Francesco Montervino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Montervino
Francesco Montervino - SSC Neapel (1).jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 174 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 2014 - giocatore
Carriera
Giovanili
1990-1994 Taranto
1994-1995 Fasano
1995-1996 Parma
Squadre di club1
1994-1995 Fasano 1 (0)
1995-1996 Parma 0 (0)
1996-1997 Taranto 21 (3)
1997-2003 Ancona 121 (8)
2003-2004 Napoli 36 (0)
2004 Catania 19 (0)
2004-2009 Napoli 106 (6)[1]
2009-2014 Salernitana 47 (3)[2]
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 20 ottobre 2013

Francesco Montervino (Taranto, 7 maggio 1978) è un dirigente sportivo ed ex calciatore italiano, che giocava come centrocampista.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Centrocampista centrale, si adattava in caso di necessità a ricoprire altri ruoli, come il terzino e l'esterno di centrocampo.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Montervino inizia la sua carriera andando a giocare con il Fasano, società di Serie C2, rimanendovi per una stagione e collezionando la sua prima presenza nei professionisti: essendo molto giovane, la rosa principale alla quale apparteneva nel Fasano era della squadra "Berretti". L'anno seguente passò al Taranto, la squadra della sua città.

Nella stagione 1996-97 fu acquistato dal Parma in prestito e giocò con la formazione primavera rimanendovi solo per una stagione. L'anno successivo ritornò al Taranto che allora era tra i dilettanti e, a diciannove anni, ne diventò il capitano. Fino a dicembre del 1997 collezionò 16 presenze con 3 reti, poi arrivò la chiamata del Perugia che l'acquistò e lo girò in prestito all'Ancona.

I primi anni all'Ancona[modifica | modifica wikitesto]

Montervino firmò un contratto quadriennale e si trasferì definitivamente all'Ancona, squadra con cui debuttò in serie B in Chievo Verona-Ancona. In quella stagione contò 1 rete e 7 presenze. La sua squadra retrocesse, così nella stagione 1998-1999 Montervino collezionò 26 presenze con l'Ancona in terza serie, ottenendo la convocazione nella nazionale italiana di C.

Nella stagione 1999-2000 Montervino disputò 17 gare in C1 con Brini in panchina e vinse il torneo ai play-off, centrando la promozione in B. Trascorse in tutto 6 stagioni ad Ancona di cui le ultime tre in serie B, e nell'ultima ottenne con la sua squadra la promozione in Serie A, ma non festeggiò poiché a stagione in corso venne ceduto al Napoli.

Il passaggio al Napoli[modifica | modifica wikitesto]

Durante la stagione che si chiuderà con il quarto posto e la promozione, venne ceduto al Napoli, e paradossalmente debutta in maglia azzurra proprio contro l'Ancona.

Salvo una breve parentesi al Catania nella prima metà del 2004, giocò con la maglia partenopea dal 2003 al 2009, sia prima che dopo il fallimento della società: è infatti l'unico giocatore del "vecchio" Napoli, insieme a Cataldo Montesanto, ad aver militato nella nuova società di De Laurentiis. Grazie alla sua lunga permanenza a Napoli divenne ben presto il capitano della squadra. Da titolare contribuisce prima alla promozione in Serie B degli azzurri, e poi a quella in Serie A; debuttò in massima serie il 26 settembre 2007, a 29 anni, in occasione di Napoli-Livorno (1-0). Segnò la sua prima rete in Serie A il 31 maggio 2009 aprendo le marcature nel match contro il Chievo Verona, al San Paolo. Nei due anni in serie A con il Napoli collezionò complessivamente 22 presenze in campionato, 8 in coppa Italia e 3 in Europa League. 146 sono invece le complessive presenze con il Napoli (di cui 106 nel Napoli post-fallimento) arricchite da 6 reti. Dal Napoli poi, raggiunse un accordo per giocare nella squadra della vicina Salerno.

L'esperienza a Salerno[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 agosto 2009, a campionato già iniziato, passò a titolo definitivo alla Salernitana, disputando 2 stagioni: una in Serie B, collezionando 22 presenze e una in C1, raccogliendone 20, dopodiché subisce lo svincolo d'ufficio a causa della mancata iscrizione del club campano ai campionati. Il 13 settembre 2011 torna a Salerno firmando un contratto con il Salerno Calcio, nuova società che in seguitò acquisirà i simboli originali della Salernitana. Nella prima stagione del rifondato club diventa vice-capitano della squadra, e successivamente capitano.[3]

Il 21 gennaio 2013, in seguito al gol segnato durante Aversa Normanna-Salernitana, dopo essere stato insultato per buona parte della gara dagli aversani anche simpatizzanti del Napoli, esulta in modo discutibile rivolgendosi direttamente ai tifosi avversari, ricevendo successivamente 6 giornate di squalifica per l'atto (poi ridotte a 3 dopo il ricorso presentato appositamente).

Ecco le motivazioni della giustizia sportiva:

« Il giocatore espulso per doppia ammonizione, entrambe per condotta non regolamentare; il medesimo in occasione della segnatura della rete raggiungeva la zona sottostante la tribuna occupata dai sostenitori della squadra avversaria, si aggrappava alla stessa e rivolgeva, con volgare gestualità, frasi ingiuriose verso i tifosi sputando più volte verso gli stessi; tale comportamento provocava la reazione dei tifosi locali – spiega il Giudice Sportivo – e l’ulteriore reazione dei tifosi ospiti con conseguenti incidenti descritti in separata sede. Tale comportamento, deprecabile e del tutto ingiustificato, si manifesta di particolare gravità per le conseguenze che dallo stesso sono derivate (r.a., cc, proc. fed.e relazione responsabile dell’ordine pubblico). »

(Sentenza del giudice sportivo)

In seguito, il 23 gennaio, viene emesso il Daspo della durata di 2 anni, che nega la partecipazione ad assistere a qualsiasi evento sportivo. Tuttavia, scadute le giornate di squalifica il mediano continuerà a disputare le gare con la sua squadra.[4]

Il 30 giugno 2014 scade il suo contratto con i granata e si ritrova svincolato.[5]

Dirigente sportivo[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate del 2014 chiude la sua carriera come calciatore e partecipa al corso per “Direttore Sportivo” del Settore Tecnico della FIGC. Il suo primo incarico lo riceve ad agosto, diventando così Direttore Sportivo del Taranto. Nel marzo del 2015 rescinde consensualmente il rapporto con la società rossoblu[6], tornando a ricoprire lo stesso ruolo nel luglio dello stesso anno, dopo il rinnovo dirigenziale della società.[7] Il 30 maggio 2016 lascia nuovamente la squadra pugliese.[8]

Afro Napoli United[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre del 2016 Francesco Montervino ha accettato a titolo gratuito di diventare il responsabile dell'area tecnica dell'Afro Napoli United, squadra antirazzista e multietnica campana che milita nel campionato di promozione, condividendo valori ed obiettivi della squadra.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 10 maggio 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe europee Altre coppe Totale
Camp Pres Reti Camp Pres Reti Camp Pres Reti Camp Pres Reti Pres Reti
1994-1995 Italia Fasano C2 1 0 - - - - - - - - - 1 0
1995-1996 Italia Taranto C2 5 0 CI-C 0 0 - - - - - - 5 0
1996-1997 Italia Parma A 0 0 CI 0 0 CU 0 0 - - - 0 0
1997-gen. 1998 Italia Taranto CND 16 3 CI-Dil 1 0 - - - - - - 17 3
Totale Taranto 21 3 1 0 - - - - 22 3
gen.-giu. 1998 Italia Ancona B 7 1 CI - - - - - - - - 7 1
1998-1999 C1 26 1 CI+CI-C 2+0 0 - - - - - - 28 1
1999-2000 C1 17 1 CI-C 0 0 - - - - - - 17 1
2000-2001 B 31 2 CI 3 0 - - - - - - 34 2
2001-2002 B 24 2 CI 3 0 - - - - - - 27 2
2002-gen. 2003 B 16 1 CI 7 2 - - - - - - 23 2
Totale Ancona 121 5 15 2 - - - - 136 7
gen.-giu. 2003 Italia Napoli B 16 0 CI - - - - - - - - 16 0
2003-gen. 2004 B 20 0 CI 1 0 - - - - - - 21 0
gen.-giu. 2004 Italia Catania B 19 0 CI - - - - - - - - 19 0
2004-2005 Italia Napoli C1 26+4[9] 1 - - - - - - - - - 30 1
2005-2006 C1 31 3 CI+CI-C 4+0 0 - - - SL-C1 2 0 37 3
2006-2007 B 27 1 CI 4 0 - - - - - - 31 1
2007-2008 A 9 0 CI 4 0 - - - - - - 13 0
2008-2009 A 13 1 CI 2 0 I+CU 0+2 0 - - - 17 1
Totale Napoli 142+4 6 15 0 2 0 2 0 165 6
2009-2010 Italia Salernitana B 20 0 CI - - - - - - - - 20 0
2010-2011 1D 17+3[9] 1 CI+CI-LP 1+0 0 - - - - - - 21 1
2011-2012 Italia Salerno Calcio D 29 3 CI-D - - - - - - - - 29 3
2012-2013 Italia Salernitana 2D 24 4 CI-LP 1 0 - - - SL-2D 2 0 27 4
2013-2014 1D 24+1[9] 0 CI+CI-LP 1+5 0+1 - - - - - - 31 1
Totale Salernitana e Salerno Calcio 113+4 8 8 1 - - 2 0 127 9
Totale carriera 417+8 22 39 3 2 0 4 0 470 25

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Napoli: 2005-2006
Salerno: 2011-2012
Salernitana: 2012-2013
Salernitana: 2012-2013
Salernitana: 2013-2014

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 20 (0) se si comprendono i play-off.
  2. ^ 48 (3) se si comprendono i play-boy.
  3. ^ Comunicato Ufficiale 40/A del 21/07/2011 (PDF), Figc.it, 21 luglio 2011. URL consultato l'8 agosto 2011.
  4. ^ Daspo di 2 anni a Montervino della Salernitana, fanpage.it, 23 gennaio 2013. URL consultato il 23 gennaio 2013.
  5. ^ SALERNITANA: oggi si svincola un'intera squadra, tuttosalernitana1919.com.
  6. ^ Il Taranto FC e Francesco Montervino si separano, su tarantofc.it, 23 marzo 2015. URL consultato il 23 marzo 2015.
  7. ^ Francesco Montervino è il direttore sportivo del Taranto, su mondorossoblu.it, 30 luglio 2015. URL consultato il 31 luglio 2015.
  8. ^ Incarichi tecnici stagione sportiva 2016-2017 tarantofc.it
  9. ^ a b c Play-off.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]