Marco Andreolli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marco Andreolli
Nazionalità Italia Italia
Altezza 187[1] cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Squadra Cagliari
Carriera
Giovanili
1994-2003 Padova
2003-2005 Inter
Squadre di club1
2004-2007 Inter 7 (0)
2008 Vicenza 3 (0)
2008-2009 Sassuolo 28 (1)
2009-2010 Roma 8 (0)
2010-2013 Chievo 79 (3)
2013-2015 Inter 10 (1)
2015-2016 Siviglia 7 (0)
2016-2017Inter6 (1)
2017-Cagliari10 (0)
Nazionale
2002-2003 Italia Italia U-17 14 (0)
2003-2004 Italia Italia U-18 4 (0)
2004-2005 Italia Italia U-19 9 (0)
2005 Italia Italia U-20 1 (0)
2006-2009 Italia Italia U-21 22 (0)
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Bronzo Svezia 2009
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 9 dicembre 2017

Marco Andreolli (Ponte dell'Olio, 10 giugno 1986) è un calciatore italiano, difensore del Cagliari.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Classico difensore centrale vecchio stampo, è un giocatore molto forte fisicamente, abile con entrambi i piedi e dotato di notevoli fondamentali, specialmente nel gioco aereo, con il quale riesce ad anticipare sia gli attaccanti avversari in difesa della propria porta che a sovrastare il diretto marcatore per proporsi anche sul fronte d'attacco. Eccellente rigorista ed ottimo battitore di calci di punizione a giro, uno dei suoi maggiori punti di forza è la facilità con la quale riesce a destreggiarsi in una retroguardia a tre o a quattro in diversi schemi di gioco, come il 4-3-3, il 3-4-2-1 o il 4-2-3-1.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

L'esordio nell'Inter[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto calcisticamente nelle giovanili del Padova, viene ceduto all'Inter per la cifra di 500.000 euro [2] ed esordisce con la prima squadra nerazzurra il 29 maggio 2005 nell'ultima giornata del campionato 2004-05 pareggiata 0-0 contro la Reggina. Nella stagione 2005-06 fa il suo esordio in Champions League, scendendo in campo nell'incontro finito 1-1 contro i Rangers Glasgow del 6 dicembre 2005: in campionato colleziona invece 2 presenze, di cui una da titolare. Al termine della stagione vince la Coppa Italia e lo scudetto (assegnato alla società milanese dopo le sentenze di Calciopoli). Nella stagione 2006-2007 segna il suo primo gol in nerazzurro, realizzando una rete nel ritorno degli ottavi di finale di Coppa Italia, contro il Messina (partita vinta 4-0): in quest'annata vince il secondo tricolore consecutivo.

In tre stagioni con l'Inter ha collezionato 13 presenze totali (7 in Serie A, 2 in Coppa Italia, 4 in Champions League) e vinto due scudetti, due Coppe Italia e due Supercoppe italiane.

Roma e i prestiti a Vicenza e Sassuolo[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio 2007, valutato 6 milioni di euro,[2] nell'ambito della trattativa che ha portato Cristian Chivu all'Inter, è stato ceduto in comproprietà alla Roma[3], senza però mai esordire a causa di un complicato infortunio alla schiena[4][5] aggravato da una partita con l'Under-21[6]. Nell'ultimo giorno del mercato di gennaio 2008 viene ceduto in prestito al Vicenza in Serie B, dove causa grave infortunio riesce a giocare solo 3 partite. Nel 2008 viene rinnovata la comproprietà ma il suo cartellino viene rilevato interamente dalla Roma nella trattativa per il passaggio di Mancini all'Inter[7]. Nel mercato estivo viene poi ceduto in prestito al Sassuolo in Serie B, dove totalizza 28 presenze e una rete. Nel 2009-2010 torna alla Roma. Disputa la sua prima partita ufficiale con i giallorossi il 6 agosto 2009 nel turno preliminare di Europa League contro il Gand. Il 22 ottobre segna il suo primo gol con la Roma, a pochi secondi dal fischio finale, che vale il pareggio per 1-1 nella partita di Europa League contro il Fulham.[8]

ChievoVerona[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 agosto 2010 viene ufficializzato il suo trasferimento a titolo definitivo al Chievo per 2 milioni di euro[9][10]. Cinque giorni dopo fa il suo esordio da titolare nella sfida contro il Catania alla prima giornata del campionato 2010-2011. Il 24 gennaio 2011 l'Inter, dove è cresciuto calcisticamente e dove ha trovato il debutto tra i professionisti, acquista la metà del suo cartellino dal Chievo lasciando però il giocatore ai clivensi[11][12]. Il 24 giugno 2011 il Chievo comunica ufficialmente sul proprio sito il riscatto dell'altra metà del cartellino del giocatore che diventa così un giocatore clivense a tutti gli effetti.[13] Segna il suo primo gol con la squadra veronese, nella nona giornata contro il Bologna, per il momentaneo 1-0. Nella stagione 2012/2013 dopo un inizio di stagione con poche presenze, il giocatore comincia a giocare con continuità con l'arrivo in panchina dell'esordiente Eugenio Corini dopo l'esonero di Domenico Di Carlo. Nella stessa stagione riesce a segnare due gol: contro l'Udinese, per il momentaneo vantaggio, e contro il Catania nei minuti finali.

In totale con la maglia del Chievo gioca 81 partite segnando 3 gol.

Ritorno all'Inter[modifica | modifica wikitesto]

« Il ritorno qui è davvero un ritorno a casa, ricordo il giorno in cui ho lasciato il ritiro di Brunico 7 anni fa, fu uno dei giorni più tristi della mia carriera perché lasciavo un ambiente straordinario, dove sono cresciuto. Ritornare adesso dopo anni passati in giro a migliorarmi e crescere, sia sul campo che come persona, per me è un orgoglio incredibile: sono felicissimo di essere tornato. »

(Marco Andreolli, 12 luglio 2013, Conferenza stampa di presentazione[14])

A fine stagione fa ritorno all'Inter dopo sei anni, a parametro zero,[15][16] decidendo di indossare la maglia numero 6.[17] Gioca quattro partite in campionato, segnando una rete contro la sua ex squadra, il Chievo, all'ultima giornata. Complessivamente sono 6 le partite giocate e 1 gol segnato.

La prima presenza nella stagione 2014-2015 la trova il 28 agosto nella gara di Europa League vinta per 6-0 contro lo Stjarnan. L'11 dicembre 2014 indossa per la prima volta la fascia di Capitano in occasione della partita di Europa League contro il Qarabag, che termina 0-0. Esattamente un mese dopo, date le assenze di Ranocchia e Nagatomo, indossa nuovamente la fascia in occasione del match casalingo contro il Genoa, terminato 3-1 per i nerazzurri. Il 21 gennaio è di nuovo Capitano in Inter-Sampdoria 2-0, gara valida per gli Ottavi di finale di Coppa Italia. Il 25 gennaio si procura una lesione di primo grado al bicipite femorale della coscia sinistra in Inter-Torino 0-1.[18] Torna in campo da titolare il 15 marzo in Inter-Cesena 1-1; in tutto sono 13 le presenze stagionali collezionate.

Il prestito al Siviglia[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 agosto 2015 viene ufficializzato il suo trasferimento in prestito con diritto di riscatto al Siviglia.[19]

Il 21 novembre nel corso di Real Sociedad-Siviglia 2-0 si rompe il tendine d'achille per cui dovrà stare fermo 6-8 mesi.[20]

Secondo ritorno all'Inter[modifica | modifica wikitesto]

Torna in campo l'8 dicembre 2016 da titolare e da capitano in Inter-Sparta Praga 2-1, ultima gara del girone di Europa League. L'8 gennaio 2017 scende di nuovo in campo in Serie A, subentrando a Perisic nella vittoria esterna per 1-2 contro l'Udinese: la sua ultima apparizione nel campionato italiano era datata 15 marzo 2015. Il 21 maggio, alla sua terza partita di fila da titolare, segna il gol del momentaneo pareggio in Lazio-Inter 1-3.[21]All'ultima giornata di campionato, contro l'Udinese, scende in campo con la fascia da capitano per la prima volta in serie A.

Cagliari[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere rimasto svincolato, il 5 luglio 2017 firma un biennale con il Cagliari.[22]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver giocato con le nazionali Under-18 Under-19 e Under-20, con l'Under-21 ha esordito il 15 agosto 2006, in amichevole contro la Croazia, e ha collezionato in tutto 23 presenze. Con il tecnico Pierluigi Casiraghi ha preso parte, giocando titolare, all'Europeo U-21 del 2007. Dopo un anno di assenza, nel 2008 torna a vestire la maglia dell'Under-21 e nel 2009 partecipa da titolare al suo secondo Europeo U-21, nel quale l'Italia viene eliminata in semifinale.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 9 dicembre 2017

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2004-2005 Italia Inter A 1 0 CI 0 0 UCL 0 0 - - - 1 0
2005-2006 A 2 0 CI 2 0 UCL 1 0 SI 0 0 5 0
2006-2007 A 4 0 CI 2 1 UCL 1 0 SI 0 0 7 1
2007-gen. 2008 Italia Roma A 0 0 CI 0 0 UCL 0 0 SI 0 0 0 0
gen.-giu. 2008 Italia Vicenza B 3 0 CI - - - - - - - - 3 0
2008-2009 Italia Sassuolo B 28 1 CI 0 0 - - - - - - 28 1
2009-2010 Italia Roma A 8 0 CI 1 0 UEL 6 1 - - - 15 1
Totale Roma 46 0 1 0 6 1 59 3
2010-2011 Italia ChievoVerona A 28 0 CI 1 0 - - - - - - 29 0
2011-2012 A 23 1 CI 1 0 - - - - - - 24 1
2012-2013 A 28 2 CI 0 0 - - - - - - 28 2
Totale ChievoVerona 79 3 2 0 81 3
2013-2014 Italia Inter A 4 1 CI 2 0 - - - - - - 6 1
2014-2015 A 6 0 CI 1 0 UEL 6[23] 0 - - - 13 0
2015-2016 Spagna Sevilla PD 7 0 CR 0 0 UCL 2 0 - - - 9 0
2016-2017 Italia Inter A 6 1 CI 0 0 UEL 1 0 - - - 7 1
Totale Inter 23 2 7 1 9 0 0 0 39 3
2017-2018 Italia Cagliari A 10 0 CI 1 0 - - - - - - 11 0
Totale carriera 151 6 11 1 17 1 0 0 179 8

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Inter: 2004-2005, 2005-2006
Inter: 2005-2006, 2006-2007
Inter: 2005, 2006
Roma: 2007

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Siviglia: 2015-2016[24]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Inter: 2004-2005, 2005-2006

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.chievoverona.tv/it/users/authenticated-usergiocatori/andreolli (video)
  2. ^ a b Matteo Dalla Vite, Inter, ecco chi ti dà Ausilio, in La Gazzetta dello Sport, 11 marzo 2014, p. 14.
  3. ^ Luca Bianchin, Andrea Elefante, Subito Chivu Ibrahimovic nerazzurro fino al 2012, in Gazzetta dello Sport, 29 luglio 2007.
  4. ^ Giuseppe Calvi, Massimo Cecchini, Filippo Di Chiara, Bianchi vuole il Torino Il Parma su Andreolli, 18 gennaio 2008.
  5. ^ Fabio Bianchi, Andreolli: «Roma, fammi giocare», in Gazzetta dello Sport, 18 giugno 2009.
  6. ^ Stefano Boldrini, Andreolli senza pace. È finito in ospedale, in Gazzetta dello Sport, 7 gennaio 2008.
  7. ^ Luca Taidelli, Andreolli, pure la 2a metà alla Roma, in Gazzetta dello Sport, 12 luglio 2008.
  8. ^ Fulham-Roma 1-1, it.uefa.com, 22 ottobre 2009.
  9. ^ Ufficiale: Andreolli e Thereau al Chievoverona Archiviato il 27 agosto 2010 in Internet Archive. Chievocalcio.tv
  10. ^ Calciomercato Inter: rilancio del City per Tevez, si punta su Luis Fabiano paginadellosport.com
  11. ^ Tutti i trasferimenti Archiviato il 14 settembre 2014 in Internet Archive. legaseriea.it
  12. ^ anno2011, Mercato: Nwankwo, Obi, Andreolli, in Inter.it.
  13. ^ Acquisto a titolo definitivo di Marco Andreolli Chievocalcio.tv
  14. ^ F.C. Internazionale - Sito Ufficiale
  15. ^ Calcio Mercato FC Internazionale Archiviato il 14 settembre 2014 in Internet Archive. Lega Serie A
  16. ^ Sito F.C Internazionale Milano
  17. ^ Andreolli: 'Finalmente ritorno a casa', Inter.it, 12 luglio 2013.
  18. ^ Inter, emergenza difesa per Mancini
  19. ^ MARCO ANDREOLLI AL SIVIGLIA, inter.it, 31 agosto 2105.
  20. ^ Andreolli, stagione finita: tendine rotto, 8 mesi fuori
  21. ^ (IT) Sky Sport, L'Inter riparte: Lazio battuta 3-1 all'Olimpico. URL consultato il 24 maggio 2017.
  22. ^ Marco Andreolli al Cagliari cagliaricalcio.com
  23. ^ 1 presenza nei turni preliminari.
  24. ^ mai sceso in campo

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]