Lukas Podolski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lukas Podolski
2016209185709 2016-07-27 Champions for Charity - Sven - 1D X - 0125 - DV3P4718 mod.jpg
Podolski nel 2016
Nazionalità Germania Germania
Altezza 181 cm
Peso 83 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Vissel Kobe
Carriera
Giovanili
1991-1995non conosciuta FC 07 Bergheim
1995-2003Colonia
Squadre di club1
2003-2006Colonia81 (46)
2006-2009Bayern Monaco71 (15)
2009-2012Colonia88 (33)
2012-2015Arsenal60 (19)
2015Inter16 (1)
2015-2017Galatasaray56 (20)
2017-Vissel Kobe 22 (8)
Nazionale
2001-2002Germania Germania U-176 (2)
2002-2003Germania Germania U-187 (4)
2003Germania Germania U-193 (6)
2004Germania Germania U-215 (0)
2004-2017Germania Germania130 (49)
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Bronzo Germania 2006
Bronzo Sudafrica 2010
Oro Brasile 2014
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Argento Austria-Svizzera 2008
Bronzo Polonia-Ucraina 2012
Bronzo Francia 2016
Transparent.png Confederations Cup
Bronzo Germania 2005
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 2 dicembre 2017

Lukas Josef Podolski, nato Łukasz Podolski (pron. ˈlukas poˈdolski; Gliwice, 4 giugno 1985), è un calciatore polacco naturalizzato tedesco,[1] attaccante del Vissel Kobe, di cui è capitano.

Con la Nazionale tedesca, tra le cui fila ha vinto i Mondiali 2014, detiene il record per il gol più veloce: la marcatura è stata messa a segno dopo appena 6", nella partita con l'Ecuador del 29 maggio 2013.[2][3]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È figlio di Krystyna Podolski, ex nazionale polacca di pallamano, e Waldemar Podolski, ex calciatore polacco professionista, campione di Polonia nel 1980 con lo Szombierki Bytom, squadra della città di Bytom. Nel 1987, quando Lukas aveva solo 2 anni, la sua famiglia si trasferì dalla Polonia alla Germania Ovest. Lukas è cresciuto a Bergheim, nella Renania Settentrionale-Vestfalia, e più tardi a Pulheim.

È sposato dal 2011 con Monika Puchalski, dalla quale ha avuto il suo primo figlio, Louis Gabriel, il 14 aprile 2008.[4] Il giugno 2016 è divenuto papà per la seconda volta, con la nascita della piccola Maya.[5]

Podolski è conosciuto anche per la sua passione per la Formula 1 e l'amicizia con Michael Schumacher.[6] Ha fondato la "Lukas Podolski Foundation", organizzazione che dà appoggio e sostegno a bambini che vivono in condizioni disagiate.

Nel 2015 ha preso parte al film Macho Man, interpretando il ruolo di un calciatore. Un anno dopo ha prodotto il singolo "Liebe deine stadt", in collaborazione con il gruppo musicale Cat Ballou. È inoltre apparso in patria in diverse pubblicità.

È infine il proprietario di una gelateria[7] e di un negozio di döner kebab a Colonia.[8]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Può ricoprire vari ruoli del reparto offensivo[9], ma la sua posizione prevalente è quella di ala sinistra.[10] Abile nel tiro dalla distanza, è anche un fruttuoso assist-man.[10]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Colonia[modifica | modifica wikitesto]

Podolski con la maglia del Colonia nella stagione 2005-2006

Il 14 settembre 2003 segna una tripletta con il Colonia Under-19 contro il Düsseldorf U19 finita 5 a 0.[11] L'11 ottobre segna 2 gol nella partita giocata fuori casa vinta 5 a 1 contro il Bielefeld U19.[12] Conclude il Campionato giovanile Under-19 con 7 gol in 8 partite vincendo la classifica cannoniere.

Cresciuto nel Colonia, ha esordito in prima squadra giovanissimo, nel 2003, segnando ben 10 reti, ma senza poter evitare la retrocessione del Colonia, terminato ultimo in campionato. Il primo gol lo realizza contro l'Hansa Rostock il 13 dicembre 2003 partita pareggiata 1 a 1.[13] Segna 2 gol contro l'Hertha il 16 dicembre finita 3 a 0 e contro il Borussia Mönchengladbach vinta 1 a 0. Realizza la sua prima doppietta da professionista nella gara di ritorno contro l'Hansa Rostock il 15 maggio 2004 finita 4 a 0.

Nella stagione 2004-2005 ha giocato in seconda divisione, vincendo la classifica cannonieri e guidando alla conquista del campionato e quindi alla promozione la sua squadra. Il 30 agosto 2004 contro il Francoforte sigla la sua prima rete nel campionato di seconda divisione garantendo la vittoria al Colonia per 2-0.[14] Il 17 ottobre segna 3 gol nella partita vinta grazie ai suoi gol contro il RW Oberhausen finita 3-2 per il Colonia. Cinque giorni dopo va a segno con una doppietta contro il RW Essen. Il 23 gennaio 2005 realizza ben 4 reti, alla diciottesima giornata di Seconda divisione tedesca contro il E. Cottbus vinta 5-3. Il 22 maggio all'ultima giornata di campionato realizza una tripletta ai danni del MSV Duisburg finita 4-0. Con la vittoria del titolo di cannoniere con 25 gol viene convocato per disputare la Confederations Cup.

Nella stagione 2005-2006 ha disputato 25 partite segnando 12 gol in Bundesliga, ma nonostante ciò il Colonia è stato nuovamente retrocesso. A fronte di ciò viene soprannominato Prinz Poldi. Il primo gol in stagione lo segna alla terza giornata di Campionato il 27 agosto 2005 contro il 1. Fußball-Club Kaiserslautern persa 3-2. Alla quinta giornata il 17 settembre contro il Borussia Monchenglabdach segna il primo dei due gol della sua squadra con un tiro di sinistro su assist di Lell, la partita si conclude 2-1 a favore del Colonia.[15] Il 4 marzo sigla la sua prima doppietta in stagione ai danni dell'Hertha Berlino, partita vinta 4-2 dal Colonia. All'ultima giornata di Bundesliga contro l'Arminia Bielefeld il 13 maggio 2006 segna 2 gol la partita termina 4-2 a favore del Colonia, conclude la stagione con 33 partite e 12 che gli permettono la convocazione ai Mondiali in Germania.

