Foggia Calcio 1998-1999

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Foggia Calcio.

Foggia Calcio
Stagione 1998-1999
AllenatoreLorenzo Mancano (fino a febbraio 1999)
Fabio Brini (dal febbraio 1999)
Serie C1 girone B:17º posto (retrocesso dopo spareggi play out in Serie C2)
Coppa Italia1º turno

La stagione[modifica | modifica wikitesto]

La stagione 1998-99 rivede il Foggia in serie C1 dopo 9 stagioni tra serie A e serie B. La società, sempre nelle mani del tribunale di Napoli, affida la presidenza a Massimo Di Lauro che rifonda la squadra con parecchi giovani del settore primavera e con la promozione dello stesso allenatore della formazione primavera, cioè Lorenzo Mancano. L'inizio è incoraggiante ma è chiaro che la continua discontinuità di risultati della squadra dovuta all'inesperienza e alla mancanza di una società solida alle spalle non possa promettere nulla di buono, e dopo le tre sconfitte consecutive rimediate con Atletico Catania, Battipagliese e Castel di Sangro il Foggia sprofonda in zona play out per uscirne per l'ultima volta dopo il successo casalingo con il Giulianova.

Ad ottobre accade il colpo di scena: la Soiv, per conto di Franco Sensi (all'epoca patron della Roma), si aggiudica all'asta fallimentare il 66% delle quote del Foggia Calcio per 4 miliardi e 100 milioni di lire. Il presidente giallorosso sbarca trionfalmente a Foggia il 14 dicembre e si fa accompagnare da Zdeněk Zeman: si parla apertamente di promozione in B e invece i satanelli entrano in crisi di identità e sprofondano nelle zone basse della graduatoria. Per l'assegnazione delle quote di maggioranza alla Roma bisogna attendere il 22 gennaio del 1999; il 23 febbraio il sindaco Agostinacchio accetta la proposta di Sensi e viene nominato presidente del Foggia: si compone il nuovo CDA, con Ferreri vicepresidente e Castello, Rotunno ed Argento consiglieri; l'avvocato Nazzaro è il nuovo amministratore delegato, Mauro Meluso (già centravanti del Foggia nel Novanta con Zeman allenatore) viene nominato direttore generale.

Si perde tempo per rafforzare la squadra, il Foggia va a rotoli e conosce persino l'onta di soggiornare all'ultima posizione in classifica. L'allenatore Mancano perde il controllo della situazione e viene sostituito con Brini, che però riuscirà solo ad evitare la retrocessione diretta (ai danni dell'Acireale), non i play-out. Al Foggia penultimo tocca l'Ancona quintultimo: il 23 maggio ed il 6 giugno si giocano due gare drammatiche. All'andata un gol di Pilleddu illude i rossoneri che però cadono al Cònero, ad 11' dalla salvezza: è l'argentino La Grotteria ad affossare i satanelli, rimasti in nove per le espulsioni di Palo e Perrone. In poco più di dodici mesi il Foggia sprofonda dalla B alla C/2, una categoria da cui si era allontanato da ben 41 anni.

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
Italia P Domenico Botticella
Italia P Marco Morrone[1]
Italia P Giampaolo Di Magno[2]
Italia D Paolo Bianco
Italia D Joseph Dayo Oshadogan
Italia D Giuseppe Anastasi
Italia D Gionata Bruni[3]
Italia D Rosario Guarino
Italia D Giuseppe Zelano
Italia D Antonio Palo
Italia D Nicola Marfeo
Italia D Francesco Carbone
Italia D Simone Puleo
Italia D Paolo Cozzi[4]
Italia C Fabio Consagra
Italia C Leonardo Palmieri
N. Ruolo Giocatore
Italia C Attilio Nicodemo
Italia C Giuseppe Colucci
Danimarca C Lennart Bak
Italia C Michele De Feudis
Italia C Marco Napolioni
Italia C Massimo Epifani[5]
Italia C Daniele Bordacconi[6]
Italia C Enrico Melillo
Italia A Luciano Volturno
Italia A Franco Brienza
Italia A Emiliano Testini[7]
Italia A Marco Sansovini[6]
Svizzera A Giuseppe Perrone
Italia A Corrado Pilleddu[8]
Svezia A Jonas Axeldal
Italia A Antonio Papa

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Campionato[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie C1 1998-1999.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

6 settembre 1998
1ª giornata
Marsala 1 – 0 Foggia

13 settembre 1998
2ª giornata
Foggia 3 – 0 Lodigiani

20 settembre 1998
3ª giornata
Foggia 2 – 0 Fermana

27 settembre 1998
4ª giornata
Atletico Catania 2 – 1 Foggia

4 ottobre 1998
5ª giornata
Foggia 0 – 1 Battipagliese

11 ottobre 1998
6ª giornata
Castel di Sangro 2 – 0 Foggia

18 ottobre 1998
7ª giornata
Foggia 1 – 0 Avellino

25 ottobre 1998
8ª giornata
Juve Stabia 1 – 1 Foggia

8 novembre 1998
9ª giornata
Foggia 2 – 1 Giulianova

15 novembre 1998
10ª giornata
Gualdo 1 – 1 Foggia

22 novembre 1998
11ª giornata
Foggia 0 – 1 Palermo

29 novembre 1998
12ª giornata
Ascoli 3 – 1 Foggia

6 dicembre 1998
13ª giornata
Foggia 0 – 0 Nocerina

13 dicembre 1998
14ª giornata
Ancona 4 – 2 Foggia

20 dicembre 1998
15ª giornata
Acireale 0 – 1 Foggia

23 dicembre 1998
16ª giornata
Foggia 0 – 1 Crotone

6 gennaio 1999
17ª giornata
Savoia 2 – 2 Foggia

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

10 gennaio 1999
18ª giornata
Foggia 1 – 1 Marsala

17 gennaio 1999
19ª giornata
Lodigiani 2 – 0 Foggia

24 gennaio 1999
20ª giornata
Fermana 3 – 1 Foggia

31 gennaio 1999
21ª giornata
Foggia 0 – 1 Atletico Catania

14 febbraio 1999
22ª giornata
Battipagliese 3 – 1 Foggia

21 febbraio 1999
23ª giornata
Foggia 0 – 0 Castel di Sangro

28 febbraio 1999
24ª giornata
Avellino 1 – 1 Foggia

7 marzo 1999
25ª giornata
Foggia 3 – 1 Juve Stabia

21 marzo 1999
26ª giornata
Giulianova 1 – 0 Foggia

28 marzo 1999
27ª giornata
Foggia 0 – 1 Gualdo

3 aprile 1999
28ª giornata
Palermo 2 – 2 Foggia

11 aprile 1999
29ª giornata
Foggia 2 – 0 Ascoli

18 aprile 1999
30ª giornata
Nocerina 0 – 1 Foggia

25 aprile 1999
31ª giornata
Foggia 1 – 1 Ancona

2 maggio 1999
32ª giornata
Foggia 1 – 1 Acireale

9 maggio 1999
33ª giornata
Crotone 0 – 0 Foggia

16 maggio 1999
34ª giornata
Foggia 0 – 0 Savoia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ceduto a gennaio al Savoia
  2. ^ Acquistato a gennaio dall'Espanyol
  3. ^ Ceduto a gennaio al Teramo
  4. ^ Ceduto a gennaio al Marsala
  5. ^ Acquistato a gennaio dal Pescara
  6. ^ a b Acquistato a gennaio dalla Roma
  7. ^ Ceduto a ottobre alla Viterbese
  8. ^ Acquistato a marzo dall'Arezzo

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio