Football Club Internazionale Milano 2016-2017

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Football Club Internazionale Milano
Dnepr-Lazio (10).jpg
Stefano Pioli, in panchina dall'8 novembre 2016 al 9 maggio 2017
Stagione 2016-2017
AllenatorePaesi Bassi Frank De Boer
Italia Stefano Vecchi[1]
Italia Stefano Pioli[2]
All. in secondaPaesi Bassi Orlando Trustfull
Italia Luca Facchetti[1]
Italia Giacomo Murelli[2]
PresidenteIndonesia Erick Thohir
Serie A7º posto
Coppa ItaliaQuarti di finale
Europa LeagueFase a gironi
Maggiori presenzeCampionato: Candreva (38)
Totale: Candreva (45)
Miglior marcatoreCampionato: Icardi (24)
Totale: Icardi (26)
StadioGiuseppe Meazza (80 018)
Maggior numero di spettatori78 328 vs. Milan (15 aprile 2017)
Minor numero di spettatori14 856 vs. Sparta Praga (8 dicembre 2016)
Media spettatori46 622¹
¹ considera le partite giocate in casa in campionato.
Dati aggiornati al 28 maggio 2017

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti il Football Club Internazionale Milano nelle competizioni ufficiali della stagione 2016-2017.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

L'estate 2016, la prima con il Suning Commerce Group a capo della società, è segnata da polemiche tra la nuova dirigenza e il tecnico Roberto Mancini.[3] Dopo aver minacciato a più riprese di non rinnovare il contratto[4], lo jesino - reduce da un biennio in cui ha ottenuto un ottavo e un quarto posto[5] - rassegna le proprie dimissioni, a due settimane dall'inizio del campionato.[6] Per sostituirlo[7], il club sceglie l'olandese Frank de Boer che alla guida dell'Ajax ha vinto per 4 anni di seguito l'Eredivisie.[8] La partenza a rilento, con un solo punto conquistato nel mese di agosto[9], lo pone subito nel mirino della critica.[10] Pur avendo investito ingenti somme sul mercato[11], la società è costretta a disputare l'Europa League con una rosa tagliata di 4 elementi (facendo risultare il totale di 21 giocatori, anziché 25) a causa delle restrizioni imposte dall'Uefa per il mancato allineamento al fair play finanziario[12]: l'esclusione dal torneo interessa i nuovi acquisti João Mário e Gabriel Barbosa, oltre a Kondogbia e Jovetić.[13]

Malgrado l'avvicendamento in panchina, la squadra esibisce una continuità negativa con il vecchio corso riproponendo - anche in questa stagione - prestazioni deludenti contro avversarie più deboli[14][15], faticando al contempo nell'avere un'idea di gioco ben definita.[16] Mancando una coesione di gruppo, le vittorie sono spesso legate ai gol dei singoli: in particolare del capitano Icardi[17], che trova nell'ala Perišić un valido partner offensivo.[18] De Boer non riesce comunque a mantenere il controllo della squadra[19], facilmente soggetta a cali di concentrazione e vulnerabile in difesa: in 14 partite Handanovič deve raccogliere dalla sua porta ben 19 palloni[20], la maggior parte dei quali comportano il vantaggio dell'avversario di turno.[21][22] Il tecnico viene così esonerato tra l'undicesima e la dodicesima giornata[23][24], col suo posto preso - temporaneamente - da Stefano Vecchi (già responsabile della Primavera).[25] Le uniche partite in cui quest'ultimo allena l'Inter sono contro il Southampton in coppa (dove la sconfitta costa, di fatto, l'eliminazione nella fase a gruppi[26]) e il Crotone in campionato, portando i nerazzurri ad avere 18 punti in classifica alla sosta di novembre.[27] Alla ripresa, la Beneamata è guidata da Stefano Pioli che nell'aprile precedente era stato esonerato dalla Lazio.[28] Dopo un'iniziale fase di assestamento[29], culminata nell'inevitabile fallimento europeo[30][31], l'Inter pare riacquistare convinzione e spessore.[32] In campionato, tra il 16º e il 28º turno, i nerazzurri tengono un ritmo da vertice conquistando 33 punti sui 39 disponibili.[33][34][35] Soltanto la Juventus e la Roma, rispettivamente prima e seconda in classifica, riescono a battere i milanesi.[36] Il lavoro di Pioli sembra dare i suoi frutti, tanto che alla sosta di marzo (dopo la 29ª giornata) la squadra - reduce dalle larghe vittorie contro Cagliari e Atalanta[37][38] e dal pari con il Torino[39] - condivide il quinto posto con gli orobici, in corsa per la qualificazione all'Europa League.[40]

Nella parte finale di stagione, tuttavia, la squadra getta via quanto di buono aveva fatto.[41] Durante il mese di aprile conquista un solo punto[42], giunto per altro a causa del pareggio-beffa nel derby[43]; il rallentamento permette al Milan di superare i rivali cittadini[44], complice anche il periodo di crisi attraversato dalla Fiorentina.[45] Dopo la sconfitta con il Genoa[46], anche Pioli conosce l'esonero.[47] Per le ultime 3 giornate, viene così richiamato Vecchi (i cui ragazzi - nel frattempo - hanno raggiunto la finale del Campionato di categoria).[48] In occasione della sconfitta interna con il Sassuolo (che allunga a 8 le partite senza successi, statistica negativa che trova eguali solamente nel 1947 e 1982) l'Inter viene contestata dai suoi tifosi, che decidono di abbandonare lo stadio dopo 20'.[49] Alla penultima giornata, la vittoria del Milan contro il Bologna esclude matematicamente i nerazzurri dall'Europa poiché l'ultimo posizione disponibile (la sesta) viene centrata dai rossoneri.[50] Battendo l'Udinese nel turno di chiusura, la formazione finisce al settimo posto dietro allo stesso Diavolo.[51] Così come nel 2014-15 rimane esclusa dalle coppe per un solo punto, poiché agganciando i rivali (con gli scontri diretti in equilibrio) li avrebbe superati grazie al maggior numero di reti segnate.[52]

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Lo sponsor tecnico per la stagione 2016-2017 è Nike, mentre gli sponsor ufficiali sono Pirelli e Driver (marchio collegato alla stessa Pirelli), quest'ultimo sul fondoschiena. La prima maglia si presenta a righe verticali nerazzurre, rese più vivaci e dinamiche mediante una particolare grafica a linee ondulate, mentre le spalle e le maniche sono ricoperte di nero; i calzettoni sono gialli, così come le personalizzazioni dei giocatori.[53] La seconda maglia è invece bianca con le maniche cinte di nerazzurro; bianchi sono anche i pantaloncini mentre i calzettoni sono azzurri.[53] La terza divisa, utilizzata per la prima volta all'esordio in Europa League, si caratterizza per un motivo a righe orizzontali, formate dai colori azzurro e verde elettrico; pantaloncini e calzettoni sono verdi.[54]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Terza divisa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1ª portiere
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2ª portiere
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
3ª portiere

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva

  • Presidente: Erick Thohir.
  • Vicepresidente: Javier Zanetti.
  • Consiglio di Amministrazione: Ren Jun, Mi Xin, Liu Jun, Yang Yang, Steven Zhang, Michael Bolingbroke,[55] Gong Zhenyu, Erick Thohir, Handy Soetedjo, Nicola Volpi.
  • Collegio sindacale. Sindaci effettivi: Simone Marchiò, Luca Nicodemi, Giacomo Perrone.
  • Advisory Board: Milly Moratti.
  • Amministratore delegato: Michael Bolingbroke,[55] poi Liu Jun.
  • Direttore sportivo: Piero Ausilio.
  • Corporate Director: Michael Williamson.
  • Chief Football Administrator: Giovanni Gardini.
  • Direttore della Comunicazione: Robert Faulkner.
  • Chief Revenue Officer: Michael Gandler.
  • Chief Operative Officer: Alessandro Antonello.
  • Chief Financial Officer: Tim Williams.
  • Venue Commercial Director: David Garth.
  • Marketing Director: Maria Laura Albini.
  • Team Manager: Fabio Pinna.
  • Segretario Generale: Massimo Cosentino.
  • Responsabile Osservatori Prima Squadra: Massimiliano Mirabelli[56]
  • Direttore Settore Giovanile: Roberto Samaden.
  • Responsabile Osservatori Estero - Settore Giovanile: Pierluigi Casiraghi.
  • Responsabile Organizzativo Settore Giovanile: Alberto Celario.
  • Direttore risorse umane: Ilaria Quattrociocche.
  • Real Estate Operations: Mauro Ferrara.

Area comunicazione

  • Responsabile Information Technology: Riccardo Tinnirello.
  • Responsabile Ufficio Stampa e Contenuti Editoriali: Leo Picchi.
  • Responsabile Rapporti con i Media ed Eventi di Comunicazione: Luigi Crippa.
  • Ufficio Stampa: Daria Nicoli, Andrea Dal Canton, Davide Civoli.
  • Presidente Onorario Inter Club: Bedy Moratti.

Area tecnica

  • Allenatore: Frank De Boer, poi Stefano Vecchi,[1] poi Stefano Pioli[2]
  • Allenatore in seconda: Orlando Trustfull, poi Luca Facchetti,[1] poi Giacomo Murelli[2]
  • Collaboratori tecnici: Michel Kreek,[57] Michele Santoni,[57] Davide Lucarelli[58] Walter Samuel.[58]
  • Responsabile preparatori atletici: Alessandro Schoenmaker[57]
  • Preparatori atletici: Andrea Scanavino, Giuseppe Bellistri; Matteo Osti,[58] Francesco Perondi.[58]
  • Allenatore portieri: Adriano Bonaiuti.
  • Football Analyst: Michele Salzarulo.
  • Coordinatore staff medico: Piero Volpi.
  • Medico sociale: Daniele Casalini.
  • Medico: Alessandro Corsini.
  • Coordinatore fisioterapisti: Marco Dellacasa.
  • Fisioterapisti: Massimo Dellacasa, Andrea Belli, Marco Frigerio e Agostino Alessio.

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Rosa e numerazione aggiornate al 31 gennaio 2017.[59]

N. Ruolo Giocatore
1 Slovenia P Samir Handanovič
2 Italia D Marco Andreolli
5 Brasile C Felipe Melo[60]
5 Italia C Roberto Gagliardini[61]
6 Portogallo C João Mário
7 Francia C Geoffrey Kondogbia
8 Argentina A Rodrigo Palacio
9 Argentina A Mauro Icardi (capitano)
10 Montenegro A Stevan Jovetić[60]
11 Francia A Jonathan Biabiany
13 Italia D Andrea Ranocchia[60]
15 Argentina D Cristian Ansaldi
17 Cile C Gary Medel
19 Argentina C Éver Banega
20 Australia D Trent Sainsbury[61]
21 Italia D Davide Santon
N. Ruolo Giocatore
23 Italia A Éder
24 Colombia D Jeison Murillo
25 Brasile D Miranda (vice capitano)
27 Costa d'Avorio C Assane Gnoukouri[60]
30 Argentina P Juan Pablo Carrizo
33 Italia D Danilo D'Ambrosio
44 Croazia A Ivan Perišić
46 Italia P Tommaso Berni
55 Giappone D Yūto Nagatomo
77 Croazia C Marcelo Brozović
87 Italia C Antonio Candreva
94 Costa d'Avorio D Eloge Yao
95 Belgio D Senna Miangue[60]
96 Brasile A Gabriel Barbosa
97 Romania P Ionuț Andrei Radu

Aggregati dalla Primavera[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
40 Belgio D Zinho Vanheusden
41 Francia D Andrew Gravillon
42 Honduras C Rigoberto Rivas
43 Belgio C Xian Ghislaine Emmers
N. Ruolo Giocatore
91 Italia C Loris Zonta[60]
92 Italia P Michele Di Gregorio
93 Francia A Axel Mohamed Bakayoko
98 Italia C Marco Carraro
99 Italia A Andrea Pinamonti

Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

Sessione estiva (dal 1º luglio al 31 agosto)[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
D Marco Andreolli Siviglia fine prestito
D Cristian Ansaldi Genoa definitivo (9,8 milioni €)
D Cristiano Biraghi Granada fine prestito
D Federico Dimarco Ascoli fine prestito
D Dodô Roma riscatto cartellino (7,8 milioni €)
D Caner Erkin Fenerbahçe svincolato
D Andrea Ranocchia Sampdoria fine prestito
C Éver Banega Siviglia svincolato
C Marcelo Brozović Dinamo Zagabria riscatto cartellino (5 milioni €)
C Antonio Candreva Lazio definitivo (22 milioni €) più bonus (3 milioni €)
C João Mário Sporting Lisbona definitivo (40 milioni €) più bonus (5 milioni €)
A Gabriel Barbosa Santos definitivo (29,5 milioni €)
A Gianluca Caprari Pescara definitivo (4,5 milioni €)
A Rey Manaj Cremonese riscatto cartellino (0,5 milioni €)
Altre operazioni
R. Nome da Modalità
P Raffaele Di Gennaro Latina fine prestito
D Andrea Bandini Südtirol fine prestito
D Isaac Donkor Bari fine prestito
D Simone Pasa Pordenone fine prestito
D Eloge Koffi Yao Guy Crotone fine prestito
C Niccolò Belloni Ternana fine prestito
C Daniel Bessa Como fine prestito
C Gaston Camara Modena fine prestito
C Andrea Palazzi Livorno fine prestito
C Andrea Romanò Renate fine prestito
C Lorenzo Tassi Savona fine prestito
A Evans Kondogbia Jumilla fine prestito
A Samuele Longo Frosinone fine prestito
A George Pușcaș Bari fine prestito
Cessioni
R. Nome a Modalità
D Cristiano Biraghi Pescara definitivo (4 milioni €)
D Federico Dimarco Empoli prestito con diritto di riscatto (3 milioni €) e controriscatto (3,5 milioni €)
D Dodô Sampdoria prestito biennale con obbligo di riscatto (5 milioni €)
D Juan Jesus Roma prestito (2 milioni €) con obbligo di riscatto condizionato al verificarsi di determinate situazioni sportive (8 milioni €)
D Alex Telles Galatasaray fine prestito
D Caner Erkin Beşiktaş prestito con diritto di riscatto (1 milione €)
C Lorenzo Crisetig Bologna definitivo (2,7 milioni €)
C Diego Laxalt Genoa definitivo (7,8 milioni €)
C Adem Ljajić Roma fine prestito
A Gianluca Caprari Pescara prestito
A Rey Manaj Pescara prestito
Altre operazioni
R. Nome a Modalità
P Francesco Bardi Frosinone rinnovo prestito con diritto di riscatto e controriscatto
P Raffaele Di Gennaro Ternana prestito
D Rodrigo Alborno Libertad svincolato
D Andrea Bandini Mantova prestito
D Isaac Donkor Avellino prestito con diritto di riscatto e controriscatto
D Bright Gyamfi Benevento prestito con diritto di riscatto
D Simone Pasa Cittadella svincolato
D Răzvan Ștefan Popa Real Saragozza definitivo (100 mila €)
C Niccolò Belloni Avellino prestito con diritto di riscatto e controriscatto
C Daniel Bessa Verona prestito con obbligo di riscatto (1,2 milioni €)
C Gaston Camara Brescia prestito con diritto di riscatto e controriscatto
C Pedro Delgado Sporting Lisbona definitivo (2 milioni €)
C Andrea Palazzi Pro Vercelli prestito con diritto di riscatto e controriscatto
C Andrea Romanò Reggina prestito
C Lorenzo Tassi Avellino prestito con diritto di riscatto e controriscatto
A José Correia Tondela prestito
A Evans Kondogbia Foligno svincolato
A Samuele Longo Girona prestito
A George Puscas Benevento prestito con diritto di riscatto e controriscatto
A Boris Rapaić Hajduk Spalato fine prestito

Sessione invernale (dal 3 al 31 gennaio)[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
D Trent Sainsbury Jiangsu Suning prestito
C Roberto Gagliardini Atalanta prestito (2 milioni €) con obbligo di riscatto (20 milioni €)
Altre operazioni
R. Nome da Modalità
D Isaac Donkor Avellino fine prestito
C Lorenzo Tassi Avellino fine prestito
A José Correia Tondela fine prestito
A Rey Manaj Pescara fine prestito
A Roberto Ogunseye Prato fine prestito
Cessioni
R. Nome a Modalità
D Senna Miangue Cagliari prestito con diritto di riscatto e controriscatto
D Andrea Ranocchia Hull City prestito (1.3 milioni €)
C Assane Gnoukouri Udinese prestito con diritto di riscatto (4 milioni €)
C Felipe Melo Palmeiras prestito
A Stevan Jovetić Siviglia prestito oneroso con diritto di riscatto (14 milioni €)
Altre operazioni
R. Nome da Modalità
D Isaac Donkor Cesena prestito
C Lorenzo Tassi Feralpisalò prestito
C Loris Zonta Pisa prestito
A José Correia Marbella prestito
A Rey Manaj Pisa prestito
A Roberto Ogunseye Olbia prestito

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie A 2016-2017.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Verona
21 agosto 2016, ore 20:45 CEST
1ª giornata
Chievo 2 – 0
referto
Inter Stadio Marcantonio Bentegodi (24.000 spett.)
Arbitro Irrati (Pistoia)

Milano
28 agosto 2016, ore 18:00 CEST
2ª giornata
Inter 1 – 1
referto
Palermo Stadio Giuseppe Meazza (40.527 spett.)
Arbitro Russo (Nola)

Pescara
11 settembre 2016, ore 20:45 CEST
3ª giornata
Pescara 1 – 2
referto
Inter Stadio Adriatico-Giovanni Cornacchia (20.088 spett.)
Arbitro Damato (Barletta)

Milano
18 settembre 2016, ore 18:00 CEST
4ª giornata
Inter 2 – 1
referto
Juventus Stadio Giuseppe Meazza (76.484 spett.)
Arbitro Tagliavento (Terni)

Empoli
21 settembre 2016, ore 20:45 CEST
5ª giornata
Empoli 0 – 2
referto
Inter Stadio Carlo Castellani (10.554 spett.)
Arbitro Guida (Torre Annunziata)

Milano
25 settembre 2016, ore 15:00 CEST
6ª giornata
Inter 1 – 1
referto
Bologna Stadio Giuseppe Meazza (42.274 spett.)
Arbitro Celi (Bari)

Roma
2 ottobre 2016, ore 20:45 CEST
7ª giornata
Roma 2 – 1
referto
Inter Stadio Olimpico (36.340 spett.)
Arbitro Banti (Livorno)

Milano
16 ottobre 2016, ore 15:00 CEST
8ª giornata
Inter 1 – 2
referto
Cagliari Stadio Giuseppe Meazza (43.757 spett.)
Arbitro Paolo Valeri (Roma)

Bergamo
23 ottobre 2016, ore 15:00 CEST
9ª giornata
Atalanta 2 – 1
referto
Inter Stadio Atleti Azzurri d'Italia (18.159 spett.)
Arbitro Doveri (Roma)

Milano
26 ottobre 2016, ore 20:45 CEST
10ª giornata
Inter 2 – 1
referto
Torino Stadio Giuseppe Meazza (36.446 spett.)
Arbitro Davide Massa (Imperia)

Genova
30 ottobre 2016, ore 20:45 CET
11ª giornata
Sampdoria 1 – 0
referto
Inter Stadio Luigi Ferraris (20.906 spett.)
Arbitro Mazzoleni (Bergamo)

Milano
6 novembre 2016, ore 18:00 CET
12ª giornata
Inter 3 – 0
referto
Crotone Stadio Giuseppe Meazza (40.626 spett.)
Arbitro Calvarese (Teramo)

Milano
20 novembre 2016, ore 20:45 CET
13ª giornata
Milan 2 – 2
referto
Inter Stadio Giuseppe Meazza (77.882 spett.)
Arbitro Tagliavento (Terni)

Milano
28 novembre 2016, ore 21:00 CET
14ª giornata
Inter 4 – 2
referto
Fiorentina Stadio Giuseppe Meazza (40.588 spett.)
Arbitro Damato (Barletta)

Napoli
2 dicembre 2016, ore 20:45 CET
15ª giornata
Napoli 3 – 0
referto
Inter Stadio San Paolo (32.341 spett.)
Arbitro Rizzoli (Bologna)

Milano
11 dicembre 2016, ore 20:45 CET
16ª giornata
Inter 2 – 0
referto
Genoa Stadio Giuseppe Meazza (33.788 spett.)
Arbitro Valeri (Roma)

Reggio nell'Emilia
18 dicembre 2016, ore 12:30 CET
17ª giornata
Sassuolo 0 – 1
referto
Inter Mapei Stadium-Città del Tricolore (15.221 spett.)
Arbitro Di Bello (Brindisi)

Milano
21 dicembre 2016, ore 20:45 CET
18ª giornata
Inter 3 – 0
referto
Lazio Stadio Giuseppe Meazza (37.868 spett.)
Arbitro Mazzoleni (Bergamo)

Udine
8 gennaio 2017, ore 12:30 CET
19ª giornata
Udinese 1 – 2
referto
Inter Stadio Friuli (25.952 spett.)
Arbitro Doveri (Roma)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Milano
14 gennaio 2017, ore 20:45 CET
20ª giornata
Inter 3 – 1
referto
Chievo Stadio Giuseppe Meazza (34.255 spett.)
Arbitro Piero Giacomelli (Trieste)

Palermo
22 gennaio 2017, ore 15:00 CET
21ª giornata
Palermo 0 – 1
referto
Inter Stadio Renzo Barbera (16.436 spett.)
Arbitro Massimiliano Irrati (Firenze)

Milano
28 gennaio 2017, ore 20:45 CET
22ª giornata
Inter 3 – 0
referto
Pescara Stadio Giuseppe Meazza (38.968 spett.)
Arbitro Gianpaolo Calvarese (Teramo)

Torino
5 febbraio 2017, ore 20:45 CET
23ª giornata
Juventus 1 – 0
referto
Inter Juventus Stadium (41.408 spett.)
Arbitro Rizzoli (Bologna)

Milano
12 febbraio 2017, ore 15:00 CET
24ª giornata
Inter 2 – 0
referto
Empoli Stadio Giuseppe Meazza (40.868 spett.)
Arbitro Celi (Bari)

Bologna
19 febbraio 2017, ore 12:30 CET
25ª giornata
Bologna 0 – 1
referto
Inter Stadio Renato Dall'Ara (28.066 spett.)
Arbitro Mazzoleni (Bergamo)

Milano
26 febbraio 2017, ore 20:45 CET
26ª giornata
Inter 1 – 3
referto
Roma Stadio Giuseppe Meazza (58.652 spett.)
Arbitro Tagliavento (Terni)

Cagliari
5 marzo 2017, ore 15:00 CET
27ª giornata
Cagliari 1 – 5
referto
Inter Stadio Sant'Elia (15.649 spett.)
Arbitro Di Bello (Brindisi)

Milano
12 marzo 2017, ore 15:00 CET
28ª giornata
Inter 7 – 1
referto
Atalanta Stadio Giuseppe Meazza (59.359 spett.)
Arbitro Irrati (Firenze)

Torino
18 marzo 2017, ore 18:00 CET
29ª giornata
Torino 2 – 2
referto
Inter Stadio Olimpico Grande Torino (26.500 spett.)
Arbitro Banti (Livorno)

Milano
3 aprile 2017, ore 21:00 CEST
30ª giornata
Inter 1 – 2
referto
Sampdoria Stadio Giuseppe Meazza (47.043 spett.)
Arbitro Celi (Bari)

Crotone
9 aprile 2017, ore 15:00 CEST
31ª giornata
Crotone 2 – 1
referto
Inter Stadio Ezio Scida (13.967 spett.)
Arbitro Guida (Torre Annunziata)

Milano
15 aprile 2017, ore 12:30 CEST
32ª giornata
Inter 2 – 2
referto
Milan Stadio Giuseppe Meazza (78.328 spett.)
Arbitro Orsato (Schio)

Firenze
23 aprile 2017, ore CEST
33ª giornata
Fiorentina 5 – 4
referto
Inter Stadio Artemio Franchi (30.001 spett.)
Arbitro Valeri (Roma)

Milano
30 aprile 2017, ore CEST
34ª giornata
Inter 0 – 1
referto
Napoli Stadio Giuseppe Meazza (57.076 spett.)
Arbitro Rocchi (Firenze)

Genova
7 maggio 2017, ore CEST
35ª giornata
Genoa 1 – 0
referto
Inter Stadio Luigi Ferraris (20.980 spett.)
Arbitro Damato (Barletta)

Milano
14 maggio 2017, ore CEST
36ª giornata
Inter 1 – 2
referto
Sassuolo Stadio Giuseppe Meazza (42.222 spett.)
Arbitro Massa (Imperia)

Roma
21 maggio 2017, ore 20:45 CEST
37ª giornata
Lazio 1 – 3
referto
Inter Stadio Olimpico (30.000 spett.)
Arbitro Di Bello (Brindisi)

Milano
28 maggio 2017, ore 20:45 CEST
38ª giornata
Inter 5 – 2
referto
Udinese Stadio Giuseppe Meazza (36.689 spett.)
Arbitro Di Paolo (Avezzano)

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 2016-2017.

Fase finale[modifica | modifica wikitesto]

Milano
17 gennaio 2017, ore 21:00 CET
Ottavi di finale
Inter 3 – 2
(d.t.s.)
referto
Bologna Stadio Giuseppe Meazza (23.478 spett.)
Arbitro Mariani (Roma)

Milano
31 gennaio 2017, ore 20:45 CET
Quarti di finale
Inter 1 – 2
referto
Lazio Stadio Giuseppe Meazza (31.757 spett.)
Arbitro Guida (Torre Annunziata)

UEFA Europa League[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: UEFA Europa League 2016-2017.

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Milano
15 settembre 2016, ore 21:05 CEST
1ª giornata
Inter 0 – 2
referto
Hapoel Be'er Sheva Stadio Giuseppe Meazza (16.778 spett.)
Arbitro Danimarca Kehlet

Praga
29 settembre 2016, ore 19:00 CEST
2ª giornata
Sparta Praga 3 – 1
referto
Inter Stadion Letná (14.651 spett.)
Arbitro Portogallo Soares Dias

Milano
20 ottobre 2016, ore 19:00 CEST
3ª giornata
Inter 1 – 0
referto
Southampton Stadio Giuseppe Meazza (26.719 spett.)
Arbitro Lituania Mazeika

Southampton
3 novembre 2016, ore 21:05 CET
4ª giornata
Southampton 2 – 1
referto
Inter St Mary's Stadium (30.389 spett.)
Arbitro Polonia Gil

Be'er Sheva
24 novembre 2016, ore 19:00 CET
5ª giornata
Hapoel Be'er Sheva 3 – 2
referto
Inter Turner Stadium (15.973 spett.)
Arbitro Spagna Estrada Fernández

Milano
8 dicembre 2016, ore 21:05 CET
6ª giornata
Inter 2 – 1
referto
Sparta Praga Stadio Giuseppe Meazza (14.856 spett.)
Arbitro Belgio Vertenten

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Competizione Punti In casa In trasferta Totale D.R.
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
Scudetto.svg Serie A 62 19 11 3 5 45 22 19 8 2 9 27 27 38 19 5 14 72 49 +23
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia quarti di finale 2 1 0 1 4 4 0 0 0 0 0 0 2 1 0 1 4 4 0
Coppauefa.png UEFA Europa League 6 3 2 0 1 3 3 3 0 0 3 4 8 6 2 0 4 7 11 -4
Totale 24 14 3 7 52 27 22 8 2 12 31 35 46 22 5 19 83 64 +19

Andamento in campionato[modifica | modifica wikitesto]

Giornata 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38
Luogo T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C
Risultato P N V V V N P P P V P V N V P V V V V V V V P V V P V V N P P N P P P P V V
Posizione 19 17 10 7 3 3 9 13 14 10 13 9 9 8 10 8 7 7 7 6 5 4 5 4 4 6 6 5 5 6 7 7 7 7 7 8 7 7

Fonte: Serie A – Classifiche, Sky Sport.
Legenda:
Luogo: C = Casa; T = Trasferta. Risultato: V = Vittoria; N = Pareggio; P = Sconfitta.

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore Serie A Coppa Italia Europa League Totale
Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni
Andreolli, M. M. Andreolli 6100000010007100
Ansaldi, C. C. Ansaldi 210812000300026081
Bakayoko, A. A. Bakayoko 0000000010001000
Banega, É. É. Banega 286311000400033631
Barbosa, G. G. Barbosa 91301000000010130
Berni, T. T. Berni 0000000000000000
Biabiany, J. J. Biabiany 1000000030004000
Brozović, M. M. Brozović 234702110311128691
Candreva, A. A. Candreva 386202100511045830
Carrizo, J. J. Carrizo 1000100020004000
D'Ambrosio, D. D. D'Ambrosio 323402020500039360
Éder, Éder 3387010006200401070
Gagliardini, R. R. Gagliardini 182201000000019220
Gnoukouri, A. A. Gnoukouri 4000000040008000
Handanovič, S. S. Handanovič 370401000501143051
Icardi, M. M. Icardi 34241020005200412610
Jovetić, S. S. Jovetić 5010000000005010
Kondogbia, G. G. Kondogbia 241512000000026151
Mario, J. J. Mario 303502000000032350
Medel, G. G. Medel 260502010302031080
Melo, F. F. Melo 50110000500010011
Miangue, S. S. Miangue 3000000020005000
Miranda, J. J. Miranda 320601000301036070
Murillo, J. J. Murillo 270602100501034170
Nagatomo, Y. Y. Nagatomo 160200000401020030
Palacio, R. R. Palacio 150102100310020210
Perišić, I. I. Perišić 36112010005000421120
Pinamonti, A. A. Pinamonti 2000000010003000
Radu, I. I. Radu 0000000000000000
Ranocchia, A. A. Ranocchia 5020000040219041
Sainsbury, T. T. Sainsbury 1010000000001010
Santon, D. D. Santon 140100000100015010
Yao, E. E. Yao 0000000000000000

Giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Organigramma[modifica | modifica wikitesto]

  • Direttore: Roberto Samaden.
  • Responsabile Tecnico: Daniele Bernazzani.
  • Responsabile Organizzativo: Alberto Celario.
  • Responsabile Scouting Italia: Giuseppe Giavardi.
  • Responsabile Scouting Estero: Pierluigi Casiraghi.
  • Responsabile Medico: Marco Galli.
  • Responsabile Preparatori Atletici: Roberto Niccolai.
  • Responsabile Tecnico Attività di Base: Giuliano Rusca.
  • Responsabile Organizzativo Attività di Base: Rachele Stucchi.
  • Coordinatore Tecnico Attività di Base: Paolo Migliavacca.

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Primavera[modifica | modifica wikitesto]

Berretti[modifica | modifica wikitesto]

  • Campionato: Vincitore.

Under-17[modifica | modifica wikitesto]

  • Campionato: Vincitore.

Under-16[modifica | modifica wikitesto]

  • Campionato: Play-off.

Under-15[modifica | modifica wikitesto]

  • Campionato: Finalista.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Subentrato alla 12ª e alla 36ª giornata (ad interim).
  2. ^ a b c d Subentrato alla 13ª giornata
  3. ^ Tiziana Cairati, Inter, prove di pace tra Mancini e Suning, su repubblica.it, 8 luglio 2016.
  4. ^ Inter, Mancini vicino alle dimissioni, su repubblica.it, 25 luglio 2016.
  5. ^ Inter, Mancini: due anni di flop, senza Champions, senza gioco e senza titoli, su gazzetta.it, 7 agosto 2016.
  6. ^ Stefano Scacchi, Mancini e l'Inter si dicono addio, in la Repubblica, 8 agosto 2016, p. 42.
  7. ^ Inter-De Boer: è ufficiale. Dalle 14 la presentazione in diretta, su gazzetta.it, 9 agosto 2016.
  8. ^ Matteo Brega, Inter, De Boer: straniero e vincente, la storia sorride al nuovo tecnico nerazzurro, su gazzetta.it, 18 agosto 2016.
  9. ^ Stefano Scacchi, L'Inter si presenta a pezzi disastro con il Chievo per la prima di De Boer, in la Repubblica, 22 agosto 2016, p. 46.
  10. ^ Marco Macca, De Boer sotto accusa: opinionisti e commentatori prendono le difese del tecnico, su fcinter1908.it, 23 agosto 2016.
  11. ^ Inter, Joao Mario e Gabigol a Milano: doppio colpo per De Boer, su gazzetta.it, 26 agosto 2016.
  12. ^ Tiziana Cairati, Inter, il fair play costa caro: in Europa League senza stelle, su repubblica.it, 1 settembre 2016.
  13. ^ Luca Taidelli, Inter, Europa League senza Gabigol, Joao Mario, Kondogbia e Jovetic, su gazzetta.it, 1 settembre 2016.
  14. ^ Andrea Sorrentino, Icardi rimette in piedi l'Inter due gol aspettando Higuain, in la Repubblica, 12 settembre 2016, p. 40.
  15. ^ Francesco Carci, Inter-Hapoel Beer Sheva 0-2: figuraccia europea per i nerazzurri, su repubblica.it, 15 settembre 2016.
  16. ^ Valerio Clari, Inter, niente gioco, ricambi bocciati e morale giù: con la Juve non può fallire, su gazzetta.it, 16 settembre 2016.
  17. ^ Andrea Sorrentino, Le nuove vie del gol dell'infallibile Icardi ora l'Inter è diversa, in la Repubblica, 22 settembre 2016, p. 50.
  18. ^ Diego Costa, Inter-Bologna 1-1: Perisic risponde a Destro, il pari fa sorridere solo Donadoni, su repubblica.it, 25 settembre 2016.
  19. ^ Andrea Sorrentino, Un inferno senza fine per l'Inter da 330 milioni la nuova rivoluzione non ha scacciato la crisi, in la Repubblica, 30 settembre 2016, p. 48.
  20. ^ Inter, De Boer: "Puniti da un fallo stupido. Jovetic? Meritava una chance", su gazzetta.it, 2 ottobre 2016.
  21. ^ Luca Taidelli, Atalanta-Inter 2-1: decide il rigore di Pinilla a due minuti dalla fine, su gazzetta.it, 23 ottobre 2016.
  22. ^ Andrea Sorrentino, Icardi l'insostituibile come esaltare l'Inter e aiutare De Boer, in la Repubblica, 27 ottobre 2016, p. 42.
  23. ^ Tiziana Cairati, Inter, De Boer esonerato: "Peccato, non mi hanno dato tempo". Squadra affidata a Vecchi, su repubblica.it, 1 novembre 2016.
  24. ^ Valerio Clari, Inter, De Boer: 84 giorni fra sconfitte storiche, la Juve, Brozovic e Gabigol, su gazzetta.it, 1 novembre 2016.
  25. ^ Gianni Valenti, Inter, un vuoto sconcertante dopo gli 84 giorni di Frank de Boer, su gazzetta.it, 2 novembre 2016.
  26. ^ Matteo Brega, Europa League, Southampton-Inter 2-1: decide un autogol di Nagatomo, su gazzetta.it, 3 novembre 2016.
  27. ^ Andrea Sorrentino, Subito Icardi, poi Pioli: l'Inter ricomincia così, in la Repubblica, 7 novembre 2016, p. 37.
  28. ^ Inter, Pioli è il nuovo allenatore. Ha firmato fino al 2018, su gazzetta.it, 8 novembre 2016.
