Marko Livaja

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marko Livaja
Loc-Rub (4).jpg
Livaja in azione con la maglia del Rubin Kazan' nella stagione 2014-2015.
Nazionalità Croazia Croazia
Altezza 182 cm
Peso 81 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra AEK Atene
Carriera
Giovanili
2004-2006non conosciuta Gonsk Gabela
2006-2008Omladinac Vranjic
2008Dinamo Zagabria
2009Hajduk Spalato
2011-2012Cesena
2012Inter
Squadre di club1
2010Hajduk Spalato1 (0)
2010-2011Lugano0 (0)
2011-2012Cesena3 (0)
2012-2013Inter6 (0)
2013-2014Atalanta31 (4)
2014-2015Rubin Kazan'11 (0)
2015-2016Empoli18 (1)
2016-2017Las Palmas25 (5)
2017-AEK Atene52 (15)
Nazionale
2006-2008Croazia Croazia U-154 (4)
2008Croazia Croazia U-167 (6)
2008-2010Croazia Croazia U-1720 (7)
2010Croazia Croazia U-184 (1)
2010-2012Croazia Croazia U-197 (2)
2013Croazia Croazia U-203 (1)
2012-2015Croazia Croazia U-215 (3)
2018Croazia Croazia4 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 5 maggio 2018

Marko Livaja (Spalato, 26 agosto 1993) è un calciatore croato, attaccante dell'AEK Atene.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Hajduk Spalato, Lugano e Cesena[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nei settori giovanili di Gonsk Gabela e NK Omladinac Vranjic, nel 2008 transita dalla Dinamo Zagabria[1] prima di tornare a Spalato con i colori dell'Hajduk[2]. Dopo una presenza in campionato con l'Hajduk Spalato nell'estate del 2010, nello stesso calciomercato viene messo sotto contratto dall'Inter che lo trasferisce al Lugano[1][3] con cui, in gare amichevoli, fa qualche apparizione in prima squadra[4]. Il 31 agosto 2011, sempre in prestito[5], passa alla società italiana del Cesena.[6] Esordisce in Serie A il 16 ottobre, nel pareggio senza gol contro la Fiorentina.[7]

Inter[modifica | modifica wikitesto]

Nel mercato invernale, fa ritorno all'Inter in cambio della metà del cartellino di Thomas Pedrabissi (che rimane nella Primavera nerazzurra).[8] Con la squadra giovanile vince la NextGen Series e il Campionato di categoria, segnando il primo gol nella finale contro la Lazio (vinta per 3-2).[9][10] L'esordio con i milanesi coincide con quello nelle coppe europee, poiché il 2 agosto 2012 scende in campo contro l'Hajduk Spalato nei preliminari di Europa League.[11] Durante la fase a gironi della competizione mette a segno 4 gol, tra cui la prima doppietta da professionista.[12][13][14]

Atalanta[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2013 si trasferisce all'Atalanta, nell'ambito dell'operazione che porta Schelotto a Milano.[15] Il 24 febbraio realizza la prima doppietta in Serie A, non sufficiente agli orobici per evitare la sconfitta con la Roma (3-2).[16] La prima stagione a Bergamo è segnata da fatti controversi, quali l'esclusione dalle convocazioni e l'aggressione al compagno di squadra Radovanović a cui sferra un pugno durante un allenamento.[17][18]

Con la formazione bergamasca segna - in due anni - 6 gol complessivi[19], ma l'addio al club è caratterizzato da altri episodi negativi.[20] Dopo una polemica con l'allenatore Colantuono, il croato pubblica infatti un post a sfondo razziale su Facebook insultando gli italiani.[21] Lo stesso giocatore definirà negativo il rapporto con il tecnico.[22]

Rubin Kazan e il prestito all'Empoli[modifica | modifica wikitesto]

Al termine della stagione 2013-14, viene ceduto al Rubin Kazan'.[23] Anche l'esperienza in Russia si dimostra poco proficua, a causa di una forma fisica scadente.[24]

Nell'estate 2015 rientra all'Empoli[25], segnando un gol alla Fiorentina in campionato.[26]

Esperienze successive[modifica | modifica wikitesto]

Per la stagione 2016-17 si accorda con gli spagnoli del Las Palmas.[27] Al debutto nella Liga segna una doppietta contro il Valencia, sconfitto per 4-2.[28] La parentesi iberica lo vede ancora protagonista di fatti negativi, chiudendo in anticipo il campionato per la squalifica di 5 giornate comminatagli dopo una spinta all'arbitro, che lo aveva appena espulso.[29]

A luglio 2017 firma invece con i greci dell'AEK Atene[30], distinguendosi ancora per comportamenti scorretti come il calcio rifilato in pieno petto ad un avversario.[31]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ha giocato nella Nazionale croata nel maggio 2008 con i ragazzi dell'Under-15 (4 presenze e 4 gol). La progressione racchiude sia la selezione Under-16 (6 presenze e 6 gol) sia l'Under-17 (20 presenze e 7 gol) per poi giocare con l'Under-18. Il 10 novembre 2011 esordisce con l'Under-19 nella partita contro i pari età della Finlandia, nella partita conclusasi 4-2 per la formazione croata. L'esordio con l'Under-21 avviene, in amichevole, il 5 febbraio 2013 contro i pari età dell'Olanda[32]. Il 23 marzo dello stesso anno segna il suo primo gol in Under-21 nella partita vinta per 3-0 contro i pari età della Serbia. A giugno 2013 partecipa ai Mondiali Under-20, in Turchia; gioca da titolare nella prima partita del torneo, vinta per 1-0 contro l'Uruguay, venendo sostituito da Kruno Ivančić al 71'. Nella seconda giornata della fase a gironi, giocata contro l'Uzbekistan, al 65' mette a segno il gol del definitivo 1-1: si tratta del suo primo gol assoluto con la maglia dell'Under-20[33]. Dopo essere rimasto in panchina nella terza ed ultima partita della fase a gironi, gioca da titolare nella partita persa per 2-0 contro il Cile negli ottavi di finale, che determina l'eliminazione della sua squadra dalla competizione.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 25 novembre 2018.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
ago. 2010 Croazia Hajduk Spalato 1. HNL 1 0 CC 0 0 - - - - - - 1 0
ago. 2010-2011 Svizzera Lugano CL 0 0 CS - - - - - - - - 0 0
2011-gen. 2012 Italia Cesena A 3 0 CI 0 0 - - - - - - 3 0
gen.-giu. 2012 Italia Inter A 0 0 CI 0 0 UCL 0 0 SI - - 0 0
2012-gen. 2013 A 6 0 CI 0 0 UEL 7[34] 4 - - - 13 4
Totale Inter 6 0 0 0 7 4 - - 13 4
gen.-giu. 2013 Italia Atalanta A 11 2 CI - - - - - - - - 11 2
2013-2014 A 20 2 CI 3 2 - - - - - - 23 4
Totale Atalanta 31 4 3 2 - - - - 34 6
2014-2015 Russia Rubin Kazan PL 11 0 KR 2 1 - - - - - - 13 1
2015-2016 Italia Empoli A 18 1 CI - - - - - - - - 18 1
2016-2017 Spagna Las Palmas PD 25 5 CR 1 2 - - - - - - 26 7
2017-2018 Grecia AEK Atene SL 27 8 CG 5 0 UCL+UEL 2[35]+8[36] 0+2 - - - 42 10
2018-2019 SL 25 7 CG 7 4 UCL 5[37] 1[35] - - - 37 12
Totale AEK Atene 52 15 12 4 15 3 - - 79 22
Totale carriera 145 25 18 9 22 7 - - 185 41

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Croazia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
6-9-2018 Lisbona Portogallo Portogallo 1 – 1 Croazia Croazia Amichevole - Uscita al 57’ 57’
11-9-2018 Elche Spagna Spagna 6 – 0 Croazia Croazia UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno - Ingresso al 71’ 71’
12-10-2018 Fiume Croazia Croazia 0 – 0 Inghilterra Inghilterra UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno - Ingresso al 80’ 80’
15-10-2018 Fiume Croazia Croazia 2 – 1 Giordania Giordania Amichevole - Ingresso al 64’ 64’
Totale Presenze 4 Reti 0
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Croazia Under-19
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
10-11-2011 Gendt Croazia Under-19 Croazia 4 – 2 Finlandia Finlandia Under-19 Qual. Euro 2012 U-19 2
12-11-2011 Doetinchem Moldavia Under-19 Moldavia 0 – 4 Croazia Croazia Under-19 Qual. Euro 2012 U-19 -
15-11-2011 Gendt Croazia Under-19 Croazia 0 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Under-19 Qual. Euro 2012 U-19 -
25-5-2011 Zaprešić Croazia Under-19 Croazia 2 – 2 Austria Austria Under-19 Qual. Euro 2012 U-19 -
30-5-2011 Zagabria Croazia Under-19 Croazia 2 – 0 Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Under-19 Qual. Euro 2012 U-19 -
Totale Presenze 5 Reti 2

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Inter: 2011-2012
Inter: 2011-2012

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Hajduk Spalato: 2009-2010
AEK Atene: 2017-2018

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Matricole e meteore, storie di un pazzo mercato: Marko Livaja gianlucadimarzio.com 16 maggio 2013
  2. ^ Marko Livaja Risultati.it
  3. ^ Il destino di Livaja: niente Inter (per ora), va al Lugano fcinternews.it 23 settembre 2010
  4. ^ Pareggio del Lugano in Turchia. Contro i kazachi del Kairat Almaty in rete Livaja ticinonews 8 febbraio 2011
  5. ^ Marko Livaja: il vice Milito è lui![collegamento interrotto] Bauscia.it 8 dicembre 2012
  6. ^ Ufficiale: Cesena, tesserato il croato Marko Livaja tuttomercatoweb.com, 31 agosto 2011
  7. ^ Armando Ossorio, A Mutu saltano i nervi Il Cesena si accontenta, su repubblica.it, 16 ottobre 2011.
  8. ^ Inter, tutto fatto: dal Cesena arriva in comproprietà Marko Livaja, su fcinternews.it, 28 dicembre 2011.
  9. ^ Inter, è Champions battuta l'Ajax ai rigori, su repubblica.it, 25 marzo 2012.
  10. ^ Inter campione d'Italia Lazio battuta in finale, su repubblica.it, 9 giugno 2012.
  11. ^ Gianluca Strocchi, Inter, partenza lanciata tris vincente a Spalato, su repubblica.it, 2 agosto 2012.
  12. ^ Simone Redaelli, Europa League: 2-2 con il Rubin Kazan, su sportmediaset.mediaset.it, 20 settembre 2012.
  13. ^ Valanga Lazio a Maribor Livaja super, ma l'Inter fa 2-2, in la Repubblica, 7 dicembre 2012, p. 61.
  14. ^ Andrea Elefante, Inter, ragazzi alla pari, in La Gazzetta dello Sport, 7 dicembre 2012.
  15. ^ Forte pressing su Lodi e Sorrentino, su sportmediaset.mediaset.it, 7 gennaio 2013.
  16. ^ Enrico Sisti, La Roma di Andreazzoli va, battute la neve e l'Atalanta, in la Repubblica, 25 febbraio 2013, p. 35.
  17. ^ Atalanta, Colantuono esclude Livaja: "Fuori per motivi disciplinari", su repubblica.it, 29 marzo 2013.
  18. ^ Radovanovic: "Livaja? Mi ha colpito e rideva". Lui replica: "Non è vero", su fantagazzetta.com, 10 maggio 2013.
  19. ^ Andrea Sorrentino, Palacio promuove subito Mazzarri, in la Repubblica, 19 agosto 2013, p. 41.
  20. ^ Atalanta, Livaja contro i suoi tifosi: "Italiani bastardi...", su repubblica.it, 20 aprile 2014.
  21. ^ Atalanta: Livaja, insulti shock su Facebook: "Italiani bastardi", su gazzetta.it, 20 aprile 2014.
  22. ^ Francesco Bramardo, La verità di Livaja: «Con Colantuono era finita in rissa», in La Gazzetta dello Sport, 24 luglio 2014.
  23. ^ Livaja vola al Rubin Kazan, è ufficiale, su gazzetta.it, 15 maggio 2014.
  24. ^ Livaja sempre più giù: vicino anche l'addio al Rubin Kazan, su bergamonews.it, 7 ottobre 2014.
  25. ^ Livaja, il bad boy è tornato: su di lui ora punta l'Empoli, su gazzetta.it, 28 agosto 2015.
  26. ^ Benedetto Ferrara, Sorpresa Empoli poi Kalinic sveglia la Fiorentina, ma è solo pari, in la Repubblica, 23 novembre 2015, p. 38.
  27. ^ (ES) La UD Las Palmas ficha al delantero croata Marko Livaja, su udlaspalmas.es, 14 luglio 2016.
  28. ^ Boateng, gol alla Van Basten all'esordio in Liga. E il Las Palmas vince a Valencia, su gazzetta.it, 22 agosto 2016.
  29. ^ Livaja spinge l'arbitro: cinque giornate di squalifica, su sportmediaset.mediaset.it, 25 aprile 2017.
  30. ^ Livaja sbarca in Grecia: ufficiale l'approdo all'AEK, su goal.com, 1º luglio 2017.
  31. ^ Livaja, ennesima follia: calcio a Lazovic nei preliminari di Champions, su ilposticipo.it, 29 agosto 2018.
  32. ^ Tabellino CroaziaU21-OlandaU21 transfermarkt.it, 5 febbraio 2013
  33. ^ Referto Soccerway.com
  34. ^ Una presenza nei turni preliminari.
  35. ^ a b Nei turni preliminari.
  36. ^ Una presenza nei play-off.
  37. ^ 4 presenze nei turni preliminari.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]