Bayern Monaco[modifica | modifica wikitesto]

Si è trasferito al Bayern Monaco nel giugno 2006 per 7,8 milioni. Con il club bavarese ha conquistato un campionato tedesco, una Coppa di Germania e una Coppa di Lega. Il primo gol lo realizza in UEFA Champions League contro l'Inter finita 2 a 0 per i Bavaresi. Il 14 ottobre 2006 segna un gol in campionato contro l'Hertha Berliner Sport-Club finta 4-2. Anche nella gara di ritorno il 3 marzo 2007 si rende protagonista con 1 gol e 2 assist, la partita finisce 3 a 2 per il Bayern Monaco. Dopo aver superato il Real Madrid agli ottavi di finale, ai quarti il 3 aprile il Bayern affronta il Milan dove a Milano pareggia 2 a 2 e Monaco di Baviera viene sconfitto 2 a 0 venendo eliminato dal torneo.

Nella sua seconda stagione si ritrova a fronteggiare la concorrenza di Luca Toni, Franck Ribery e Miroslav Klose. L'8 novembre nella gara di Coppa UEFA segna 2 gol contro il Bolton, la partita finisce 2-2. Dopo aver superato i gironi, nei sedicesimi di finale affronta l'Aberdeen formazione scozzese dove nella gara di ritorno (2 a 2 all'andata) il 21 febbraio segna l'ennesima doppietta nel torneo. Negli ottavi il Bayern supera l'Anderlcht e Podolski nella gara d'andata finita 5 a 0 segna un gol. Il 29 marzo 2008 segna un gol nella sfida pareggiata 1 a 1 contro il Norimberga. Perde in semifinale contro lo Zenit di San Pietroburgo, all'andata 1 a 1 e al ritorno un clamoroso 4 a 0 per la squadra Russa. Nella penultima giornata di campionato contro il Duisburg realizza una doppietta.

Alla terza stagione, il 15 agosto 2008 segna il suo primo gol in campionato nella partita finita 2 a 2 contro l'Amburgo. Negli ottavi di UEFA Champions League contro lo Sporting Lisbona contribuisce alla vittoria per 7 a 1 con una doppietta. Il 12 maggio 2009 è protagonista di una bella partita contro il Bayer Leverkusen dove oltre a segnare 1 gol realizza anche 2 assist, la partita si conclude per 3 a 0.

Ritorno al Colonia[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 gennaio 2009 il Colonia annuncia di aver trovato un accordo con il giocatore: il trasferimento, sulla base di un contratto quadriennale fino al 2013, viene previsto nel mercato estivo a partire dal 1º luglio 2009 e il suo cartellino è stato pagato 7 milioni.[16] Ritornato al Colonia chiude la Bundesliga al 13º posto con 2 gol realizzati in 27 partite. In Coppa di Germania il Colonia viene eliminato ai quarti di finale dall'Augusta, squadra che milita nella serie B tedesca.

L'anno seguente realizza 13 reti in 32 partite di campionato, con il Colonia al decimo posto. In Coppa di Germania realizza un gol in una partita, terminando la stagione con un totale di 33 partite giocate e 14 reti messe a segno. Il primo gol arriva il 28 agosto 2010 nella sfida persa 4 a 2 contro il Werder Brema. Nella gara di ritorno realizza una doppietta e questa volta la partita finisce 3-0 per il Colonia. La seconda doppietta la realizza il 13 febbraio contro il Mainz vinta per 4 a 2. Segna il gol decisivo nella sfida contro il Friburgo il 26 febbraio 2010 finita 1-0. L'11 marzo, nella sfida vinta 4-0 contro l'Hannover, in cui realizza un gol e fornisce un assist per Novakovič, all'84' viene sostituito per Yabo, e mentre esce dal campo viene applaudito da tutto lo stadio che lo ringrazia per la meravigliosa prestazione.

Il primo gol nella sua terza stagione arriva nella seconda giornata di Bundesliga il 13 agosto 2011 nella partita persa 5-1 contro lo Schalke 04. Contro il Bayer Leverkusen realizza una doppietta, la partita finisce 4-1 per il Colonia (17 settembre). Nella partita contro l'Hannover disputata il 16 ottobre è ancora decisivo per la vittoria per 2-0 con la seconda doppietta in stagione. Il 30 ottobre si ripete con altri due gol nel 3-0 contro FC Augsburg, toccando anche quota 100 gol totali in carriera con i club. Il 3 e il 10 dicembre segna altre due doppiette contro Stoccarda (2-2) e Friburgo (4-0).[17]

Arsenal[modifica | modifica wikitesto]

Podolski con la maglia dell'Arsenal

Il 30 aprile 2012 il sito ufficiale del Colonia annuncia che dal 1º luglio 2012 il giocatore giocherà nell'Arsenal che lo ha acquistato per 11 milioni. Sceglie inizialmente la maglia numero 22 ma questa viene occupata un attimo prima dal suo compagno Francis Coquelin, così decide di prendere la maglia numero 9 ormai lasciata libera da Park Chu-Young, il quale viene messo ai margini della squadra con un'anonima maglia numero 30.[18] Il 2 settembre 2012 segna il suo primo gol con la maglia dei Gunners nella vittoria per 2 a 0 contro il Liverpool.[19] Podolski poi segnerà un goal su calcio di punizione contro il Southampton nella 4º giornata di premier league, partita giocata il 15 settembre vinta 6 a 1.[20] Il 18 settembre segna il primo gol in UEFA Champions League contro il Montpellier, vinta 2 a 1.[21] Il secondo gol nella competizione europea lo realizza alla seconda giornata il 3 ottobre contro l'Olympiacos all'Emirates Stadium, la squadra londinese vince 3 a 1.[22] Il 23 gennaio 2013, nel recupero della 19ª giornata di campionato contro il West Ham United, diventa il primo giocatore della stagione a segnare un goal e effettuare 3 assist in un'unica partita, terminata poi 5-1.

La prima partita della stagione 2013/2014 la gioca il 17 agosto 2013 in occasione della sconfitta interna per 3-1 contro l'Aston Villa. Nella seconda gara di campionato segna una doppietta sul campo del Fulham nella vittoria per 3-1 contro i Cottagers. Il 27 agosto 2013 serve un assist per il primo dei due gol di Aaron Ramsey con cui i Gunners liquidano la pratica Fenerbahçe negli spareggi della Champions League. Successivamente si infortuna per uno strappo muscolare che lo terrà fuori dai giochi per 3 mesi. Ritorna in campo il 26 dicembre 2013 segnando il terzo goal con il quale l'Arsenal batte il West Ham United per 3 a 1. Il 24 gennaio 2014 segna la sua prima doppietta e i primi gol nella competizione FA Cup durante la partita casalinga valida per i sedicesimi di finale contro il Coventry City terminata sul punteggio di 4-0. Il 16 febbraio 2014 torna a segnare ancora in FA Cup nella vittoria per 2-1 in casa sul Liverpool. Grazie a questa vittoria la sua squadra può accedere ai quarti di finale. Il 17 maggio 2014 vince la FA Cup, grazie alla vittoria sull'Hull City in finale.

La nuova stagione si apre subito con la vittoria dell'Arsenal sul Manchester City per 3-0, aggiudicandosi così la Community Shield, pur non scendendo in campo. Fa il suo esordio in Premier League nella gara contro il Leicester, terminata 1-1, subentrando al posto di Yaya Sanogo. Tuttavia la grande concorrenza in attacco non gli consente di avere molto spazio. Nella partita di Champions League contro l'Anderlecht realizza il gol del decisivo 2-1 nei minuti di recupero. Sempre in Europa si ripete nella partita contro il Galatasaray, con una doppietta.

Il prestito all'Inter[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2015 si trasferisce all'Inter in prestito oneroso.[23][24] Esordisce in Serie A nel giorno dell'Epifania, in occasione del derby d'Italia pareggiato con la Juventus (1-1).[25] Il semestre in nerazzurro si rivela alquanto deludente per la punta[26][27], che realizza un solo gol.[28]

Lo stesso giocatore, una volta concluso il prestito, definirà sottotono l'esperienza.[29]

Galatasaray[modifica | modifica wikitesto]

Terminata la parentesi a Milano, il tedesco passa ai turchi del Galatasaray.[30][31] All'esordio con la nuova squadra, vince la Supercoppa di Turchia.[32] È poi decisivo, al termine della stagione, per la vittoria in coppa nazionale segnando una rete al Fenerbahçe.[33] Replicato il successo in Supercoppa[34], il 24 gennaio 2017 diviene il primo calciatore nella storia del club a realizzare 5 gol in una sola gara: la circostanza è la sfida con l'Erzicanspor, battuto per 6-2 in coppa.[35]

Vissel Kobe[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 2017 firma per i giapponesi del Vissel Kobe, come già annunciato in precedenza da lui stesso.[36] Debutta il 29 luglio, realizzando una doppietta nella vittoria contro l'Omiya Ardija.[37][38][39]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nazionale minore[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2002 viene convocato per disputare il Campionato europeo di calcio Under-17. Esordisce il 28 aprile 2002 nella partita pareggiata 1 a 1 contro la Georgia U-17.[40] Va a segno nella terza giornata del girone il 2 maggio contro la Polonia U-17 al 76', la partita viene vinta dalla Germania per 1-0.[41] Dopo essersi qualificato ai quarti di finale perde ai rigori contro la Francia U-17 il 5 maggio dopo l'1-1 ai tempi supplementari.[42]

Nel 2004 partecipa all'Europeo Under-21 dove esordisce il 28 maggio a Magonza contro la Svizzera Under-21 finita 2-1 per la Germania.[43] Il 2 giugno la Germania viene eliminata dal Portogallo dopo la sconfitta per 2 a 1 all'ultima giornata del girone B.[44]

Nazionale maggiore[modifica | modifica wikitesto]

2004-2006: dagli esordi al Mondiale tedesco[modifica | modifica wikitesto]

Ha esordito in Nazionala appena diciannovenne, nell'amichevole persa dai tedeschi contro l'Ungheria (0-2) il 6 giugno 2004.[45] Subito dopo, ha preso parte agli Europei: l'unica presenza è stata contro la Repubblica Ceca, nella gara che ha sancito l'eliminazione della Germania dal torneo.[46] Il 21 dicembre successivo, ha segnato i primi gol internazionali nella vittoria (per 5-1) contro la Thailandia.[47] Ad un anno dal debutto, partecipa alla Confederations Cup segnando una rete nel 4-3 contro l'Australia.[48] Va in gol anche nella semifinale persa 3-2 contro il Brasile[49], nonché nella finale di consolazione contro il Messico: il 4-3 maturato dopo i supplementari vale il terzo posto ai tedeschi.[50]

In occasione dell'amichevole contro il Sudafrica del 7 settembre 2005, realizza la sua prima tripletta in Nazionale: la gara finisce per 4-2 in favore della sua squadra.[51] I Mondiali 2006 vedono la Germania bissare il terzo posto della Confederations Cup, con Podolski autore di 3 gol: l'attaccante va a bersaglio contro l'Ecuador nella fase a gironi[52], mettendo poi a segno la doppietta decisiva con la Svezia negli ottavi di finale.[53] Al termine della manifestazione, viene eletto miglior giovane della stessa.[54]

Europei 2008[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 settembre 2006, mette a referto una quaterna nel 13-0 con cui la Germania batte San Marino.[55] Viene poi convocato per l'Europeo 2008.[56] Risulta decisivo già all'esordio con una doppietta alla Polonia, squadra del suo paese d'origine[57]: proprio le sue radici polacche sono state ricondotte, dai più, alla mancata esultanza.[58] Segna anche nel secondo incontro, che vede i tedeschi perdere di misura (2-1) con la Croazia.[59] Il torneo si conclude per lui con un altro piazzamento sul podio, poiché la Germania è battuta in finale della Spagna (1-0).[60]

Mondiali 2010[modifica | modifica wikitesto]

Özil e Podolski esultano dopo un gol ai Mondiali sudafricani.

Nel suo secondo Mondiale, disputato all'età di 25 anni, bagna l'esordio con un gol all'Australia (vittoria per 4-0).[61] Appone la propria firma anche nel 4-1 rifilato all'Inghilterra, nell'ottavo di finale.[62] In Sudafrica conquista un'ulteriore medaglia di bronzo, con la squadra che sale sul gradino più basso del podio anche in quest'edizione del Mondiale.[63]

Europei 2012[modifica | modifica wikitesto]

Podolski durante Germania-Portogallo, gara valida per la fase a gironi dell'Europeo in Polonia e Ucraina.

Presente anche agli Europei 2012[64], segna l'unica rete nella sfida vinta 2-1 con la Danimarca[65]: l'incontro, giocato il 17 giugno, coincide con la sua centesima apparizione in Nazionale.[65] La formazione consegue ancora un terzo posto, arrendensosi all'Italia in semifinale e chiudendo l'Europeo a pari merito con il Portogallo.[66]

2014-2017: dalla vittoria del Mondiale all'addio[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 maggio 2013, in una partita amichevole con l'Ecuador vinta per 4-2, realizza due reti[67]: la prima, segnata dopo 6 secondi di gioco, è la più veloce nella storia della Nazionale tedesca.[3][2] Partecipa, in seguito, al Mondiale 2014 riportando 2 presenze nella fase a gironi: il torneo viene vinto proprio dai tedeschi, che nella finale hanno ragione dell'Argentina.[68]

Nel 2016, trentunenne, prende parte all'Europeo francese dopo il quale annuncia il suo addio alla Nazionale.[69][70] L'ultima gara disputata con la Maanschaft è l'amichevole del 22 marzo 2017 contro l'Inghilterra, in cui veste per l'unica volta la fascia di capitano e segna il gol della vittoria.[71]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 31 dicembre 2017.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2003-2004 Germania Colonia BL 19 10 CG 1 0 - - - - - - 20 10
2004-2005 2L 30 24 CG 2 5 - - - - - - 32 29
2005-2006 BL 32 12 CG 1 0 - - - - - - 33 12
2006-2007 Germania Bayern Monaco BL 22 4 CG 3 2 UCL 7 1 CdL 2 0 34 7
2007-2008 BL 25 5 CG 4 0 CU 12 5 CdL 0 0 41 10
2008-2009 BL 24 6 CG 3 1 UCL 4 2 - - - 31 9
Totale Bayern Monaco 71 15 10 3 23 8 2 0 106 26
2009-2010 Germania Colonia BL 27 2 CG 4 1 - - - - - - 31 3
2010-2011 BL 32 13 CG 2 1 - - - - - - 34 14
2011-2012 BL 29 18 CG 2 0 - - - - - - 31 18
Totale Colonia 169 79 12 7 - - - - 181 86
2012-2013 Inghilterra Arsenal PL 33 11 FACup+CdL 2+1 1+0 UCL 6 4 - - - 42 16
2013-2014 PL 20 8 FACup+CdL 4+0 3 UCL 3[72] 1[73] - - - 27 12
2014-gen. 2015 PL 7 0 FACup+CdL 0+1 0 UCL 5 3 CS 0 0 13 3
Totale Arsenal 60 19 8 4 14 8 0 0 82 31
gen.-giu. 2015 Italia Inter A 17 1 CI 1 0 UEL[74] - - - - - 18 1
2015-2016 Turchia Galatasaray SL 30 13 TK 4 2 UCL+UEL 6+2 2+0 ST 1 0 43 17
2016-2017 SL 26 7 TK 5 10 - - - ST 1 0 32 17
Totale Galatasaray 56 20 9 12 8 2 2 0 75 34
2017 Giappone Vissel Kobe J1 14 5 CI+CdL 1+2 0 - - - - - - 17 5
2018 J1 11 3 CI+CdL 0+1 2 - - - - - - 12 5
Totale carriera 398 142 44 28 45 18 4 0 491 188

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Germania
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
6-62004 Kaiserslautern Germania Germania 0 – 2 Ungheria Ungheria Amichevole -
23-6-2004 Lisbona Germania Germania 1 – 2 Rep. Ceca Rep. Ceca Euro 2004 - 1º turno -
18-8-2004 Vienna Austria Austria 1 – 3 Germania Germania Amichevole -
8-9-2004 Berlino Germania Germania 1 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
9-10-2004 Teheran Iran Iran 0 – 2 Germania Germania Amichevole -
16-12-2004 Yokohama Giappone Giappone 0 – 3 Germania Germania Amichevole -
19-12-2004 Pusan Corea del Sud Corea del Sud 3 – 1 Germania Germania Amichevole -
21-12-2004 Bangkok Thailandia Thailandia 1 – 5 Germania Germania Amichevole 2
26-3-2005 Celje Slovenia Slovenia 0 – 1 Germania Germania Amichevole 1
4-6-2005 Belfast Irlanda del Nord Irlanda del Nord 1 – 4 Germania Germania Amichevole 1
8-6-2005 Mönchengladbach Germania Germania 2 – 2 Russia Russia Amichevole -
15-6-2005 Francoforte sul Meno Germania Germania 4 – 3 Australia Australia Conf. Cup 2005 - 1º turno 1
18-6-2005 Colonia Tunisia Tunisia 0 – 3 Germania Germania Conf. Cup 2005 - 1º turno -
25-6-2005 Norimberga Germania Germania 2 – 3 Brasile Brasile Conf. Cup 2005 - Semifinale 1
29-6-2005 Lipsia Germania Germania 4 – 3 dts Messico Messico Conf. Cup 2005 - Finale 3º posto 1
3-9-2005 Bratislava Slovacchia Slovacchia 2 – 0 Germania Germania Amichevole -
7-9-2005 Brema Germania Germania 4 – 2 Sudafrica Sudafrica Amichevole 3
8-10-2005 Istanbul Turchia Turchia 2 – 1 Germania Germania Amichevole -
12-10-2005 Amburgo Germania Germania 1 – 0 Cina Cina Amichevole -
12-11-2005 Parigi Francia Francia 0 – 0 Germania Germania Amichevole -
1-3-2006 Firenze Italia Italia 4 – 1 Germania Germania Amichevole -
22-3-2006 Dortmund Germania Germania 4 – 1 Stati Uniti Stati Uniti Amichevole -
27-5-2006 Friburgo in Brisgovia Germania Germania 7 – 0 Lussemburgo Lussemburgo Amichevole 2
30-5-2006 Leverkusen Germania Germania 2 – 2 Giappone Giappone Amichevole -
2-6-2006 Mönchengladbach Germania Germania 3 – 0 Colombia Colombia Amichevole -
9-6-2006 Monaco di Baviera Germania Germania 4 – 2 Costa Rica Costa Rica Mondiali 2006 - 1º turno -
14-6-2006 Dortmund Germania Germania 1 – 0 Polonia Polonia Mondiali 2006 - 1º turno -
20-6-2006 Berlino Ecuador Ecuador 0 – 3 Germania Germania Mondiali 2006 - 1º turno 1
24-6-2006 Gelsenkirchen Germania Germania 2 – 0 Svezia Svezia Mondiali 2006 - Ottavi 2
30-6-2006 Berlino Germania Germania 1 – 1 dts
(4–2 dcr)
Argentina Argentina Mondiali 2006 - Quarti -
4-7-2006 Dortmund Germania Germania 0 – 2 dts Italia Italia Mondiali 2006 - Semifinale -
8-7-2006 Stoccarda Germania Germania 3 – 1 Portogallo Portogallo Mondiali 2006 - Finale 3º posto -
16-8-2006 Monaco di Baviera Germania Germania 3 – 0 Svezia Svezia Amichevole -
2-9-2006 Stoccarda Germania Germania 1 – 0 Irlanda Irlanda Qual. Euro 2008 1
6-9-2006 Serravalle San Marino San Marino 0 – 13 Germania Germania Qual. Euro 2008 4
7-102006 Rostock Germania Germania 2 – 0 Georgia Georgia Amichevole -
11-10-2006 Bratislava Slovacchia Slovacchia 1 – 4 Germania Germania Qual. Euro 2008 2
24-3-2007 Praga Rep. Ceca Rep. Ceca 1 – 2 Germania Germania Qual. Euro 2008 -
8-9-2007 Cardiff Galles Galles 0 – 2 Germania Germania Qual. Euro 2008 -
12-9-2007 Colonia Germania Germania 3 – 1 Romania Romania Amichevole 1
13-10-2007 Dublino Irlanda Irlanda 0 – 0 Germania Germania Qual. Euro 2008 -
17-10-2007 Monaco di Baviera Germania Germania 0 – 3 Rep. Ceca Rep. Ceca Qual. Euro 2008 -
17-11-2007 Hannover Germania Germania 4 – 0 Cipro Cipro Qual. Euro 2008 1
21-11-2007 Francoforte sul Meno Germania Germania 0 – 0 Galles Galles Qual. Euro 2008 -
6-2-2008 Vienna Austria Austria 0 – 3 Germania Germania Amichevole -
26-3-2008 Basilea Svizzera Svizzera 0 – 4 Germania Germania Amichevole 1
27-5-2008 Kaiserslautern Germania Germania 2 – 2 Bielorussia Bielorussia Amichevole -
31-5-2008 Gelsenkirchen Germania Germania 2 – 1 Serbia Serbia Amichevole -
8-6-2008 Klagenfurt Germania Germania 2 – 0 Polonia Polonia Euro 2008 - 1º turno 2
12-6-2008 Klagenfurt Croazia Croazia 2 – 1 Germania Germania Euro 2008 - 1º turno 1
16-6-2008 Vienna Austria Austria 0 – 1 Germania Germania Euro 2008 - 1º turno -
19-6-2008 Basilea Portogallo Portogallo 2 – 3 Germania Germania Euro 2008 - Quarti -
25-6-2008 Basilea Germania Germania 3 – 2 Turchia Turchia Euro 2008 - Semifinale -
29-6-2008 Vienna Germania Germania 0 – 1 Spagna Spagna Euro 2008 - Finale - Secondo posto
20-8-2008 Norimberga Germania Germania 2 – 0 Belgio Belgio Amichevole -
6-9-2008 Vaduz Liechtenstein Liechtenstein 0 – 6 Germania Germania Qual. Mondiali 2010 2
10-9-2008 Helsinki Finlandia Finlandia 3 – 3 Germania Germania Qual. Mondiali 2010 -
11-10-2008 Dortmund Germania Germania 2 – 1 Russia Russia Qual. Mondiali 2010 1
15-10-2008 Mönchengladbach Germania Germania 1 – 0 Galles Galles Qual. Mondiali 2010 -
19-11-2008 Berlino Germania Germania 1 – 2 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
28-3-2009 Lipsia Germania Germania 4 – 0 Liechtenstein Liechtenstein Qual. Mondiali 2010 1
2-4-2009 Cardiff Galles Galles 0 – 2 Germania Germania Qual. Mondiali 2010 -
29-5-2009 Shanghai Cina Cina 1 – 1 Germania Germania Amichevole 1
2-6-2009 Dubai Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti 2 – 7 Germania Germania Amichevole -
5-9-2009 Leverkusen Germania Germania 2 – 0 Sudafrica Sudafrica Amichevole -
9-9-2009 Hannover Germania Germania 4 – 0 Azerbaigian Azerbaigian Qual. Mondiali 2010 1
10-10-2009 Mosca Russia Russia 0 – 1 Germania Germania Qual. Mondiali 2010 -
14-10-2009 Amburgo Germania Germania 1 – 1 Finlandia Finlandia Qual. Mondiali 2010 1
18-11-2009 Gelsenkirchen Germania Germania 2 – 2 Costa d'Avorio Costa d'Avorio Amichevole 2
3-3-2010 Monaco di Baviera Germania Germania 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole -
13-5-2010 Aquisgrana Germania Germania 3 – 0 Malta Malta Amichevole -
29-5-2010 Budapest Ungheria Ungheria 0 – 3 Germania Germania Amichevole 1
3-6-2010 Francoforte sul Meno Germania Germania 3 – 1 Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Amichevole -
13-6-2010 Durban Germania Germania 4 – 0 Australia Australia Mondiali 2010 - 1º turno 1
18-6-2010 Port Elizabeth Germania Germania 0 – 1 Serbia Serbia Mondiali 2010 - 1º turno -
23-6-2010 Johannesburg Ghana Ghana 0 – 1 Germania Germania Mondiali 2010 - 1º turno -
27-6-2010 Bloemfontein Germania Germania 4 – 1 Inghilterra Inghilterra Mondiali 2010 - Ottavi 1
3-7-2010 Città del Capo Argentina Argentina 0 – 4 Germania Germania Mondiali 2010 - Quarti -
7-7-2010 Durban Germania Germania 0 – 1 Spagna Spagna Mondiali 2010 - Semifinale -
3-9-2010 Bruxelles Belgio Belgio 0 – 1 Germania Germania Qual. Euro 2012 -
7-9-2010 Colonia Germania Germania 7 – 1 Azerbaigian Azerbaigian Qual. Euro 2012 1
8-10-2010 Berlino Germania Germania 3 – 0 Turchia Turchia Qual. Euro 2012 -
12-10-2010 Astana Kazakistan Kazakistan 0 – 3 Germania Germania Qual. Euro 2012 1
9-2-2011 Dortmund Germania Germania 1 – 1 Italia Italia Amichevole -
26-3-2011 Kaiserslautern Germania Germania 4 – 0 Kazakistan Kazakistan Qual. Euro 2012 -
29-3-2011 Mönchengladbach Germania Germania 1 – 2 Australia Australia Amichevole -
29-5-2011 Hoffenheim Germania Germania 2 – 1 Uruguay Uruguay Amichevole -
3-6-2011 Vienna Austria Austria 1 – 2 Germania Germania Qual. Euro 2012 -
7-6-2011 Baku Azerbaigian Azerbaigian 1 – 3 Germania Germania Qual. Euro 2012 -
10-8-2011 Stoccarda Germania Germania 3 – 2 Brasile Brasile Amichevole -
2-9-2011 Gelsenkirchen Germania Germania 6 – 2 Austria Austria Qual. Euro 2012 1
6-9-2011 Danzica Polonia Polonia 2 – 2 Germania Germania Amichevole -
7-10-2011 Istanbul Turchia Turchia 1 – 3 Germania Germania Qual. Euro 2012 -
11-11-2011 Kiev Ucraina Ucraina 3 – 3 Germania Germania Amichevole -
15-11-2011 Amburgo Germania Germania 3 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
26-5-2012 Basilea Svizzera Svizzera 5 – 3 Germania Germania Amichevole -
31-5-2012 Lipsia Germania Germania 2 – 0 Israele Israele Amichevole -
9-6-2012 Leopoli Germania Germania 1 – 0 Portogallo Portogallo Euro 2012 - 1º turno -
13-6-2012 Charkiv Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 2 Germania Germania Euro 2012 - 1º turno -
17-6-2012 Leopoli Danimarca Danimarca 1 – 2 Germania Germania Euro 2012 - 1º turno 1
28-6-2012 Varsavia Germania Germania 1 – 2 Italia Italia Euro 2012 - Semifinali -
7-9-2012 Hannover Germania Germania 3 – 0 Fær Øer Fær Øer Qual. Mondiali 2014 -
11-9-2012 Vienna Austria Austria 1 – 2 Germania Germania Qual. Mondiali 2014 -
12-10-2012 Dublino Irlanda Irlanda 1 – 6 Germania Germania Qual. Mondiali 2014 -
16-10-2012 Berlino Germania Germania 4 – 4 Svezia Svezia Qual. Mondiali 2014 -
14-11-2012 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 0 Germania Germania Amichevole -
6-2-2013 Parigi Francia Francia 1 – 2 Germania Germania Amichevole -
22-3-2013 Astana Kazakistan Kazakistan 0 – 3 Germania Germania Qual. Mondiali 2014 -
29-5-2013 Boca Raton Ecuador Ecuador 2 – 4 Germania Germania Amichevole 2
2-6-2013 Washington Stati Uniti Stati Uniti 4 – 3 Germania Germania Amichevole -
14-8-2013 Kaiserslautern Germania Germania 3 – 3 Paraguay Paraguay Amichevole -
5-3-2014 Stoccarda Germania Germania 1 – 0 Cile Cile Amichevole -
1-6-2014 Mönchengladbach Germania Germania 2 – 2 Camerun Camerun Amichevole -
6-6-2014 Magonza Germania Germania 6 – 1 Armenia Armenia Amichevole 1
16-6-2014 Salvador de Bahia Germania Germania 4 – 0 Portogallo Portogallo Mondiali 2014 - 1º Turno -
26-6-2014 Recife Stati Uniti Stati Uniti 0 – 1 Germania Germania Mondiali 2014 - 1º turno -
3-9-2014 Düsseldorf Germania Germania 2 – 4 Argentina Argentina Amichevole -
7-9-2014 Dortmund Germania Germania 2 – 1 Scozia Scozia Qual. Euro 2016 -
11-10-2014 Varsavia Polonia Polonia 2 – 0 Germania Germania Qual. Euro 2016 -
14-10-2014 Gelsenkirchen Germania Germania 1 – 1 Irlanda Irlanda Qual. Euro 2016 -
14-11-2014 Norimberga Germania Germania 4 – 0 Gibilterra Gibilterra Qual. Euro 2016 -
25-3-2015 Kaiserslautern Germania Germania 2 – 2 Australia Australia Amichevole 1
29-3-2015 Tbilisi Georgia Georgia 0 – 2 Germania Germania Qual. Euro 2016 -
10-6-2015 Colonia Germania Germania 1 – 2 Stati Uniti Stati Uniti Amichevole -
13-6-2015 Faro Gibilterra Gibilterra 0 – 7 Germania Germania Qual. Euro 2016 -
4-9-2015 Francoforte sul Meno Germania Germania 3 – 1 Polonia Polonia Qual. Euro 2016 -
26-3-2016 Berlino Germania Germania 2 – 3 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
4-6-2016 Gelsenkirchen Germania Germania 2 – 0 Ungheria Ungheria Amichevole -
27-6-2016 Lilla Germania Germania 3 – 0 Slovacchia Slovacchia Euro 2016 - Ottavi -
22-3-2017 Dortmund Germania Germania 1 – 0 Inghilterra Inghilterra Amichevole 1
Totale Presenze (3º posto) 130 Reti (3º posto) 49

Record[modifica | modifica wikitesto]

Con i club[modifica | modifica wikitesto]

  • Uno dei pochi giocatori ad aver segnato una cinquina con la maglia del Galatasaray.[35]

Con la nazionale tedesca[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Bayern Monaco: 2007-2008
Bayern Monaco: 2007-2008
Bayern Monaco: 2007
Arsenal: 2013-2014
Arsenal: 2014
Galatasaray: 2015, 2016
Galatasaray: 2015-2016

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Brasile 2014

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2006
Austria-Svizzera 2008
Austria-Svizzera 2008 (3 gol)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Eingebürgerte Spieler in der deutschen Nationalmannschaft dal sito Diversity-boell.de[collegamento interrotto]
  2. ^ a b c (ES) Podolski le anotó a Ecuador uno de los goles más rápidos de la historia, su eluniverso.com, 29 maggio 2013.
  3. ^ a b c (EN) Lukas Podolski Goal: Germany Forward Scores Nine Seconds Into Ecuador Friendly (VIDEO), su huffingtonpost.com, 30 maggio 2013.
  4. ^ (DE) Poldi im Glück - "Mein kleiner Louis soll noch Geschwitser bekommen", su tz-online.de, 22 giugno 2008. URL consultato il 2 novembre 2009.
  5. ^ (DE) [1]
  6. ^ (DE) [2]
  7. ^ „Ice Cream United“ im Test So schmeckt das Eis von Prinz Poldi ksta.de
  8. ^ Podolski, non solo calcio: si dà alla cucina. L’ex Inter apre un kebab a Colonia fcinter1908.it
  9. ^ Riccardo Fusato, Età e duttilità tattica: l'Inter piomba su Podolski, su fcinter1908.it, 4 marzo 2014.
  10. ^ a b Matteo Dalla Vite, Inter, Mancini alla Houdini con il 4-2-3-1. È Podolski l'uomo chiave, su gazzetta.it, 12 maggio 2015.
  11. ^ Colonia-Dusseldorf 5-0, transfermarkt.it, 14-09-03. URL consultato il 18-06-12.
  12. ^ Bielefeld-Colonia 1-5, transfermarkt.it, 11-10-03. URL consultato il 18-06-12.
  13. ^ Hansa-Colonia 1-1, transfermarkt.it, 13-12-03. URL consultato il 18-06-12.
  14. ^ Colonia-Francoforte 2 a 0 gol di Podolski primo in stagione, transfermarkt.it, 30-08-04. URL consultato il 18-06-12.
  15. ^ Vittoria del Colonia sul Borussia M. per 2 a 1 - A segno Podolski, transfermarkt.it, 17-09-05. URL consultato il 19-06-12.
  16. ^ Podolski ab Sommer beim FC, in www.fc-koeln.de, 19 gennaio 2009. URL consultato il 25 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2010).
  17. ^ Pierfrancesco Archetti, Doppietta di Podolski, il Colonia risale Oggi Bayern e Borussia Dortmund, in La Gazzetta dello Sport, 11 dicembre 2011.
  18. ^ Squad numbers updated for start of season | News Archive | News | Arsenal.com Archiviato il 20 agosto 2012 in Internet Archive.
  19. ^ Arsenal-Liverpool 2-0 Archiviato il 6 settembre 2012 in Internet Archive.
  20. ^ Premier, volano Arsenal e United, tgcom24.it, 15-09-12. URL consultato il 13-10-12.
  21. ^ Arsenal rimonta vincente, gazzetta.it, 18-09-12. URL consultato il 13-10-12.
  22. ^ L'Arsenal fa fuori l'Olympiacos. Il Montpellier beffa lo Schalke, gazzetta.it, 03-10-12. URL consultato il 13-10-12.
  23. ^ Matteo Brega, Podolski, che folla a Milano: "Sono felice, forza Inter", su gazzetta.it, 2 gennaio 2015.
  24. ^ Inter, primo giorno di Podolski: pronto per la Juventus. Ora Shaqiri, su repubblica.it, 3 gennaio 2015.
  25. ^ Tiziana Cairati, Inter, Podolski: "Mancini decisivo, possiamo arrivare in Champions", su repubblica.it, 8 gennaio 2015.
  26. ^ Fabio Bianchi, Podolski, palle perse e zero tiri: così l'Inter gioca in dieci, su gazzetta.it, 2 marzo 2015.
  27. ^ (EN) James Orr, Lukas Podolski corner: Has the Arsenal forward taken the worst corner of all time?, su independent.co.uk, 2 marzo 2015.
  28. ^ Luca Taidelli, Udinese-Inter 1-2: primo gol di Podolski, la rincorsa all'Europa League continua, su gazzetta.it, 28 aprile 2015.
  29. ^ Elmar Bergonzini, Podolski: "Inter, che errore. La Premier è più adatta a me", su gazzetta.it, 24 giugno 2015.
  30. ^ Elmar Bergonzini, L'ex interista Podolski dall'Arsenal al Galatasaray: 4 milioni di euro, su gazzetta.it, 2 luglio 2015.
  31. ^ (EN) Lukas Podolski: Arsenal striker signs for Galatasaray, su bbc.com, 4 luglio 2015.
  32. ^ (TR) Türkiye Süper Kupası 2015, su mackolik.com, 8 agosto 2015.
  33. ^ Daniele Mari, VIDEO / Coppa di Turchia, Galatasaray campione: decide questo gol di Lukas Podolski, su fcinter1908.it, 26 maggio 2016.
  34. ^ (ES) Muslera campeón por penales: no le anotaron ninguno y festejó bailando, su ovaciondigital.com.uy, 13 agosto 2016.
  35. ^ a b (TR) Hürriyet Haber, Podolski 5 gol attı efsaneler arasına girdi, su hurriyet.com.tr, 25 gennaio 2017.
  36. ^ Calcio: Podolski in Giappone, a giugno passerà al Vissel Kobe, su sport.repubblica.it. URL consultato il 23 marzo 2018.
  37. ^ (EN) Tom Webber, Podolski's debut double earns Vissel Kobe victory, su goal.com, 29 luglio 2017.
  38. ^ (EN) Podolski scores twice in J-League debut as Kobe beats Omiya, su eu.usatoday.com, 29 luglio 2017.
  39. ^ (EN) PODOLSKI MAKES SPECTACULAR J.LEAGUE DEBUT WITH VISSEL KOBE, su rakuten.today, 30 luglio 2017.
  40. ^ Germany 1 - 1 Georgia[collegamento interrotto], uefa.com, 28-04-02. URL consultato il 19-06-12.
  41. ^ Germania 1 - 0 Polonia[collegamento interrotto], uefa.com, 2 maggio 02. URL consultato il 19-06-12.
  42. ^ Germania - Francia 1 a 1. Germania eliminata ai rigori[collegamento interrotto], uefa.com, 5 maggio 02. URL consultato il 19-06-12.
  43. ^ Germania vince la prima 2 a 1 contro la Svizzera[collegamento interrotto], uefa.com, 28 maggio 12. URL consultato il 19-06-12.
  44. ^ uefa.com, 02-06-04, http://it.archive.uefa.com/competitions/under21/history/season=2004/round=1608/match=74217/index.html. URL consultato il 19-06-12.
  45. ^ (EN) Hungary shock Germany, su news.bbc.co.uk, 6 giugno 2004.
  46. ^ Le riserve della Repubblica Ceca mandano a casa la Germania, su repubblica.it, 23 giugno 2004.
  47. ^ Cinquina tedesca Thailandia battuta, in La Gazzetta dello Sport, 22 dicembre 2004.
  48. ^ Pierfrancesco Archetti, La Germania fa 4 gol Ma traballa in difesa, in La Gazzetta dello Sport, 16 giugno 2005.
  49. ^ Benedetto Ferrara, Bravo Adriano, magia del Brasile due gol e un rigore, ciao Germania, in la Repubblica, 26 giugno 2005, p. 54.
  50. ^ Pierfrancesco Archetti, Ballack piega il Messico La Germania si consola, in La Gazzetta dello Sport, 30 giugno 2005.
  51. ^ (DE) Andre Dolle, "Lukas Podolski ist doch ganz normal", su nwzonline.de, 8 settembre 2005.
  52. ^ Corrado Sannucci, Germania a punteggio pieno con Klose esplode la festa, in la Repubblica, 21 giugno 2006, p. 54.
  53. ^ Corrado Sannucci, Klinsmann vola con Podolski i sogni tedeschi diventano realtà, in la Repubblica, 25 giugno 2006, p. 60.
  54. ^ Podolski miglior giovane, su it.eurosport.com, 7 luglio 2006.
  55. ^ S.B., Repubblica Ceca padrona nel derby, in La Gazzetta dello Sport, 7 settembre 2006.
  56. ^ Hildebrand fuori dalla lista tedesca, su it.eurosport.com, 17 maggio 2008.
  57. ^ Andrea Sorrentino, Doppio Podolski e la Germania va vergogna cori nazisti, 140 arresti, in la Repubblica, 9 giugno 2008, p. 49.
  58. ^ Pierfrancesco Archetti, Podolski si divide «Gol per i tedeschi ma cuore polacco», in La Gazzetta dello Sport, 10 giugno 2008.
  59. ^ La bella Croazia sorprende i panzer Srna e Olic mandano ko la Germania, su repubblica.it, 12 giugno 2008.
  60. ^ EUROPEO ALLA SPAGNA! Battuta la Germania 1-0, su gazzetta.it, 29 giugno 2008.
  61. ^ Luigi Panella, Germania super Australia travolta 4-0, su repubblica.it, 13 giugno 2010.
  62. ^ Pierfrancesco Archetti, Ora tutti festeggiano l' ex dilettante Müller, in La Gazzetta dello Sport, 28 giugno 2010.
  63. ^ Elisabetta Esposito, Sul podio sale la Germania Muslera fa piangere l'Uruguay, su gazzetta.it, 10 luglio 2010.
  64. ^ Marco Mancini, Euro 2012, i convocati della Germania, su calciopro.com, 29 maggio 2012.
  65. ^ a b Valerio Clari, La Germania fa tre su tre Tedeschi primi, Danimarca fuori, su gazzetta.it, 17 giugno 2012.
  66. ^ Luigi Garlando, Balotelli show, i tedeschi k.o. L'Italia in finale con la Spagna STRAORDIMARIO!!!, in La Gazzetta dello Sport, 29 giugno 2012.
  67. ^ Alessandro Merchiori, Taccuino, in La Gazzetta dello Sport, 30 maggio 2013.
  68. ^ Jacopo Manfredi, Germania-Argentina 1-0, Goetze regala il titolo mondiale ai tedeschi, su repubblica.it, 13 luglio 2014.
  69. ^ Podolski dice addio alla nazionale tedesca, su corrieredellosport.it, 15 agosto 2016.
  70. ^ (DE) Podolski tritt aus Nationalmannschaft zurück, su dfb.de, 15 agosto 2016.
  71. ^ Amichevoli, Podolski decisivo nella gara d'addio alla Germania: Inghilterra ko 1-0, su repubblica.it, 22 marzo 2017.
  72. ^ 2 presenze nei play-off.
  73. ^ 1 rete nei play-off.
  74. ^ Non inseribile nella lista UEFA, essendo già sceso in campo con un altro club nel corso della stagione.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN25744852 · ISNI (EN0000 0000 2079 4267 · LCCN (ENno2015094310 · GND (DE131730800