Arturo Di Napoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arturo Di Napoli
Arturo Di Napoli - SSC Napoli 1996-97.jpg
Di Napoli al Napoli nella stagione 1996-1997
Nazionalità Italia Italia
Altezza 178 cm
Peso 76 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 2012 - giocatore
Carriera
Giovanili
1992-1993 Inter
Squadre di club1
1993-1994 Acireale 21 (1)
1994-1995 Gualdo 31 (10)
1995-1997 Napoli 28 (5)
1997 Inter 6 (0)
1997-1998 Vicenza 25 (6)
1998-1999 Empoli 25 (11)
1999-2000 Piacenza 18 (4)
2000-2002 Venezia 60 (17)
2002-2003 Palermo 30 (8)
2003-2007 Messina 126 (43)
2007-2009 Salernitana 69 (34)
2009-2010 Messina 32 (20)
2010 Unione Venezia 11 (2)
2010-2012 Caronnese 44 (27)
Carriera da allenatore
2012 Rieti
2013 Riccione
2014 Savona
2014-2015 Vittoriosa Stars
2015-2016 Messina
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate all'8 agosto 2015

Arturo Di Napoli (Milano, 18 aprile 1974) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante.

È soprannominato Re Artù[1][2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Milano da una famiglia originaria di San Giovanni a Teduccio quartiere orientale della città di Napoli.[3]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nelle giovanili dell'Inter, nel 1993 viene ceduto in prestito dal club nerazzurro all'Acireale[4], squadra di Serie B con cui disputa 21 incontri (segnando 1 gol). Tornato all'Inter, viene prestato al Gualdo[4] in Serie C1, dove in 31 presenze mette a segno 10 reti nella stagione 1994-1995. Nel 1995 viene ceduto in comproprietà al Napoli[4], con cui esordisce nella massima categoria il 27 agosto 1995 alla prima giornata subentrando al 37' al posto di Alain Boghossian e mette a segno il suo primo gol in Serie A il 23 dicembre 1995 segnando il gol che accorciò le distanze in Sampdoria-Napoli poi terminata 2-2. A fine campionato colleziona 27 partite e 5 reti. Nella stagione successiva si divide tra i campani e l'Inter (che lo riscatta a gennaio)[5], per un totale di 7 presenze senza reti.

Nelle due annate successive gioca in prestito al Vicenza[5] (24 presenze impreziosite da 6 gol in Serie A) e all'Empoli[5], col quale retrocede in Serie B ma segna 11 reti in 25 partite nella stagione 1998-1999. Nella stagione 1999-2000 viene ceduto definitivamente al Piacenza per 8 miliardi di lire[6], non riuscendo a evitare la retrocessione in Serie B. Viene quindi ceduto al Venezia in cambio di Sergio Volpi[7]: con i lagunari segna 16 gol nella stagione 2000-2001 e conquista la promozione in Serie A. Non riesce a ripetersi nella stagione successiva, in Serie A (una sola rete in 25 presenze), e nel 2002 viene acquistato dal Palermo, nell'ambito del passaggio di diversi giocatori e del presidente Maurizio Zamparini dalla società veneta a quella siciliana[8]; con i rosanero mette a segno 8 reti nella serie cadetta, svincolandosi a fine stagione.[9]

Messina[modifica | modifica wikitesto]

Di Napoli in azione al Messina nel 2005

Nell'estate 2003, dopo un periodo in prova con la squadra turca del Beşiktaş,[10] viene acquistato dal Messina[11], con cui gioca fino al 2007. Con i giallorossi ottiene la promozione in Serie A, grazie anche alle sue 19 realizzazioni[11], e nella stagione 2004-2005 è uno degli artefici del 7º posto della squadra siciliana, segnando 9 gol. Nella stagione 2005-2006 supera il suo record di reti in massima serie andando in gol 13 volte.

Salernitana[modifica | modifica wikitesto]

Di Napoli nel 2008 a un incontro con i tifosi della Salernitana

Nel luglio 2007 raggiunge l'accordo con la Salernitana firmando un contratto triennale. Durante il campionato di Serie C1 realizza 21 reti, trascinando i granata alla vittoria del girone B e alla promozione in Serie B, fregiandosi anche del titolo di capocannoniere. Nella stagione successiva riesce con 13 reti a dare il suo contributo alla squadra granata che ottiene la salvezza nell'ultimo turno in casa del Mantova (a entrambe le squadre bastava un punto). All'inizio della stagione 2009-2010, Di Napoli è tesserato con la Salernitana ma non viene inserito nella lista consegnata in Lega per partecipare al campionato di Serie B; infatti il 4 settembre rescinde consensualmente il contratto che lo legava al club campano[12].

I ritorni a Messina e Venezia, la Caronnese[modifica | modifica wikitesto]

A trentacinque anni Di Napoli torna ad accasarsi al Messina[12], con cui mette a segno 20 reti in Serie D. Il 1º settembre 2010 si trasferisce al Venezia[13], avviando nel frattempo una trattativa per l'acquisto del Messina insieme a diversi imprenditori[14][15][16]. Dopo 11 presenze e due reti col Venezia, il 2 dicembre 2010 passa all'Insubria Caronnese, squadra militante in Serie D[17][18], segnando subito all'esordio. Giocherà 18 partite segnando 12 gol e portando la squadra varesotta dalle ultime posizioni all'esclusione dai play-off per differenza reti[19]. A fine stagione si svincola[20], per poi tornare a giocare in Serie D con la Caronnese, con cui chiude nel 2012 la sua carriera da calciatore.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 luglio 2012 inizia la sua carriera da allenatore al Rieti, militante in Eccellenza Lazio[21][22]. Si dimette dall'incarico il 22 novembre successivo, a causa di contrasti con la società e motivi familiari[23]. Il 5 agosto 2013 si accorda con il Riccione, militante in Serie D[24], ma a dicembre rassegna le dimissioni a causa dello smantellamento della squadra dovuta ai problemi societari del club[25].

La stagione successiva arriva il salto in Lega Pro: il 26 luglio 2014 diventa infatti l'allenatore del Savona, firmando un contratto annuale[26], ma il 18 dicembre dello stesso anno viene esonerato. Il 29 dicembre dello stesso anno firma per il Vittoriosa Stars, squadra che milita in First Division, la serie B maltese[27].

L'8 agosto 2015 diventa ufficialmente allenatore del Messina, dopo aver partecipato alla cordata per l'acquisizione della società stessa[28]. Successivamente, il 9 marzo 2016 lascia la panchina peloritana a seguito della squalifica per quattro anni nello scandalo calcioscommesse, ridotta in secondo grado a tre anni e sei mesi.[29]

Nell’agosto 2017 arriva - per effetto di un patteggiamento - una ulteriore pena di tre mesi di squalifica (in continuazione con la precedente) con l’aggiunta di un’ammenda di 8.000 euro. A seguito del mancato versamento della somma entro i 30 giorni previsti, l’11 aprile 2017 il Tribunale federale ha dichiarato decaduto l’accordo e, tenuto conto della memoria difensiva, che informava di un ricovero per problemi di salute, ha irrogato a Di Napoli una pena di cinque mesi di squalifica (sempre da sommare a quella di tre anni e mezzo), con conferma dell’ammenda di 8.000 euro.[30]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1993-1994 Italia Acireale B 21 0 CI 0 0 - - - - 21 0
1994-1995 Italia Gualdo C1 31 10 CI 0 0 - - - - 31 10
1995-1996 Italia Napoli A 27 5 CI 0 0 - - - - 27 5
1996-gen. 1997 A 1 0 CI 0 0 - - - - 1 0
Totale Napoli 28 5 0 0 28 5
gen.-giu. 1997 Italia Inter A 6 0 CI 0 0 CU 0 0 - - 6 0
1997-1998 Italia Vicenza A 24 6 CI 0 0 CdC 1 0 - - 25 6
ago. -ott. 1998 A 1 0 CI 0 0 - - - - 1 0
Totale Vicenza 25 6 0 0 1 0 26 6
ott. 1998-1999 Italia Empoli A 25 11 CI 0 0 - - - - 25 11
1999-2000 Italia Piacenza A 18 4 CI 3 0 - - - - 21 4
2000-2001 Italia Venezia B 35 16 CI 0 0 - - - - 35 16
2001-2002 A 25 1 CI 0 0 - - - - 25 1
2002-2003 Italia Palermo B 30 8 CI 0 0 - - - - 30 8
2003-2004 Italia Messina B 39 19 CI 0 0 - - - - 39 19
2004-2005 A 29 9 CI 0 0 - - - - 29 9
2005-2006 A 36 13 CI 0 0 - - - - 36 13
2006-2007 A 22 2 CI 3 3 - - - - 25 5
2007-2008 Italia Salernitana C1 32 21 CI 0 0 - - - - 32 21
2008-2009 B 37 13 CI 3 2 - - - - 40 15
Totale Salernitana 69 34 3 2 72 36
2009-2010 Italia Messina D 32 20 CI 0 0 - - - - 32 20
Totale Messina 161 66 3 3 - - - - 161 66
ago.-dic. 2010 Italia Venezia D 11 2 CI 0 0 - - - - 11 2
Totale Venezia 71 19 0 0 - - - - 71 19
dic. 2010-2011 Italia Caronnese D 18 12 CI 0 0 - - - - 18 12
2011-2012 D 26 15 CI 0 0 - - - - 26 15
Totale Caronnese 44 27 0 0 44 27
Totale carriera 526 187 6 2 1 0 533 189

