Lovre Kalinić

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lovre Kalinić
Lovre Kalinić in 2018.jpg
Lovre Kalinić con la maglia della Croazia al campionato del mondo 2018
Nazionalità Croazia Croazia
Altezza 201 cm
Peso 96 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Squadra Hajduk Spalato
Carriera
Giovanili
1998-2000Solin
2000-2009Hajduk Spalato
Squadre di club1
2009Junak Sinj4 (-?)
2009-2010Novalja23 (-?)
2010-2012Hajduk Spalato2 (-2)
2012Karlovac11 (-19)
2012-2017Hajduk Spalato100 (-101)
2017-2018Gent49 (-53)[1]
2019-2020Aston Villa7 (-12)
2020Tolosa4 (-4)
2020-2021Aston Villa0 (0)
2021-Hajduk Spalato50 (-38)
Nazionale
2005Croazia Croazia U-151 (-?)
2005-2006Croazia Croazia U-1611 (-?)
2006Croazia Croazia U-171 (-?)
2011-2013Croazia Croazia U-217 (-12)
2014-Croazia Croazia19 (-26)
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Argento Russia 2018
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1º luglio 2022

Lovre Kalinić (Spalato, 3 aprile 1990) è un calciatore croato, portiere dell'Hajduk Spalato, di cui è capitano, e della nazionale croata, con la quale si è laureato vicecampione del mondo nel 2018.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Hajduk Spalato e i vari prestiti[modifica | modifica wikitesto]

Cresce calcisticamente nelle giovanili dell'Hajduk Spalato per poi essere ceduto in prestito al Junak Sinj, in seconda divisione dove disputa 4 partite, e al Novalja, nella terza divisione croata dove disputa 23 match.

Nel 2010, alla fine di queste due esperienze, torna al club di appartenenza dove il 24 aprile 2011 ottiene il suo esordio nel massimo campionato croato; in occasione della vittoria esterna, per 1-2, contro lo Slaven Belupo disputa tutti i 90 minuti di gioco subendo una sola rete. A fine stagione totalizza solo quella presenza con la sua squadra che comunque si piazza al secondo posto in classifica dietro i campioni di Croazia della Dinamo Zagabria.

A febbraio 2012 decide di lasciare la sua squadra per passare, in prestito, al Karlovac dove riesce ad ottenere 11 presenze dove subisce 19 reti. A fine stagione torna all'Hajduk Spalato per tentare di conquistarsi un posto da titolare nella squadra. La prima stagione dopo il prestito di 6 mesi risulta ancora difficile per il portiere croato dove ottiene appena 5 presenze, dove subisce 7 reti, anche se a partire dalla stagione successiva diverrà il primo portiere inamovibile della squadra per lungo tempo che lo porterà anche a vincere una Coppa di Croazia.

Il 28 novembre 2015, in occasione della vittoria esterna, per 0-2, contro la Dinamo Zagabria, disputa la sua centesima partita con indosso la maglia bianca.

Gent[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 dicembre 2016 passa, a titolo definitivo, al club belga del Gent con cui firma un contratto fino a giugno 2021.[2][3] L'esordio arriva il 20 gennaio 2017 in occasione della vittoria casalinga, per 1-0, contro il Charleroi. Conclude la sua prima stagione con la maglia del Gent con un bottino di 23 presenze dove subisce 25 reti.

Aston Villa[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2018 si trasferisce all’Aston Villa.[4]

Tolosa[modifica | modifica wikitesto]

Dopo avere trovato poco spazio in Inghilterra,[5] il 20 gennaio 2020 si trasferisce in prestito al Tolosa.[6]

Il ritorno all'Hajduk Spalato[modifica | modifica wikitesto]

