Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Giannina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giannina
comune
Ἰωάννινα
Giannina – Stemma
Giannina – Veduta
Localizzazione
Stato Grecia Grecia
Periferia Epiro
Unità periferica Giannina
Amministrazione
Sindaco Filippos Filios
Territorio
Coordinate 39°40′N 20°51′E / 39.666667°N 20.85°E39.666667; 20.85 (Giannina)Coordinate: 39°40′N 20°51′E / 39.666667°N 20.85°E39.666667; 20.85 (Giannina)
Altitudine 470 m s.l.m.
Superficie 403 km²
Abitanti 103 101 (2001)
Densità 255,83 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 45xxx
Prefisso 26510
Fuso orario UTC+2
Targa INx
Nome abitanti Ioànnites
Cartografia
Mappa di localizzazione: Grecia
Giannina
Giannina
Giannina – Mappa
Sito istituzionale

Giànnina[1][2][3] (in greco Ἰωάννινα, Ioànnina, in albanese Janina, in turco Yanya) è un comune della Grecia situato nella periferia dell'Epiro (unità periferica di Giannina) con 103.101 abitanti secondo i dati del censimento 2001[4].

A seguito della riforma amministrativa detta programma Callicrate in vigore dal gennaio 2011[5] che ha abolito le prefetture e accorpato numerosi comuni, la superficie del comune è ora di 403 km² e la popolazione è passata da 70.203[6] a 103.101 abitanti.

La città conserva ancora alcune strutture artistiche e architettoniche risalenti al periodo della dominazione ottomana (una moschea, i resti di una scuola coranica, un bazar), mentre su una piccola isola del lago sorgono alcuni monasteri ortodossi.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

La città sorge sulle rive del lago Pamvotida (greco: Παμβώτιδα) e la dista 460 km da Atene e 290 km da Salonicco.

Quartieri[modifica | modifica wikitesto]

  • Exochi
  • Marmara
    • Ammos
    • Kardamitsia
    • Kato Marmara
    • Olympiada
  • Neochoropoulo
    • Kato Neochoropoulo
  • Stavraki
    • Penteli
    • Tsiflikopoulo
    • Velissarios

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1430, la città di Giànnina si arrese pacificamente all'Impero Ottomano. L'ammiraglio Sinan Pascià garantì ai popoli locali diritti e benefici e la protezione delle proprietà della chiesa con un documento scritto. Nel 1611 il metropolita di Larissa-Trikis, Dionisos il Filosofo (“Skilosofos”), capeggiò un ampio movimento per la liberazione dalla sovranità ottomana[7]. La rivolta fu schiacciata dal comandante di Ioannina, Aslan Pasha, che era di origine greca. La conclusione di questa rivolta è stata l'abolizione dei privilegi della città. La chiesa di San Giovanni Battista è stata distrutta e trasformata in una moschea chiamata moschea di Aslan Pascià. Questa moschea è stata costruita nel 1618 (Moschea Asllani, oggi il museo nel castello), è stata dedicata all'Aslan Pasha, che ha sconfitto la rivolta di Dionisos. Trascorso questo tempo, l'Impero ottomano ha stabilito le famiglie turche e gli ebrei della città. Mentre la gente espropriati della città, inaugurato per la prima volta, nuovi insediamenti al di fuori del castello. Inoltre, la moschea Fethiye e la moschea di Aslan Pascià (che ora è un museo etnografico) si trovano in questo paese. Mentre il minareto moschea è crollata Veli Pasha. L'Impero Ottomano perse Giannina quando l'esercito greco occupò la città il 6 marzo 1913 durante la prima guerra balcanica, e in seguito il Trattato di Londra ne sancì il definitivo passaggio alla Grecia. L'occupazione è stata seguita da massacri, sfollamenti di massa e l'assimilazione forzata degli albanesi rimasti a Giannina. Giànnina, è riconosciuta come la città più importante della Grecia del nord-ovest.

Attrazioni[modifica | modifica wikitesto]

Persone legate a Giannina[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Aeroporti[modifica | modifica wikitesto]

L'Aeroporto Re Pyrros di Giannina è un'infrastruttura di grande importanza, con 2 voli giornalieri per Atene.

Autostrade[modifica | modifica wikitesto]

L'autostrada A2 (conosciuta anche come Egnatia Odos percorso moderno dell'antica Via Egnatia) collega la città con Igoumenitsa e Salonicco e fa parte delle strade europee E90 e E92.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 19 maggio 1996 la 3ª tappa del Giro d'Italia 1996 si è conclusa a Giannina con la vittoria di Giovanni Lombardi.
  • La principale squadra di calcio della città è il Panipeirotikos Athlitikos Syllogos Giànnina o più semplicemente PAS Giannina fondato nel 1966.
  • La seconda squadra per importanza è l'AE Giannena fondata nel 1994, che milita nella Gamma Ethiniki, l'equivalente della serie C italiana.

Gastronomia[modifica | modifica wikitesto]

Giannina è famosissima per la produzione del tradizionale formaggio greco, la Feta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cfr. "Giannina" nell'enciclopedia Treccani.
  2. ^ Cfr. "Giannina" nell'enciclopedia Sapere.
  3. ^ Atlas. L'atlante geografico de Agostini, Istituto geografico de Agostini, Novara 1993, p. 113.
  4. ^ Popolazione comuni greci, statoids.com. URL consultato il 9 marzo 2011.
  5. ^ programma Callicrate (PDF), kedke.gr. URL consultato il 2 marzo 2011.
  6. ^ Censimento 2001 (XLS), ypes.gr. URL consultato il 2 marzo 2011.
  7. ^ http://www.thesprotia.gr/newsdesk_info.php?newsPath=33_41&newsdesk_id=87&language=It

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Informazioni[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN147754409 · GND: (DE4197925-4 · BNF: (FRcb12251843j (data)
Grecia Portale Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Grecia