Football Club Internazionale Milano 1995-1996

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
F.C. Internazionale Milano S.p.A.
Inter 1995-1996 - Rosa completa.JPG.jpg
La rosa completa
Stagione 1995-1996
Allenatore Italia Ottavio Bianchi
Spagna Luis Suárez[1]
Inghilterra Roy Hodgson[2]
All. in seconda Italia Giovanni Ardemagni
Presidente Italia Massimo Moratti
Serie A 7º posto (in Coppa UEFA)
Coppa Italia Semifinali
Coppa UEFA Trentaduesimi di finale
Maggiori presenze Campionato: Pagliuca (34)
Totale: Pagliuca (42)
Miglior marcatore Campionato: Branca (17)
Totale: Branca (17)
Media spettatori 46 873¹
¹ considera le partite giocate in casa in campionato.

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti il Football Club Internazionale Milano nelle competizioni ufficiali della stagione 1995-1996.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Roy Hodgson saluta i tifosi alla sua prima partita da allenatore dell'Inter in Inter-Lazio del 22 ottobre 1995

Nel mercato estivo nuovo patron Moratti prese Ince dal Manchester United, i giovani argentini Rambert e Javier Zanetti, il brasiliano Roberto Carlos. Fra le cessioni eccellenti vi furono quelle dei due olandesi Jonk e Bergkamp. La squadra esordì in campionato battendo il Vicenza con una rete del terzino brasiliano su punizione.[3] I successivi KO con Parma e Napoli, inframmezzati dal pari con il Piacenza, portarono all'esonero di Ottavio Bianchi.[4] La squadra fu affidata a Suárez in via provvisoria, in attesa dell'arrivo di Hodgson (già commissario tecnico della Nazionale svizzera): in Coppa UEFA la squadra venne eliminata dal Lugano al primo turno, perdendo a San Siro con un gol nei minuti finali.

Al culmine di un campionato mediocre, sia pur segnato dall'imbattibilità nei derby con il Milan (poi campione d'Italia), i nerazzurri si classificarono settimi. Le vittorie di Juventus e Fiorentina in Champions League e Coppa Italia comportarono il ripescaggio in Coppa UEFA per la stagione successiva.

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Lo sponsor tecnico per la stagione 1995-1996 fu Umbro, mentre lo sponsor ufficiale fu Pirelli.

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1ª divisa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
2ª divisa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
3ª divisa

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva

Area organizzativa

Area comunicazione

Area tecnica

Area sanitaria

  • Medico sociale: Piero Volpi
  • Massaggiatori: Marco Della Casa e Massimo Della Casa

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

[5]

N. Ruolo Giocatore
1 Italia P Gianluca Pagliuca
2 Italia D Giuseppe Bergomi (C)
3 Italia C Andrea Seno
4 Argentina D Javier Zanetti
5 Italia C Francesco Dell'Anno
6 Brasile D Roberto Carlos
7 Italia C Pierluigi Orlandini
8 Inghilterra C Paul Ince
9 Italia D Felice Centofanti
10 Italia A Benito Carbone
11 Argentina A Sebastián Rambert[6]
12 Italia P Giorgio Frezzolini
13 Italia D Gianluca Festa
14 Italia C Alessandro Bianchi
N. Ruolo Giocatore
15 Italia C Fabio Cinetti
16 Italia D Alessandro Pedroni
17 Italia D Salvatore Fresi
18 Italia C Nicola Berti
19 Italia D Massimo Paganin
20 Italia C Antonio Manicone
21 Italia A Marco Delvecchio[6]
22 Italia P Marco Landucci
23 Italia A Maurizio Ganz
24 Italia C Davide Fontolan
26 Brasile A Caio
27 Italia A Marco Branca[7]
28 Italia D Alessandro Pistone[7]
- Italia A Gionatha Spinesi[8]

Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

[9]

Sessione estiva (dall'1/7 al 31/8)[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti[10]
R. Nome da Modalità
P Giorgio Frezzolini Carpi definitivo
P Marco Landucci Avellino definitivo
P Marco Varaldi Milan definitivo
D Salvatore Fresi Salernitana definitivo (7 miliardi £)
D Felice Centofanti Ancona definitivo (1,4 miliardi £)
D Alessandro Pedroni Cremonese definitivo (4,4 miliardi £)
D Roberto Carlos Palmeiras definitivo (10 miliardi £)
D Mirko Taccola Palermo fine prestito
D Paolo Tramezzani Venezia fine prestito
C Javier Zanetti Banfield definitivo (5 miliardi £)
C Fabio Cinetti Monza definitivo (1 miliardo £)
C Fabio Di Sauro Gualdo fine prestito
C Massimiliano Fusani Aosta definitivo
C Paul Ince Manchester Utd definitivo (13,5 miliardi £)
C Antonio Manicone Genoa fine prestito
C Igor Shalimov Duisburg fine prestito
A Benito Carbone Napoli definitivo (6 miliardi £)
A Arturo Di Napoli Gualdo fine prestito
A Maurizio Ganz Atalanta definitivo (8 miliardi £)
A Mohamed Kallon Al-Tadamon definitivo
A Sebastián Rambert Independiente definitivo (4,2 miliardi £)
Cessioni[10]
R. Nome a Modalità
P Marco Fortin Pro Sesto compartecipazione
P Luca Mondini Vicenza compartecipazione (500 milioni £)
P Paolo Orlandoni Ancona prestito
D Giovanni Bia Udinese prestito
D Antonio Paganin Atalanta definitivo (700 milioni £)
D Mirko Conte Piacenza compartecipazione (1 miliard0 £)
D Mirko Taccola Napoli compartecipazione (500 milioni £)
D Paolo Tramezzani Cesena prestito (1,2 miliardi £)
C Marco Barollo Venezia definitivo
C Fabio Di Sauro Cremonese compartecipazione (800 milioni £)
C Wim Jonk PSV definitivo (5,5 miliardi £)
C Angelo Orlando Cremonese definitivo (1 miliardo £)
C Igor Shalimov Lugano prestito
C Andrea Zanchetta Foggia compartecipazione
A Dennis Bergkamp Arsenal definitivo (19,2 miliardi £)
A Mohammed Kallon Lugano prestito
A Arturo Di Napoli Napoli compartecipazione (1 miliardi £)
A Massimo Marazzina Foggia compartecipazione
A Darko Pančev F. Düsseldorf definitivo
A Rubén Sosa Borussia Dortmund definitivo
A Marco Veronese Reggiana prestito

Sessione autunnale[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti[10]
R. Nome da Modalità
D Alessandro Pistone Vicenza definitivo (1,5 miliardi £)
A Marco Branca Roma definitivo (6 miliardi £)
A Caio San Paolo definitivo (7 miliardi £)
A Gionatha Spinesi Pisa definitivo
Cessioni[10]
R. Nome a Modalità
A Marco Delvecchio Roma prestito
A Sebastián Rambert Real Saragozza prestito

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Serie A 1995-1996.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Milano
27 agosto 1995, ore 16:00 CEST
1ª giornata
Inter 1 – 0
referto
Vicenza Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Rodomonti (Teramo)

Parma
10 settembre 1995, ore 20:30 CEST
2ª giornata
Parma 2 – 1
referto
Inter Stadio Ennio Tardini
Arbitro Stafoggia (Pesaro)

Milano
17 settembre 1995, ore 16:00 CEST
3ª giornata
Inter 0 – 0
referto
Piacenza Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Quartuccio (Torre Annunziata)

Napoli
24 settembre 1995, ore 16:00 CEST
4ª giornata
Napoli 2 – 1
referto
Inter Stadio San Paolo
Arbitro Pairetto (Nichelino)

Milano
1º ottobre 1995, ore 15:00 CEST
5ª giornata
Inter 4 – 0
referto
Torino Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Beschin (Legnano)

Bergamo
15 ottobre 1995, ore 15:00 CEST
6ª giornata
Atalanta 1 – 1
referto
Inter Stadio Atleti Azzurri d'Italia
Arbitro Collina (Viareggio)

Milano
22 ottobre 1995, ore 14:30 CEST
7ª giornata
Inter 0 – 0
referto
Lazio Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Ceccarini (Livorno)

