Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Úrvalsdeild 2017

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Úrvalsdeild 2017
Pepsi Úrvalsdeild 2017
Competizione Úrvalsdeild
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 106ª
Organizzatore KSI
Date dal 30 aprile 2017
al 30 settembre 2017
Luogo Islanda Islanda
Partecipanti 12
Formula girone all'italiana
Risultati
Vincitore Valur
(21º titolo)
Secondo Stjarnan
Retrocessioni Víkingur Ólafsvík
ÍA Akraness
Statistiche
Miglior marcatore Islanda Bjarnason (19)
Incontri disputati 132
Gol segnati 403 (3,05 per incontro)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2016 2018 Right arrow.svg

La Úrvalsdeild 2017, detta anche Pepsi Úrvalsdeild per motivi di sponsorizzazione, è stata la 106ª edizione della massima divisione del campionato islandese di calcio. La stagione è iniziata il 30 aprile e si è conclusa il 30 settembre 2017[1]. Il campionato è stato vinto dal Valur per la ventunesima volta nella sua storia[2].

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Novità[modifica | modifica wikitesto]

Dalla Úrvalsdeild 2016 sono state retrocesse in 1. deild karla il Fylkir e il Þróttur, classificatesi agli ultimi due posti. Dalla 1. deild karla sono stati promossi in Úrvalsdeild il KA Akureyri e il Grindavík, prime due classificate.

Formula[modifica | modifica wikitesto]

Le 12 squadre partecipanti si affrontano in un girone all'italiana con partite di andata e ritorno, per un totale di 22 giornate. La squadra prima classificata è dichiarata campione di Islanda e ha il diritto a partecipare alla UEFA Champions League 2018-2019 partendo dal secondo turno di qualificazione. Le squadre classificate al secondo e terzo posto sono ammesse alla UEFA Europa League 2018-2019 partendo dal primo turno di qualificazione, assieme alla squadra vincitrice della Coppa d'Islanda. Le ultime due classificate retrocedono direttamente in 1. deild karla 2018.

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Club Città Stadio Stagione 2016
Breiðablik Kópavogur Kópavogsvöllur 6º posto in Úrvalsdeild
FH Hafnarfjörður Hafnarfjörður Kaplakriki Campione d'Islanda
Fjölnir Reykjavík Fjölnisvöllur 4º posto in Úrvalsdeild
Grindavík Grindavík Grindavíkurvöllur 2º posto in 1. deild karla
ÍA Akraness Akranes Norðurálsvöllur 8º posto in Úrvalsdeild
ÍBV Vestmannæyja Vestmannaeyjar Hásteinsvöllur 9º posto in Úrvalsdeild
KA Akureyri Akureyri Akureyrarvöllur 1º posto in 1. deild karla
KR Reykjavík Reykjavík KR-völlur 3º posto in Úrvalsdeild
Stjarnan Garðabær Stjörnuvöllur 2º posto in Úrvalsdeild
Valur Reykjavík Vodafonevöllurin 5º posto in Úrvalsdeild
Víkingur Reykjavík Víkingsvöllur 7º posto in Úrvalsdeild
Víkingur Ólafsvík Ólafsvík Ólafsvíkurvöllur 10º posto in Úrvalsdeild

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Fonte: sito ufficiale[1].

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Valur 50 22 15 5 2 43 20 +23
2. Stjarnan 38 22 10 8 4 46 25 +21
3. FH Hafnarfjörður 35 22 9 8 5 33 25 +8
4. KR Reykjavík 31 22 8 7 7 31 29 +2
5. Grindavík 31 22 9 4 9 31 39 -8
6. Breiðablik 30 22 9 3 10 34 35 -1
7. KA Akureyri 29 22 7 8 7 37 31 +6
8. Víkingur 27 22 7 6 9 32 36 -4
9. ÍBV Vestmannæyja[3] 25 22 7 4 11 32 38 -6
10. Fjölnir 25 22 6 7 9 32 40 -8
1downarrow red.svg 11. Víkingur Ólafsvík 22 22 6 4 12 24 44 -20
1downarrow red.svg 12. ÍA Akraness 17 22 3 8 11 28 41 -13

