Davide Ghersini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Davide Ghersini
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Sezione Genova
Professione Impiegato
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
2009-2011
2011-2013
2013-
Serie D
Lega Pro
Serie B
Arbitro
Arbitro
Arbitro
Premi
Anno Premio
2016 Premio Sportilia

Davide Ghersini (Genova, 9 aprile 1985) è un arbitro di calcio italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Genova, matura la decisione di intraprendere la carriera arbitrale nel 2003, all'età di 18 anni, così si iscrive al corso arbitri, superando poi l'esame e diventando dunque arbitro effettivo presso la sezione di Genova.

Nel settembre 2003 dirige le sue prime partite in assoluto. Inizia a scalare le categorie, riuscendo ad approdare in serie D per la stagione sportiva 2009-2010. Qui rimane in organico due anni, per poi essere promosso, nell'estate del 2011, nell'organico di Lega Pro.

Dopo ulteriori due anni in Lega Pro, dove viene insignito del Premio Nardini come miglior arbitro debuttante in Prima Divisione per la stagione 2011-2012[1] e conclusisi con la direzione di alcune gare valide per i play-off di categoria, per la stagione sportiva 2013-2014 viene promosso in CAN B dove fa il suo esordio nella serie cadetta il 24 agosto 2013 in occasione della gara Brescia-Virtus Lanciano. Al termine della stagione, dopo aver diretto 15 partite in serie cadetta, riesce a centrare anche l'obiettivo dell'esordio in serie A. Questo avviene il 6 maggio 2014 in occasione della partita Napoli-Cagliari[2], valida per la terzultima giornata della Serie A 2013-2014.

Il 16 luglio 2016 riceve a Santa Sofia (FC) il Premio Sportilia quale miglior arbitro emergente in serie B per la stagione 2015-2016[3].

Al termine della stagione 2016-2017, vanta 8 presenze in Serie A.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lega Pro premiati arbitri squadre, su www.gazzetta.it. URL consultato il 1° settembre 2017.
  2. ^ Esordio in serie A per Ghersini, aiagenova.it, 2 maggio 2014.
  3. ^ A GHERSINI IL PREMIO SPORTILIA, aiagenova.it.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]