Milano
29 ottobre 1995, ore 20:30 CEST
8ª giornata
Inter 1 – 1
referto
Milan Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Braschi (Prato)

Genova
5 novembre 1995, ore 14:30 CEST
9ª giornata
Sampdoria 0 – 0
referto
Inter Stadio Luigi Ferraris
Arbitro Nicchi (Arezzo)

Milano
19 novembre 1995, ore 14:30 CEST
10ª giornata
Inter 2 – 1
referto
Udinese Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Tombolini (Ancona)

Firenze
26 novembre 1995, ore 14:30 CEST
11ª giornata
Fiorentina 1 – 1
referto
Inter Stadio Artemio Franchi
Arbitro Trentalange (Torino)

Milano
3 dicembre 1995, ore 14:30 CEST
12ª giornata
Inter 2 – 0
referto
Cremonese Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Borriello (Mantova)

Padova
10 dicembre 1995, ore 14:30 CEST
13ª giornata
Padova 2 – 1
referto
Inter Stadio Euganeo
Arbitro Braschi (Prato)

Torino
17 dicembre 1995, ore 20:30 CET
14ª giornata
Juventus 1 – 0
referto
Inter Stadio delle Alpi
Arbitro Ceccarini (Livorno)

Milano
23 dicembre 1995, ore 14:30 CEST
15ª giornata
Inter 4 – 0
referto
Cagliari Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Bettin (Padova)

Bari
7 gennaio 1996, ore 20:30 CET
16ª giornata
Bari 4 – 1
referto
Inter Stadio San Nicola
Arbitro Treossi (Forlì)

Milano
14 gennaio 1996, ore 14:30 CEST
17ª giornata
Inter 2 – 0
referto
Roma Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Cesari (Genova)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Vicenza
21 gennaio 1996, ore 14:30 CEST
18ª giornata
Vicenza 1 – 1
referto
Inter Stadio Romeo Menti
Arbitro Bazzoli (Merano)

Milano
28 gennaio 1996, ore 14:30 CEST
19ª giornata
Inter 1 – 1
referto
Parma Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Collina (Viareggio)

Piacenza
4 febbraio 1996, ore 14:30 CEST
20ª giornata
Piacenza 1 – 0
referto
Inter Stadio Galleana
Arbitro Pellegrino (Barcellona Pozzo di Gotto)

Milano
11 febbraio 1996, ore 15:00 CEST
21ª giornata
Inter 4 – 0
referto
Napoli Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Pairetto (Nichelino)

Torino
18 febbraio 1996, ore 15:00 CEST
22ª giornata
Torino 0 – 1
referto
Inter Stadio delle Alpi
Arbitro Braschi (Prato)

Milano
25 febbraio 1996, ore 15:00 CEST
23ª giornata
Inter 1 – 0
referto
Atalanta Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Borriello (Mantova)

Roma
3 marzo 1996, ore 15:00 CEST
24ª giornata
Lazio 0 – 1
referto
Inter Stadio Olimpico
Arbitro Ceccarini (Livorno)

Milano
10 marzo 1996, ore 20:30 CEST
25ª giornata
Milan 0 – 1
referto
Inter Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Trentalange (Torino)

Milano
10 aprile 1996, ore 15:00 CEST
26ª giornata[11]
Inter 0 – 2
referto
Sampdoria Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Boggi (Salerno)

Udine
24 marzo 1996, ore 15:00 CEST
27ª giornata
Udinese 1 – 2
referto
Inter Stadio Friuli
Arbitro Bettin (Padova)

Milano
31 marzo 1996, ore 16:00 CEST
28ª giornata
Inter 1 – 2
referto
Fiorentina Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Trentalange (Torino)

Milano
6 aprile 1996, ore 16:00 CEST
29ª giornata
Cremonese 2 – 4
referto
Inter Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Cesari (Genova)

Milano
14 aprile 1996, ore 16:00 CEST
30ª giornata
Inter 8 – 2
referto
Padova Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Messina (Bergamo)

Milano
20 aprile 1996, ore 16:00 CEST
31ª giornata
Inter 1 – 2
referto
Juventus Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Nicchi (Arezzo)

