Football Club Internazionale 1909-1910

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Football Club Internazionale
Foto squadra Inter 1909.jpg
Una foto della squadra nerazzurra
Stagione 1909-1910
AllenatoreItalia Virgilio Fossati[1]
PresidenteItalia Ettore Strauss
Italia Carlo De Medici
Prima CategoriaVincitore
Maggiori presenzeCampionato: Fossati, Payer, Schuler, Zoller (16)[2]
Totale: Fossati, Payer, Schuler (17)
Miglior marcatoreCampionato: Peterly (23)[2]
Totale: Peterly (24)
StadioCampo di Ripa Ticinese
Arena Civica[3]
Dati aggiornati al 24 aprile 1910

Questa pagina raccoglie i dati riguardanti il Football Club Internazionale nelle competizioni ufficiali della stagione 1909-1910.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

La formazione scesa in campo contro l'Ausonia, nella prima giornata del Campionato.

La stagione 1909-10, che coincise col secondo anno di «vita» della formazione nerazzurra, vide un'innovazione: il massimo campionato fu rinnovato nella struttura, prevedendo per la prima volta l'assegnazione del titolo tramite un girone all'italiana.[4] Il torneo si articolò su due anni solari, dall'autunno 1909 alla primavera 1910, per un totale di 16 giornate.[5] La squadra interista ebbe un avvio difficoltoso: dopo aver pareggiato con l'Ausonia, uscì sconfitta dalle partite contro Juventus e Pro Vercelli.[4] Successivamente, l'Inter si rese protagonista di una rimonta collezionando ben 11 vittorie consecutive: tra queste, vi fu il doppio successo nei derby con il Milan.[6][7] Le due sfide, entrambe nel mese di febbraio, si risolsero in favore della Beneamata con un bilancio di 10 gol segnati ed uno solo al passivo.[7][8]

La formazione vincitrice del suo primo campionato.

Al termine del campionato la compagine interista risultò avere 25 punti: la situazione valse il primo posto in classifica alla pari con la Pro Vercelli, vincitrice degli ultimi due titoli. Fu dunque necessario far appello ad uno spareggio per lo Scudetto, sulla cui data le società non riuscirono ad accordarsi: i vercellesi chiesero il doppio rinvio del match dal 17 aprile (la domenica indicata dalla FIGC) al 1º maggio, per l'assenza di calciatori impegnati in partite amichevoli, domanda cui i meneghini si opposero, avendo programmato in tal mese una tournée; sempre a maggio, inoltre, erano previsti a Milano la preparazione e l'esordio della Nazionale di calcio dell'Italia. La Federazione concesse lo spostamento della gara dal 17 al 24 aprile, ma non al 1º maggio, ritenendo pretestuosa la richiesta di posticipazione, poiché i giocatori della Pro Vercelli saltarono l'amichevole del 17 aprile; i piemontesi non accettarono la decisione e, per protesta, schierarono una squadra di giovani. I campioni in carica si erano fin lì distinti per un gioco votato all'atletismo, nonché per la composizione "patriottica" della rosa (impiegando solamente giocatori locali).[4][6][9]

Contro una formazione di avversari anagraficamente inferiori, l'Inter non ebbe difficoltà e si impose per 10-3 (sebbene altre fonti indichino in 9 o 11 il numero di gol segnati dai nerazzurri). La squadra poté così fregiarsi, ad appena un biennio dalla fondazione, del primo trofeo della propria storia, mentre i vercellesi subirono una sanzione dalla FIGC per aver subordinato incontri di campionato a quelli di enti privati, nonché per comportamento antisportivo.[4][6][10]

Maglia[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Prima divisa

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva

Area tecnica

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
Italia P Piero Campelli
Italia P Angelo De Magistris
Svizzera P Henry Müller
Svizzera D Oscar Engler
Italia D Mario Moretti
Svizzera D Carlo Streit
Svizzera D Alfredo Zoller
Italia D Roberto Fronte
Svizzera D Hans Yenni
Italia C Virgilio Fossati
N. Ruolo Giocatore
Svizzera C Ernest Peterly
Italia C Ernesto Crespi
Italia C Carlo Payer
Italia C Giovanni Capra
Italia C Gian Maria Cadoni
Italia C Carlo Cocchi
Svizzera C Furter
Italia C Stebler
Italia A Ermanno Aebi
Svizzera A Bernard Schuler

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Prima Categoria[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Prima Categoria 1909-1910.

