Stadio Lužniki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lužniki
Stadio Lenin
Luzhniki Stadium1.jpg
Informazioni
StatoRussia Russia
UbicazioneMosca
Lužnetskaja nab. 24
Inaugurazione31 luglio 1956
StrutturaPianta ovale
CoperturaTutto
Pista d’atleticaRimossa nel 2017
Ristrutturazione1978, 1980, 1995, 1997, 2017
Mat. del terrenoErba sintetica
Dim. del terreno105 x 68
ProprietarioGoverno russo
Gestorenazionale di calcio dell'Unione Sovietica e nazionale di calcio della Russia
Uso e beneficiari
CalcioURSS URSS (1956-1991)
Russia Russia (1992-)
Spartak Mosca (1956-2014)
CSKA Mosca (2007-2011)
Capienza
Posti a sedere78 011
Mappa di localizzazione

Coordinate: 55°42′57″N 37°33′13″E / 55.715833°N 37.553611°E55.715833; 37.553611

La Grande arena sportiva del complesso Olimpico Lužniki (in russo Большая спортивная арена Олимпийского комплекса Лужники, Bol'šaja sportivnaja arena Olimpijskogo kompleksa Lužniki ), più informalmente Stadio Lužniki, è un impianto sportivo multifunzione di Mosca, in Russia.

Costruito nel 1956 dal governo dell'URSS e noto all'epoca come Stadio Lenin (in russo Центральный стадион имени В. И. Ленина, Central'nyj stadion imeni V.I. Lenina ), era capace di più di 100 000 posti ed era completamente privo di copertura; nel 1980 fu lo stadio scelto come sede dei Giochi della XXII Olimpiade che si tennero nella capitale sovietica. Dopo la fine dell'URSS il governo russo, che ne ereditò la proprietà, lo sottopose a ristrutturazione al termine della quale l'impianto fu totalmente coperto e portato a una capienza di 81 360 posti a sedere.

Ospitò numerosi incontri interni della Nazionale di calcio dell'URSS e, in seguito, di quella russa, oltre a essere il terreno di casa di diverse squadre di club della capitale, sia durante il periodo sovietico che, dopo il 1991, russo.

Nonostante l'impianto sia destinato a sport all'aperto quali calcio e atletica leggera, esso cionondimeno ospitò anche l'ultimo incontro del campionato mondiale di hockey su ghiaccio 1957 tra URSS e Svezia.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

L'allora Stadio Lenin, completamente scoperto, durante la cerimonia d'apertura dei giochi olimpici di Mosca del 1980

In questo impianto si disputano le partite casalinghe dello Spartak Mosca e della nazionale russa di calcio, mentre dal 2007 al 2011 si sono svolte quelle del CSKA Mosca.

Lo stadio è stato sede della finale di Coppa UEFA 1998-1999 e di quella della Champions League 2007-2008. Nel 1980 l'impianto ospitò i Giochi della XXII Olimpiade e il 15 luglio 2018 la finale del campionato mondiale di calcio 2018, che si svolse in Russia.

Nell'ottobre 1982 nell'impianto si verificò una delle più grosse tragedie legate alla sicurezza negli impianti di calcio, conosciuta come il disastro del Lužniki, in cui morirono 66 tifosi dello Spartak Mosca.

Lo stadio ha ospitato inoltre i campionati del mondo di atletica leggera svoltosi a Mosca nell'agosto 2013.

L'impianto è sede di numerosi concerti. Vi si sono esibiti Michael Jackson durante la sua tappa russa del Dangerous World Tour il 15 settembre 1993, i Red Hot Chili Peppers il 22 luglio 2012 nel loro I'm with You World Tour, la tappa moscovita del Born This Way Ball della cantante statunitense Lady Gaga il 12 dicembre 2012 e l'ultimo concerto della celebre rock band sovietica Kino il 24 giugno 1990, poco meno di due mesi prima della morte del frontman Viktor Tsoi, avvenuta il 15 agosto 1990 a Tukums (Lettonia) in un tragico incidente stradale.

Il Luzhniki Stadium nel 2017 in seguito alla ristrutturazione.

In occasione del mondiale di calcio del 2018 l'impianto ha subito una radicale ristrutturazione, che ha comportato la demolizione totale degli spalti, pur mantenendo integro l'involucro esterno con la copertura, per rendere fruibile la struttura prevalentemente per il calcio. È stata dunque eliminata la pista di atletica e la capienza è stata portata a 82 540 posti a sedere[1][2]. I lavori hanno preso il via all'inizio del 2014 e si sono conclusi a metà del 2017.

Finale UEFA Champions League[modifica | modifica wikitesto]

Finale Coppa UEFA[modifica | modifica wikitesto]

Finale del mondiale 2018[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di calcio 2018.

Lo stadio ha ospitato numerosi incontri e la finale del campionato del mondo di calcio del 2018, che ha fatto ritorno in Europa dodici anni dopo l'ultima edizione europea, quella di Germania 2006.

Coppa del Mondo FIFA 2018[modifica | modifica wikitesto]

Data Ora Squadra #1 Ris. Squadra #2 Fase del torneo Spettatori
14 giugno 2018 18:00 Russia Russia 5 - 0 Arabia Saudita Arabia Saudita Girone A (gara inaugurale) 78 011[3]
17 giugno 2018 18:00 Germania Germania 0 - 1 Messico Messico Girone F 78 011[4]
20 giugno 2018 15:00 Portogallo Portogallo 1 - 0 Marocco Marocco Girone B 78 011[5]
26 giugno 2018 17:00 Danimarca Danimarca 0 - 0 Francia Francia Girone C 78 011[6]
1º luglio 2018 16:00 Spagna Spagna 1 - 1 (3-4 dcr) Russia Russia Ottavi di finale 78 011[7]
11 luglio 2018 20:00 Croazia Croazia 2 - 1 (dts) Inghilterra Inghilterra Semifinali 78 011[8]
15 luglio 2018 17:00 Francia Francia 4 - 2 Croazia Croazia Finale 78 011[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) See the incredible snaps as workmen complete new-look 81,000-seater Moscow stadium in time for 2018 World Cup Final, The Sun, 23 marzo 2017.
  2. ^ (EN) Luzhniki Stadium blossoms as it prepares for a new chapter, FIFA.com, 6 marzo 2017.
  3. ^ Russia-Arabia Saudita (PDF), Fédération Internationale de Football Association, 14 giugno 2018.
  4. ^ Germania-Messico (PDF), Fédération Internationale de Football Association, 17 giugno 2018.
  5. ^ Portogallo-Marocco (PDF), Fédération Internationale de Football Association, 20 giugno 2018.
  6. ^ Danimarca-Francia (PDF), Fédération Internationale de Football Association, 26 giugno 2018.
  7. ^ Spagna-Russia (PDF), Fédération Internationale de Football Association, 1º luglio 2018.
  8. ^ Croazia-Inghilterra (PDF), Fédération Internationale de Football Association, 11 luglio 2018.
  9. ^ Francia-Croazia (PDF), Fédération Internationale de Football Association, 15 luglio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN132488887