Cagliari
28 aprile 1996, ore 16:00 CEST
32ª giornata
Cagliari 0 – 0
referto
Inter Stadio Sant'Elia
Arbitro Pairetto (Nichelino)

Milano
5 maggio 1996, ore 16:00 CEST
33ª giornata
Inter 3 – 0
referto
Bari Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Stafoggia (Pesaro)

Roma
12 maggio 1996, ore 16:00 CEST
34ª giornata
Roma 1 – 0
referto
Inter Stadio Olimpico
Arbitro Cesari (Genova)

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 1995-1996.
Venezia
30 agosto 1995, ore 20:30 CET
Secondo turno
Venezia 0 – 1 Inter Stadio Pierluigi Penzo

Fiorenzuola
24 ottobre 1995, ore 20:30 CET
Terzo turno
Fiorenzuola 1 – 2 Inter Stadio Comunale di Fiorenzuola
Arbitro Cardona (Reggio Calabria)

Milano
29 novembre 1995, ore 20:30 CET
Quarti di finale - Andata
Inter 1 – 1 Lazio Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Cesari (Genova)

Roma
12 dicembre 1995, ore 20:30 CET
Quarti di finale - Ritorno
Lazio 0 – 1 Inter Stadio Olimpico
Arbitro Collina (Viareggio)

Firenze
15 febbraio 1996, ore 20:30 CET
Semifinali - Andata
Fiorentina 3 – 1 Inter Stadio Artemio Franchi

Milano
28 febbraio 1996, ore 20:30 CET
Semifinali - Ritorno
Inter 0 – 1 Fiorentina Stadio Giuseppe Meazza

Coppa UEFA[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Coppa UEFA 1995-1996.
Lugano
12 settembre 1995, ore 20:45 (CEST)
Trentaduesimi di finale - Andata
Lugano 1 – 1 Inter Stadio comunale di Cornaredo (12.000 spett.)
Arbitro Paesi Bassi Jol

Milano
26 settembre 1995, ore 20:45 (CEST)
Trentaduesimi di finale - Ritorno
Inter 0 – 1 Lugano Stadio Giuseppe Meazza (15.955 spett.)
Arbitro Germania Weber

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 12 maggio 1996.

Competizione Punti In casa In trasferta Totale GF GS DR
G V P S G V P S G V P S
Scudetto.svg Serie A 54 17 10 4 3 17 5 5 7 34 15 9 10 51 30 +21
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia - 2 0 1 1 4 2 1 1 6 2 2 2 6 6 0
Coppauefa.png Coppa UEFA - 1 0 0 1 1 0 1 0 2 0 1 1 1 2 −1
Totale - 20 10 5 5 22 7 7 8 42 17 12 13 58 38 +20

Marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Subentrato alla 5ª giornata.
  2. ^ Subentrato alla 7ª giornata.
  3. ^ Luca Valdiserri e Giancarla Ghisi, l'Inter si infligge la punizione migliore, in Corriere della Sera, 28 agosto 1995, p. 24.
  4. ^ Luca Valdiserri e Giancarla Ghisi, l'Inter si infligge la punizione migliore, in Corriere della Sera, 28 agosto 1995, p. 24. (archiviato dall'url originale il ).
  5. ^ Panini, 12-13
  6. ^ a b Ceduto durante la sessione invernale del calciomercato.
  7. ^ a b Acquistato durante la sessione invernale del calciomercato.
  8. ^ Aggregato alla prima squadra dalla formazione Primavera.
  9. ^ Gianni Piva, COMPAGNIA VOLTI NUOVI DIRIGE IL MAESTRO INCE, in la Repubblica, 12 agosto 1995, p. 38. URL consultato il 15 gennaio 2013.
  10. ^ a b c d Acquisti e cessioni dell'Inter 1995/96, storiainter.com. URL consultato il 6 gennaio 2012.
  11. ^ La giornata, in programma per il 17 marzo 1996, viene rinviata per lo sciopero indetto dall'Associazione Italiana Calciatori. cfr. Sarà sciopero, niente partite, in Corriere della Sera, 15 marzo 1996, p. 1. (archiviato dall'url originale il ).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Calciatori 1995-96, Modena-Milano, Panini-L'Unità.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio