Andrea Ranocchia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Andrea Ranocchia
Andrea Ranocchia FC Internazionale.jpg
Ranocchia con l'Inter nel 2011
Nazionalità Italia Italia
Altezza 195 cm
Peso 81 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Squadra Inter
Carriera
Giovanili
1995-2000Bastia
2000-2004Perugia
2004-2006Arezzo
Squadre di club1
2006-2008Arezzo56 (1)
2008-2010Bari34 (3)
2010-2011Genoa16 (2)
2011-2016Inter129 (7)
2016Sampdoria14 (0)
2016-2017Inter5 (0)
2017Hull City16 (2)
2017-Inter14 (2)
Nazionale
2007Italia Italia U-203 (0)
2007-2010Italia Italia U-2113 (2)
2008Italia Italia olimpica1 (0)
2010-2016Italia Italia21 (0)
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Bronzo Svezia 2009
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 3 febbraio 2019

Andrea Ranocchia (Assisi, 16 febbraio 1988[1][2]) è un calciatore italiano, difensore dell'Inter.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2016 ha fondato un'ONLUS che porta il suo nome, al fine di aiutare le vittime dei recenti avvenimenti sismici.[3] Nell'estate 2017 l'associazione ha contribuito con l'ex calciatore Christian Vieri a stanziare dei fondi economici per ripristinare un campo da calcio a Visso (MC).[4]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Ranocchia mentre affronta il portoghese Silvestre Varela.

Difensore centrale, occasionalmente ha giocato anche come terzino.[5][6][7] La notevole altezza gli è spesso risultata utile per imporsi nel gioco aereo, segnando in questa maniera diversi gol di testa:[8][9] non a caso, in situazioni di emergenza è stato impiegato come centravanti,[10][11] ruolo peraltro ricoperto durante la sua carriera giovanile.[5]

Considerato agli esordi tra i più validi prospetti della sua generazione,[12] in questa fase era stato più volte paragonato a Marco Materazzi per via dello stile di gioco ritenuto affine, sia da vari addetti ai lavori[13] sia dallo stesso Materazzi.[14] Tuttavia, pur facendosi sempre apprezzare per la sua professionalità,[15] nel prosieguo di carriera non ha saputo mantenere tali aspettative, incapace di imporsi ad alti livelli soprattutto sul piano caratteriale.[12]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi: Arezzo, Bari e Genoa[modifica | modifica wikitesto]

Comincia la carriera nel vivaio della squadra della sua città, il Bastia, approdando in seguito nel settore giovanile del Perugia.[5] Nel 2004 passa alle giovanili dell'Arezzo, club con cui nella stagione 2006-2007, sotto la guida di Antonio Conte,[16] a 18 anni sale in prima squadra debuttando da professionista in Serie B, collezionando 24 presenze e 1 gol. Nonostante la retrocessione della squadra aretina, l'annata seguente rimane ad Arezzo dove gioca titolare in Serie C1.

Nell'estate 2008 viene acquistato in compartecipazione dal Genoa, che lo cede in prestito al Bari, in Serie B.[17] In Puglia ritrova come allenatore Conte, il quale lo impiegato con continuità nella seconda parte della stagione, in cui Ranocchia contribuisce alla vittoria del campionato con 17 presenze e 1 gol. Nell'estate 2009 il Genoa riscatta il giocatore dalla società aretina, lasciandolo nuovamente in prestito a Bari per la stagione seguente,[18][19] stavolta agli ordini di Gian Piero Ventura.

Fa il suo esordio in Serie A il 23 agosto 2009, nella partita che i pugliesi pareggiano 1-1 contro l'Inter.[20] Il successivo 18 ottobre realizza il suo primo gol in massima serie, contribuendo alla vittoria (2-1) sul campo del Chievo.[21] Schierato in coppia con l'altrettanto promettente compagno di reparto Leonardo Bonucci, il giovane duo difensivo barese emerge ben presto tra i migliori del campionato:[22][23] al tempo è Ranocchia a destare le maggiori attenzioni,[24][25] seppur un infortunio riportato al ginocchio nel gennaio 2010 lo costringe a saltare la seconda parte di stagione.[26][27]

Terminato il prestito a Bari, nell'estate 2010 il giocatore entra a far parte della rosa genoana per la stagione 2010-2011, sotto la guida dell'allenatore Gian Piero Gasperini. Nella stessa sessione di mercato l'Inter acquista la metà del cartellino del difensore,[28] per una cifra intorno ai 6 milioni di euro più il prestito con diritto di riscatto della compartecipazione di Mattia Destro:[29] Ranocchia resta a Genova per la prima metà della stagione 2010-2011, in cui conferma le positive impressioni del tempo.[12]

Inter, prestiti a Sampdoria e Hull City[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2011, all'apertura della sessione invernale di mercato, l'Inter ufficializza il riscatto della compartecipazione acquistando il difensore.[30] Impostosi subito tra i titolari, il successivo 23 febbraio esordisce nelle coppe europee, riportando anche un lieve infortunio nella partita persa con il Bayern Monaco (0-1).[31] A fine stagione conquista il suo primo trofeo, la Coppa Italia.[32] Confermato prima da Andrea Stramaccioni[33][34] e poi da Walter Mazzarri, nella prima metà degli anni 2010 Ranocchia è tra i pochi punti fermi dell'undici milanese:[12] con la stagione 2014-2015, l'investitura a erede della bandiera Javier Zanetti quale capitano interista[35] pare il definitivo preludio a nome di rilievo del calcio italiano per gli anni a venire.[12]

Tuttavia è a questo punto che, inaspettatamente, la carriera di Ranocchia prende una piega diametralmente opposta. Al termine di un campionato negativo, in cui non riesce a imporsi come leader del gruppo nerazzurro, dopo una sola stagione viene svestito della fascia in favore di Mauro Icardi.[36] Perso nel frattempo il posto da titolare e la fiducia del tecnico Roberto Mancini, a metà della stagione 2015-2016 passa in prestito alla Sampdoria[37] con cui rimane sino al termine del campionato.[38]

Rientra poi all'Inter, segnalandosi tuttavia solo per alcune prestazioni negative.[39][40] Nel gennaio 2017 passa, nuovamente in prestito, agli inglesi dell'Hull City.[41] L'esperienza in Premier League, in larga parte positiva, si chiude però con la retrocessione della squadra, a cui il difensore contribuisce suo malgrado con un errore che vale il gol avversario nella decisiva sconfitta col Crystal Palace (4-0).[42] Fa quindi ritorno in nerazzurro dove, ormai relegato a panchinaro,[12] agli ordini del tecnico Luciano Spalletti colleziona 11 presenze e 2 gol nel campionato 2017-2018.[43][44] Il 21 febbraio 2019 sigla il suo primo gol in una competizione internazionale, nella partita di Europa League finita 4-0 in favore dei nerazzurri ai danni del Rapid Vienna.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ranocchia in maglia azzurra nel corso dell'amichevole fra Italia e Portogallo del 16 giugno 2015.

Il 21 agosto 2007 esordisce con l'Under-21 azzurra, nell'amichevole vinta 2-1 contro la Francia.[45][46] L'anno seguente, il commissario tecnico Pierluigi Casiraghi lo convoca come riserva per il torneo olimpico di Pechino 2008.[47] Il 9 giugno 2009 segna il suo primo gol nell'amichevole con la Danimarca, terminata per 4-0.[48] Partecipa infine all'Europeo di categoria, sempre nel giugno 2009.[49]

Nel novembre 2010, viene convocato in nazionale maggiore da Cesare Prandelli.[50] Fa il suo debutto in occasione dell'amichevole con la Romania, finita 1-1.[51] Prandelli lo inserisce nelle liste preliminari del campionato d'Europa 2012 e del campionato del mondo 2014,[52] senza però confermarlo per le fasi finali.[53] Sotto la successiva gestione tecnica di Antonio Conte, viene utilizzato per alcune gare di qualificazione al campionato d'Europa 2016.[54]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto 2012, fu citato in tribunale da Micolucci e Masiello (suoi compagni di squadra ai tempi del Bari) riguardo la vicenda di partite truccate (risalenti al 2008 e 2009) che vide coinvolta la società biancorossa.[55][56] Nel gennaio 2013 il pubblico ministero Ciro Angelillis chiese l'archiviazione per il difensore poiché risultato all'oscuro dell'illecito,[57][58] ottenendola nel giugno successivo.[59]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 17 marzo 2019.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2006-2007 Italia Arezzo B 24 1 CI 5 1 - - - - - - 29 2
2007-2008 C1 32 0 CI-C 0 0 - - - - - - 32 0
Totale Arezzo 56 1 5 1 - - - - 61 2
2008-2009 Italia Bari B 17 1 CI 0 0 - - - - - - 17 1
2009-2010 A 17 2 CI 1 0 - - - - - - 18 2
Totale Bari 34 3 1 0 - - - - 35 3
2010-gen. 2011 Italia Genoa A 16 2 CI 1 0 - - - - - - 17 2
gen.-giu. 2011 Italia Inter A 18 1 CI 4 0 UCL 4 0 SI+SU+Cmc - - 26 1
2011-2012 A 12 1 CI 2 0 UCL 2 0 SI 1 0 17 1
2012-2013 A 32 2 CI 3 1 UEL 10[60] 0 - - - 45 3
2013-2014 A 24 1 CI 2 1 - - - - - - 26 2
2014-2015 A 33 2 CI 1 0 UEL 8[61] 0 - - - 42 2
2015-gen. 2016 A 10 0 CI 0 0 - - - - - - 10 0
gen.-giu. 2016 Italia Sampdoria A 14 0 CI - - - - - - - - 14 0
2016-gen. 2017 Italia Inter A 5 0 CI 0 0 UEL 4 0 - - - 9 0
gen.-giu. 2017 Inghilterra Hull City PL 16 2 FACup+CdL - - - - - - - - 16 2
2017-2018 Italia Inter A 11 2 CI 2 0 - - - - - - 13 2
2018-2019 A 4 0 CI 1 0 UCL+UEL 0+2 0+1 - - - 7 1
2019-2020 A 0 0 CI 0 0 UCL 0 0 - - - 0 0
Totale Inter 149 9 15 2 30 1 1 0 195 12
Totale carriera 285 17 22 3 30 1 1 0 338 21

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
17-11-2010 Klagenfurt Romania Romania 1 – 1 Italia Italia Amichevole -
9-2-2011 Dortmund Germania Germania 1 – 1 Italia Italia Amichevole -
3-6-2011 Modena Italia Italia 3 – 0 Estonia Estonia Qual. Euro 2012 -
10-8-2011 Bari Italia Italia 2 – 1 Spagna Spagna Amichevole - Uscita al 76’ 76’
2-9-2011 Tórshavn Fær Øer Fær Øer 0 – 1 Italia Italia Qual. Euro 2012 -
6-9-2011 Firenze Italia Italia 1 – 0 Slovenia Slovenia Qual. Euro 2012 -
11-11-2011 Breslavia Polonia Polonia 0 – 2 Italia Italia Amichevole -
15-11-2011 Roma Italia Italia 0 – 1 Uruguay Uruguay Amichevole -
6-2-2013 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 1 Italia Italia Amichevole - Ingresso al 74’ 74’
31-5-2013 Bologna Italia Italia 4 – 0 San Marino San Marino Amichevole -
11-10-2013 Torino Italia Italia 2 – 2 Danimarca Danimarca Qual. Mondiali 2014 -
18-11-2013 Londra Italia Italia 2 – 2 Nigeria Nigeria Amichevole -
4-6-2014 Perugia Italia Italia 1 – 1 Lussemburgo Lussemburgo Amichevole - Ingresso al 79’ 79’
4-9-2014 Bari Italia Italia 2 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
9-9-2014 Oslo Norvegia Norvegia 0 – 2 Italia Italia Qual. Euro 2016 -
10-10-2014 Palermo Italia Italia 2 – 1 Azerbaigian Azerbaigian Qual. Euro 2016 -
16-11-2014 Milano Italia Italia 1 – 1 Croazia Croazia Qual. Euro 2016 -
31-3-2015 Torino Italia Italia 1 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
12-6-2015 Spalato Croazia Croazia 1 – 1 Italia Italia Qual. Euro 2016 - Ingresso al 80’ 80’
16-6-2015 Ginevra Italia Italia 0 – 1 Portogallo Portogallo Amichevole -
29-3-2016 Monaco di Baviera Germania Germania 4 – 1 Italia Italia Amichevole - Ingresso al 64’ 64’
Totale Presenze 21 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Bari: 2008-2009
Inter: 2010-2011

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2010-2011
Squadra dell'anno: 2011

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Biografia, su andrearanocchia.com. URL consultato il 22 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 23 dicembre 2015).
  2. ^ Panini, p. 242.
  3. ^ Andrea Ranocchia, una Onlus per aiutare chi è in difficoltà, su inter.it, 23 dicembre 2016.
  4. ^ Sisma: 50mila euro E-R per campo Visso, su ansa.it, 30 luglio 2017.
  5. ^ a b c Ranocchia: "Da attaccante a difensore, sono cresciuto e sono cambiato", su inter.it, 20 novembre 2013.
  6. ^ Matteo Dalla Vite, Inter, la nuova vita di Juan Jesus da terzino sinistro: "Voglio rimanere anni", su gazzetta.it, 22 aprile 2015.
  7. ^ Emanuele Atturo, Il sacrificio di Ranocchia, su ultimouomo.com, 14 marzo 2017.
  8. ^ Piergiuseppe Pinto, Inter, sfrutta di più i colpi di testa! 11 gol in questo fondamentale, su spaziointer.it, 24 febbraio 2018.
  9. ^ Ranocchia sfrutta i centimetri: per il difensore, 10 dei 12 gol in A segnati di testa, su fcinternews.it, 9 maggio 2018.
  10. ^ Inter, Spalletti: "Icardi? Non dipende da me. Deve fare bene in campo...", su gazzetta.it, 1º marzo 2019.
  11. ^ Ranocchia: "Io attaccante? L’ho fatto in passato. Poi il piede...", su fcinter1908.it, 2 maggio 2013.
  12. ^ a b c d e f Luigi Garlando, 23Frog, il principe dei rospi, in SportWeek, nº 3 (920), La Gazzetta dello Sport, 19 gennaio 2019, p. 21.
  13. ^ Eva A. Provenzano, Ranocchia sfoggia per la prima volta il numero 23 di Materazzi..., su fcinter1908.it, 24 luglio 2011.
  14. ^ Materazzi: "Ranocchia mio erede ma deve imparare una cosa...", su fcinter1908.it, 12 marzo 2012.
  15. ^ Vincenzo D'Angelo, Inter, Ranocchia come esempio di leadership e professionalità, su gazzetta.it, 22 febbraio 2019.
  16. ^ Tutto Ranocchia: da Bastia Umbra all'Inter, fino ai... supermercati!, su fcinternews.it, 1º aprile 2011.
  17. ^ Il Genoa prende Ranocchia e lo dà al Bari, su genoacfc.it, 11 luglio 2008.
  18. ^ Genoa, arriva Ranocchia, su tuttosport.com. URL consultato l'11 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2009).
  19. ^ Il Genoa non si ferma più, preso anche Ranocchia dall'Arezzo [collegamento interrotto], su sport.it.
  20. ^ Luigi Panella, L'Inter stecca, è festa Bari, su repubblica.it, 23 agosto 2009.
  21. ^ Bari concreto: ciao Chievo, su sportmediaset.mediaset.it, 18 ottobre 2009.
  22. ^ Enzo Tamborra, Il 2009 l'anno d'oro per il Bari, gol, punti e qualità del gioco, su bari.repubblica.it, 27 dicembre 2009.
  23. ^ (EN) Sam Lopresti, Leonardo Bonucci's Evolution as a Leader Key for Italy in Euro 2016, su bleacherreport.com, 2 giugno 2016.
  24. ^ Tutti vogliono Ranocchia e Bonucci, su sportmediaset.mediaset.it, 16 novembre 2009.
  25. ^ Giuliano Foschini, Andrea Masiello, Bonucci, Ranocchia, Gillet ecco il nocciolo duro della squadra dei record, in la Repubblica, 17 dicembre 2009, p. 20.
  26. ^ Bari, brutto infortunio al ginocchio per Ranocchia, su sport.sky.it, 11 gennaio 2010.
  27. ^ Lesione del legamento crociato per Ranocchia (XML), su ilsecoloxix.it, 11 gennaio 2010. URL consultato il 26 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2018).
  28. ^ Calcio Mercato Squadre, su legaseriea.it.
  29. ^ Mercato: Ranocchia, 5 anni per l'Inter, su inter.it, 21 luglio 2010.
  30. ^ Davide Chinellato, Ranocchia, campione del futuro "All'Inter grazie a Materazzi", su gazzetta.it, 27 gennaio 2011.
  31. ^ Moratti: "Ci son rimasto male" Ranocchia out 15-20 giorni, su gazzetta.it, 24 febbraio 2011.
  32. ^ Matteo Dalla Vite, Eto'o 37 magie: «E chi si muove...», in La Gazzetta dello Sport, 30 maggio 2011.
  33. ^ Eva A. Provenzano, Stramaccioni e l'investitura di Ranocchia: a lui le chiavi della difesa..., su fcinter1908.it, 7 settembre 2012.
  34. ^ Valerio Clari, Milito, Ranocchia e Nagatomo Gli "inamovibili" della Strama-Inter, su gazzetta.it, 9 ottobre 2012.
  35. ^ Inter, capitan Ranocchia: "Sono stufo di non vincere nulla", su gazzetta.it, 16 luglio 2014.
  36. ^ Mattia Fontana, Eravamo capitani: lo strano derby di Ranocchia e Montolivo, su it.eurosport.com, 7 settembre 2015.
  37. ^ Luca Pessina, Inter, Ranocchia dice sì alla Sampdoria. E ora è duello col Napoli per Barba, su gazzetta.it, 15 gennaio 2016.
  38. ^ Alessio Da Ronch, Ranocchia: "Quanta negatività all'Inter: ero sovrastato, luoghi troppo comuni", su gazzetta.it, 27 febbraio 2016.
  39. ^ Stefano Scacchi, L'Inter si presenta a pezzi, disastro con il Chievo per la prima di De Boer, in la Repubblica, 22 agosto 2016, p. 46.
  40. ^ Andrea Sorrentino, Un inferno senza fine per l'Inter da 330 milioni la nuova rivoluzione non ha scacciato la crisi, in la Repubblica, 30 settembre 2016, p. 48.
  41. ^ Hull City, la rivincita di Ranocchia, su sportmediaset.mediaset.it, 6 febbraio 2017.
  42. ^ Epilogo negativo per Ranocchia all'Hull City: club retrocede in Championship, su goal.com, 14 maggio 2017.
  43. ^ Inter, Ranocchia: "Rimasto grazie a Spalletti. Champions il nostro obiettivo", su gazzetta.it, 21 settembre 2017.
  44. ^ Inter, Spalletti: "Ranocchia dal 1'. Sarri? Lo sport è lo stesso. E sul mercato...", su gazzetta.it, 2 dicembre 2017.
  45. ^ Alessandro Ruta, Dessena-Rossi: l'Under manda k.o. la Francia, su gazzetta.it, 21 agosto 2007.
  46. ^ L'Italia piega la Francia, su it.uefa.com, 21 agosto 2007.
  47. ^ Olimpica, la lista dei "18 più 4" Venerdì la partenza per Pechino, su repubblica.it, 23 luglio 2008.
  48. ^ Luca Taidelli, Under, quattro gol ai danesi Brillano Balotelli e Acquafresca, su gazzetta.it, 9 giugno 2009.
  49. ^ Casiraghi si porta Balotelli all'Europeo, su it.eurosport.com, 1º giugno 2009.
  50. ^ Lorenzo Mangini, Ranocchia, un destino da predestinato il nuovo "Nesta" che piace a Prandelli, in la Repubblica, 17 novembre 2010, p. 19.
  51. ^ Prandelli: "Carattere fantastico E siamo tutti con Balotelli", su gazzetta.it, 17 novembre 2010.
  52. ^ I 25 di Prandelli per l'Europeo Ranocchia preferito a Bocchetti, su repubblica.it, 28 maggio 2012.
  53. ^ Moratti: "Ranocchia più esperto di Paletta. Prandelli mi piaceva", su gazzetta.it, 15 giugno 2014.
  54. ^ InterNazionali - Conte chiama Ranocchia in azzurro, su fcinternews.it, 29 agosto 2015.
  55. ^ Indagato anche Ranocchia Salta il match con l'Hajduk, su gazzetta.it, 1º agosto 2012.
  56. ^ Giuliano Foschini e Marco Mensurati, "Frode sportiva" per Andrea Ranocchia il difensore dell'Inter domani in Procura, su bari.repubblica.it, 2 agosto 2012.
  57. ^ Ranocchia, archiviazione sul calcio-scommesse! "Andrea ignorava l'illecito", su fcinternews.it, 7 gennaio 2013.
  58. ^ Francesco Ceniti e Maurizio Galdi, Scommesse Bari, indagini chiuse Ranocchia rischia solo l'omessa denuncia, su gazzetta.it, 7 gennaio 2013.
  59. ^ Christian Liotta, Scommesse, archiviata la posizione di Ranocchia, su fcinternews.it, 6 giugno 2013.
  60. ^ 3 presenze nei turni preliminari.
  61. ^ 2 presenze nei play-off.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Almanacco illustrato del calcio 2015, Modena, Panini, 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]