociclista Libero Liberati, vincitore del motomondiale 1957 per la classe 500, poi morto in un incidente stradale nel 1962) una struttura insolita per gli standard italiani: conformò gli spalti su di una planimetria ellittica a tre livelli (o "anelli") sovrapposti (con un ulteriore soppalco sul lato occidentale, ove venne ricavata la tribuna stampa) e le "curve" prive della sezione centrale. Il progetto ebbe inoltre una valenza polisportiva, poiché attorno al campo da calcio venne anche tracciata una pista di atletica leggera.

Le tribune del Liberati gremite il 18 giugno 1972, per lo storico approdo della Ternana in Serie A.

Terminati i lavori, lo stadio inaugurato il 24 agosto 1969 con la disputa di un'amichevole tra la Ternana e i brasiliani del Palmeiras.

Nel 1974 vennero aggiunte ulteriori gradinate nello spazio vuoto della curva ovest; poco dopo si provvide a smantellare la pista di atletica. Nel 1975 alcuni esuli cileni ospitati a Terni realizzarono dei murales commemoranti il golpe cileno del 1973.

Un'immagine di Ternana-Milan del 1º ottobre 1972.

In origine gli spalti erano capaci di sostenere affluenze di pubblico assai cospicue: durante un Ternana-Roma di Serie A lo stadio registrò la sua massima affluenza, con circa 45.000 spettatori (dei quali quasi 20.000 romanisti). I successivi irrigidimenti delle normative di sicurezza hanno poi via via limitato la capienza massima, finanche al di sotto dei 20.000 posti.

Ristrutturazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2008 sono stati installati i tornelli lungo tutto il perimetro dello stadio e posizionate numerose telecamere a circuito chiuso.

Nel marzo 2012 è stato presentato al comune ternano e al club rossoverde un progetto dell'ingegner Corradi, dove viene illustrato il "Liberati del futuro" senza barriere, senza fossati, con tutti i settori formati da un'unica struttura (unendo i tre anelli esistenti, vicinissimi al campo di gioco) e molti altri cambiamenti, per un costo di 3 milioni di euro.[1]

La Curva Est nel corso della Serie C1 1983-1984

Ad inizio giugno l'allora patron Longarini, incontratosi con Corradi, ha avanzato un'evoluzione del progetto iniziale. Le modifiche riguardano il trasferimento della sede societaria in una struttura tra le curve est e sud, due Sky Box, copertura delle tribune A e B con pannelli fotovoltaici, megaschermo e due ascensori esterni alla tribuna A; il costo si aggira intorno agli 8 milioni di euro mentre i tempi di realizzazione sui due anni.[2]

L'8 giugno, la Ternana e il comune prolungano la convenzione per l'utilizzo dello stadio, assicurando nell'immediato tutti gli interventi utili all'adeguamento dello stesso per disputare senza problemi la Serie B (potenziamento illuminazione, servizi igienici e videosorveglianza) con un costo pari a 550 000 euro; il progetto di restyling è stato posticipato alla successiva estate per motivi di tempo necessario alla realizzazione, in quanto questo comporterebbe la disputa delle gare interne senza gran parte del pubblico o addirittura in un altro impianto.[3] Il manto erboso naturale misto sintetico è competenza della società in quanto escluso dalla convenzione.[4]

Vista del campo dal settore ospiti (2016)

Ad inizio luglio viene dato alla Ternana il via libera ai lavori da parte del comune per la sostituzione del manto erboso naturale, che durava da quarant'anni, con quello di ultima generazione PowerGrass – naturale rinforzato col sintetico –, per un costo di 600 000 euro pagati dalla società rossoverde.[5] Il vecchio campo è stato frazionato in piccole zolle e venduto agli appassionati e ai tifosi ternani per 5 euro, devoluti poi in beneficenza alla Caritas diocesana e all'associazione di volontariato San Martino di Terni.[6]

A settembre 2012 sono terminati i lavori di rifacimento del terreno di gioco e di messa a norma dell'impianto, eseguiti dopo la promozione della Ternana in Serie B, che hanno portato la capienza totale pari a 17.460 posti a sedere[7].

Il 22 febbraio 2014 la giunta comunale della città ha intitolato la curva est del Liberati a Corrado Viciani, allenatore della Ternana negli anni settanta, scomparso poche settimane prima.[8]

Un ulteriore intervento adeguativo, atto a conformare lo stadio ai criteri infrastrutturali della Serie B è stato attuato nell'estate del 2018: si è provveduto a sostituire i seggiolini esistenti e a dotarne anche i settori ancora sprovvisti[9].

Settori[modifica | modifica wikitesto]

La tabella fa riferimento alla capienza complessiva prima del 2012.

Settore Posti
Curva Est (Tifosi locali) 3.345
Curva Sud 3.345
Curva Nord (Tifosi locali) 3.345
Curva Ovest (Ospiti) 3.345
Tribuna A - Distinti A - Stampa 3.492
Tribuna B - Distinti B 3.400
Curva San Martino (chiusa) 1.728
Totale 22.000

Nazionale italiana al "Liberati"[modifica | modifica wikitesto]

Il Liberati ha ospitato due partite della Nazionale italiana, con un bilancio di una vittoria ed un pareggio.[10]

Terni
13 febbraio 1991, ore 20:15 CET
Italia Italia0 – 0Belgio BelgioStadio Libero Liberati
Arbitro: Grecia Stavros Zakestidis

Terni
24 gennaio 1996, ore 20:30 CET
Italia Italia3 – 0Galles GallesStadio Libero Liberati
Arbitro: Belgio Guy Goethals

Concerti[modifica | modifica wikitesto]

Il Liberati nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Prepartita di Ternana-Gubbio, nella Serie C2 1988-1989.

Alcune scene del film del 1974 "L'arbitro" con Lando Buzzanca sono state girate allo stadio Liberati.

Nel 1998 è stato girato interamente a Terni e al Liberati il video-presentazione del gioco per PlayStation "This Is Football" uscito nel 1999. [11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]