Daniele Padelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Daniele Padelli
20150616 - Portugal - Italie - Genève - Daniele Padelli 1.jpg
Padelli in Nazionale nel 2015
Nazionalità Italia Italia
Altezza 191 cm
Peso 92 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Squadra Torino
Carriera
Giovanili
2001-2002 Lecco
2002-2004 Como
Squadre di club1
2003-2004 Como 0 (-0)
2004-2005 Sampdoria 0 (-0)
2005-2006 Pizzighettone 33 (-29)
2006-2007 Crotone 1 (-2)
2007 Liverpool 1 (-2)
2007-2008 Pisa 7 (-10)
2008-2009 Avellino 15 (-23)
2009-2011 Bari 3 (-6)
2011-2013 Udinese 9 (-13)
2013- Torino 98 (-128)
Nazionale
2005-2007 Italia Italia U-20 7 (-4)
2006 Italia Italia U-21 1 (-0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 15 maggio 2016

Daniele Padelli (Lecco, 25 ottobre 1985) è un calciatore italiano, portiere del Torino.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizi, Sampdoria e vari prestiti[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nel Delebio, squadra valtellinese di seconda categoria, passa al Lecco nel 2001 e poi al Como l'anno successivo. Nel 2004, causa fallimento della società lariana, si trasferisce a titolo definitivo alla Sampdoria, dove gioca per un anno nella formazione Primavera, venendo girato in prestito l'anno successivo al Pizzighettone in Serie C1 (33 presenze e 29 gol subiti), e poi la stagione seguente al Crotone in Serie B (una presenza e 2 gol subiti).

Il 12 gennaio 2007 il Liverpool acquista il giocatore in prestito, con diritto di riscatto, fino alla fine della stagione. L'esordio da titolare in Premier League avviene nell'ultima giornata del torneo, il 13 maggio 2007 ad Anfield Road, gara in cui i Reds pareggiano 2-2 contro il Charlton Athletic.

Il 5 luglio 2007 viene ufficializzato il suo passaggio in prestito al Pisa in Serie B, club con cui disputa diverse amichevoli estive e la gara di Coppa Italia a Napoli. Nelle prime gare di campionato resta in panchina ed esordisce alla quarta giornata nella sconfitta interna (0-3) contro il Brescia; nelle giornate successive mister Giampiero Ventura gli preferisce il più esperto Davide Morello. A fine campionato viene adoperato in 7 partite subendo 10 gol.

Il 5 agosto 2008 viene ceduto in prestito con diritto di riscatto della comproprietà all'Avellino. Coi biancoverdi colleziona 15 presenze e 29 gol subiti, retrocedendo in Lega Pro Prima Divisione a fine stagione. Terminato il prestito, rientra alla Sampdoria.

Bari e Udinese[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 luglio 2009 il club genovese lo cede in prestito con diritto di riscatto al Bari dove ricopre il ruolo di vice di Gillet.[1] Fa il suo esordio in Serie A e con il Bari il 9 maggio 2010 nella partita Udinese-Bari (3-3). Il 29 luglio 2010 viene rinnovato il prestito di Padelli al Bari. Gioca la prima partita della stagione 2010-2011 alla 17ª giornata di campionato, nella sfida casalinga pareggiata per 1-1 contro il Palermo.

Il 25 giugno 2011 fa ritorno alla Sampdoria, per fine prestito, che il 31 agosto rende noto di "aver ceduto a titolo temporaneo, con diritto di opzione della compartecipazione, all'Udinese i diritti sportivi del calciatore".[2] Il 27 agosto 2012 viene ceduto a titolo definitivo al club friulano[3], dove trascorre una stagione da secondo portiere, venendo tuttavia chiamato in causa dodici volte in gare ufficiali.

Torino[modifica | modifica wikitesto]

Padelli al Torino nel 2015

Il 29 maggio 2013 viene acquistato a titolo definitivo dal Torino, dove complice la squalifica di Gillet, diventa il titolare dei granata.[4] Essendo stato acquistato in scadenza di contratto, il giocatore arriverà solo quando il vincolo con l'Udinese sarà definitivamente decaduto, ovvero il 1º luglio 2013. Debutta con la maglia granata il 17 agosto seguente nella partita di Coppa Italia Torino-Pescara (1-2). Esordisce nelle coppe europee con la maglia granata in occasione della sfida per il primo turno preliminare di Europa League contro il Brommapojkarna (3-0 per i granata in Svezia).

Terminata la squalifica di Jean François Gillet, Padelli perde la titolarità in campionato contro il Cagliari, diventando titolare in Europa League, ma successivamente si riprende i pali del Torino anche in campionato, costringendo Jean François Gillet ad andare a giocare al Catania.

In occasione della partita contro l'Empoli commette un errore clamoroso; gioca di prima una palla passatagli da Moretti, ma invece di servire Maksimovic, svirgola il pallone, indirizzandolo nella propria porta, un errore che gli consentirà poi di vincere il "Tapiro d'Oro" per l'autogol dell'anno, trofeo consegnatogli da Valerio Staffelli di Striscia la Notizia.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

È stato convocato in quattordici occasioni nella Nazionale Under-20 giocando 7 partite, mentre ha giocato la sua unica partita in Under-21 il 12 dicembre 2006 in occasione di Italia-Lussemburgo (2-0).

Tra il 2014 e il 2015 è stato convocato in alcune occasioni dal CT della Nazionale maggiore Antonio Conte, senza mai scendere in campo.

Calcioscommesse[modifica | modifica wikitesto]

Nell'interrogatorio del giocatore del Piacenza Carlo Gervasoni, arrestato nell'ambito dell'inchiesta calcioscommesse vengono fatti i nomi di "Andrea Masiello, Daniele Padelli, Simone Bentivoglio, Alessandro Parisi e Marco Rossi" per la presunta combine della partita Palermo-Bari del 7 maggio 2011.[5]

Il 3 gennaio 2012 viene iscritto nel registro degli indagati dal pubblico ministero Roberto Di Martino insieme ad altri venti calciatori.[6]

Il 26 luglio viene deferito dal procuratore federale Stefano Palazzi per illecito sportivo[7] in merito a Palermo-Bari del 2011[8], ma il 10 agosto la Commissione Disciplinare della Federcalcio lo assolve perché il pentito che lo aveva accusato, Andrea Masiello, non è stato ritenuto credibile.[9] Il 22 agosto in secondo grado viene nuovamente prosciolto.[10]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 15 maggio 2016.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2003-2004 Italia Como B 0 -0 CI 0 -0 - - - - - - 0 -0
2004-2005 Italia Sampdoria A 0 -0 CI 0 -0 - - - - - - 0 -0
2005-2006 Italia Pizzighettone C1 33 -29 CI 1 -2 - - - - - - 34 -31
2006-gen. 2007 Italia Crotone B 1 -2 CI 1 -1 - - - - - - 2 -3
gen.-giu. 2007 Inghilterra Liverpool PL 1 -2 FACup+CdL 0 -0 UCL 0 -0 CS - - 1 -2
2007-2008 Italia Pisa B 7 -10 CI 1 -3 - - - - 8 -13
2008-2009 Italia Avellino B 15 -23 CI 0 -0 - - - - - - 15 -23
2009-2010 Italia Bari A 1 -3 CI 0 -0 - - - - - - 1 -3
2010-2011 A 2 -3 CI 3 -5 - - - - - - 5 -8
Totale Bari 3 -6 3 -5 - - - - 6 -11
2011-2012 Italia Udinese A 0 -0 CI 0 -0 UCL+UEL 0 -0 - - - 0 -0
2012-2013 A 9 -13 CI 1 -1 UCL+UEL 0+2 -2 - - - 12 -16
Totale Udinese 9 -13 1 -1 2 -2 - - 12 -16
2013-2014 Italia Torino A 38 -47 CI 1 -2 - - - - - - 39 -49
2014-2015 A 25 -31 CI 1 -2 UEL 12 -9 - - - 38 -42
2015-2016 A 35 -50 CI - - - - - - - - 35 -50
Totale Torino 98 -128 2 -4 12 -9 - - 112 -141
Totale carriera 167 -213 9 -16 14 -11 - - 190 -240

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mercato, preso il portiere Padelli, asbari.it, 2 luglio 2009.
  2. ^ Daniele Padelli ceduto all'Udinese a titolo temporaneo, sampdoria.it, 31 agosto 2011.
  3. ^ Daniele Padelli passa all'Udinese a titolo definitivo, sampdoria.it, 27 agosto 2012.
  4. ^ Padelli al Toro, torinofc.it, 29 maggio 2013.
  5. ^ Calcioscommesse, Gervasoni: "Così fu truccata Palermo-Bari".
  6. ^ Scommesse, da Mauri a Milanetto Venti nuovi indagati nell'inchiesta.
  7. ^ SCOMMESSE: CONTE EVITA L'ILLECITO sportmediaset.it, 26 luglio 2012
  8. ^ Deferiti 13 club e 45 tesserati, in La Gazzetta dello Sport, 27 luglio 2012, p. 32.
  9. ^ Disciplinare, prosciolti Udinese e 7 tesserati
  10. ^ Scommesse: Conte, nessuno sconto, sportmediaset.it, 22 agosto 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]