Stadio comunale di Frosinone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Stadio comunale Matusa)
Comunale
Matusa
Stadio Matusa, Frosinone (2007).jpg
Informazioni
Stato Italia Italia
Ubicazione Via Marittima, snc
03100 Frosinone (FR)
Tel. +39 0775 822013
Inizio lavori 1932
Inaugurazione 1932
Struttura Pianta rettangolare, settori separati
Copertura Tribuna centrale da 480 posti
Pista d'atletica Assente
Ristrutturazione 2006,2015
Mat. del terreno Erba
Dim. del terreno 110 x 65 m
Proprietario Comune di Frosinone Frosinone-Stemma.png
Progetto Edgardo Vivoli
Uso e beneficiari
Calcio Frosinone Frosinone (1932-)
Capienza
Posti a sedere 10.130
 

Lo stadio comunale è il principale impianto calcistico della città di Frosinone. È comunemente noto come Stadio Matusa.

Storia dello stadio[modifica | modifica wikitesto]

L'impianto originale è stato costruito nel 1932, su progetto dell'ingegner Edgardo Vivoli[1], ed ospita le partite interne del Frosinone; all'origine lo stadio era senza settori e recintato da una staccionata lungo tutto il campo da gioco. Sorto in una zona allora periferica della città, oggi si ritrova ad essere nel cuore della parte bassa del capoluogo, completamente inglobato nel tessuto urbanistico.

Lo stadio nel dopoguerra, con la tribuna centrale coperta.

Alla fine degli anni trenta venne realizzata la prima tribuna centrale scoperta. Successivamente, nel 1949 anche la tribuna centrale coperta ed il settore dei distinti di fronte. Si tratta dell'unico stadio d'Italia ad avere la copertura realizzata da un'unica volta "a conchiglia", con un arco di cemento che parte dalle fondamenta dietro la stessa ed avvolge la tribuna.

Sempre alla fine degli anni quaranta, venne realizzata la gradinata prospiciente alla tribuna, e poi, alla fine degli anni settanta vennero costruite con struttura metallica le due curve. Va precisato che il perimetro del terreno di gioco calcato ancora oggi, non è quello prebellico, essendo stato traslato nell'attuale posizione, nel dopoguerra, per far spazio alle palazzine popolari INA CASA, lungo la Via Marittima.

Con la promozione in Serie C1 nel 1987, la capienza dello stadio fu portata a 10mila spettatori, ampliando in particolare il settore dei distinti. La capienza fu poi ridotta negli anni successivi quando il Frosinone militava in Serie D. Nel giugno del 2006, con la storica promozione in Serie B del Frosinone, da 5.600 posti, si è passati a una capienza di 9.680 posti ampliando la tribuna centrale coperta, i distinti e le due curve.

Dopo la promozione in Serie A, nel giugno 2015 , in attesa del completamento del nuovo Stadio Casaleno[2], il Frosinone effettua un piccola ristrutturazione per disputare la prima parte di stagione nella massima serie: si tratta di un ampliamento di 540 posti in più nel settore distinti, tribuna centrale sistemata per le postazioni stampa, spogliatoi ampliati un piccola struttura come sala stampa, aumento dei tornelli per ogni settore,opere sulla curva sud per destinarla agli ospiti durante i match di cartello, potenziamento del sistema di illuminazione e miglioramento dei punti ristoro. La capienza sarà così di 10.130 spettatori seduti.[3]

Il 14 novembre 2006 lo stadio Matusa ha ospitato l'amichevole della Nazionale di calcio dell'Italia Under-21 contro la Repubblica Ceca.

Dati tecnici[modifica | modifica wikitesto]

  • Capienza: 10.220 posti
  • Dimensioni: 110 x 65 m
  • Terreno: Erboso
  • Posti Tribuna Centrale Coperta: 480
  • Posti Tribuna Laterale Nord: 250
  • Posti Tribuna Laterale Sud: 250
  • Posti Distinti: 3440
  • Posti Curva Nord: 2800
  • Posti Curva Sud: (Settore Ospiti) 3000
  • Cabine Radio-TV: 3
  • Prese corrente e ADSL: Sì
  • Postazioni Giornalisti Tribuna Centrale: 36
  • Postazioni Giornalisti Box Radio-TV: 20
  • Area Diversamente Abili: 40
  • Regia e Sala GOS: Sì

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Agli inizi degli anni 70, l'impianto venne soprannominato "Matusa" dal giornalista locale Luciano Renna per via della vetustà delle strutture.
  • Lo stadio compare nello spot trailer di FIFA 12[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Maurizio Federico - Costantino Jadecola, La città è vuota e in rovina! La guerra a Frosinone 1943-44, Biblioteca Comunale Turriziani, Frosinone, 2005
  2. ^ http://www.skyscrapercity.com/showthread.php?t=1819841
  3. ^ Frosinone/Matusa, primi operai a lavoro per la serie A in L'Inchiesta, 9 giugno 2015.
  4. ^ Brand new FIFA 12 TV Spot trailer - YouTube

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]