Girone d'andata[modifica | modifica wikitesto]

Milano
7 novembre 1909
Inter2 – 2Ausonia
Arbitro:  Recalcati (Milano)

Torino
14 novembre 1909
Juventus2 – 0Inter
Arbitro:  Alziator (Milano)

Milano
21 novembre 1909
Inter1 – 4Pro Vercelli
Arbitro:  Meazza (Milano)

Milano
28 novembre 1909
Inter1 – 0
referto
JuventusArena Civica
Arbitro:  Recalcati (Milano)

Torino
5 dicembre 1909
Torino3 – 4Inter
Arbitro:  Goodley (Torino)

Milano
12 dicembre 1909
Inter2 – 0Genoa
Arbitro:  Radice (Milano)

Vercelli
19 dicembre 1909
Pro Vercelli1 – 2Inter
Arbitro:  Goodley (Torino)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Milano
2 gennaio 1910
Ausonia2 – 6Inter
Arbitro:  Camperio (Milano)

Milano
16 gennaio 1910
US Milanese2 – 5Inter
Arbitro:  Moda (Milano)

Milano
30 gennaio 1910
Inter7 – 2US Milanese
Arbitro:  Recalcati (Milano)

Milano
6 febbraio 1910
Milan0 – 5Inter
Arbitro:  Goodley (Torino)

Milano
20 febbraio 1910
Inter5 – 0Andrea Doria
Arbitro:  Goodley (Torino)

Milano
27 febbraio 1910
Inter5 – 1Milan
Arbitro:  Recalcati (Milano)

Genova
6 marzo 1910
Andrea Doria1 – 3Inter
Arbitro:  Pasteur (Genova)

Genova
3 aprile 1910
Genoa4 – 0Inter
Arbitro:  Goodley (Torino)

Milano
10 aprile 1910
Inter7 – 2Torino
Arbitro:  Goodley (Torino)

Spareggio[modifica | modifica wikitesto]

Vercelli
24 aprile 1910, ore UTC+1
Pro Vercelli3 – 10[11]
referto
Inter
Arbitro:  Meazza (Milano)

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 24 aprile 1910.

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Competizione Punti In casa In trasferta Totale Gf Gs D.R.
G V N P G V N P G V N P
Scudetto.svg Prima Categoria 25 8 6 1 1 8 6 0 2 16 12 1 3 55 26 29
Spareggio - 0 0 0 0 1 1 0 0 1 1 0 0 10[11] 3 7[11]
Totale - 8 6 1 1 9 7 0 2 17 13 1 3 65[11] 29 36

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Fonte: [2]

Fossati (16)[12]; Payer (16/4)[13]; Schuler (16/5)[14]; Zoller (16/1)[15]; Engler (15/6)[16]; Peterly (15/23)[17]; Streit (15); Capra (13/12); Fronte (13); Moretti (12/1); Campelli (8/?); Müller (8/?); Stebler (3); Aebi (2); Cadoni (2/1); Furter (2); Yenni (2); Cocchi (1); Crespi (1); De Magistris (1/?).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Nel doppio ruolo di giocatore-allenatore.
  2. ^ a b c Grassia, Lotito, p. 216.
  3. ^ Utilizzato per le condizioni meteorologiche avverse, in particolare durante l'inverno. Cfr. nota 7.
  4. ^ a b c d Grassia, Lotito, p. 50.
  5. ^ Sebastio, 2009, p. 78.
  6. ^ a b c Petrucci, pp. 4-5.
  7. ^ a b Sebastio, 2011, p. 10-13.
  8. ^ Sebastio, 2009, pp. 18-21.
  9. ^ Internazionale F.C., buona la seconda, calcioromantico.com
  10. ^ Giuseppe Bagnati, Inter allo scudetto n. 17 Ecco la storia di tutti gli altri, su gazzetta.it, 16 maggio 2009.
  11. ^ a b c d Per altre fonti, il risultato sarebbe di 3-9 o di 3-11; cfr. note 2, 4 e 6.
  12. ^ 17 (2) considerando lo spareggio.
  13. ^ 17 (5) considerando lo spareggio.
  14. ^ 17 (6) considerando lo spareggio.
  15. ^ 17 (1) considerando lo spareggio.
  16. ^ 16 (10) considerando lo spareggio.
  17. ^ 16 (24) considerando lo spareggio.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]


Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio