Club Calcio Catania 1963-1964

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Calcio Catania.

Club Calcio Catania 1963-1964
Catania calcio1963-64.jpg
Una formazione del Catania per la stagione 1963-1964
Stagione 1963-1964
AllenatoreItalia Carmelo Di Bella
PresidenteItalia Ignazio Marcoccio
Serie A
Maggiori presenzeCampionato: Faustino Turra (33)
Miglior marcatoreCampionato: Giovanni Fanello (9)
StadioStadio Cibali

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti il Club Calcio Catania nelle competizioni ufficiali della stagione 1963-1964.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 1963-1964 il Catania disputa il campionato di Serie A, con 30 punti fa parte del plotoncino di mezza classifica. Il torneo assegna lo scudetto al Bologna che ha battuto nello spareggio l'Inter (2-0), hanno entrambe raccolto 54 punti e sono arrivate in vetta alla classifica. Scendono in Serie B il Modena con 27 punti, che perde lo spareggio delle terz'ultime con la Sampdoria (2-0), la Spal con 24 punti ed il Bari con 22 punti.

Non perdono tempo Ignazio Marcoccio ed il suo fidato Michele Giuffrida a riconfermare Carmelo Di Bella alla guida del Catania per la stagione 1963-1964. Primo colpo di mercato in entrata è Giancarlo Danova ala destra che arriva dal Torino, dalla sponda juventina arriva il centravanti brasiliano Armando Miranda i tifosi catanesi lo ricordano bene per la cannonata su punizione nella goleada juventina al Cibali nel novembre scorso, ma la ciliegina sulla torta è l'acquisto di Sidney Cunha Chinesinho reduce da un anno in prestito al Modena, preso dall'Inter per 130 milioni, per averlo si saluta "Schimmi" Horst Szymaniak un campione di livello europeo e si accoglie un bravo ventottenne brasiliano che nel calcio italiano deve ancora imporsi. Si perdono Renato Benaglia ritornato per 40 milioni alla Fiorentina e Luigi Milan ceduto all'Atalanta, mentre arriva dal Brescia il mediano Faustino Turra. Si disputa un onorevole campionato, con 30 punti il Catania aggancia l'ottavo posto in compagnia di Genoa, Lazio, Catania e Atalanta, la salvezza matematica arriva alla quart'ultima giornata battendo la Fiorentina. In Coppa Italia gli etnei subito fuori al primo turno per mano del Foggia.

Divise[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta

Piazzamenti nelle competizioni[modifica | modifica wikitesto]

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Formazione tipo
N. Ruolo Giocatore
Italia P Giuseppe Vavassori
Italia P Pier Luigi Branduardi
Italia D Mario Corti
Italia D Renato Rambaldelli
Italia D Giampaolo Lampredi
Italia D Remo Bicchierai
Italia D Renato Alberti
Italia D Giulio Bechelli
Italia D Armando Longo
Brasile C Chinesinho
Italia C Domenico De Dominicis
Italia C Pietro Manzoni
N. Ruolo Giocatore
Italia C Giancarlo Magi
Italia C Adelmo Prenna
Italia C Franco Cordova
Italia C Faustino Turra
Italia A Alvaro Biagini
Brasile A Roberto José Battaglia
Italia A Giancarlo Danova
Italia A Giovanni Fanello
Brasile A Armando Miranda
Italia A Silvio Sgrafetto
Italia A Benito Filippazzo
Italia A Lino Inferrera

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Campionato[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie A 1963-1964.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Bergamo
15 settembre 1963
1ª giornata[1]
Atalanta3 – 0CataniaStadio Comunale
Arbitro:  Varazzani (Parma)

Genova
22 settembre 1963
2ª giornata
Genoa0 – 2
A tav.[2]
CataniaStadio Luigi Ferraris
Arbitro:  Grignani (Milano)

Catania
25 settembre 1963
3ª giornata
Catania0 – 0SPALStadio Cibali
Arbitro:  D'Agostini (Roma)

Catania
29 settembre 1963
4ª giornata
Catania0 – 1L.R. VicenzaStadio Cibali
Arbitro:  Roversi (Bologna)

Genova
6 ottobre 1963
5ª giornata
Sampdoria4 – 1CataniaStadio Luigi Ferraris
Arbitro:  Francescon (Padova)

Catania
20 ottobre 1963
6ª giornata
Catania1 – 0TorinoStadio Cibali
Arbitro:  Rigato (Mestre)

Milan
23 ottobre 1963
7ª giornata
Milan3 – 1CataniaStadio San Siro
Arbitro:  Politano (Cuneo)

Bari
27 ottobre 1963
8ª giornata
Bari0 – 0CataniaStadio della Vittoria
Arbitro:  Righi (Milano)

Catania
3 novembre 1963
9ª giornata[3]
Catania2 – 0MessinaStadio Cibali
Arbitro:  Lo Bello (Siracusa)

Modena
17 novembre 1963
10ª giornata
Modena0 – 0CataniaStadio Alberto Braglia
Arbitro:  Genel (Trieste)

Roma
24 novembre 1963
11ª giornata
Lazio0 – 0CataniaStadio Olimpico
Arbitro:  Roversi (Bologna)

Catania
1º dicembre 1963
12ª giornata
Catania1 – 2InterStadio Cibali
Arbitro:  Marchese (Napoli)

Catania
8 dicembre 1963
13ª giornata
Catania1 – 3BolognaStadio Cibali
Arbitro:  Sbardella (Roma)

Firenze
22 dicembre 1963
14ª giornata
Fiorentina1 – 1CataniaStadio Comunale
Arbitro:  Adami (Roma)

Mantova
29 dicembre 1963
15ª giornata[4]
Mantova1 – 0CataniaStadio Danilo Martelli
Arbitro:  Roversi (Bologna)

Catania
5 gennaio 1964
16ª giornata
Catania2 – 0JuventusStadio Cibali
Arbitro:  Marchese (Napoli)

Catania
12 gennaio 1964
17ª giornata
Catania0 – 0RomaStadio Cibali
Arbitro:  Jonni (Macerata)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Catania
26 gennaio 1964
18ª giornata
Catania0 – 0AtalantaStadio Cibali
Arbitro:  Adami (Roma)

Catania
2 febbraio 1964
19ª giornata
Catania5 – 3GenoaStadio Cibali
Arbitro:  Rigato (Mestre)

Ferrara
9 febbraio 1964
20ª giornata
SPAL3 – 1CataniaStadio Comunale
Arbitro:  Gambarotta (Genova)

Vicenza
16 febbraio 1964
21ª giornata
L.R. Vicenza1 – 1CataniaStadio Romeo Menti
Arbitro:  Grignani (Milano)

Catania
23 febbraio 1964
22ª giornata
Catania1 – 5SampdoriaStadio Cibali
Arbitro:  Di Tonno (Lecce)

Torino
1º marzo 1964
23ª giornata
Torino0 – 0CataniaStadio Comunale
Arbitro:  Angelini (Firenze)

Catania
8 marzo 1964
24ª giornata
Catania0 – 1MilanStadio Cibali
Arbitro:  Jonni (Macerata)

Catania
15 marzo 1964
25ª giornata
Catania1 – 0BariStadio Cibali
Arbitro:  Roversi (Bologna)

Messina
22 marzo 1964
26ª giornata
Messina0 – 0CataniaStadio Giovanni Celeste
Arbitro:  Rigato (Mestre)

Catania
29 marzo 1964
27ª giornata
Catania1 – 0ModenaStadio Cibali
Arbitro:  D'Agostini (Roma)

Catania
5 aprile 1964
28ª giornata
Catania1 – 0LazioStadio Cibali
Arbitro:  Righi (Milano)

Milano
19 aprile 1964
29ª giornata
Inter4 – 1CataniaStadio San Siro
Arbitro:  De Robbio (Torre Annunziata)

Bologna
26 aprile 1964
30ª giornata
Bologna1 – 0CataniaStadio Renato Dall'Ara
Arbitro:  Genel (Trieste)

Catania
3 maggio 1964
31ª giornata
Catania2 – 0FiorentinaStadio Cibali
Arbitro:  Grignani (Milano)

Catania
17 maggio 1964
32ª giornata
Catania0 – 0MantovaStadio Cibali
Arbitro:  Rigato (Mestre)

Torino
24 maggio 1964
33ª giornata
Juventus4 – 2CataniaStadio Comunale
Arbitro:  Orlando (Bergamo)

Roma
31 maggio 1964
34ª giornata
Roma4 – 4CataniaStadio Olimpico
Arbitro:  Monti (Ancona)

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Foggia
9 settembre 1963
Primo turno
Foggia2 – 1CataniaStadio Pino Zaccheria
Arbitro:  Monti (Ancona)

Coppa delle Alpi[modifica | modifica wikitesto]

Bienne
21 giugno 1964
1ª giornata
Bienne 600px bisection vertical HEX-FF0000 White.svg2 – 2Catania
Arbitro: Svizzera Keller

Ginevra
24 giugno 1964
2ª giornata
Catania4 – 2RomaStade de Genève
Arbitro: Svizzera Dienst

Ginevra
28 giugno 1964
3ª giornata
Servette2 – 3CataniaStade de Genève
Arbitro: Svizzera Mellet

Berna
1º luglio 1964
Finale
Genoa2 – 0CataniaWankdorfstadion
Arbitro: Svizzera Dienst

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Partita anticipata il 14 settembre 1963.
  2. ^ Partita assegnata a tavolino dal Giudice Sportivo. Sul campo sospesa al minuto 76' per invasione del campo sul punteggio di (0-2).
  3. ^ Partita rinviata e recuperata il 19 gennaio 1964.
  4. ^ Partita rinviata e recuperata l'8 gennaio 1964.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Buemi, Fontanelli, Quartarone, Russo e Solarino, Tutto il Catania minuto per minuto, dalle origini al 2011, Empoli, GEO Edizioni, 2011, pp. 211-216.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio