Marcelo Brozović

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marcelo Brozović
Marcelo Brozović 2021.jpg
Brozović con la nazionale croata nel 2021
Nazionalità Croazia Croazia
Altezza 181 cm
Peso 68 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Squadra Inter
Carriera
Giovanili
2002-2010Hrvatski Dragovoljac
Squadre di club1
2009-2011Hrvatski Dragovoljac30 (1)
2011-2012Lok. Zagabria33 (5)
2012-2015Dinamo Zagabria64 (9)
2015-Inter234 (22)
Nazionale
2009-2010Croazia Croazia U-184 (0)
2010-2011Croazia Croazia U-191 (0)
2011-2012Croazia Croazia U-205 (3)
2011-2013Croazia Croazia U-2113 (7)
2014-Croazia Croazia74 (7)
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Argento Russia 2018
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 13 agosto 2022

Marcelo Brozović (pronuncia: [martsělo brǒːzoʋitɕ]; Zagabria, 16 novembre 1992) è un calciatore croato, centrocampista dell'Inter, di cui è vice-capitano, e della nazionale croata, con cui si è laureato vicecampione del mondo nel 2018.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Primogenito di Ivan e Sanja, ha cominciato a giocare a calcio ai tempi dell'asilo. È soprannominato Epic Brozo, che è anche il nome della sua caratteristica esultanza,[1][2] che consiste nell'apporre il pollice e l'indice della mano sinistra sotto il mento.[3]

Sposato dal 2016 con Silvija Lihtar, ha due figli: Aurora (2017) e Rafael (2019).[4]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

È un centrocampista duttile, in grado di svolgere sia compiti difensivi sia offensivi.[5] Esibisce un repertorio completo, rivelandosi un efficace incontrista e un ottimo costruttore di gioco, peraltro avvezzo a trovare la via del gol.[6] I ruoli tipici in cui è stato impiegato sono quelli di trequartista, esterno destro offensivo oppure interno destro nella mediana a tre.[5] Dal 2017 è stato schierato con buoni risultati nella nazionale croata anche come regista davanti alla difesa,[7] posizione che, grazie a un'intuizione di Piero Ausilio,[8] ha ricoperto dai primi mesi del 2018 anche nell'Inter di Spalletti.[9][10]

Brozović durante la partita tra Brasile e Croazia nel campionato mondiale 2014.

Si è affermato tra i migliori interpreti a livello internazionale in questo nuovo ruolo, che gli ha dato modo di migliorare le sue doti di velocità nello smarcarsi, di proteggere la palla, di impostare il passaggio dopo un più efficiente controllo, di servire con precisione i compagni nello stretto e gli attaccanti in profondità e di attivare i giocatori sulle fasce anche con frequenti cambi di gioco che danno respiro alla manovra. Partendo dalle retrovie, si è inoltre reso più pericoloso nel penetrare gli schieramenti avversari in dribbling grazie all'efficace controllo di palla.[10]

Come regista davanti alla difesa si è assunto la maggior parte dell'incarico di impostare il gioco della squadra ed è anche migliorato nella fase difensiva; tra le statistiche in cui è balzato ai primi posti nel campionato italiano, vi sono quelle relative al numero di passaggi tentati e riusciti,[10] compresi quelli nella metà campo avversaria, di contrasti vinti, di chilometri percorsi ogni partita e di palloni recuperati.[11][12] Con la nazionale si è adeguato a un lavoro più oscuro ma prezioso di interdizione e di supporto ai più tecnici compagni di centrocampo Modric e Rakitic, contribuendo al grande campionato mondiale disputato in Russia dalla Croazia.[7][13]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Hrvatski Dragovoljac[modifica | modifica wikitesto]

Cresce nelle giovanili del Hrvatski Dragovoljac di Novi Zagreb, sobborgo meridionale di Zagabria, e incomincia a giocare con la prima squadra nel campionato 2010-2011 della massima serie croata, la Prva hrvatska nogometna liga. Esordisce il 24 luglio 2010 ed è subito titolare alla prima di campionato nella sconfitta per 1-4 sul campo dei campioni uscenti della Dinamo Zagabria. Il 19 marzo 2011 sigla il suo primo e unico gol con il Dragovoljac che fissa la vittoria interna per 1-0 sul Karlovac.[14] A fine campionato la squadra retrocede e Brozovic chiude con 30 presenze e un gol.

Lokomotiva Zagabria[modifica | modifica wikitesto]

A luglio del 2011 firma un contratto con la Lok. Zagabria,[15] altro club della capitale, ripescato nella massima serie dopo che era a sua volta retrocessa. Nel campionato 2011-2012 colleziona 27 presenze e 4 reti, contribuendo al settimo posto finale raggiunto dalla squadra. Incomincia ancora nelle file della Lokomotiva la stagione successiva, durante la quale sigla un'altra rete in campionato prima di essere ceduto nell'agosto 2012.[16]

Dinamo Zagabria[modifica | modifica wikitesto]

A fine agosto firma un contratto di sette anni con i campioni nazionali della Dinamo Zagabria, dove arriva per sostituire Milan Badelj trasferito all'Amburgo.[17] Esordisce in campionato il 14 settembre entrando nel secondo tempo dell'incontro pareggiato 0-0 in casa contro l'Osijek.[18] Quattro giorni dopo fa il suo esordio in UEFA Champions League giocando tutta la partita persa in casa 0-2 contro il Porto, valida per la prima giornata della fase a gironi.[19] Il 14 aprile 2013 segna la sua prima rete in campionato per la Dinamo fissando il risultato di 2-0 nella vittoria interna contro l'Inter Zaprešić.[20] Nella sua prima stagione gioca in totale 30 partite, di cui 23 in campionato, e segna 2 reti, contribuendo al 15º campionato vinto dal club, che viene eliminato negli ottavi di finale della Coppa di Croazia 2012-2013 e nella fase a gironi in Champions League.[21]

Nella stagione successiva, il 27 agosto 2013 segna la sua prima rete europea nella vittoria in trasferta contro l'Austria Vienna valida per il ritorno dei play-off della Champions League 2013-2014;[16] la Dinamo vince 3-2 ma viene eliminata avendo perso 2-0 all'andata. L'8 marzo 2014 mette a segno la sua prima doppietta in carriera, in occasione della vittoria per 6-1 in campionato sul campo dello Slaven Belupo.[16] A fine stagione la Dinamo si riconferma campione di Croazia e Brozovic ha collezionato 27 partite in campionato segnando 6 reti. Nella prima parte della stagione successiva gioca altre 14 partite nel campionato croato mettendo a segno una rete, e chiude l'esperienza con la Dinamo con un totale di 64 partite in campionato e 9 gol.[22]

Inter[modifica | modifica wikitesto]

2015-2019[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 gennaio 2015 viene ufficializzato il suo passaggio all'Inter con la formula del prestito da tre milioni di euro con obbligo di riscatto fissato a cinque milioni dopo 18 mesi;[23][24] Brozović, ormai titolare fisso in nazionale, era stato messo sotto osservazione dagli addetti ai lavori nerazzurri da vari mesi ed aveva convinto il tecnico Roberto Mancini, il quale lo aveva visionato nella gara tra Italia e Croazia (1-1), valida per le qualificazioni al campionato europeo 2016.[25] Presa la maglia numero 77,[26] indossata l'ultima volta da Sulley Muntari, al momento della firma diventa il sesto croato ad indossare la maglia dell'Inter,[27] nonché il novecentesimo calciatore in assoluto.[28] Esordisce ufficialmente in Serie A il 1º febbraio seguente, in occasione della sconfitta esterna per 3-1 contro il Sassuolo.[29] Pur non potendo essere schierato in Europa League, viene utilizzato con frequenza in campionato, riuscendo a chiudere la stagione con una rete, la prima da interista, realizzata nell'ultima gara contro l'Empoli (4-3). Conclude la seconda metà di stagione con 15 presenze in campionato, 13 delle quali partendo dal primo minuto, una rete e un assist.[30]

Nella stagione successiva, la prima per intero da quando è all'Inter, realizza una rete nella vittoria interna contro il Frosinone (4-0), facendo registrare la vittoria più ampia della stagione al pari della trasferta di Udine[31], contro l'Udinese il 12 dicembre, gara nella quale il croato si ripete con un destro a giro che chiude definitivamente il discorso; in questo match, per la prima volta celebra la rete con la sua ormai tipica esultanza, EpicBrozo – che è anche il suo soprannome – che consiste nell'apporre il pollice e l'indice della mano sinistra sotto il mento.[32] Il 15 dicembre bagna il suo debutto in Coppa Italia, realizzando una rete nella sfida casalinga contro il Cagliari, vinta per 3-0.[33] Ormai divenuto un punto fermo dei nerazzurri, nel derby d'Italia del 2 marzo 2016 è autore di una doppietta contro la Juventus, che, anche grazie alla rete del connazionale Perišić, permette di pareggiare il risultato della gara di andata: l'incontro, valido per le semifinali della coppa nazionale, si conclude ai rigori, dove il croato realizza il proprio tentativo senza però riuscire a evitare l'eliminazione dei milanesi;[34] in tale gara, inoltre, percorre 17,81 chilometri in 120 minuti, dei quali 13,8 nei tempi regolamentari, battendo così il primato stagionale europeo, appartenente a Milner.[35] La squadra meneghina conclude la stagione alla quarta posizione, il miglior piazzamento dalla stagione 2010-2011, chiusa al secondo posto, guadagnandosi così il diritto partecipare alla successiva Europa League.[36]

Il 15 settembre successivo, in occasione della sconfitta interna contro l'Hapoel Be'er Sheva, fa l'esordio nelle coppe europee con l'Inter. Sostituito all'inizio del secondo tempo, il croato rifiuta di accomodarsi in panchina, creando non poche polemiche.[37] Il neo tecnico Frank de Boer lo mette fuori rosa per la successiva partita di campionato contro la Juventus. Riferendosi all'accaduto, l'allenatore olandese fa notare come il calciatore debba dimostrare la sua disciplina, aggiungendo di non poter accettare l'episodio.[38][39][40] Convocato il 16 ottobre per la gara interna contro il Cagliari, rimane in panchina per tutta la durata dell'incontro.[41] Quattro giorni dopo, disputa la gara di Europa League contro il Southampton, ricevendo, al minuto 77, la prima espulsione da interista.[42] Con l'arrivo del nuovo tecnico Stefano Pioli, il croato incrementa il suo rendimento e il 24 novembre seguente realizza il primo gol in campo internazionale nella sconfitta esterna con l'Hapoel Be'er Sheva. Si ripete poi con la Fiorentina[43] e l'11 dicembre, nella partita contro il Genoa, in cui mette a segno la prima doppietta nel campionato italiano.[44]

Il 7 dicembre prolunga il suo contratto sino al 2021, con un significativo aumento salariale.[45] Impiegato con costanza da Pioli,[46][47] viene confermato titolare anche con l'arrivo in panchina di Spalletti[48] alternando buone prestazioni[49][50][51] a partite mediocri, incrementando tuttavia il proprio rendimento sul finire della stagione 2017-2018 quando viene spostato nei due davanti alla difesa nel 4-2-3-1 dell'ex-allenatore della Roma[6] a partire da marzo.[12] Il 12 maggio 2018 raggiunge quota cento presenze in campionato nella sconfitta con il Sassuolo.[52] Nell'ultima gara di campionato contro la Lazio si rivela decisivo per il ritorno dell'inter in Champions League dopo sei anni di assenza, fornendo due assist per le reti di D'Ambrosio e Vecino.[53] Termina la stagione con 31 presenze in campionato e un rilevante bottino di quattro reti e nove assist, otto dei quali forniti nella seconda parte di stagione.[54] Il 22 settembre 2018, durante la nuova annata, decide la gara contro la Sampdoria con una rete allo scadere.[55] Nel corso della stagione 2018-2019, pur non ripetendo il clamoroso exploit dell'annata precedente, che lo aveva promosso a titolare indiscusso, si conferma comunque come uno dei giocatori più positivi nella rosa allora allenata da Spalletti,[56][57] collezionando ben 42 presenze e 2 reti complessive.

Dal 2019[modifica | modifica wikitesto]

Durante la stagione successiva, il 26 agosto 2019, segna il primo gol dell'era Antonio Conte nella vittoria per 4-0 contro il Lecce[58] e, alla quarta giornata, realizza il suo primo gol nel derby di Milano, aprendo le marcature nella vittoria esterna per 2-0 dei nerazzurri contro i rivali del Milan.[59] Confermato titolare nel centrocampo a 5 del tecnico salentino (oltre a essere di nuovo il giocatore della Serie A con più chilometri percorsi),[12] il 9 febbraio, nel derby di ritorno, segna il gol del 1-2 dando il via alla rimonta nerazzurra (il risultato finale sarà di 4-2) con al braccio la fascia da capitano vista l'assenza di Samir Handanovič.[60][61] In questa stagione, nonostante qualche controversia extra-campo nel finale,[62][63] ha comunque un rendimento altalenante, dando il meglio di sé nella prima parte di stagione,[64][65] ma confermandosi per quanto riguarda la distanza percorsa in campo e gli assist: con 9 (a pari merito con Alexis Sánchez) è il giocatore a fornirne di più della rosa nerazzurra.[66] Nella finale di Europa League persa contro il Siviglia, nella quale serve l'assist per il momentaneo pareggio di Godín, taglia il traguardo delle 200 presenze con la maglia dell’Inter.

Nel successivo campionato 2020-2021 viene impiegato sempre da titolare, divenendo un perno dell'undici iniziale. Il 31 ottobre segna la rete che dà il via alla rimonta nella gara interna contro il Parma (2-2).[67] Nonostante una nuova eliminazione ai gironi della Champions League e un cammino negativo anche nella coppa nazionale, le undici vittorie consecutive otteniute nel girone di ritorno lanciano l'Inter verso la vittoria del campionato, il primo dei nerazzurri dopo undici anni, che diventa matematica il 2 maggio con quattro turni d'anticipo sulla fine del torneo; per il croato si tratta del primo con i nerazzurri dopo quasi sei stagioni. È nuovamente in vetta alla classifica dei giocatori di Serie A che hanno percorso più chilometri durante il campionato e al quarto posto per la percentuale di passaggi filtranti riusciti.[68][69] Conclude la stagione con due gol e sette assist in tutte le competizioni.[70] Nella stagione successiva, malgrado l'avvicendamento in panchina tra Conte e Simone Inzaghi, è ancora un punto fermo del centrocampo. Il 27 agosto 2021, nella vittoria esterna per 3-1 sull'Hellas Verona, tocca quota 200 presenze in Serie A, diventando il primo croato a raggiungere tale traguardo nell'era dei tre punti per vittoria.[71] Il 3 novembre 2021 trova il suo primo gol con la maglia dell’Inter in Champions League, andando a segno nella vittoriosa sfida esterna contro lo Sheriff Tiraspol (3-1).[72] Il 12 gennaio 2022 vince il suo secondo trofeo con l'Inter, la Supercoppa italiana, battendo per 2-1 la Juventus dopo i tempi supplementari.[73] Nel corso della stagione vince anche la Coppa Italia, battendo in finale ancora la Juventus, in una gara terminata 4-2 per i nerazzurri dopo i tempi supplementari.[74] In campionato i nerazzurri non riescono a confermarsi campioni, ma Brozović può fregiarsi del titolo di miglior centrocampista della Serie A.[75]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Brozović con la nazionale croata al Mondiale 2018.

Viene convocato per i Mondiali 2014 senza aver mai vestito la maglia della nazionale maggiore: esordisce da titolare infatti il 7 giugno, nell'amichevole contro l'Australia giocata a Salvador in Brasile e vinta per 1-0.[76][77] Alcuni giorni più tardi, scende in campo nella gara inaugurale del torneo (persa 3-1 contro il Brasile) subentrando a Kovačić.[78] Quella è stata l'unica partita giocata da lui durante il Mondiale, in cui la Croazia è uscita al primo turno.

Contribuisce alla qualificazione per l'Europeo 2016, segnando 2 reti nelle larghe vittorie contro l'Azerbaigian (6-0)[79] e la Norvegia (5-1).[80] Il 17 novembre 2015 realizza il terzo gol in nazionale, nella vittoriosa amichevole contro la Russia.[81][82]

Viene convocato per gli Europei 2016 in Francia,[83] in cui è titolare della selezione croata, eliminata agli ottavi dal Portogallo futuro vincitore del torneo.[84]

Nelle qualificazioni ai Mondiali 2018, realizza la sua prima doppietta in nazionale nel 2-0 contro l'Islanda.[85] Convocato per il torneo disputato in Russia;[86] in quest'ultimo riesce a raggiungere la finale poi persa contro la Francia,[87] dando il suo contributo alla causa.[13]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 13 agosto 2022.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe internazionali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2009-2010 Croazia Hrvatski Dragovoljac 2. HNL 8 0 CC 0 0 - - - - - - 8 0
2010-2011 1. HNL 22 1 CC 1 0 - - - - - - 23 1
Totale Hrvatski Dragovoljac 30 1 1 0 - - - - 31 1
2011-2012 Croazia Lok. Zagabria 1. HNL 27 4 CC 0 0 - - - - - - 27 4
lug.-ago. 2012 1. HNL 6 1 CC 1 1 - - - - - - 7 2
Totale Lokomotiva Zagabria 33 5 1 1 - - - - 34 6
2012-2013 Croazia Dinamo Zagabria 1. HNL 23 2 CC 1 0 UCL 6 0 - - - 30 2
2013-2014 1. HNL 27 6 CC 6 1 UCL+UEL 2[88]+6 1[88]+0 SC 1 0 42 8
2014-gen. 2015 1. HNL 14 1 CC 0 0 UCL+UEL 4[88]+8[89] 1[88]+1 SC 1 0 27 3
Totale Dinamo Zagabria 64 9 7 1 26 3 2 0 99 13
gen.-giu. 2015 Italia Inter A 15 1 CI 1 0 UEL[90] - - - - - 16 1
2015-2016 A 32 4 CI 3 3 - - - - - - 35 7
2016-2017 A 23 4 CI 2 1 UEL 3 1 - - - 28 6
2017-2018 A 31 4 CI 2 0 - - - - - - 33 4
2018-2019 A 32 2 CI 2 0 UCL+UEL 6+2 0 - - - 42 2
2019-2020 A 32 3 CI 3 0 UCL+UEL 6+5 0 - - - 46 3
2020-2021 A 33 2 CI 4 0 UCL 5 0 - - - 42 2
2021-2022 A 35 2 CI 4 0 UCL 8 1 SI 1 0 48 3
2022-2023 A 1 0 CI 0 0 UCL 0 0 SI 0 0 1 0
Totale Inter 234 22 21 4 35 2 1 0 291 28
Totale carriera 361 37 30 6 61 5 3 0 455 48

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Croazia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
7-6-2014 Salvador Croazia Croazia 1 – 0 Australia Australia Amichevole -
12-6-2014 San Paolo Brasile Brasile 3 – 1 Croazia Croazia Mondiali 2014 - 1º turno - Ingresso al 61’ 61’
4-9-2014 Pola Croazia Croazia 2 – 0 Cipro Cipro Amichevole -
9-9-2014 Zagabria Croazia Croazia 2 – 0 Malta Malta Qual. Euro 2016 -
10-10-2014 Sofia Bulgaria Bulgaria 0 – 1 Croazia Croazia Qual. Euro 2016 - Ammonizione al 23’ 23’
13-10-2014 Osijek Croazia Croazia 6 – 0 Azerbaigian Azerbaigian Qual. Euro 2016 1
16-11-2014 Milano Italia Italia 1 – 1 Croazia Croazia Qual. Euro 2016 - Uscita al 83’ 83’
28-3-2015 Zagabria Croazia Croazia 5 – 1 Norvegia Norvegia Qual. Euro 2016 1
7-6-2015 Varaždin Croazia Croazia 4 – 0 Gibilterra Gibilterra Amichevole - Uscita al 67’ 67’
12-6-2015 Spalato Croazia Croazia 1 – 1 Italia Italia Qual. Euro 2016 -
3-9-2015 Baku Azerbaigian Azerbaigian 0 – 0 Croazia Croazia Qual. Euro 2016 - Ingresso al 71’ 71’
6-9-2015 Oslo Norvegia Norvegia 2 – 0 Croazia Croazia Qual. Euro 2016 - Ammonizione al 50’ 50’
13-10-2015 Ta' Qali Malta Malta 0 – 1 Croazia Croazia Qual. Euro 2016 - Ingresso al 78’ 78’
17-11-2015 Rostov Russia Russia 1 – 3 Croazia Croazia Amichevole 1
23-3-2016 Osijek Croazia Croazia 2 – 0 Israele Israele Amichevole 1
26-3-2016 Budapest Ungheria Ungheria 1 – 1 Croazia Croazia Amichevole -
27-5-2016 Koprivnica Croazia Croazia 1 – 0 Moldavia Moldavia Amichevole - Uscita al 46’ 46’
12-6-2016 Parigi Turchia Turchia 0 – 1 Croazia Croazia Euro 2016 - 1º turno -
17-6-2016 Saint-Étienne Rep. Ceca Rep. Ceca 2 – 2 Croazia Croazia Euro 2016 - 1º turno - Ammonizione al 74’ 74’
25-6-2016 Lens Croazia Croazia 0 – 1 Portogallo Portogallo Euro 2016 - Ottavi di finale -
5-9-2016 Zagabria Croazia Croazia 1 – 1 Turchia Turchia Qual. Mondiali 2018 - Ingresso al 64’ 64’
6-10-2016 Scutari Kosovo Kosovo 0 – 6 Croazia Croazia Qual. Mondiali 2018 -
9-10-2016 Tampere Finlandia Finlandia 0 – 1 Croazia Croazia Qual. Mondiali 2018 - Uscita al 71’ 71’
12-11-2016 Zagabria Croazia Croazia 2 – 0 Islanda Islanda Qual. Mondiali 2018 2
15-11-2016 Belfast Irlanda del Nord Irlanda del Nord 0 – 3 Croazia Croazia Amichevole - Ingresso al 51’ 51’
24-3-2017 Zagabria Croazia Croazia 1 – 0 Ucraina Ucraina Qual. Mondiali 2018 - Uscita al 90+1’ 90+1’
11-6-2017 Reykjavík Islanda Islanda 1 – 0 Croazia Croazia Qual. Mondiali 2018 - Ingresso al 63’ 63’
2-9-2017 Zagabria Croazia Croazia 1 – 0 Kosovo Kosovo Qual. Mondiali 2018 - Uscita al 73’ 73’
5-9-2017 Eskişehir Turchia Turchia 1 – 0 Croazia Croazia Qual. Mondiali 2018 - Ammonizione al 90+4’ 90+4’
6-10-2017 Fiume Croazia Croazia 1 – 1 Finlandia Finlandia Qual. Mondiali 2018 - Uscita al 54’ 54’
9-11-2017 Zagabria Croazia Croazia 4 – 1 Grecia Grecia Qual. Mondiali 2018 -
12-11-2017 Atene Grecia Grecia 0 – 0 Croazia Croazia Qual. Mondiali 2018 -
24-3-2018 Miami Perù Perù 2 – 0 Croazia Croazia Amichevole - Ammonizione al 30’ 30’ Uscita al 56’ 56’
3-6-2018 Liverpool Brasile Brasile 2 – 0 Croazia Croazia Amichevole - Uscita al 61’ 61’
8-6-2018 Osijek Croazia Croazia 2 – 1 Senegal Senegal Amichevole - Ingresso al 61’ 61’
16-6-2018 Kaliningrad Croazia Croazia 2 – 0 Nigeria Nigeria Mondiali 2018 - 1º turno - Ingresso al 60’ 60’ Ammonizione al 89’ 89’
21-6-2018 Nižnij Novgorod Argentina Argentina 0 – 3 Croazia Croazia Mondiali 2018 - 1º turno - Ammonizione al 90+4’ 90+4’
1-7-2018 Nižnij Novgorod Croazia Croazia 1 – 1 dts
(3 – 2 dtr)
Danimarca Danimarca Mondiali 2018 - Ottavi di finale - Uscita al 71’ 71’
7-7-2018 Soči Russia Russia 2 – 2 dts
(3 – 4 dtr)
Croazia Croazia Mondiali 2018 - Quarti di finale - Ingresso al 63’ 63’
11-7-2018 Mosca Croazia Croazia 2 – 1 dts Inghilterra Inghilterra Mondiali 2018 - Semifinale -
15-7-2018 Mosca Francia Francia 4 – 2 Croazia Croazia Mondiali 2018 - Finale -
11-9-2018 Elche Spagna Spagna 6 – 0 Croazia Croazia UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno - Ammonizione al 39’ 39’ Uscita al 62’ 62’
15-11-2018 Zagabria Croazia Croazia 3 – 2 Spagna Spagna UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno -
18-11-2018 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 1 Croazia Croazia UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno - Ammonizione al 67’ 67’
24-3-2019 Budapest Ungheria Ungheria 2 – 1 Croazia Croazia Qual. Euro 2020 -
8-6-2019 Osijek Croazia Croazia 2 – 1 Galles Galles Qual. Euro 2020 - Ammonizione al 90+2’ 90+2’
11-6-2019 Varaždin Croazia Croazia 1 – 2 Tunisia Tunisia Amichevole - Ingresso al 55’ 55’
6-9-2019 Bratislava Slovacchia Slovacchia 0 – 4 Croazia Croazia Qual. Euro 2020 -
9-9-2019 Baku Azerbaigian Azerbaigian 1 – 1 Croazia Croazia Qual. Euro 2020 - Ammonizione al 21’ 21’
10-10-2019 Spalato Croazia Croazia 3 – 0 Ungheria Ungheria Qual. Euro 2020 - Ammonizione al 44’ 44’
16-11-2019 Fiume Croazia Croazia 3 – 1 Slovacchia Slovacchia Qual. Euro 2020 -
5-9-2020 Porto Portogallo Portogallo 4 – 1 Croazia Croazia UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno - Ingresso al 61’ 61’
8-9-2020 Saint-Denis Francia Francia 4 – 2 Croazia Croazia UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno - Ammonizione al 76’ 76’
7-10-2020 San Gallo Svizzera Svizzera 1 – 2 Croazia Croazia Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
11-10-2020 Zagabria Croazia Croazia 2 – 1 Svezia Svezia UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno - Ammonizione al 45’ 45’
24-3-2021 Lubiana Slovenia Slovenia 1 – 0 Croazia Croazia Qual. Mondiali 2022 - Ammonizione al 35’ 35’
27-3-2021 Fiume Croazia Croazia 1 – 0 Cipro Cipro Qual. Mondiali 2022 -
1-6-2021 Velika Gorica Croazia Croazia 1 – 1 Armenia Armenia Amichevole -
6-6-2021 Bruxelles Belgio Belgio 1 – 0 Croazia Croazia Amichevole -
13-6-2021 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 0 Croazia Croazia Euro 2020 - 1º turno - Ammonizione al 66’ 66’ Uscita al 70’ 70’
18-6-2021 Glasgow Croazia Croazia 1 – 1 Rep. Ceca Rep. Ceca Euro 2020 - 1º turno - Ingresso al 87’ 87’
22-6-2021 Glasgow Croazia Croazia 3 – 1 Scozia Scozia Euro 2020 - 1º turno -
28-6-2021 Copenaghen Croazia Croazia 3 – 5 dts Spagna Spagna Euro 2020 - Ottavi di finale - Ammonizione al 73’ 73’
1-9-2021 Mosca Russia Russia 0 – 0 Croazia Croazia Qual. Mondiali 2022 -
4-9-2021 Bratislava Slovacchia Slovacchia 0 – 1 Croazia Croazia Qual. Mondiali 2022 1
7-9-2021 Spalato Croazia Croazia 3 – 0 Slovenia Slovenia Qual. Mondiali 2022 -
8-10-2021 Larnaca Cipro Cipro 0 – 3 Croazia Croazia Qual. Mondiali 2022 - Uscita al 84’ 84’
11-10-2021 Osijek Croazia Croazia 2 – 2 Slovacchia Slovacchia Qual. Mondiali 2022 -
11-11-2021 Ta' Qali Malta Malta 1 – 7 Croazia Croazia Qual. Mondiali 2022 - Uscita al 46’ 46’ [91]
14-11-2021 Spalato Croazia Croazia 1 – 0 Russia Russia Qual. Mondiali 2022 -
3-6-2022 Osijek Croazia Croazia 0 – 3 Austria Austria UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno -
6-6-2022 Spalato Croazia Croazia 1 – 1 Francia Francia UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno -
10-6-2022 Copenaghen Danimarca Danimarca 0 – 1 Croazia Croazia UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno - cap.
13-6-2022 Saint-Denis Francia Francia 0 – 1 Croazia Croazia UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno - Ammonizione al 50’ 50’
Totale Presenze 74 Reti 7

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Dinamo Zagabria: 2012-2013, 2013-2014
Dinamo Zagabria: 2013
Inter: 2020-2021
Inter: 2021
Inter: 2021-2022

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2019-2020
Miglior centrocampista: 2021-2022

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine del Duca Branimir - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Duca Branimir
— Zagabria, 13 novembre 2018. Di iniziativa della Presidente della Repubblica di Croazia.[92]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Inter, da EpicBrozo all'applauso a Montoya. Ma ora riecco i problemi, su gazzetta.it, 21 dicembre 2015.
  2. ^ Matteo Brega e Matteo Dalla Vite, Brozovic: "Inter, per essere 'Epic' come me c'è solo un modo: vinciamole tutte", su gazzetta.it, 18 marzo 2016.
  3. ^ Matteo Dalla Vite, Tutti pazzi per #EpicBrozo. E l'Inter se lo tiene stretto, su gazzetta.it, 4 dicembre 2015.
  4. ^ Inter, Brozovic is a dad again! | English News | Calciomercato.com, su calciomercato.com. URL consultato il 16 aprile 2022.
  5. ^ a b Matteo Brega, Inter: Brozovic gioca in 4 ruoli, segna gol alla Del Piero e fa felice Mancini, su gazzetta.it, 16 dicembre 2015.
  6. ^ a b Pierfrancesco Catucci, Inter, goditi l'EpicBrozo 2.0: regista, letale, insostituibile, su gazzetta.it, 18 aprile 2018. URL consultato il 18 aprile 2018.
  7. ^ a b Brozovic si reinventa: mediano per la Croazia e Spalletti, su calciomercato.com, 13 novembre 2017. URL consultato il 22 maggio 2018.
  8. ^ Raffaele Amato, Brozovic REGISTA, Spalletti: "Ecco chi me l'ha SUGGERITO", su InterLive.it - il sito dell'Inter calcio, 23 aprile 2018. URL consultato il 3 novembre 2021.
  9. ^ Guido Marino, Inter, Brozovic rigenerato nel nuovo ruolo davanti alla difesa, su goal.com, 1º aprile 2018. URL consultato il 22 maggio 2018.
  10. ^ a b c Francesco Lisanti, Brozovic da regista è una persona nuova, su sport.sky.it, 27 aprile 2018. URL consultato il 31 maggio 2019.
  11. ^ Francesco Sessa, Inter, che Brozovic: domina in Serie A per regia, corsa e interdizione, su gazzetta.it, 22 ottobre 2018. URL consultato il 31 maggio 2019.
  12. ^ a b c Inter, Brozovic verso il rinnovo: indispensabile in regia anche per Antonio Conte, su gazzetta.it, 5 giugno 2020. URL consultato il 6 giugno 2020.
  13. ^ a b Marco Barzizza, La Croazia insegna: il Mondiale si vince a centrocampo, su eurosport.it, 27 giugno 2018. URL consultato il 31 maggio 2019.
  14. ^ (EN) Hrvatski Dragovoljac vs. Karlovac 1 – 0, su int.soccerway.com, 19 marzo 2011. URL consultato il 4 luglio 2019.
  15. ^ (HR) Lokomotiva cilja na ostanak, su hrsport.net, 13 luglio 2011.
  16. ^ a b c #77 Marcelo Brozovic - Tutti i gol, su transfermarkt.it. URL consultato il 4 luglio 2019.
  17. ^ (HR) Marcelo Brozović potpisao sedmogodišnji ugovor s Dinamom, su hrsport.net, 31 agosto 2012.
  18. ^ (EN) Dinamo Zagreb vs. Osijek 0 – 0, su int.soccerway.com, 14 settembre 2012. URL consultato il 4 luglio 2019.
  19. ^ (EN) David Crossan, Porto extend Dinamo losing streak, su uefa.com, 18 settembre 2012.
  20. ^ (EN) Dinamo Zagreb vs. Inter Zaprešić 2 – 0, su int.soccerway.com, 14 aprile 2013. URL consultato il 13 dicembre 2016.
  21. ^ (EN) Jurčić bids to stop Dinamo rot in Zagreb, su uefa.com, 3 dicembre 2012.
  22. ^ #77 Marcelo Brozovic - Rendimento per stagione - Dinamo Zagabria, su transfermarkt.it. URL consultato il 4 luglio 2019.
  23. ^ Brozovic plana sull'Inter. Primo giorno a Milano: "Sono molto felice", su gazzetta.it, 24 gennaio 2015.
  24. ^ Colpo Inter: tutto fatto per Brozovic, su tgcom24.mediaset.it, 23 gennaio 2015. URL consultato il 18 gennaio 2020.
  25. ^ Inter, Brozovic-Mancini: ecco com'è nato il colpo di fulmine, su gazzetta.it, 11 febbraio 2015. URL consultato il 4 luglio 2019.
  26. ^ Marcelo Brozovic - profilo giocatore - FC Internazionale, su FC Internazionale - Inter Milan. URL consultato il 20 marzo 2022.
  27. ^ Davide Bernasconi, Calciatori croati Inter, su Barcalcio, 27 agosto 2019. URL consultato il 19 marzo 2022.
  28. ^ Happy Birthday Marcelo!, su FC Internazionale - Inter Milan. URL consultato il 19 marzo 2022.
  29. ^ Inter, Mancini amaro: "Va tutto storto". Icardi litiga con i tifosi, su repubblica.it, 1º febbraio 2015.
  30. ^ Marcelo Brozovic - Rendimento 14/15, su transfermarkt.it. URL consultato il 19 marzo 2022.
  31. ^ (EN) VAVEL.com, Inter Milan 4-0 Frosinone: Delight for Mancini as his team climb top, su VAVEL, 2 luglio 2021. URL consultato il 19 marzo 2022.
  32. ^ (EN) Udinese 0-4 Inter Milan, in BBC Sport. URL consultato il 19 marzo 2022.
  33. ^ Marco Gaetani, Inter-Cagliari 3-0, Brozovic porta i nerazzurri ai quarti, su repubblica.it, 15 dicembre 2015.
  34. ^ Andrea Sorrentino, Inter, bellissima e amarissima la rimonta impossibile riesce ma ai rigori la Juve è perfetta, in la Repubblica, 3 marzo 2016, p. 46.
  35. ^ Il record del ‘Maratoneta’ Brozovic, contro la Juve ha percorso circa 18 km, su Calcio Fanpage. URL consultato il 19 marzo 2022.
  36. ^ Inter, il girone di ritorno è uno strazio: Roberto Mancini parafulmine o colpevole?, su Eurosport, 16 maggio 2016. URL consultato il 19 marzo 2022.
  37. ^ Internazionale v Hapoel Be'er Sheva Live Commentary & Result, 15/09/2016, UEFA Europa League | Goal.com, su goal.com. URL consultato il 19 marzo 2022.
  38. ^ Pugno duro di De Boer: Brozovic escluso dai convocati per Inter-Juventus per motivi comportamentali, su Eurosport, 17 settembre 2016. URL consultato il 20 marzo 2022.
  39. ^ Redazione Dailynews, FOTO-Tutta la rabbia di Brozovic su Instagram contro De Boer e l'Inter! Guerra aperta con la società!, su DailyNews24.it, 18 settembre 2016. URL consultato il 20 marzo 2022.
  40. ^ De Boer su Brozovic: "Un segnale al gruppo. Decisione condivisa con la società", su Tutto Juve. URL consultato il 20 marzo 2022.
  41. ^ Inter Milan vs. Cagliari - 16 October 2016 - Soccerway, su int.soccerway.com. URL consultato il 19 marzo 2022.
  42. ^ (EN) Adrian Kajumba, 5 things we learned from Inter Milan 1-0 Southampton, su mirror, 20 ottobre 2016. URL consultato il 19 marzo 2022.
  43. ^ Inter.it | Inter Official Site | FC Internazionale Milano, su Inter Official Site. URL consultato il 19 marzo 2022.