Legenda:

      Campione d'Islanda e ammessa alla UEFA Champions League 2018-2019
      Ammesse alla UEFA Europa League 2018-2019
      Retrocesse in 1. deild karla 2018

Note:

Tre punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
La classifica viene stilata secondo i seguenti criteri:
  • Punti conquistati
  • Differenza reti generale
  • Reti totali realizzate
  • Punti conquistati negli scontri diretti
  • Differenza reti negli scontri diretti
  • Reti realizzate negli scontri diretti
  • Reti realizzate in trasferta negli scontri diretti
  • play-off (solo per decidere la squadra campione)
  • Sorteggio

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

  Bre Haf Fjö Gri ÍAA ÍBV KA KR Stj Val Vík VíÓ
Breiðablik –––– 1-2 2-1 0-0 2-0 3-2 1-3 1-3 1-3 1-2 1-2 2-1
FH Hafnarfjörður 0-1 –––– 1-2 1-0 2-0 2-1 2-2 0-1 3-0 2-1 2-2 0-2
Fjölnir 1-0 2-1 –––– 4-0 2-2 2-1 2-2 2-2 1-3 1-1 3-1 1-1
Grindavik 4-3 1-1 2-1 –––– 3-2 3-1 2-1 2-2 2-2 1-0 1-2 1-3
ÍA Akranes 2-3 2-4 3-1 2-3 –––– 0-1 2-0 1-1 2-2 2-4 1-1 0-0
ÍBV Vestmannæyja 1-1 0-1 0-0 2-1 1-4 –––– 3-0 3-1 2-2 2-3 1-0 0-1
KA Akureyri 2-4 0-0 2-0 2-1 0-0 6-3 –––– 2-3 1-1 1-1 2-2 5-0
KR Reykjavik 1-1 2-2 2-0 0-1 2-1 0-3 0-0 –––– 0-1 0-0 1-2 4-2
Stjarnan 2-0 1-1 4-0 5-0 2-2 5-0 2-1 2-0 –––– 1-2 1-2 3-0
Valur 1-0 1-1 4-1 2-0 6-0 2-1 1-0 2-1 1-1 –––– 4-3 2-0
Víkingur 2-3 2-4 2-1 1-2 0-0 1-1 0-1 0-3 2-2 0-1 –––– 2-0
Víkingur Ólafsvík 0-3 1-1 4-4 2-1 1-0 0-3 1-4 1-2 2-1 1-2 1-3 ––––

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Fonte: sito ufficiale[4].

Gol Giocatore Squadra
19 Islanda Andri Rúnar Bjarnason Grindavík
15 Scozia Steven Lennon FH Hafnarfjörður
12 Islanda Guðjón Baldvinsson Stjarnan
11 Paesi Bassi Geoffrey Castillion Víkingur
11 Islanda Hólmbert Aron Friðjónsson Stjarnan
10 Islanda Hilmar Árni Halldórsson Stjarnan
10 Islanda Gunnar Heiðar Þorvaldsson ÍBV Vestmannæyja
9 Islanda Elfar Árni Aðalsteinsson KA Akureyri
9 Danimarca Emil Lyng KA Akureyri
9 Danimarca Tobias Thomsen KR Reykjavík

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (IS) Classifica Úrvalsdeild 2017, su ksi.is. URL consultato il 30 settembre 2017.
  2. ^ (IS) Valur Íslandsmeistari 2017, su ksi.is, 19 settembre 2017. URL consultato il 21 settembre 2017.
  3. ^ ÍBV Vestmannæyja qualificato alla UEFA Europa League 2018-2019 in qualità di vincitore della Bikar karla 2017.
  4. ^ (IS) Classifica marcatori Úrvalsdeild 2017, su ksi.is. URL consultato il 30 settembre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]