Marco Parolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marco Parolo
Nazionalità Italia Italia
Altezza 186 cm
Peso 82 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Squadra Lazio
Carriera
Giovanili
1996–1998
1998–2001
2001-2004
non conosciuta A.S.C.D. Torino Club
non conosciuta G.S. Soccer Boys
Como Como
Squadre di club1
2004-2005 Como Como 31 (3)[1]
2005-2007 Pistoiese Pistoiese 52 (3)
2007 Chievo Chievo 0 (0)
2007-2008 Foligno Foligno 29 (3)[2]
2008-2009 Verona Verona 32 (4)
2009 Chievo Chievo 0 (0)
2009-2012 Cesena Cesena 104 (11)
2012-2014 Parma Parma 72 (11)
2014- Lazio 34 (10)
Nazionale
2011- Italia Italia 11 (0)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 16 giugno 2015

Marco Parolo (Gallarate, 25 gennaio 1985) è un calciatore italiano, centrocampista della Lazio e della Nazionale italiana.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Centrocampista centrale dalle spiccate doti offensive, è ambidestro e possiede un potente tiro dalla distanza. Possiede anche un buon senso della posizione e una buona abilità nel togliere palloni agli avversari per poi riavviare l'azione con passaggi o cross precisi.[3]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizi[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto calcisticamente nel Como, in seguito al fallimento della società comasca passa a titolo gratuito alla Pistoiese[4] dove milita per due anni per poi essere riscattato dal ChievoVerona[5] che lo cede prima al Foligno di Pierpaolo Bisoli dove si inizia a far vedere, successivamente all'Hellas Verona.

Cesena[modifica | modifica wikitesto]

Dopo una stagione trascorsa tra le file dell'Hellas Verona, il ChievoVerona risolve la compartecipazione in suo favore[6], successivamente girando il calciatore in prestito al Cesena, dove ritrova l'allenatore che lo aveva lanciato nel palcoscenico calcistico Pierpaolo Bisoli.

Durante la stagione a Cesena 2009-2010 va in rete il 17 ottobre 2009 in Cesena-Brescia (2-0), il 9 gennaio 2010 in Cesena-Piacenza (3-0) (segnando una doppietta)[7], il 16 gennaio 2010 in Reggina-Cesena (1-3)[8], ed il 30 maggio 2010, segnando il gol decisivo nella partita Piacenza-Cesena (0-1), permettendo alla sua squadra la promozione alla Serie A, categoria dalla quale mancava da 19 stagioni[9]. Viste le ottime prestazioni del centrocampista lombardo la società cesenate decide di acquistare metà del suo cartellino[10].

Debutta in Serie A il 28 agosto 2010, a 25 anni, nella partita in trasferta contro la Roma terminata 0-0.[11] Un mese dopo segna il suo primo gol in serie A contro il Napoli, partita poi terminata 1-4 per i partenopei. Il 22 giugno 2011 il calciatore viene riscattato interamente dal Cesena[12], e rimane a Cesena anche per la stagione successiva.

Il 20 novembre 2011 segna, con un tiro da fuori area, il gol partita nella trasferta contro il Bologna.[13]

Parma[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 luglio 2012 si trasferisce al Parma con la formula del prestito con diritto di riscatto fissato intorno ai 4 milioni di euro in favore della società gialloblù.[14] Il 16 settembre 2012, segna la sua prima rete contro il Napoli, gara terminata 3 a 1 per i Partenopei.[15]

Il 4 luglio 2013 il Parma esercita il diritto di riscatto[3]. Segna la sua prima doppietta in maglia crociata il 25 settembre 2013 nella partita vinta contro l'Atalanta per 4-3.[16] Il 27 ottobre 2013 realizza un'altra doppietta contro il Milan, risultando decisivo per il risultato finale (3-2).[17] Risulterà ancora decisivo il 2 marzo 2014 segnando il gol vittoria contro il Sassuolo al Mapei Stadium (0-1) e il 6 aprile 2014 segnando il gol vittoria al Tardini contro il Napoli (1-0).

Lazio[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º luglio 2014 si trasferisce, a titolo definitivo, alla Lazio.[18] Esordisce il 24 agosto 2014 in occasione della partita di Coppa Italia, vinta 7-0, contro il Bassano Virtus dove ha l'occasione di segnare anche la sua prima rete con la nuova maglia.[19] Il 31 agosto successivo fa il suo esordio anche nel campionato italiano nella sconfitta esterna, per 3-1, contro il Milan.[20] Il 14 settembre 2014, mette a segno il suo primo gol in Serie A con la maglia della Lazio, in occasione della vittoria casalinga, per 3-0, contro il Cesena.[21] Il 24 gennaio 2015 sigla una doppietta contro il Milan determinando il definitivo 3-1 in favore dei biancocelesti.[22]. Il 29 aprile successivo apre le marcature nella partita casalinga contro il Parma, partita terminata 4-0, con un destro dai venticinque metri, eguagliando così il record personale di otto reti in campionato, raggiunto la passata stagione proprio con la maglia parmense. Dopo aver eguagliato il proprio record nel turno precedente, il 3 maggio 2015 lo supera siglando il suo nono gol stagionale in campionato, in occasione del pareggio esterno, per 1-1, contro l'Atalanta. Il 20 maggio 2015 perde la finale di Coppa Italia dove la Lazio viene sopraffatta dalla Juventus per 2-1.[23] Conclude la prima stagione con la maglia della Lazio totalizzando 40 presenze dove mette a segno 11 reti.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio 2004 viene convocato da Paolo Berrettini nell'Under-19, in vista delle tre partite con Israele, Bielorussia e Repubblica Ceca, dove però non viene impiegato.

Il 20 marzo 2011 ottiene la prima convocazione nella Nazionale maggiore ad opera di Cesare Prandelli, in vista del doppio impegno contro Slovenia ed Ucraina. Il 29 marzo 2011, a 26 anni, fa il suo esordio in maglia azzurra nell'amichevole Ucraina-Italia (0-2) giocata a Kiev, subentrando al posto di Claudio Marchisio.[24] Il 10 novembre 2013 viene nuovamente convocato da Prandelli, in vista del doppio impegno contro Germania e Nigeria.[25] Scende in campo proprio contro i Super Eagles, il 18 novembre, subentrando a Thiago Motta nel corso del secondo tempo (partita terminata 2-2).

Viene inserito nella lista dei 23 convocati per il Mondiale 2014, per il quale gli viene assegnata la maglia numero 18. Fa il suo esordio nella prima partita del girone Italia-Inghilterra (2-1) subentrando ad Antonio Candreva al minuto 78.[26] Gioca il secondo tempo (subentrando a Mario Balotelli) nell'ultima partita del girone, persa 1-0 contro l'Uruguay, che determina l'eliminazione dell'Italia dai Mondiali.[27]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 31 maggio 2015.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2004-2005 Italia Como C1 31+2[1] 3 CI 3 0 - - - - - - 36 3
2005-2006 Italia Pistoiese C1 24 1 CI 0 0 - - - - - - 24 1
2006-2007 C1 28 2 CI 0 0 - - - - - - 28 2
Totale Pistoiese 52 3 - - - - - - 52 3
2007-2008 Italia Foligno C1 29+2[2] 3 CI 0 0 - - - - - - 31 3
2008-2009 Italia Verona 1D 32 4 CI 0 0 - - - - - - 32 4
2009-2010 Italia Cesena B 36 5 CI 0 0 - - - - - - 36 5
2010-2011 A 37 5 CI 1 0 - - - - - - 38 5
2011-2012 A 31 1 CI 3 0 - - - - - - 34 1
Totale Cesena 104 11 4 0 - - - - 108 11
2012-2013 Italia Parma A 36 3 CI 1 0 - - - - - - 37 3
2013-2014 A 36 8 CI 2 0 - - - - - - 38 8
Totale Parma 72 11 3 0 - - - - 75 11
2014-2015 Italia Lazio A 34 10 CI 6 1 - - - - - - 40 11
2015-2016 A 0 0 CI 0 0 UCL 0 0 SI 0 0 0 0
Totale Lazio 34 10 6 1 - - - - 40 11
Totale carriera 358 45 16 1 - - - - 374 46

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Italia Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
29-03-2011 Kiev Ucraina Ucraina 0 – 2 Italia Italia Amichevole - Ingresso al 88’ 88’
18-11-2013 Londra Nigeria Nigeria 2 – 2 Italia Italia Amichevole - Ingresso al 53’ 53’
31-05-2014 Londra Irlanda Irlanda 0 – 0 Italia Italia Amichevole - Ingresso al 37’ 37’
04-06-2014 Perugia Italia Italia 1 – 1 Lussemburgo Lussemburgo Amichevole - Ingresso al 86’ 86’
14-06-2014 Manaus Inghilterra Inghilterra 1 – 2 Italia Italia Mondiali 2014 - 1º Turno - Ingresso al 79’ 79’
24-06-2014 Natal Italia Italia 0 – 1 Uruguay Uruguay Mondiali 2014 - 1º Turno - Ingresso al 46’ 46’
04-09-2014 Bari Italia Italia 2 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole - Ingresso al 67’ 67’
18-11-2014 Genova Italia Italia 1 – 0 Albania Albania Amichevole -
31-03-2015 Torino Italia Italia 1 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
12-06-2015 Spalato Croazia Croazia 1 – 1 Italia Italia Qual. Euro 2016 - Ammonizione al 53’ 53’
16-06-2015 Carouge Italia Italia 0 – 1 Portogallo Portogallo Amichevole - Ingresso al 76’ 76’
Totale Presenze 11 Reti 0

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b 33 (3) se si comprendono anche i play-out.
  2. ^ a b 31 (3) se si comprendono anche i play-off.
  3. ^ a b UFFICIALE: Parma, riscattato il cartellino di Parolo - Tuttomercatoweb il 04/07/2013
  4. ^ UFFICIALE: Pistoiese, arrivano anche Parolo e Criniti, Tuttomercatoweb.com, 23-08-2005.
  5. ^ UFFICIALE: Pistoiese, l'esito delle comproprietà, Tuttomercatoweb.com, 20-06-2007.
  6. ^ UFFICIALE: Chievo-Hellas, risolte tre comproprietà, Tuttomercatoweb.com, 23-06-2009.
  7. ^ Cesena - Piacenza 3-0, Cesenacalcio.it, 09-01-2010.
  8. ^ Reggina - Cesena 1-3, Cesenacalcio.it, 16-01-2010.
  9. ^ Piacenza-Cesena 0-1, Piacenzacalcio.it, 30-05-2010.
  10. ^ UFFICIALE: Cesena, riscattata la metà di Parolo, Tuttomercatoweb.com, 22 giugno 2010. URL consultato il 30 ottobre 2013.
  11. ^ Roma 0-0 Cesema, Legaseriea.it, 28-8-2010.
  12. ^ Riscattato Marco Parolo, Cesenacalcio.it, 22-06-2011.
  13. ^ Bologna-Cesena 0-1, Bolognafc.it, 20-11-2011.
  14. ^ Scambio prestiti col Cesena Parolo – Brandao
  15. ^ Napoli 3-1 Parma, Soccerway.com, 16 settembre 2012. URL consultato il 28 ottobre 2013.
  16. ^ Parma 4-3 Atalanta, Legaseriea.it, 25 settembre 2013. URL consultato il 28 ottobre 2013.
  17. ^ Parma 3-2 Milan, Legaseriea.it, 27 ottobre 2013. URL consultato il 28 ottobre 2013.
  18. ^ COMUNICATO, sslazio.it, 2 luglio 2014. URL consultato il 3 luglio 2014.
  19. ^ Parolo: "Seguiamo alla lettera le direttive di Pioli. Il gol? Me lo sentivo", lalaziosiamonoi.it, 25 agosto 2014. URL consultato il 25 agosto 2014.
  20. ^ Eterno tabù San Siro: la Lazio di Pioli cade sotto i colpi del Diavolo, lalaziosiamonoi.it, 31 agosto 2014. URL consultato il 31 agosto 2014.
  21. ^ Parolo dedica il gol al figlio: "Segnare sotto la Curva Nord è stato bellissimo!", lalaziosiamonoi.it, 14 settembre 2014. URL consultato il 14 settembre 2014.
  22. ^ La Lazio vince e sale al terzo posto, legaseriea.it, 24 gennaio 2015. URL consultato il 14 febbraio 2015.
  23. ^ Juventus, in bacheca la decima Coppa Italia! Lazio freddata da mitra Matri in tuttomercatoweb, 30 maggio 2015.
  24. ^ Nazionale: novità Parolo nelle convocazioni per Slovenia e Ucraina soccermagazine.it
  25. ^ Nazionale, convocati Parolo e Criscito. A casa Aquilani
  26. ^ Italia - Inghilterra 2 - 1 parmatoday.it.
  27. ^ Italia ancora fuori dai mondiali al primo turno, passa l'Uruguay blitzquotidiano.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]