  44. ^ Nuovo Brozovic e la difesa a tre così Pioli prova a sollevare l'Inter - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 19 marzo 2022.
  45. ^ Sky Sport, L'Inter blinda Brozovic: ha rinnovato fino al 2021, su sport.sky.it. URL consultato il 20 marzo 2022.
  46. ^ Marco Fallisi, Inter, Brozovic rinato con Pioli: 4 gol in 5 gare, meglio di Icardi, su gazzetta.it, 11 dicembre 2016.
  47. ^ Tiziana Cairati, Inter, Brozovic si ferma: ma Pioli lo riavrà subito, su repubblica.it, 26 marzo 2017.
  48. ^ Andrea Sorrentino, Vietato incantare, l'Inter va al risparmio, in la Repubblica, 2 ottobre 2017, p. 36.
  49. ^ Matteo Brega, Benevento-Inter 1-2: doppietta di Brozovic, per i campani D'Alessandro, su gazzetta.it, 1º ottobre 2017.
  50. ^ Guido De Carolis, Inter-Napoli 0-0, pagelle nerazzurre: Skriniar possente, Brozovic trasformato, su corriere.it, 11 marzo 2018.
  51. ^ Giancarlo Padovan, L'Inter è tornata ed è più forte: Cancelo e Brozovic le armi in più di Spalletti, su calciomercato.com, 18 marzo 2018.
  52. ^ Serie A: Inter-Sassuolo 1-2, as it happened... | English News | Calciomercato.com, su calciomercato.com. URL consultato il 19 marzo 2022.
  53. ^ Sky Sport, Una Pazza Inter ribalta la Lazio, è Champions, su sport.sky.it. URL consultato il 20 marzo 2022.
  54. ^ Summary - Serie A - Italy - Results, fixtures, tables and news - Soccerway, su int.soccerway.com. URL consultato il 20 marzo 2022.
  55. ^ Sky Sport, Brozovic al 94', l’Inter piega 1-0 la Sampdoria, su sport.sky.it. URL consultato il 20 marzo 2022.
  56. ^ Inter, Brozovic è il giocatore con più km percorsi nella Serie A 2018/19, su fcinternews.it. URL consultato il 18 gennaio 2020.
  57. ^ Inter, numeri sorprendenti. Che Brozovic: leader in 4 statistiche, su gazzetta.it. URL consultato il 18 gennaio 2020.
  58. ^ L'INTER PARTE ALLA GRANDE, 4-0 AL LECCE!, su inter.it, 26 agosto 2019. URL consultato il 18 gennaio 2020.
  59. ^ MATCH REVIEW: MILAN-INTER 0-2, su inter.it, 22 settembre 2019. URL consultato il 18 gennaio 2020.
  60. ^ Inter, ecco chi è il capitano senza Handanovic, su calciomercato.com, 9 febbraio 2020.
  61. ^ Il migliore in campo di Inter-Milan è..., su inter.it, 10 febbraio 2020. URL consultato il 15 febbraio 2020.
  62. ^ Inter, ritirata la patente a Brozovic, su gazzetta.it. URL consultato il 27 agosto 2020.
  63. ^ Brozovic, notte agitata in pronto soccorso, su sport.sky.it. URL consultato il 27 agosto 2020.
  64. ^ Inter, i "valorizzati" e gli "involuti" di Conte, su gazzetta.it. URL consultato il 27 agosto 2020.
  65. ^ Calciomercato Inter: Brozovic, si cercano acquirenti, su gazzetta.it. URL consultato il 28 agosto 2020.
  66. ^ Season review: i nerazzurri più presenti in questa stagione, su inter.it. URL consultato il 27 agosto 2020.
  67. ^ Inter-Parma 2-2: doppio Gervinho, poi Brozovic e Perisic salvano i nerazzurri al 92', su la Repubblica, 31 ottobre 2020. URL consultato il 20 marzo 2022.
  68. ^ Serie A, le squadre e i giocatori che hanno percorso più chilometri, su sport.sky.it, 24 maggio 2021. URL consultato il 10 agosto 2021.
  69. ^ Serie A, i giocatori con la miglior percentuale di passaggi decisivi riusciti: classifica, su sport.sky.it, 29 marzo 2021. URL consultato il 10 agosto 2021.
  70. ^ (HR) Sportske novosti - Epic Brozo u svom stilu najavio turopoljsku premijeru Vatrenih: ‘Ako osvojimo Euro, tetovirat ću se!‘, su sportske.jutarnji.hr, 31 maggio 2021. URL consultato il 20 marzo 2022.
  71. ^ Brozovic, la Lega Serie A celebra le 200 presenze nel nostro campionato: "Statistica-bomba", su L'Interista. URL consultato il 20 marzo 2022.
  72. ^ Inter, missione compiuta: Sheriff arrestato e ottavi più vicini, su gazzetta.it, 3 novembre 2021.
  73. ^ Festa Inter in Supercoppa: Sanchez punisce la Juve al 121'!, su gazzetta.it, 12 gennaio 2022.
  74. ^ L'Inter batte 4-2 la Juve e vince la Coppa Italia: decisiva la doppietta di Perisic, su gazzetta.it, 11 maggio 2022.
  75. ^ Serie A 2021/22: Brozovic eletto miglior centrocampista, su inter.it, 22 maggio 2022.
  76. ^ Marcelo Brozovic - profilo giocatore, su inter.it. URL consultato il 18 gennaio 2020.
  77. ^ Mondiali: Croazia-Australia 1-0, su raisport.rai.it, 7 giugno 2014.
  78. ^ Jacopo Gerna, Brasile-Croazia 3-1: autorete di Marcelo, doppietta di Neymar e gol di Oscar, su gazzetta.it, 12 giugno 2014.
  79. ^ Euro 2016, la Croazia umilia gli azeri, Norvegia-Bulgaria 2-1, su gazzetta.it, 13 ottobre 2014.
  80. ^ Brozovic gol, Croazia show: 5-1 alla Norvegia. Sneijder salva Hiddink, su gazzetta.it, 28 marzo 2015.
  81. ^ Luca Feole, Amichevole, Croazia con 3 gol "italiani". Ok Portogallo, Svizzera e Polonia, su gazzetta.it, 17 novembre 2015.
  82. ^ Brozovic, gol capolavoro alla Russia, su video.gazzetta.it, 18 novembre 2015.
  83. ^ (HR) IZBORNIK ČAČIĆ OBJAVIO KONAČAN POPIS PUTNIKA ZA EP, su hns-cff.hr, 31 maggio 2016. URL consultato il 31 maggio 2016.
  84. ^ Il Portogallo va ai quarti, la Croazia è fuori, su ilpost.it, 25 giugno 2016. URL consultato il 18 gennaio 2020.
  85. ^ Brozovic decisivo in Nazionale, Perisic espulso: 2-0 della Croazia sull'Islanda, su eurosport.it, 12 novembre 2016. URL consultato il 18 gennaio 2020.
  86. ^ (HR) Dalić objavio konačan popis putnika za Svjetsko prvenstvo, su nogometplus.net. URL consultato il 12 luglio 2018.
  87. ^ Francia-Croazia 4-2, la Coppa del Mondo va a Parigi, su gazzetta.it. URL consultato il 18 gennaio 2020.
  88. ^ a b c d Nei turni preliminari.
  89. ^ 2 Presenze nei turni preliminari.
  90. ^ Non inseribile nella lista UEFA, essendo già sceso in campo con un altro club nella medesima stagione.
  91. ^ 1 autogol.
  92. ^ (HR) Predsjednica Republike Kolinda Grabar-Kitarović uručila je odlikovanja i priznanja Republike Hrvatske izborniku, igračima i članovima stručnog stožera Hrvatske nogometne reprezentacije te Hrvatskom nogometnom savezu za finalni plasman na 21. Svjetskom nogometnom prvenstvu., su Predsjednica.hr, 13 novembre 2018. URL consultato il 15 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 9 aprile 2019).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]