Club Calcio Catania 1965-1966

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Calcio Catania.

Club Calcio Catania 1965-1966
Catania Calcio1965-66.jpg
Una formazione del Catania 1965-66
Stagione 1965-1966
AllenatoreItalia Carmelo Di Bella(fino alla 16ª)
Italia Luigi Valsecchi (dalla 16ª in poi)
PresidenteItalia Ignazio Marcoccio
Serie A17° (retrocesso in Serie B)
Coppa ItaliaTerzo turno
Maggiori presenzeCampionato: Facchin (32)
Miglior marcatoreCampionato: Facchin (9)

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti il Club Calcio Catania nelle competizioni ufficiali della stagione 1965-1966.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

La stagione 1965-1966 è l'ultima del binomio Ignazio Marcoccio e Carmelo Di Bella, l'età dell'oro ormai è al tramonto. Al calciomercato il primo a partire è Danova, destinato all'Atalanta in cambio di Graziano Landoni, anche Cinesinho lascia Catania per la Juventus, a sostituirlo dal Torino arriva Giancarlo Cella. Per irrobustire l'attacco, riecco Giovanni Fanello dal Napoli, e Bruno Petroni rientra dall'Atalanta. Il bel Catania delle scorse stagioni è solo uno sbiadito ricordo, si parte male, la prima vittoria arriva solo dopo undici partite e si continua peggio. Qualche sussulto d'orgoglio come la vittoria sulla "grande Inter" di quelle stagioni che poi vincerà lo scudetto, quella che resterà l'unica vittoria in trasferta a Varese, ma tutto insufficiente per raggiungere la salvezza. "Siamo in Serie B - dice Candido Cannavò - perché s'è fatto di tutto per andarvi, sarebbe bastato qualche errore in meno, per aggrapparsi al cocchio delle squadre che rimangono in Serie A." Il campionato si è concluso con l'indegna goleada subita a Milano (6-1), in Coppa Italia superate ai primi turni Reggina e Brescia, ci si ferma al terzo turno contro la Fiorentina. A campionato amaramente concluso la Coppa delle Alpi, dove l'esperienza svizzera è un buon banco di prova per alcuni giovani che potrebbero tornare utili in Serie B.

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
Italia P Giuseppe Vavassori
Italia P Pier Luigi Branduardi
Italia P Luigi Criscuolo
Italia D Renato Rambaldelli
Italia D Luciano Buzzacchera
Italia D Giorgio Michelotti
Italia D Remo Bicchierai
Italia D Giampaolo Lampredi
Italia D Adamo Puccini
Italia D Gianfranco Bertoletti
Italia D Sergio Rossetti
N. Ruolo Giocatore
Italia D Giancarlo Cella
Italia C Renzo Fantazzi
Italia C Giancarlo Magi
Italia C Graziano Landoni
Italia C Isidoro Artico
Danimarca A Kurt Christensen
Italia A Carlo Facchin
Italia A Giovanni Fanello
Italia A Alvaro Biagini
Italia A Bruno Petroni
Argentina A Salvador Calvanese

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie A 1965-1966.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Brescia
5 settembre 1965
1ª giornata
Brescia4 – 1CataniaStadio Mario Rigamonti
Arbitro:  Marengo (Chiavari)

Napoli
12 settembre 1965
2ª giornata
Napoli3 – 0CataniaStadio San Paolo
Arbitro:  Di Tonno (Lecce)

Catania
19 settembre 1965
3ª giornata
Catania1 – 3L.R. VicenzaStadio Cibali
Arbitro:  Pieroni (Roma)

Catania
26 settembre 1965
4ª giornata
Catania0 – 3FiorentinaStadio Cibali
Arbitro:  Francescon (Padova)

Milano
3 ottobre 1965
5ª giornata
Inter3 – 1CataniaStadio San Siro
Arbitro:  Acernese (Roma)

Catania
10 ottobre 1965
6ª giornata
Catania1 – 1JuventusStadio Cibali
Arbitro:  Roversi (Bologna)

Foggia
17 ottobre 1965
7ª giornata
Foggia & Incedit3 – 0CataniaStadio Pino Zaccheria
Arbitro:  Orlando (Bergamo)

Catania
24 ottobre 1965
8ª giornata
Catania1 – 1BolognaStadio Cibali
Arbitro:  Pieroni (Roma)

Genova
14 novembre 1965
9ª giornata
Sampdoria1 – 0CataniaStadio Luigi Ferraris
Arbitro:  Righi (Milano)

Roma
21 novembre 1965
10ª giornata
Roma1 – 1CataniaStadio Olimpico
Arbitro:  Di Tonno (Lecce)

Catania
28 novembre 1965
11ª giornata
Catania2 – 1CagliariStadio Cibali
Arbitro:  Carminati (Milano)

Catania
12 dicembre 1965
12ª giornata
Catania0 – 0LazioStadio Cibali
Arbitro:  Righi (Milano)

Varese
19 dicembre 1965
13ª giornata
Varese1 – 2CataniaStadio Franco Ossola
Arbitro:  Righetti (Torino)

Bergamo
26 dicembre 1965
14ª giornata
Atalanta3 – 2CataniaStadio Comunale
Arbitro:  Francescon (Padova)

Catania
2 gennaio 1966
15ª giornata
Catania0 – 0SPALStadio Cibali
Arbitro:  Lo Bello (Siracusa)

Torino
9 gennaio 1966
16ª giornata
Torino4 – 0CataniaStadio Comunale
Arbitro:  Motta (Monza)

Catania
16 gennaio 1966
17ª giornata
Catania1 – 1MilanStadio Cibali
Arbitro:  Francescon (Padova)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Catania
23 gennaio 1966
18ª giornata
Catania1 – 1BresciaStadio Cibali
Arbitro:  Vitullo (Roma)

Catania
30 gennaio 1966
19ª giornata
Catania0 – 0NapoliStadio Cibali
Arbitro:  D'Agostini (Roma)

Vicenza
6 febbraio 1966
20ª giornata
L.R. Vicenza1 – 0CataniaStadio Romeo Menti
Arbitro:  Roversi (Bologna)

Firenze
13 febbraio 1966
21ª giornata
Fiorentina0 – 0CataniaStadio Comunale
Arbitro:  De Robbio (Torre Annunziata)

Catania
20 febbraio 1966
22ª giornata
Catania1 – 0InterStadio Cibali
Arbitro:  D'Agostini (Roma)

Torino
27 febbraio 1966
23ª giornata
Juventus1 – 0CataniaStadio Comunale
Arbitro:  Carminati (Milano)

Catania
6 marzo 1966
24ª giornata
Catania0 – 0Foggia & InceditStadio Cibali
Arbitro:  Varazzani (Parma)

Bologna
13 marzo 1966
25ª giornata
Bologna2 – 0CataniaStadio Renato Dall'Ara
Arbitro:  Politano (Cuneo)

Catania
27 marzo 1966
26ª giornata
Catania2 – 3SampdoriaStadio Cibali
Arbitro:  Gonella (Asti)

Catania
3 aprile 1966
27ª giornata
Catania1 – 0RomaStadio Cibali
Arbitro:  Righi (Milano)

Cagliari
10 aprile 1966
28ª giornata
Cagliari3 – 1CataniaStadio Amsicora
Arbitro:  Motta (Monza)

Roma
17 aprile 1966
29ª giornata
Lazio1 – 1CataniaStadio Olimpico
Arbitro:  De Marchi (Pordenone)

Catania
24 aprile 1966
30ª giornata
Catania3 – 0VareseStadio Cibali
Arbitro:  Acernese (Roma)

Catania
1º maggio 1966
31ª giornata
Catania0 – 0AtalantaStadio Cibali
Arbitro:  Bernardis (Trieste)

Ferrara
8 maggio 1966
32ª giornata
SPAL3 – 0CataniaStadio Comunale
Arbitro:  Angonese (Mestre)

Catania
15 maggio 1966
33ª giornata
Catania0 – 2
A tav.[1]
TorinoStadio Cibali
Arbitro:  De Robbio (Torre Annunziata)

Milano
22 maggio 1966
34ª giornata
Milan6 – 1CataniaStadio San Siro
Arbitro:  Bigi (Padova)

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Reggio Calabria
29 agosto 1965
Primo turno
Reggina0 – 1CataniaStadio Comunale
Arbitro:  De Robbio (Torre Annunziata)

Catania
4 novembre 1965
Secondo turno
Catania3 – 2BresciaStadio Cibali
Arbitro:  Varazzani (Parma)

Firenze
5 dicembre 1965
Terzo turno[2]
Fiorentina1 – 0CataniaStadio Comunale
Arbitro:  Motta (Monza)

Coppa delle Alpi[modifica | modifica wikitesto]

Basilea
4 giugno 1966
1º incontro
Basilea0 – 1CataniaSankt Jakob-Park
Arbitro: Svizzera Ozman Uber

Zurigo
8 giugno 1966
2º incontro
Losanna1 – 0CataniaLetzigrund Stadion
Arbitro: Svizzera Dienst

Losanna
11 giugno 1966
3º incontro
Servette0 – 0CataniaStade Olympique de la Pontaise
Arbitro: Italia De Robbio

Berna
15 giugno 1966
4º incontro
Young Boys2 – 0CataniaWankdorfstadion
Arbitro: Italia Carminati

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Partita assegnata (0-2) a tavolino dal Giudice Sportivo. La gara è stata sospesa dall'arbitro al minuto 64' per incidenti, sul punteggio di (0-2).
  2. ^ Partita posticipata l'8 dicembre 1965.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Buemi, Fontanelli, Quartarone, Russo e Solarino, Tutto il Catania minuto per minuto, dalle origini al 2011, Empoli, GEO Edizioni, 2011, pp. 223-228.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio