Souper Ligka Ellada 2017-2018

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Souper Ligka Ellada 2017-2018
Competizione Souper Ligka Ellada
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 82ª
Organizzatore SLE
Date dal 19 agosto 2017
al 7 maggio 2018
Luogo Grecia Grecia
Partecipanti 16
Formula girone all'italiana
Risultati
Vincitore AEK Atene
(12º titolo)
Retrocessioni Kerkyra
Platanias
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2016-2017

La Souper Ligka Ellada 2017-2018 è stata l'82ª edizione della massima serie del campionato greco di calcio, la 59ª a girone unico, ed è iniziata il 19 agosto 2017. Il campionato è stato sospeso dall'11 al 26 marzo 2018, in seguito ai fatti avvenuti negli ultimi minuti del match tra PAOK Salonicco e AEK Atene[1][2].

L'AEK Atene conquista il 12º titolo dopo 24 anni dall'ultima volta.[3]

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Formula[modifica | modifica wikitesto]

Le squadre partecipanti sono sedici e disputano un girone di andata e ritorno per un totale di 30 partite.

Le ultime due classificate retrocedono direttamente in Football League.

Il punteggio prevede tre punti per la vittoria, uno per il pareggio e nessuno per la sconfitta.

Le squadre ammesse alle coppe europee sono cinque: i campioni e i vice campioni ai preliminari della UEFA Champions League 2018-2019, mentre sono tre i posti per la UEFA Europa League 2018-2019.

Avvenimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il campionato inizia con il prevedibile dominio dell'Olympiakos, che avendo vinto 19 degli ultimi 21 campionati, parte da assoluto favorito. La squadra del Pireo si ferma alla quinta giornata, perdendo 3-2 in casa dell'AEK Atene, e nella giornata successiva incassa una clamorosa sconfitta casalinga contro l'Atromitos. Passa quindi in testa il PAOK Salonicco, che però incappa in due sconfitte proprio contro le altre due contendenti al titolo, l'Olympiakos e l'AEK Atene. Più staccato è invece il Panathīnaïkos, alle prese con una stagione complicata, nonostante la vittoria nel derby del 28 ottobre 2017 contro l'Olympiakos. Il gruppo di coda si delinea rapidamente, con il Platanias che colleziona ben 12 sconfitte consecuitve e con Apollōn Smyrnīs e Kerkyra a lottare per non retrocedere. Importante è anche la stagione dell'Atromitos, che dopo 10 risultati utili consecutivi si ferma a Salonicco, perdendo 2-1 contro il PAOK.

Alla pausa invernale al primo posto vi è l'AEK Atene, seguito dall'Olympiakos, che dal 5 novembre 2017 al 21 gennaio 2018 colleziona ben 9 vittorie consecutive. Il 4 febbraio l'Olympiakos perde in casa lo scontro diretto contro l'AEK, che consolida la sua posizione in vetta. I biancorossi nella giornata successiva non vanno oltre il pari in casa dell'Atromitos, facendosi raggiungere dal PAOK, che contro il Lamia centra la decima vittoria consecutiva. Tra febbraio e marzo si arriva così alla fase calda del campionato, ma lo scontro diretto del 25 febbraio tra PAOK e Olympiakos viene assegnato per 0-3 a tavolino in quanto il tecnico ospite Óscar García viene colpito al volto da un rotolo di carta igienica lanciato dai tifosi locali[4]. La settimana seguente il club di Salonicco perde all'ottavo minuto di recupero in casa dell'Asteras Tripolīs; al fischio finale si scatena una rissa, con i tifosi che tentano di invadere il terreno di gioco. L'AEK Atene batte per 1-0 il Panionios e fa un passo avanti sulle inseguitrici, visto il pareggio dell'Olympiakos contro il Panathīnaïkos. La giornata successiva vede quindi come posticipo lo scontro diretto tra PAOK e AEK Atene, in programma per l'11 marzo allo Stadio Toumba. Intanto, nel pomeriggio l'Olympiakos vince facilmente in casa del Platanias; questo risultato costringe il PAOK a dover vincere per non finire in terza posizione. Il match rimane inchiodato sullo 0-0 fino al 90', quando Fernando Varela firma il gol vittoria per il PAOK, il quale viene però annullato per fuorigioco dall'arbitro Georgios Kaminis dopo le proteste ospiti. In questi attimi concitati, in segno di protesta il presidente del PAOK Ivan Savvidis entra sul terreno di gioco con una pistola nella fondina e l'incontro viene quindi sospeso. In seguito a questi fatti, il giorno seguente la Federazione calcistica greca, in accordo con il Primo ministro greco Alexīs Tsipras decide di sospendere il campionato a tempo indeterminato, salvo poi annunciare la ripresa del campionato il 26 marzo[5]. Savvidis viene squalificato per 3 anni e il PAOK viene sanzionato con la sconfitta a tavolino dell'incontro dell'11 marzo e 3 punti di sospensione in classifica, più 2 per la prossima stagione[6]. Alla ripresa del campionato, il PAOK vince le ultime 5 partite mentre l'AEK Atene, forte del vantaggio di 8 punti non ha difficoltà a conquistare il suo 12º titolo, 24 anni dall'ultima volta. L'Olympiakos conclude terzo, rimanendo fuori dalla zona Champions, seguito dall'Atromitos, che dopo 11 anni torna a disputare i preliminari di Europa League. Il Panathīnaïkos conclude undicesimo; è il peggior piazzamento nella storia del club in massima divisione. Retrocedono Kerkyra e Platanias; l'Apollōn Smyrnīs ottiene infatti 4 vittorie nelle ultime 7 partite di campionato, centrando l'obiettivo salvezza.

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Club Città Stadio Stagione precedente
AEK Atene Atene Olympiakó Stádio Spyros Louis 2º posto
Apollōn Smyrnīs Atene Georgios Kamaras Stadium 1º posto in Football League
Asteras Tripolīs Tripoli Stadio Theodōros Kolokotrōnīs 12º posto
Atromītos Peristeri Stadio Peristeri 9º posto
Kerkyra Corfù Stadio Kerkyras 10º posto
Lamia Lamia Stadio Municipale di Lamia 2º posto in Football League
Larissa Larissa AEL FC Arena 13º posto
Levadeiakos Livadia Stadio Levadias 14º posto
Olympiakos Il Pireo Stadio Geōrgios Karaiskakīs Campione
Panaitōlikos Agrinio Stadio Panaitolikou 11º posto
Panathīnaïkos Atene Stadio Apostolos Nikolaidis 3º posto
Paniōnios Nea Smyrnī Stadio Nea Smyrnī 5º posto
PAOK Salonicco Stadio Toumba 4º posto
PAS Giannina Giannina Stadio Zosimades 9º posto
Platanias Platanias Perivolia Municipal Stadium 7º posto
Xanthī Xanthi Xanthi FC Arena 6º posto

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
Flag of Greece.svg 1. AEK Atene 70 30 21 7 2 50 12 +38
2. PAOK[7] 64 30 21 4 5 59 19 +40
3. Olympiakos[7] 57 30 18 6 6 63 28 +35
4. Atromītos 56 30 15 11 4 43 21 +22
5. Asteras Tripolīs 45 30 12 9 9 39 24 +15
6. Xanthī 45 30 12 9 9 31 30 +1
7. Paniōnios 40 30 10 10 10 32 31 +1
8. Panaitōlikos 35 30 9 8 13 31 40 -9
9. PAS Giannina 34 30 7 13 10 31 34 -3
10. Levadeiakos 34 30 8 10 12 23 34 -11
11. Larissa 31 30 7 10 13 22 41 -19
12. Lamia 30 30 6 12 12 20 34 -14
13. Panathīnaïkos[8] 29 30 10 10 10 30 30 0
14. Apollōn Smyrnīs 29 30 6 11 13 23 36 -13
1downarrow red.svg 15. Kerkyra 22 30 4 10 16 19 51 -32
1downarrow red.svg 16. Platanias 10 30 2 4 24 14 65 -51

Legenda:

      Campione di Grecia e ammesso alla UEFA Champions League
      Ammesso all'Europa League
      Retrocesse in Football League

Note:

Tre punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

  AEK Apo Ast Atr Ker Lam Lar Lev Oly Pna Pnk Pio PAO PAS Pla Xan
AEK Atene –––– 0-0 1-0 0-1 3-1 2-0 4-0 2-0 3-2 1-0 2-0 1-0 1-0 3-1 3-0 4-0
Apollon Smyrnis 0-1 –––– 1-3 0-3 0-0 1-1 3-0 1-1 1-0 2-1 0-0 1-1 0-0 4-3 0-1 2-0
Asteras Tripolis 2-0 2-1 –––– 0-1 4-0 1-3 3-1 2-0 1-1 1-0 0-0 0-1 3-2 1-2 4-0 1-1
Atromitos 1-1 1-1 1-0 –––– 4-0 3-0 1-0 1-0 2-2 1-1 0-1 0-0 0-2 0-0 4-1 1-0
Kerkyra 0-0 2-0 1-3 1-3 –––– 0-0 1-1 1-1 1-3 1-0 1-0 0-1 0-3 1-1 2-0 0-2
Lamia 0-1 0-0 1-0 1-1 1-1 ––– 0-2 1-1 0-1 1-1 2-2 1-0 0-2 2-1 2-0 0-1
Larissa 0-0 1-0 1-1 0-0 0-0 1-1 –––– 1-0 0-3 0-0 0-1 4-2 1-1 1-1 1-0 1-0
Levadiakos 0-2 2-1 1-0 0-1 2-0 0-0 2-1 –––– 1-1 3-2 1-2 2-1 0-0 1-1 1-1 1-0
Olympiakos 1-2 3-1 1-1 0-1 5-1 2-0 4-1 2-1 –––– 1-1 4-0 1-0 1-0 1-0 5-1 3-0
Panathinaïkos 1-1 1-0 1-1 1-0 4-0 2-0 2-1 0-0 1-0 –––– 0-0 0-1 0-3 2-0 2-0 1-2
Panetolikos 1-4 1-1 0-2 2-2 1-0 1-0 3-1 0-1 1-4 2-0 –––– 1-1 0-1 1-0 3-0 1-3
Panionios 0-1 2-0 0-0 2-2 3-1 1-0 4-1 2-0 3-4 0-3 1-1 –––– 2-2 0-1 2-1 0-0
PAOK Salonicco 0-3 3-0 2-0 2-1 3-1 4-0 3-0 5-0 0-3 4-0 1-0 3-1 –––– 1-0 3-0 2-1
PAS Giannina 0-0 0-1 0-0 2-2 2-1 1-1 0-0 0-0 3-0 2-1 1-1 1-1 1-3 –––– 3-1 1-1
Platanias 0-1 1-1 0-3 1-3 0-0 1-2 0-1 1-0 0-4 1-1 0-3 1-2 0-1 0-3 –––– 0-2
Xanthi 1-1 2-0 0-0 0-2 1-1 0-0 1-0 2-1 1-1 1-0 1-1 2-0 0-3 3-0 3-2 ––––

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornata all'11 marzo 2018.

Gol Giocatore Squadra
14 Serbia Aleksandar Prijović PAOK
13 Iran Karim Ansarifard Olympiakos
13 Spagna Pedro Conde PAS Giannina
8 Slovacchia Erik Jendrišek Xanthī
8 Argentina Sergio Araujo AEK Atene
8 Croazia Marko Livaja AEK Atene
8 Grecia Kōstas Fortounīs Olympiakos
8 Grecia Michalīs Manias Asteras Tripolīs
8 Egitto Amr Warda Atromītos

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il presidente del Paok Salonicco entra in campo armato di pistola, sospeso il campionato, su rainews.it. URL consultato il 12 marzo 2018.
  2. ^ Grecia, campionato "sospeso" dopo l'invasione con pistola, su gazzetta.it. URL consultato il 12 marzo 2018.
  3. ^ Aek Atene campione di Grecia dopo 24 anni, goal.com. URL consultato il 24 aprile 2018.
  4. ^ Paok-Olympiakos: tecnico ospite colpito al volto da un rotolo di carta igienica e portato in ospedale, su itasportpress.it. URL consultato il 30 marzo 2018.
  5. ^ Il campionato greco riprenderà sabato dopo la sospensione di tre settimane per i disordini di Salonicco, su ilpost.it. URL consultato il 30 aprile 2018.
  6. ^ PAOK, Savvidis in campo con la pistola: 3 anni di squalifica e vittoria all’AEK Atene, su itasportpress.it. URL consultato il 30 aprile 2018.
  7. ^ a b Tre punti di penalizzazione.
  8. ^ Undici punti di penalizzazione.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]