  29. ^ Enrico Currò, I passi avanti di Milano un derby da quattro gol per risentirsi grandi, in la Repubblica, 21 novembre 2016, p. 34.
  30. ^ Francesco Carci, Hapoel Beer Sheva-Inter 3-2: nerazzurri eliminati, su repubblica.it, 24 novembre 2016.
  31. ^ Andrea Sorrentino, Sofferenza e lieto fine l'Inter rivede la luce con il tesoro Icardi, in la Repubblica, 29 novembre 2016, p. 56.
  32. ^ Stefano Scacchi, Eder per l'inutile successo dell'Inter passa la sorpresa Hapoel Be'er Sheva, in la Repubblica, 9 dicembre 2016, p. 44.
  33. ^ Andrea Sorrentino, Nuovo Brozovic e la difesa a tre così Pioli prova a sollevare l'Inter, in la Repubblica, 12 dicembre 2016, p. 47.
  34. ^ Andrea Sorrentino, Una notte da Inter Icardi la spinge verso l'Europa la Lazio si sbriciola, in la Repubblica, 22 dicembre 2016, p. 48.
  35. ^ Andrea Sorrentino, Il restauratore Pioli e la nuova furia Inter "Ho portato fiducia", in la Repubblica, 9 gennaio 2017, p. 34.
  36. ^ Andrea Sorrentino, Un solco tra l'Inter e le grandi l'atto di forza di Nainggolan nella perfezione della Roma, in la Repubblica, 27 febbraio 2017, p. 42.
  37. ^ Andrea Sorrentino, L'Inter forte coi deboli ritrova i gol di Perisic e la formazione giusta, in la Repubblica, 6 marzo 2017, p. 36.
  38. ^ Andrea Sorrentino, Le 7 meraviglie dell'Inter con gli scossoni di Icardi l'Atalanta torna normale, in la Repubblica, 13 marzo 2017, p. 34.
  39. ^ Fabrizio Turco, Torino-Inter 2-2: i nerazzurri frenano nella rincorsa al terzo posto, su repubblica.it, 18 marzo 2017.
  40. ^ Inter, Pioli: "Rimpianti per il finale. Ma ora la Champions è più lontana", su gazzetta.it, 18 marzo 2017.
  41. ^ Giacomo Luchini, Inter-Sampdoria 1-2: colpo blucerchiato, i nerazzurri dicono addio alla Champions, su repubblica.it, 3 aprile 2017.
  42. ^ Andrea Sorrentino, La bocciatura finale dell'Inter caduta sul teorema di Pitagora, in la Repubblica, 10 aprile 2017, p. 42.
  43. ^ Matteo Brega, Inter-Milan 2-2, derby pazzesco. Zapata pareggia al 97'. Non bastano Candreva-Icardi, su gazzetta.it, 15 aprile 2017.
  44. ^ Andrea Sorrentino, All'Inter non basta Icardi così perde l'Europa lo spettacolo è solo viola, in la Repubblica, 23 aprile 2017, p. 26.
  45. ^ Europa League, Milan e Inter a "ciapa no". E pure la Fiorentina si butta via, su gazzetta.it, 30 aprile 2017.
  46. ^ Andrea Sorrentino, Genoa-Inter 1-0, Pandev avvicina la salvezza. Candreva nel finale sbaglia un rigore, su repubblica.it, 7 maggio 2017.
  47. ^ Fabio Russo, Inter, Pioli esonerato: dal sogno Champions al crollo. Ora riparte da Firenze, su gazzetta.it, 9 maggio 2017.
  48. ^ Inter, esonerato Pioli: panchina al tecnico della Primavera Vecchi, su repubblica.it, 9 maggio 2017.
  49. ^ Andrea Sorrentino, Mai così male da 35 anni le figuracce di un'Inter autodistruttiva e sospetta, in la Repubblica, 15 maggio 2017, p. 36.
  50. ^ Marco Gaetani, Lazio-Inter 1-3, risveglio nerazzurro con l'Europa già lontana, su repubblica.it, 21 maggio 2017.
  51. ^ Napoli stellare, ma Sarri va ai preliminari, in la Repubblica, 29 maggio 2017, p. 39.
  52. ^ Un anno malamente sprecato, su quellichelinter.it, 2 giugno 2017.
  53. ^ a b Matteo Perri, Le nuove maglie dell'Inter 2016-2017 all'insegna della modernità, in soccerstyle24.it, 6 luglio 2016.
  54. ^ Matteo Perri, Nike presenta la terza maglia dell'Inter 2016-2017 per il debutto in Europa League, in soccerstyle24.it, 12 settembre 2016.
  55. ^ a b Fino al 7 novembre 2016.
  56. ^ Fino al 5 ottobre 2016.
  57. ^ a b c Fino al 1º novembre 2016.
  58. ^ a b c d Dall'8 novembre 2016.
  59. ^ Prima squadra dal sito ufficiale.
  60. ^ a b c d e f Ceduto durante la sessione invernale del calciomercato.
  61. ^ a b Acquistato durante la sessione invernale del calciomercato.