Fausto Salsano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fausto Salsano
Fausto Salsano 2017.jpg
Salsano allo Zenit nel 2017
Nazionalità Italia Italia
Altezza 167 cm
Peso 60 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Squadra Zenit S. Pietroburgo
Ritirato 2000 - giocatore
Carriera
Giovanili
1975-1979Pistoiese
Squadre di club1
1979-1981Sampdoria0 (0)
1981-1982 Empoli23 (3)
1982-1984 Parma61 (5)
1984-1990Sampdoria172 (15)
1990-1993Roma74 (5)
1993-1998Sampdoria105 (1)
1998-2000Spezia32 (5)
2000Sestrese4 (0)
2000Imperia0 (0)
Nazionale
1987Italia Italia U-214 (0)[1]
Carriera da allenatore
2000Imperia
2001-2002CataniaVice
2002Florentia Viola Vice
2004-2008Inter Ass. tecnico
2009-2013Manchester CityAss. tecnico
2013-2014GalatasarayAss. tecnico
2014-2016InterAss. tecnico
2017-Zenit S. PietroburgoAss. tecnico
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 31 agosto 2017

Fausto Salsano (Cava de' Tirreni, 19 dicembre 1962) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista, assistente tecnico dello Zenit S. Pietroburgo.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nella Pistoiese, viene acquistato dalla Sampdoria nel 1979 e aggregato alla formazione Primavera. Dopo due esperienze in prestito all'Empoli e al Parma, torna all'ombra della Lanterna dove diviene una pedina inamovibile del centrocampo blucerchiato di fine anni 1980, vincendo in cinque stagioni tre Coppe Italia e una Coppa delle Coppe.

Nel 1990 passa alla Roma dove rimane per tre stagioni, centrando la sua quarta Coppa Italia. Nel 1993 torna alla Sampdoria con cui conquista la sua quinta Coppa Italia. Nel 1998 lascia Genova ma non la Liguria, scendendo di categoria con lo Spezia dove disputa le sue due ultime stagioni da professionista.

Nel 2000 firma per la Sestrese, ma la sua esperienza dura poco. L'11 novembre dello stesso anno va all'Imperia, con il doppio ruolo di giocatore-allenatore: anche qui l'avventura è di breve durata, chiudendo la carriera da calciatore il 31 dicembre 2000 senza mai scendere in campo.

Salsano alla Sampdoria nel 1990

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la fugace esperienza da giocatore-allenatore all'Imperia, conclusasi in panchina il 17 dicembre 2000, i successivi incarichi che seguono lo vedono collaborare con due suoi ex compagni di squadra: dapprima Pietro Vierchowod di cui è il vice al Catania, dal 18 dicembre 2001 al 22 aprile 2002, e alla Florentia Viola, dal 10 agosto al 28 ottobre 2002, e poi e Roberto Mancini, di cui è collaboratore tecnico per tutta la durata della sua prima esperienza sulla panchina dell'Inter, dal 7 luglio 2004 al 29 maggio 2008.

Segue Mancini anche agli inglesi del Manchester City (2009-2013), ai turchi del Galatasaray (2013-2014), di nuovo all'Inter (2014-2016) e dal 2017 allo Zenit S. Pietroburgo.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Parma: 1983-1984 (girone A)
Sampdoria: 1984-1985, 1987-1988, 1988-1989, 1993-1994
Roma: 1990-1991
Spezia: 1999-2000 (girone A)
Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]
Sampdoria: 1989-1990

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Almanacco Illustrato del Calcio 2016, Modena, Panini, 2015, p. 621.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (DEENIT) Fausto Salsano, su transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG. Modifica su Wikidata
  • Dario Marchetti (a cura di), Fausto Salsano, su Enciclopediadelcalcio.it, 2011.
  • Fausto Salsano, su TuttoCalciatori.Net, Ascoli Piceno, Norz Srl.