Dopo un inizio di stagione senza presenze tra i pali dei The Villans, il 22 dicembre 2020 si trasferisce in prestito all'Hajduk Spalato fino a fine stagione,[7][8] tornando a militare nel club dopo 3 anni.[9] Il 27 febbraio 2021 para al 95º il rigore battuto dal capitano del Rijeka Franko Andrijašević blindando il risultato finale sul 1-0, e consegnando di fatto la vittoria del derby dell'Adriatico ai Majstori s mora.[10] Il 3 marzo, sostituendo nelle gerarchie Mijo Caktaš, è stato ufficialmente promosso a capitano della squadra spalatina.[11] L'11 luglio viene ufficializzato il prolungamento del suo prestito tra le file dei Bili per un'altra stagione, dopo aver terminato i primi quattro mesi di prestito con 11 clean sheet su 21 presenze in campionato.[12][13] Il 19 dicembre seguente para un prezioso rigore a Damjan Bohar nel derby casalingo di campionato terminato a reti bianche contro l'Osijek.[14] Il 26 maggio 2022 alza per la prima volta da capitano la Coppa di Croazia vinta in finale contro il Rijeka (1-3).[15] Il 1º luglio seguente, dopo aver rescisso consensualmente il suo contratto con il Villa, si accasa a titolo definitivo nel club spalatino con il quale firma un contratto valido fino all'estate del 2025.[16][17]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Kalinić, al suo esordio in Nazionale, che tenta di parare un rigore a Lionel Messi.

Dopo aver vestito le maglie delle Nazionali giovanili, il 12 novembre 2014 disputa la sua prima partita con la maglia della Nazionale maggiore in occasione dell'amichevole contro la Argentina persa 2-1.

Il 31 maggio 2016 viene convocato per gli Europei 2016 in Francia.[18] Non scendendo mai in campo, l'avventura si conclude agli ottavi di finale poiché la sua squadra viene battuta dal Portogallo per 1-0.

Il 4 giugno 2018 viene selezionato nella lista dei 23 giocatori che parteciperanno al campionato del mondo 2018 in Russia,[19] dove con i suoi 202 cm risulta essere il giocatore più alto dell'intera competizione.[20] L'esordio in tale competizione arriva il 26 giugno successivo in occasione della vittoria, per 2-1, contro l'Islanda.[21] La sua nazionale si deve accontentare del secondo posto poiché, dopo aver raggiunto la finale, la Croazia viene battuta dalla Francia per 4-2.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 16 maggio 2019.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
gen.-giu. 2009 Croazia Junak Sinj 2. HNL 4 -? - - - - - - - - - 4 -?
2009-2010 Croazia Novalja 3. HNL 23 -? - - - - - - - - - 23 -?
2010-2011 Croazia Hajduk Spalato 1. HNL 1 -1 CC 0 0 UEL 0 0 SC 0 0 1 -1
2011-feb. 2012 1. HNL 1 -1 CC 2 -3 UEL 0 0 - - - 3 -4
feb.-giu. 2012 Croazia Karlovac 1. HNL 11 -19 CC 0 0 - - - - - - 11 -19
2012-2013 Croazia Hajduk Spalato 1. HNL 4 -4 CC 1 -3 UEL 0 0 - - - 5 -7
2013-2014 1. HNL 24 -26 CC 1 -5 UEL 4[22] -4[22] SC 1 -1 30 -36
2014-2015 1. HNL 28 -37 CC 5 -3 UEL 3[23] -2[23] - - - 36 -42
2015-2016 1. HNL 31 -22 CC 2 -6 UEL 8[24] -9[24] - - - 41 -37
2016-gen. 2017 1. HNL 13 -12 CC 1 -2 UEL 4[25] -4[25] - - - 18 -18
Totale Hajduk Spalato 102 -103 12 -22 19 -19 1 -1 134 -145
gen.-giu. 2017 Belgio Gent PL 9+10[26] -6 + -11[26] CB 0 0 UEL 4 -8 - - - 23 -25
2017-2018 PL 26+9[26] -23 + -7[26] CB 2 -5 UEL 1[27] -1[27] - - - 38 -36
2018-gen. 2019 PL 7 -14 CB 0 0 UEL 3[28] -3[28] - - - 10 -17
Totale Gent 42+19[26] -43 + -18[26] 2 -5 8 -12 - - 71 -78
gen.-giu. 2019 Inghilterra Aston Villa PL 7 -12 FACup+CdL 1+0 -3 - - - - - - 8 -15
Totale carriera 208 -195+ 15 -30 27 -31 1 -1 251 -257+

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Croazia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
12-11-2014 Londra Argentina Argentina 2 – 1 Croazia Croazia Amichevole -2 Uscita al 89’ 89’
17-11-2015 Rostov sul Don Russia Russia 1 – 3 Croazia Croazia Amichevole -1 Uscita al 90’ 90’
23-3-2016 Osijek Croazia Croazia 2 – 0 Israele Israele Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
26-3-2016 Budapest Ungheria Ungheria 1 – 1 Croazia Croazia Amichevole -1
5-9-2016 Zagabria Croazia Croazia 1 – 1 Turchia Turchia Qual. Mondiali 2018 -1
15-11-2016 Belfast Irlanda del Nord Irlanda del Nord 0 – 3 Croazia Croazia Amichevole - Uscita al 82’ 82’
28-3-2017 Tallinn Estonia Estonia 3 – 0 Croazia Croazia Amichevole -3
28-5-2017 Los Angeles Messico Messico 1 – 2 Croazia Croazia Amichevole -1
11-6-2017 Reykjavík Islanda Islanda 1 – 0 Croazia Croazia Qual. Mondiali 2018 -1
28-3-2018 Arlington Messico Messico 0 – 1 Croazia Croazia Amichevole -
8-6-2018 Osijek Croazia Croazia 2 – 1 Senegal Senegal Amichevole - Ingresso al 67’ 67’
26-6-2018 Rostov Islanda Islanda 1 – 2 Croazia Croazia Mondiali 2018 - 1º turno -1
6-9-2018 Faro Portogallo Portogallo 1 – 1 Croazia Croazia Amichevole -1
11-9-2018 Elche Spagna Spagna 6 – 0 Croazia Croazia UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno -6 Gol 35’ (aut.)
15-11-2018 Zagabria Croazia Croazia 3 – 2 Spagna Spagna UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno -2
18-11-2018 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 1 Croazia Croazia UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno -2
21-3-2019 Zagabria Croazia Croazia 2 – 1 Azerbaigian Azerbaigian Qual. Euro 2020 -1
24-3-2019 Budapest Ungheria Ungheria 2 – 1 Croazia Croazia Qual. Euro 2020 -2
19-11-2019 Pola Croazia Croazia 2 – 1 Georgia Georgia Amichevole -1 Uscita al 46’ 46’
Totale Presenze 19 Reti -26
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Croazia Under-21
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
3-6-2011 Dugopolje Croazia Under-21 Croazia 0 – 1 Georgia Georgia Under-21 Qual. Europeo Under-21 2013 -1
5-9-2011 Sion Svizzera Under-21 Svizzera 4 – 0 Croazia Croazia Under-21 Qual. Europeo Under-21 2013 -4
6-10-2011 Osijek Croazia Under-21 Croazia 0 – 2 Spagna Spagna Under-21 Qual. Europeo Under-21 2013 -2
10-10-2011 Tartu Estonia Under-21 Estonia 0 – 1 Croazia Croazia Under-21 Qual. Europeo Under-21 2013 -
14-11-2011 Pola Croazia Under-21 Croazia 4 – 0 Estonia Estonia Under-21 Qual. Europeo Under-21 2013 -
2-6-2012 Koprivnica Croazia Under-21 Croazia 1 – 2 Svizzera Svizzera Under-21 Qual. Europeo Under-21 2013 -2
5-2-2013 Pola Croazia Under-21 Croazia 2 – 3 Paesi Bassi Paesi Bassi Under-21 Amichevole -3
Totale Presenze 7 Reti -12

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Hajduk Spalato: 2012-2013, 2021-2022

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine del Duca Branimir - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Duca Branimir
— Zagabria, 13 novembre 2018. Di iniziativa della Presidente della Repubblica di Croazia.[29]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 68 (-71) se si comprendono anche i Play-off.
  2. ^ (HR) Lovre, hvala i sretno!, su hajduk.hr, 28 dicembre 2016. URL consultato il 28 dicembre 2016.
  3. ^ (BE) Lovre Kalinic kiest voor kaa Gent, su kaagent.be, 28 dicembre 2016. URL consultato il 28 dicembre 2016.
  4. ^ (EN) Lovre Kalinic: Aston Villa agree deal to sign Croatia goalkeeper in January, 21 dicembre 2018. URL consultato il 18 gennaio 2019.
  5. ^ (NL) 'Lovre Kalinic keert na grote flop mogelijk terug naar de Jupiler Pro League', su voetbal24.be. URL consultato il 25 agosto 2020.
  6. ^ (EN) Kalinic joins Toulouse on loan, su avfc.co.uk. URL consultato il 29 gennaio 2020.
  7. ^ (EN) Kalinic to leave on loan, su avfc.co.uk. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  8. ^ (HR) Lovre Kalinić ponovno u Hajduku!, su hajduk.hr. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  9. ^ (HR) Hajduk potvrdio: Lovre Kalinić stigao na posudbu do kraja sezone, su sportnet.rtl.hr. URL consultato il 22 dicembre 2020.
  10. ^ (HR) Lovre Kalinić: Pa ovakve nam pobjede moraju postati rutina [Lovre Kalinić: Vittorie così devono diventare una routine], su 24sata.hr, 27 febbraio 2021. URL consultato il 28 febbraio 2021.
  11. ^ (HR) Kalinić novi kapetan Hajduka... [Kalinić nuovo capitano dell'Hajduk...], su 24sata.hr, 3 marzo 2021. URL consultato il 4 marzo 2021.
  12. ^ (EN) Lovre Kalinic returns to Hajduk Split on season-long loan, su avfc.co.uk. URL consultato il 16 luglio 2021.
  13. ^ (HR) KAPETAN OSTAJE S HAJDUKOM: LOVRE KALINIĆ JOŠ NAJMANJE GODINU DANA S BIJELIMA! [Il capitano rimane con l'Hajduk: Lovre Kalinić ancora per un altro anno con i Bianchi], su hajduk.hr, 11 luglio 2021. URL consultato l'11 luglio 2021.
  14. ^ (HR) KAPETAN KALINIĆ: OBEĆAVAM DA ĆEMO I DALJE DAVATI SVE OD SEBE [Il capitano Kalinić: Prometto che continueremo a dare tutti se stessi], su hajduk.hr, 19 dicembre 2021. URL consultato il 22 dicembre 2021.
  15. ^ (HR) KAPETAN LOVRE KALINIĆ NAKON OSVAJANJA RABUZINOVOG SUNCA: ZA HAJDUK SE NE NAVIJA, HAJDUK SE ŽIVI [Il capitano Lovre Kalinić dopo la vittoria del Rabuzinovo sunce: Per l'Hajduk non si tifa, l'Hajduk si vive], su hajduk.hr, 27 maggio 2022. URL consultato il 28 maggio 2022.
  16. ^ (EN) Kalinić joins HNK Hajduk Split [Kalinić si unisce all'HNK Hajduk Spalato], su avfc.co.uk, 1º luglio 2022. URL consultato il 1º luglio 2022.
  17. ^ (HR) I NEMA MENI DO BILE BOJE: KAPETAN LOVRE KALINIĆ POTPISAO DO 2025. GODINE! [E non ci sta per me un colore come il bianco: Il capitano Lovre Kalinić ha firmato fino al 2025!], su hajduk.hr, 1º luglio 2022. URL consultato il 1º luglio 2022.
  18. ^ (HR) IZBORNIK ČAČIĆ OBJAVIO KONAČAN POPIS PUTNIKA ZA EP, su hns-cff.hr, 31 maggio 2016. URL consultato il 31 maggio 2016.
  19. ^ Mondiali 2018, i convocati della Croazia: ci sono Mandzukic e Pjaca, su tuttosport.com. URL consultato il 7 luglio 2018.
  20. ^ Record Mondiali: Lovre Kalinic il più alto, Shaqiri tra i più bassi, su tuttomondiali.it. URL consultato il 7 luglio 2018.
  21. ^ La Croazia spegne i sogni dell'Islanda con un 2-1 firmato dagli "italiani" Badelj e Perisic, su eurosport.it, 26 giugno 2018. URL consultato il 18 gennaio 2019.
  22. ^ a b Nei turni preliminari contro Horizont Turnovo e Dila Gori.
  23. ^ a b Nei turni preliminari contro Shakhter Karagandy e Dnipro.
  24. ^ a b Nei turni preliminari contro Sillamäe Kalev, Koper, Strømsgodset e Slovan Liberec.
  25. ^ a b Nei turni preliminari contro Oleksandrija e Maccabi Tel Aviv.
  26. ^ a b c d e f Nei play-off.
  27. ^ a b Nel terzo turno preliminare contro l'Altach.
  28. ^ a b Nei turni preliminari contro Jagiellonia e Bordeaux.
  29. ^ (HR) Predsjednica Republike Kolinda Grabar-Kitarović uručila je odlikovanja i priznanja Republike Hrvatske izborniku, igračima i članovima stručnog stožera Hrvatske nogometne reprezentacije te Hrvatskom nogometnom savezu za finalni plasman na 21. Svjetskom nogometnom prvenstvu., su Predsjednica.hr, 13 novembre 2018. URL consultato il 15 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 9 aprile 2019).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]