Luca Castellazzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luca Castellazzi
Luca Castellazzi FC Internazionale.jpg
Castellazzi nel 2011 con la maglia dell'Inter
Nazionalità Italia Italia
Altezza 192 cm
Peso 89 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Squadra Torino
Carriera
Giovanili
1990-1991 Monza Monza
Squadre di club1
1992-1994 Monza Monza 0 (-0)
1994-1995 Varese Varese 18 (-21)
1995-1996 Monza Monza 32 (-34)
1996-1999 Padova Padova 57 (-75)
1999 Pescara Pescara 3 (-3)
1999-2002 Brescia Brescia 54 (-79)
2002-2003 Reggina Reggina 14 (-25)
2003 Catania Catania 18 (-26)
2003-2005 Brescia Brescia 52 (-83)
2005-2010 Sampdoria 101 (-132)
2010-2014 Inter 24 (-36)
2014- Torino 0 (0)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1º giugno 2015

Luca Castellazzi (Gorgonzola, 19 luglio 1975) è un calciatore italiano, portiere del Torino.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Esperienze varie[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la carriera nel settore giovanile del Monza.

Nella stagione 1994-1995 passa al Varese in Serie C2 dove vince la Coppa Italia di Serie C.

L'anno dopo torna al Monza e gioca titolare in Serie C1 perdendo sia la finale di Coppa Italia di Serie C che la semifinale play-off contro l'Empoli.

Nel campionato 1996-1997 si trasferisce in Serie B con il Padova dove ricopre il ruolo di secondo di Walter Zenga: nella prima partita da titolare para un rigore a Neri del Brescia. A seguito del trasferimento di Zenga negli Stati Uniti, viene promosso portiere titolare, ruolo che ricopre anche nella stagione 1997-1998 e 1998-1999.

A gennaio 1999 passa al Pescara e nell'estate seguente viene ingaggiato dal Brescia, squadra nella quale milita per tre anni. Secondo di Gilbert Bodart, il primo anno gioca diverse partite del campionato di Serie B nel quale il Brescia raggiunge la promozione in Serie A (da ricordare un rigore parato a Caccia nel derby con l'Atalanta). Nell'anno 2000-2001 è il secondo di Pavel Srníček: gioca in Coppa Italia e diverse partite di campionato esordendo in A nel gennaio 2001.

Nel campionato 2001-02 è titolare fisso in Serie A e gioca in Coppa Intertoto.

Successivamente, veste per sei mesi la maglia di titolare della Reggina e per sei mesi, dal gennaio 2003, quella del Catania in Serie B, nel quale ricopre il ruolo di titolare.

Nell'estate del 2003 torna nella società lombarda, dove veste la maglia da titolare nei campionati di 2003-2004 e 2004-2005.

Sampdoria[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005, dopo la retrocessione del Brescia in Serie B, viene acquistato dalla Sampdoria, dove per un anno fa da secondo a Francesco Antonioli, giocando esclusivamente nelle partite di Coppa UEFA e di Coppa Italia. Fa il suo esordio con la Sampdoria il 3 novembre 2005 nella fase a gironi della Coppa UEFA in occasione di Sampdoria-Steaua Bucarest (0-0).

Nella stagione 2006-2007, dopo la partenza dell'esperto estremo difensore milanese, diventa il portiere titolare della Sampdoria. Ad inizio novembre, perde il posto tra i pali a favore del più anziano compagno Gianluca Berti, prima di riprendere a giocare con continuità dal dicembre 2006 fino alla fine del campionato.

Nella stagione 2007-2008 viene alternato nelle prime giornate di campionato con il giovane Antonio Mirante, prima di essere definitivamente schierato da titolare da ottobre e contribuendo con le sue prestazioni al raggiungimento del sesto posto in campionato e alla qualificazione in Coppa UEFA 2008-2009.

Firma nel mese di febbraio 2008 il prolungamento del contratto per altri due anni con scadenza 30 giugno 2010. Il 13 aprile 2008, durante Reggina-Sampdoria, si procura una lussazione alla spalla destra per uno scontro di gioco con l'attaccante della Reggina Nicola Amoruso. Torna a giocare il 2 ottobre nella partita del primo turno di Coppa UEFA contro il Kaunas terminata 1-2 per la Sampdoria, nella quale indossa anche la fascia di capitano.

Per tutta la stagione 2008-09 sarà il titolare risultando determinante per il raggiungimento della finale di Coppa Italia persa ai rigori contro la Lazio.

Nell'annata 2009-2010 è ancora il titolare risultando uno dei migliori portieri del campionato. Un infortunio al ginocchio nel gennaio 2010 lo costringe a lasciare la maglia da titolare a Marco Storari, acquistato dal Milan per questo motivo.

Inter[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 giugno 2010 firma un contratto biennale con l'Inter.[1][2] Alla prima stagione in nerazzurro vince i primi trofei della sua carriera, conquistando la Supercoppa italiana, la Coppa del mondo per club e la Coppa Italia. Con la squadra milanese fa anche il proprio esordio in Champions League.[3]

Il 26 ottobre 2011, contro l'Atalanta, para un rigore a Germán Denis nei minuti finali salvando il risultato (1-1).[4] A fine campionato firma il rinnovo di contratto fino al 30 giugno 2014.

Nella stagione 2012-13 viene espulso contro il Vaslui nella partita di ritorno dei play-off di Europa League.[5] È invece vittima di un infortunio (lussazione alla spalla sinistra) contro l'Hellas Verona negli ottavi di Coppa Italia[6]: viene sostituito tra i pali da Palacio, dopo che la squadra aveva esaurito i cambi a disposizione.

In quattro stagioni colleziona 36 presenze con 47 reti subite.

Torino[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º settembre 2014 è acquistato dal Torino a parametro zero, siglando un accordo valido sino al giugno successivo. Esordisce in granata il 14 gennaio 2015, in Coppa Italia contro la Lazio, subentrando a Molinaro per rimpiazzare l'espulso Padelli.[7]

Al termine della stagione rinnova il contratto con il Torino fino al 30 giugno 2016.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 14 gennaio 2015.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1993-1994 Italia Monza C1 0 -0 CI 0 -0 - - - - - - 0 -0
1994-1995 Italia Varese C2 18 -21 CIC 0 -0 - - - - - - 18 -21
1995-1996 Italia Monza C1 32 -34 CIC 1 -2 - - - - - - 33 -36
Totale Monza 32 -34 1 -2 33 -36
1996-1997 Italia Padova B 17 -23 CI 0 -0 - - - - - - 17 -23
1997-1998 B 22 -33 CI 1 -3 - - - - - - 23 -36
1998-gen. 1999 C1 18 -19 CI 3 -4 - - - - - - 21 -23
Totale Padova 57 -75 4 -7 61 -82
gen.-giu. 1999 Italia Pescara B 3 -3 CI 0 -0 - - - - - - 3 -3
1999-2000 Italia Brescia B 11 -13 CI 1 -4 - - - - - - 12 -17
2000-2001 A 9 -15 CI 6 -10 - - - - - - 15 -25
2001-2002 A 34 -51 CI 3 -1 Int. 4 -4 - - - 41 -56
2002-gen. 2003 Italia Reggina A 14 -25 CI 3 -0 - - - - - - 17 -25
gen.-giu .2003 Italia Catania B 18 -26 CI 0 -0 - - - - - - 18 -26
2003-2004 Italia Brescia A 14 -29 CI 0 -0 Int. 1 -2 - - - 15 -31
2004-2005 A 38 -54 CI 0 -0 - - - - - - 38 -54
Totale Brescia 106 -162 10 -15 5 -6 121 -183
2005-2006 Italia Sampdoria A 3 -5 CI 4 -5 CU 4 -3 - - - 11 -13
2006-2007 A 26 -34 CI 7 -5 - - - - - - 33 -39
2007-2008 A 26 -31 CI 0 -0 Int.+CU 2+3 (-0)+(-2) - - - 31 -33
2008-2009 A 27 -36 CI 3 -2 CU 6 -7 - - - 36 -45
2009-2010 A 19 -26 CI 1 -2 - - - - - - 20 -28
Totale Sampdoria 101 -132 15 -14 15 -12 131 -158
2010-2011 Italia Inter A 15 -21 CI 2 -2 UCL 3 -3 SI+SU+Cmc 0 -0 20 -26
2011-2012 A 7 -12 CI 2 -3 UCL 2 -3 SI 0 -0 11 -18
2012-2013 A 2 −3 CI 1 -0 UEL 2[8] 0 - - - 5 −3
2013-2014 A 0 -0 CI 0 -0 - - - - - - 0 -0
Totale Inter 24 -36 5 -5 7 -6 36 -47
2014-2015 Italia Torino A 0 -0 CI 1 -1 UEL 0 -0 - - - 1 -1
Totale carriera 373 -514 39 -44 27 -24 0 -0 439 -582

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Inter: 2010
Inter: 2010-2011

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Inter: 2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rivoluzione ingaggi: la lista attuale e il tetto futuro, che taglio dei costi!, tuttomercatoweb.com. URL consultato il 10 febbraio 2013.
  2. ^ Mercato: Castellazzi e l'Inter fino al 2012, inter.it, 17 giugno 2010.
  3. ^ L'Inter batte 4-0 il Werder Brema: tripletta di Eto'o, Tuttosport, 29 settembre 2010. URL consultato il 29 giugno 2015.
  4. ^ L'Atalanta ferma l'Inter, Il Giorno, 26 ottobre 2011. URL consultato il 29 giugno 2015.
  5. ^ Gaetano De Stefano, Guarin trascina l'Inter in 10, sofferto 2-2 e qualificazione, La Gazzetta dello Sport, 30 agosto 2012. URL consultato il 29 giugno 2015.
  6. ^ Doppia tegola: Nagatomo e Castellazzi ko. Tornano... Tuttomercatoweb.com, 19 dicembre 2012
  7. ^ Marco Gaetani, Coppa Italia: Torino-Lazio 1-3, Pioli ritrova i gol di Keita e Klose in La Repubblica, 14 gennaio 2015. URL consultato il 29 giugno 2015.
  8. ^ Nei play-off.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]