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Salernitana: 2007-2008 (girone B)

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

  • Capocannoniere del campionato italiano di Serie C1: 1
2007-2008 (21 gol)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Messina perde Re Artù... e un pezzo di storia! informandonline.wordpress.com
  2. ^ I neroverdi puntano 'Re Artù' Archiviato il 7 agosto 2009 in Internet Archive. Calciomercato.it
  3. ^ Il romanzo del grande Napoli (PDF)
  4. ^ a b c Acquisti e cessioni 1990-1995 Archiviato il 25 settembre 2011 in Internet Archive. storiainter.com
  5. ^ a b c Acquisti e cessioni 1996-2000 Archiviato il 25 settembre 2011 in Internet Archive. storiainter.com
  6. ^ Lippi ora chiede Seedorf repubblica.it
  7. ^ Acquisti e cessioni 2000-2001 storiapiacenza1919.it
  8. ^ Palermo alla veneziana, missione compiuta repubblica.it
  9. ^ Luigi Tripisciano, Album rosanero, Palermo, Flaccovio Editore, giugno 2004, p. 91, ISBN 88-7804-260-9.
  10. ^ Di Napoli, niente Blackburn. Va al Besiktas Repubblica.it
  11. ^ a b Stagione 2003/04 Messinastory.it
  12. ^ a b Di Napoli rescinde con la Salernitana calcioblog.it
  13. ^ Clamoroso: torna Re Artù Di Napoli[collegamento interrotto] Vesport.it
  14. ^ Acquisto Messina, Di Napoli garante di una cordata Notiziariocalcio.com
  15. ^ Messina, in corso l'incontro con la cordata di Di Napoli Notiziariocalcio.com
  16. ^ Acquisto del Messina, Arturo Di Napoli: "La trattativa non è chiusa" Notiziariocalcio.com
  17. ^ Re Artù approda a Caronno Caronnese.it
  18. ^ La Caronnese ingaggia Re Artù Varesenews.it
  19. ^ La Caronnese chiude in bellezza la stagione sportiva Caronnese.it
  20. ^ Lista Calciatori Svincolati giugno 2011[collegamento interrotto] Infocalciatori.com
  21. ^ UFFICIALE: Rieti, Arturo Di Napoli è il nuovo tecnico Tuttomercatoweb.com
  22. ^ Parte la stagione del Rieti calcio agli ordini di mister Di Napoli, Il Messaggero, 25 luglio 2012
  23. ^ Di Napoli lascia, il Rieti nel caos. Trattative con Scarfini e Danza, Il Messaggero, 23 novembre 2012
  24. ^ Calcio Serie D: "Re Artù" Di Napoli è il nuovo allenatore del Riccione Altarimini.it, 5 agosto 2013
  25. ^ Calcio Serie D: il Riccione smobilita, dimissioni di Di Napoli. La squadra affonda con il San Colombano Altarimini.it
  26. ^ Arturo Di Napoli allenatore del Savona Fbc Archiviato il 8 agosto 2014 in Internet Archive. Savonafbc.it
  27. ^ Re Artù è già a Malta: ecco tutte le foto, in alfredopedulla.it, 30 dicembre 2014. URL consultato il 31 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 31 dicembre 2014).
  28. ^ Il nuovo Messina si presenta: "La città deve esplodere di entusiasmo" Messinanelpallone.it
  29. ^ Calcioscommesse: ecco le sentenze di 2º grado, su alfredopedulla.com. URL consultato l'8 marzo 2016 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2016).
  30. ^ http://www.tuttolegapro.com/altre-news/omessa-denuncia-decade-il-patteggiamento-ancora-una-squalifica-per-di-napoli-141595

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]