Panellenio Protathlema 1946-1947

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Panellenio Protathlema 1946-1947
Competizione Panellenio Protathlema
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 13ª
Organizzatore EPO
Luogo Grecia Grecia
Partecipanti 6
Risultati
Vincitore Olympiakos
(7º titolo)
Statistiche
Miglior marcatore Grecia Vazos Jianis (12)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1945-1946 1947-1948 Right arrow.svg

La Panellenio Protathlema 1946-1947 è stata la 13a edizione del campionato di calcio greco conclusa con la vittoria dell'Olympiacos Pireo, al suo sesto titolo.

Capocannoniere del torneo fu Vazos Jianis (Olympiacos Pireo) con 12 reti.

Formula[modifica | modifica wikitesto]

Le squadre partecipanti disputarono una prima fase a carattere regionale.

Furono ammesse alla finale nazionale sei club che disputarono un girone di andata e ritorno per un totale di 10 partite.

Alla vincente venivano assegnati 3 punti, due al pareggio e uno in caso di sconfitta.

L'Iraklis fu penalizzata di un punto e il Makedonikos di due.

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Città Stadio
AEK Atene Atene
Atromītos Peristeri
Īraklīs Salonicco
600px bisection vertical HEX-1D913D Black.svg Makedonikos Neapoli
Olympiakos Il Pireo
Paniōnios Nea Smyrnī

Classifica girone finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
Grecia 1. Olympiakos 25 10 7 1 2 27 11 +16
2. Īraklīs 24 10 6 3 1 19 10 +9
3. Paniōnios 23 10 6 1 3 23 17 +6
4. AEK Atene 19 10 4 1 5 15 14 +1
5. Atromītos 18 10 3 2 5 12 21 -9
6. 600px bisection vertical HEX-1D913D Black.svg Makedonikos 8 10 0 0 10 13 36 -23

Legenda:

      Campione di Grecia

Note:

Tre punti a vittoria, due a pareggio, uno a sconfitta.
Iraklis 1 punto di penalizzazione
Makedonikos 2 punti di penalizzazione

Verdetti[modifica | modifica wikitesto]

  • Olympiakos Pireo campione di Grecia

Marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Gol Giocatore Squadra
12 Grecia Vazos Jianis Olympiakos
6 Grecia Papadakis Īraklīs
6 Grecia Papageorgiou Atromītos

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]