Dodô (calciatore 1992)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da José Rodolfo Pires Ribeiro)
Dodô
Nome José Rodolfo Pires Ribeiro Dodò
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 177[1] cm
Peso 69 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Squadra Inter
Carriera
Giovanili
Cruzeiro
2007-2009 Corinthians
Squadre di club1
2009-2011 Corinthians 4 (0)[2]
2011 Bahia 15 (1)[3]
2012-2014 Roma 30 (0)
2014-2016 Inter 20 (0)
2016 Sampdoria 17 (0)
2016- Inter 0 (0)
Nazionale
2010-2011 Brasile Brasile U-17 7 (1)
2011 Brasile Brasile U-20 3 (0)
Palmarès
Transparent.png Campionato sudamericano di calcio Under-17
Oro Cile 2009
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 14 maggio 2016

José Rodolfo Pires Ribeiro, meglio noto come Dodô (Campinas, 6 febbraio 1992), è un calciatore brasiliano, difensore dell'Inter.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Terzino mancino alla brasiliana, ossia molto agile e tecnico con un ottimo dribbling e cross. Deve migliorare in fase difensiva dove a volte perde d'attenzione l'avversario.[senza fonte]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

In Brasile[modifica | modifica wikitesto]

La sua carriera da calciatore professionista inizia nel 2007 quando viene acquistato dal Corinthians per militare nella formazione giovanile. Dopo due stagioni, debutta il 4 marzo 2010 in prima squadra nella partita disputatasi contro il Botafogo[4].

Dopo 4 presenze si trasferisce in prestito all'Esporte Clube Bahia, club di Salvador, giocando con maggior continuità. Debutta con la maglia dei Tricolor il 6 luglio 2011 nella partita contro l'Avaí[5]. Il 16 novembre subisce un infortunio, la rottura del legamento crociato anteriore, che lo terrà fermo fino a metà del 2012[6].

Roma[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 luglio 2012 passa alla società italiana della Roma, svincolandosi dal Corinthians; l'accordo sottoscritto è di durata quinquennale[7] e prevede il riconoscimento di un milione di euro alla società paulista come premio di formazione.[8] Il 28 ottobre 2012 fa il suo esordio ufficiale con la maglia giallorossa, nella gara persa in casa 3-2 contro l'Udinese.[9] Conclude la sua prima stagione con 15 presenze stagionali. Nella sua seconda stagione totalizza altre 20 presenze tra campionato e Coppa Italia.

Inter[modifica | modifica wikitesto]

L'8 luglio 2014 passa in prestito biennale all'Inter per 1,2 milioni di euro con obbligo di riscatto fissato a 7,8 milioni alla prima presenza ufficiale del giocatore.[10][11] Esordisce il 20 agosto, segnando contro lo Stjarnan nell'andata dei play-off di Europa League.[12] Realizza un'altra rete nella fase a gironi, in casa del Saint-Étienne.[13][14] Il 25 marzo 2015 subisce a Rozzano un intervento di meniscectomia mediale e revisione del legamento crociato del ginocchio sinistro, a cui si era già infortunato gravemente.[15]
All'inizio della stagione successiva torna in campo, giocando con la squadra Primavera nel Campionato di categoria [16] e con la prima squadra ad ottobre il Trofeo Berlusconi (alza la coppa da capitano) [17] e a novembre il Trofeo San Nicola.[18] Torna a giocare una gara ufficiale il 15 dicembre in occasione di Inter-Cagliari 3-0 di Coppa Italia disputando gli ultimi cinque minuti.

Sampdoria[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 gennaio 2016 si trasferisce in prestito alla Sampdoria.[19] Tre giorni più tardi esordisce con la nuova maglia, nella sconfitta per 2-4 contro il Napoli a Marassi, subentrando ad Antonio Cassano al 65° minuto di gioco. Conclude la sua stagione con 17 presenze in Campionato.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 è stato convocato nell'Under-17 e, dopo un anno, è passato nell'Under-19 dove ha partecipato al Campionato mondiale di calcio Under-17 edizione 2009.

