Paolo Cannavaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paolo Cannavaro
Paolo Cannavaro - SSC Neapel (2).jpg
Paolo Cannavaro nel 2009
Nazionalità Italia Italia
Altezza 185 cm
Peso 83 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Squadra Sassuolo
Carriera
Giovanili
1995-1998 Napoli
Squadre di club1
1998-1999 Napoli 2 (0)
1999-2001 Parma 5 (0)
2001-2002 Verona 24 (1)
2002-2006 Parma 87 (4)[1]
2006-2014 Napoli 236 (8)
2014- Sassuolo 90 (1)
Nazionale
1996 Italia Italia U-15 2 (0)
1996 Italia Italia U-16 3 (0)
1999-2000 Italia Italia U-18 6 (0)
2001 Italia Italia U-20 1 (0)
2002-2004 Italia Italia U-21 18 (0)
2007 Italia Italia 0 (0)
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Bronzo Svizzera 2002
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 28 maggio 2017

Paolo Cannavaro (Napoli, 26 giugno 1981) è un calciatore italiano, difensore del Sassuolo, del quale è il vice-capitano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È fratello minore di Fabio, ex calciatore e capitano dell'Italia. Nel 2002 ha preso parte a una puntata della soap opera Un posto al sole insieme agli ex calciatori del Napoli Benito Carbone e Ferdinando Coppola.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Coinvolto nello scandalo italiano del calcioscommesse del 2011 insieme al compagno Gianluca Grava dalle dichiarazioni dell'ex compagno di squadra Matteo Gianello, il 26 ottobre 2012 viene deferito dal procuratore federale Stefano Palazzi per omessa denuncia in relazione alla partita Sampdoria-Napoli (1-0) del 2010.[2] Il 10 dicembre 2012 il PM Stefano Palazzi chiede per lui 9 mesi di squalifica per omessa denuncia[3][4], ma il 18 dicembre la Commissione Disciplinare della FIGC lo condanna a 6 mesi di stop[5]. Il 17 gennaio 2013 la Corte di Giustizia Federale lo assolve dalle accuse e gli revoca la squalifica.[6]

Il 24 febbraio 2015 viene condannato in primo grado a 6 mesi per aver violato i sigilli della villa di Posillipo insieme al fratello e alla cognata, condannati rispettivamente a 10 e 4 mesi.[7]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizi[modifica | modifica wikitesto]

Cannavaro percorre l'intera trafila delle giovanili del Napoli, e nella stagione 1998-1999 entra in prima squadra, dove fa il suo esordio in Serie B a Verona contro l'Hellas il 6 giugno 1999, a 17 anni.[8] Nella successiva annata, a causa di problemi economici della società, si trasferisce al Parma che lo acquista insieme al portiere Alfonso De Lucia per 2 miliardi e mezzo di lire.[9]

Parma e Verona[modifica | modifica wikitesto]

In Emilia raggiunge il fratello Fabio, leader dei gialloblu e della Nazionale Italiana.[10] Fa il suo esordio in Serie A sostituendo quest'ultimo in Parma-Lecce (terminato 4-1 per i gialloblu) il 14 maggio 2000. Nella stagione 2000-2001 fa il suo esordio nelle coppe europee, nella Coppa UEFA sostituendo il fratello Fabio nella partita vinta 4-0 coi macedoni del Pobeda.[11]

Cannavaro nel 2009

Dopo due anni a Parma con poche presenze, va in prestito all'Hellas Verona su richiesta del suo ex allenatore Alberto Malesani, passato ad allenare la squadra di Verona.[12] Con la maglia scaligera nella stagione 2001-2002 totalizza 24 presenze e il suo primo gol in Serie A (a Milano contro il Milan, come fece suo fratello otto anni prima).[13]

L'anno successivo torna a Parma dove trascorre altre due stagioni con molta panchina (2002-2003, 2003-2004), poco considerato dall'allenatore Cesare Prandelli. Nella stagione 2004-2005 è titolare sotto la guida tecnica di Pietro Carmignani. Il 18 gennaio 2006 realizza contro il Palermo con un destro a giro da 20 metri trovando il "sette" della porta difesa da Cristiano Lupatelli.[14][15][16]

A fine stagione firma un contratto quinquennale che lo lega di nuovo alla squadra della sua città, il Napoli.[17]

Napoli[modifica | modifica wikitesto]

« Per il Napoli voglio essere quello che è Totti per la Roma: la bandiera »

(Paolo Cannavaro[18])

Nella stagione 2006-2007 in serie B contribuisce alla promozione del Napoli in Serie A giocando 39 partite realizzando 2 gol, formando con Maurizio Domizzi e Ruben Maldonado il terzetto titolare della difesa che a fine stagione è la meno battuta del campionato.[19] Nello stesso anno in coppa Italia segna il suo primo gol con la maglia del Napoli in rovesciata alla Juventus a pochi secondi dalla fine del match, che permette al Napoli di pareggiare e raggiungere i calci di rigore vinti 8-7.[20]

Nella stagione 2007-2008 fa il suo esordio in Serie A col Napoli, collezionando 34 presenze a volte da capitano[21]. Nella stagione successiva, 2008-2009, confermato al centro della difesa partenopea, diventa capitano della squadra[22][23][24] esordendo titolare nelle coppe europee con la maglia azzurra, prima in Intertoto nella trasferta vittoriosa in Grecia 0-1 col Panionios[25], poi in coppa UEFA nella vittoria in trasferta 0-3 col Vllaznia[26].

Nella stagione 2009-2010 (il 28 marzo 2010) segna il primo gol in Serie A con la maglia azzurra, nella vittoria col Catania al San Paolo.[27] In questa stagione il suo allenatore lo reputa come uno dei migliori difensori del torneo.[28][29] Comincia la stagione 2010-2011 realizzando il suo secondo gol in Serie A, contro il Bari al San Paolo nella partita pareggiata 2-2. Il 17 febbraio 2011 rinnova il contratto col Napoli fino al 2015.[30]

Nella stagione 2011-2012, il 14 settembre 2011, esordisce in UEFA Champions League da titolare nella partita in trasferta col Manchester City, finita 1-1.[31] Gioca titolare sette partite su otto disputate dal Napoli in competizione saltandone una per squalifica per somma di ammonizioni.[32] Il 24 settembre 2011 con la Fiorentina raggiunge le 200 partite con la maglia azzurra.[33] Il 20 maggio 2012 vince da capitano[34] la Coppa Italia in finale a Roma con la Juventus, ottenendo il primo trofeo della carriera.[35] Titolare nella stagione 2012-2013, che vede il Napoli perdere la supercoppa italiana[36] e arrivare al secondo posto in campionato, il 17 febbraio con la Sampdoria eguaglia a quota 261 presenze con la maglia dei partenopei Ottavio Bugatti entrando nella top-10 dei giocatori con più presenze nella storia del club, confermandosi come uno dei migliori difensori del campionato.[37][38]

Nella stagione 2013-2014 col nuovo allenatore Rafael Benítez, successore di Walter Mazzarri alla guida dei partenopei, gli spazi nella squadra titolare si riducono progressivamente. Dopo aver collezionato 4 presenze stagionali, tutte in campionato, il 31 gennaio 2014 si trasferisce in prestito con diritto di riscatto al Sassuolo.[39] Lascia la società partenopea dopo 7 stagioni e mezza in cui ha collezionato 276 presenze (più 2 nella precedente esperienza 1998-1999) con 9 gol realizzati, collocandosi al sesto posto dei giocatori con più presenze nella storia del club.

Sassuolo[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce con la nuova maglia il 2 febbraio nella partita interna persa con l'Hellas Verona (1-2), da capitano.[40] Colleziona 16 presenze in campionato, che si conclude con salvezza degli emiliani e riscatto del suo cartellino da parte della società neroverde.

Diventa uno dei pilastri della squadra, tornando anche a disputare l'Europa League durante la stagione 2016-17.

Il 22 giugno 2017 prolunga il suo rapporto con il Sassuolo fino al 30 giugno 2018[41].

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nazionale Under-21[modifica | modifica wikitesto]

Cannavaro esordisce con gli azzurrini il 12 febbraio 2002 in amichevole con gli Stati Uniti a Messina vinta 2-0. Successivamente disputa tutte le partite del girone di qualificazione e conquista l'accesso alla fase finale degli europei.

Il 17 maggio 2002 inizia l'Europeo under-21 2002 e Cannavaro parte titolare nell'Italia che pareggia all'esordio 1-1 col Portogallo. Nelle successive partite (con Cannavaro in panchina) gli azzurrini vincono 2-1 con l'Inghilterra, pareggiano 0-0 con la Svizzera. In semifinale gioca titolare nella partita persa 3-2 ai supplementari con la Repubblica Ceca. Cannavaro disputa le partite di qualificazione all'Europeo Under-21 2004, viene convocato nei 23[42] ma non disputa nessuna gara, poiché viene sostituito prima della partenza da Alessandro Gamberini a causa di scarsa forma fisica per infortunio.[43][44]

Nazionale maggiore[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 ottobre 2007 riceve la sua prima convocazione in Nazionale maggiore dal CT Roberto Donadoni per l'amichevole col Sudafrica del 17 ottobre successivo, senza fare ingresso in campo.[45]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 28 maggio 2017.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1998-1999 Italia Napoli B 2 0 CI 0 0 - - - - - - 2 0
1999-2000 Italia Parma A 1 0 CI 0 0 UCL+CU 0 0 SI 0 0 1 0
2000-2001 A 4 0 CI 3 0 CU 4 0 - - - 11 0
2001-2002 Italia Verona A 24 1 CI 2 0 - - - - - - 26 1
2002-2003 Italia Parma A 14 0 CI 2 0 CU 0 0 SI 0 0 16 0
2003-2004 A 16 0 CI 4 0 CU 6 0 - - - 26 0
2004-2005 A 28+2[1] 1+0[1] CI 1 0 CU 12 0 - - - 43 1
2005-2006 A 29 3 CI 2 0 - - - - - - 31 3
Totale Parma 92+2 4 12 0 22 0 0 0 128 4
2006-2007 Italia Napoli B 39 2 CI 4 1 - - - - - - 43 3
2007-2008 A 34 0 CI 5 0 - - - - - - 39 0
2008-2009 A 30 0 CI 1 0 I+CU 2+4 0 - - - 36 0
2009-2010 A 33 1 CI 1 0 - - - - - - 34 1
2010-2011 A 32 2 CI 1 0 UEL 7[46] 0 - - - 40 2
2011-2012 A 32 2 CI 5 0 UCL 7 0 - - - 44 2
2012-2013 A 32 1 CI 0 0 UEL 2 0 SI 1 0 35 1
2013-gen. 2014 A 4 0 CI 0 0 UCL 0 0 - - - 4 0
Totale Napoli 238 8 17 1 22 0 1 0 278 9
gen.-giu. 2014 Italia Sassuolo A 16 0 CI - - - - - - - - 16 0
2014-2015 A 25 0 CI 1 0 - - - - - - 26 0
2015-2016 A 31 0 CI 1 0 - - - - - - 32 0
2016-2017 A 18 1 CI 0 0 UEL 7[47] 0 - - - 25 1
Totale Sassuolo 90 1 2 0 7 0 - - 99 1
Totale carriera 444+2 14 33 1 51 0 1 0 531 15

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Napoli: 2011-2012

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c 89 (4) se si comprende lo spareggio-salvezza di Serie A 2004-2005.
  2. ^ Deferiti Napoli e P.Cannavaro Ansa.it
  3. ^ Palazzi: "Per il Napoli -1 punto. A Cannavaro e Grava 9 mesi" La Gazzetta dello Sport, 10 dicembre 2012
  4. ^ «Un punto al Crotone, tre anni ad Agostinelli» Corriere dello Sport, 10 dicembre 2012
  5. ^ Scommesse, al Napoli due punti di penalità. Sei mesi a Cannavaro - Repubblica.it
  6. ^ figc.it, CGF: tolti 2 punti di penalizzazione al Napoli, assolti Cannavaro e Grava http://www.figc.it/it/204/34803/2013/01/News.shtml CGF: tolti 2 punti di penalizzazione al Napoli, assolti Cannavaro e Grava . URL consultato il 4 febbraio 2014.
  7. ^ Fabio e Paolo Cannavaro, condannati in primo grado a Napoli
  8. ^ SE GIOCA Cannavaro soffia su 200 candeline azzurre
  9. ^ Si scrive Napoli-Parma, si legge Cannavaro!, puntonapoli.it, 23 novembre 2013. URL consultato il 1º febbraio 2014.
  10. ^ Parma, non mi dimetto, repubblica.it, 30 settembre 1999. URL consultato il 4 febbraio 2014.
  11. ^ http://www2.raisport.rai.it/news/rubriche/coppe978/200009/28/39d3b29f001fc/
  12. ^ Verona, cade un tabù: ecco il nero Montano Repubblica.it
  13. ^ (EN) Italy 1995 Rsssf.com
  14. ^ Palermo - Parma 4-2 - U.S. Città di Palermo
  15. ^ Parmafans: Archivio storico del Parma calcio
  16. ^ Palermo – Parma 4-2 — Di Michele Superstar | U me spaziu e curnutu cu mu tuacca
  17. ^ Paolo Cannavaro è del Napoli. Domani la presentazione Tuttonapoli.net
  18. ^ Napoli Calcio Web
  19. ^ Classifica Legaserieb.it
  20. ^ FantastiNapoli, eliminata la Vecchia Signora (8-7 d.c.r.) Tuttonapoli.net
  21. ^ Napoli, è Gianluca Grava il nuovo capitano - Tutto Napoli
  22. ^ Cannavaro: "Orgoglioso di essere capitano" - Tutto Napoli
  23. ^ Napoli, striscione e applausi per capitan Cannavaro - Tutto Napoli
  24. ^ Paolo Cannavaro: "La Champions? Sognare non fa male. Noi non ci arrenderemo e lotteremo fino alla fine. Il pubblico del San Paolo è unico" - Tutto Napoli
  25. ^ LA PARTITA: PANIONIOS-NAPOLI 0-1
  26. ^ UEFA Europa League 2008/09 - Storia - Vllaznia-Napoli – UEFA.com
  27. ^ Napoli-Catania 1-0, Sscnapoli.it
  28. ^ Mazzarri: "Grande prova di maturità. Cannavaro? In Italia tra i migliori" Tuttonapoli.net
  29. ^ Sconcerti: "Paolo Cannavaro da Nazionale" Tuttonapoli.net
  30. ^ Cannavaro: Voglio vincere a Napoli ed essere una bandiera Sscnapoli.it
  31. ^ Manchester City-Napoli 1-1, uefa.com, 14 settembre 2011.
  32. ^ In&out: Con il City torna Cannavaro, Zuniga squalificato - Tutto Napoli
  33. ^ Napoli, Cannavaro taglia traguardo delle 200 presenze: Ferrara nel mirino - Tutto Napoli
  34. ^ La gioia di Cannavaro, Cavani, Hamsik e Inler: Una vittoria splendida, www.sscnapoli.it, 20 maggio 2012. URL consultato il 18 ottobre 2012.
  35. ^ Coppa Italia al Napoli. Primo k.o. della Juve, gazzetta.it, 20 maggio 2012.
  36. ^ Scandalo Supercoppa. Ora qualcuno paghi
  37. ^ Prandelli, Cannavaro è da Nazionale
  38. ^ Top 11 Serie A / Da Handanovic a El Shaarawy i migliori del campionato 2012-2013
  39. ^ Paolo Cannavaro al Sassuolo, sscnapoli.it, 31 gennaio 2014.
  40. ^ L'esordio - Sassuolo, Paolo Cannavaro in campo con la fascia da capitano, napolimagazine.com, 2 febbraio 2014. URL consultato il 4 febbraio 2014.
  41. ^ Gabriele Boscagli, UFFICIALE: rinnovano Biondini, Cannavaro, Magnanelli e Pegolo!, su Canale Sassuolo, 22 giugno 2017. URL consultato il 22 giugno 2017.
  42. ^ Gentile ha scelto gli azzurri per l'Europeo Under 21
  43. ^ Lione, terzo scudetto consecutivo - il Centro
  44. ^ Oltre a Zaccardo e Moretti per le finali in Germania il ct Gentil e ha convocato anche Gamberini al posto dell... - l'Unità.it
  45. ^ Cannavaro: "Una gioia doppia, per me e per Napoli" Sscnapoli.it
  46. ^ 2 presenze nei play-off.
  47. ^ 4 presenze nei play-off.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]