Il 17 settembre 2014 viene convocato per la prima volta in Nazionale maggiore dal commissario tecnico Carlos Dunga per i match contro Argentina e Giappone, rispettivamente l'11 ed il 14 ottobre e nei quali Dodô resta però in panchina.[20]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 14 maggio 2016.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2009 Brasile Corinthians A1/SP+A 0+4 0 CB 0 0 - - - - - - 4 0
2010 A1/SP+A 2+0 0 - - - CL 0 0 - - - 2 0
2011 Brasile Bahia PD/BA+A 11+15 1+1 CB 6 0 - - - - - - 32 2
2012 Brasile Corinthians A1/SP+A 0+0 0 CB 0 0 - - - - - - 0 0
Totale Corinthians 6 0 0 0 0 0 6 0
2012-2013 Italia Roma A 11 0 CI 4 0 - - - - - - 15 0
2013-2014 A 19 0 CI 1 0 - - - - - - 20 0
Totale Roma 30 0 5 0 35 0
2014-2015 Italia Inter A 20 0 CI 2 0 UEL 6[21] 2[22] - - - 28 2
2015-gen.2016 A 0 0 CI 1 0 - - - - - - 1 0
Totale Inter 20 0 3 0 6 2 29 2
gen.2016-giu.2016 Italia Sampdoria A 17 0 - - - - - - - - - 17 0
Totale carriera 99 2 14 0 6 2 119 4

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Corinthians: 2009

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

2009
Pechino 2014

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dodô, asroma.it. URL consultato il 5 maggio 2014.
  2. ^ 6 (0) includendo le statistiche del Campionato Baiano.
  3. ^ 26 (2) includendo le statistiche del Campionato Paulista.
  4. ^ Corinthians vs. Botafogo SP 1 - 1, soccerway.com. URL consultato il 3 luglio 2012.
  5. ^ Avaí - Bahia 2:2, transfermarkt.it. URL consultato il 3 luglio 2012.
  6. ^ (PT) Chateado, Bolívar ligará para lateral lesionado do Bahia, lancenet.com.br. URL consultato il 3 luglio 2012.
  7. ^ Corporate: José Rodolfo Pires Ribeiro (Dodô), asroma.it. URL consultato il 3 luglio 2012.
  8. ^ A Genova con un uomo in più Dodò, l'attesa è finita: adesso è pronto, ilmessaggero.it. URL consultato il 16 ottobre 2012.
  9. ^ Udinese, che rimonta alla Roma! Di Natale letale con il cucchiaio, gazzetta.it, 28 ottobre 2012. URL consultato il 23 novembre 2014.
  10. ^ Dodô, asroma.it. URL consultato il 23 novembre 2014.
  11. ^ INTER, A LUGLIO ENTRANO (FORSE) BEN 19 MLN. E SONO PIÙ DELLE USCITE: IL DETTAGLIO
  12. ^ Stefano Cantalupi, Europa League, Stjarnan-Inter 0-3: gol di Icardi, Dodò e D'Ambrosio, Gazzetta.it, 20 agosto 2014.
  13. ^ Matteo Dalla Vite, Saint Etienne-Inter 1-1, gol di Dodò, poi Vidic sbaglia: Mazzarri a +4 sulle altre, Gazzetta.it, 6 novembre 2014.
  14. ^ Matteo Brega, Inter, Dodò e quella fascia da incubo. Legge i salmi e cambia la storia, La Gazzetta dello Sport, 9 novembre 2014.
  15. ^ Inter, operato Dodò: stagione finita? Sta per tornare Nagatomo, FantaGazzetta.it, 25 marzo 2015.
  16. ^ Primavera, Inter-Cesena 3-1: Dodò gioca novanta minuti. Torna la vittoria, Inter.it, 17 ottobre 2015.
  17. ^ Trofeo Berlusconi, vince l'Inter: 1-0 al Milan firmato Kondogbia, sportmediaset.it, 21 ottobre 2015.
  18. ^ Trofeo San Nicola, al Milan il triangolare, sportmediaset.it, 24 novembre 2015.
  19. ^ Ufficiale: dall'Internazionale arriva il brasiliano Dodô - U.C. Sampdoria, su U.C. Sampdoria. URL consultato il 21 gennaio 2016.
  20. ^ Brasile, le scelte di Dunga: Maicon resta fuori, convocati Dodò e Mario Fernandes, repubblica.it. URL consultato il 16 giugno 2015.
  21. ^ 1 presenza nei play-off.
  22. ^ 1 rete nei play-off.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (DEENIT) Dodô, su Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG.
  • Dodô, su Calcio.com, HEIM:SPIEL Medien GmbH.
  • Dodô, su Soccerway.com, Perform Group.
  • (ENESFRPT) Dodô, su sambafoot.com, Sambafoot RCS Paris.