Ricardo Álvarez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Ricardo Gabriel Álvarez)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altre persone con lo stesso nome, vedi Ricardo Álvarez (disambigua).
Ricardo Álvarez
Ricardo Gabriel Álvarez 2011.jpg
Álvarez con la maglia dell'Inter nel 2011.
Nome Ricardo Gabriel Alvàrez
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 188[1] cm
Peso 84 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista, ala
Squadra Sampdoria
Carriera
Giovanili
2005-2006 Boca Juniors
2006-2008 Vélez Sarsfield
Squadre di club1
2007-2011 Vélez Sarsfield 42 (5)
2011-2014 Inter 73 (11)
2014-2015 Sunderland 13 (0)
2016- Sampdoria 39 (4)
Nazionale
2011-2014 Argentina Argentina 9 (1)
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Argento Brasile 2014
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 23 settembre 2017

Ricardo Gabriel Álvarez, noto semplicemente come Ricky Álvarez (Buenos Aires, 12 aprile 1988), è un calciatore argentino, con passaporto italiano, centrocampista o ala della Sampdoria.

Nel 2014 è stato vice-campione del mondo con la nazionale argentina.

È soprannominato Ricky Maravilla dai suoi tifosi[2].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Trequartista mancino, può essere impiegato anche come mezzala in un 4-3-3 o in altri ruoli del centrocampo. Per le sue caratteristiche tecniche è stato accostato a Kaká ma lui ha indicato come suo modello Zinédine Zidane.[3] Nei primi tempi all'Inter è stato impiegato anche come interno di centrocampo ed esterno d'attacco.[4] Successivamente cambia posizione, venendo spostato sulla fascia destra dove ha più possibilità per crossare e concludere a rete.[5]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Boca e Vélez Sársfield[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nelle giovanili del Ceballito Juniors prima e del Club Parque di Buenos Aires dopo, nel 2005 viene tesserato dal Boca Juniors, che lo scarta per questioni di struttura fisica,[5] e poi dal Vélez Sársfield,[6] con il quale fa il suo esordio in Primera División l'8 giugno 2008 nello 0-0 contro l'Independiente, subentrando al 73' a Víctor Zapata. Poco dopo il suo debutto si procura la rottura del legamento crociato del ginocchio[7]. Torna in tempo per vincere con il Velez l'Apertura 2009 nell'ultima partita vinta fuori casa per 1-0 contro il Gimnasia Jujuy[8].

Il primo gol con la maglia dei biancoazzurri lo segna allo Stadio Monumental contro il River Plate il 1º maggio 2010[9]. In totale gioca 11 partite e segna un gol nel Campionato di calcio argentino 2009-2010[10].

La Stagione seguente scende in campo in altre 29 gare del Campionato Argentino e 11 volte tra Coppa Libertadores 2011 e Copa Sudamericana 2011, segnando in totale 5 gol (4 in Primera Division contro Lanús, Arsenal de Sarandí, Olimpo e Tigre e uno in Copa Sudamericana contro l'LDU Quito).

Inter[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 luglio 2011 viene ceduto all'Inter per 10,5 milioni di euro.[11][12] Esordisce in Supercoppa italiana, nella sconfitta per 2-1 contro il Milan.[13] L'11 settembre debutta in Serie A, in Palermo-Inter (4-3).[14] Segna la prima rete il 22 novembre, contro il Trabzonspor in Champions League.[15] È il Lecce la squadra a cui realizza il primo gol in A, nel recupero della prima giornata di campionato.[16]. Si replica il 25 aprile seguente nella vittoria in trasferta contro l'Udinese per 3 a 1. Conclude la sua prima stagione in Italia con 29 presenze e 3 gol totali tra Campionato e Champions League.

L'anno seguente disputa ulteriori 30 match di cui 23 in Serie A, nei quali mette a segno 5 gol (di cui uno a testa contro Catania, Napoli e Lazio e due contro l'Atalanta il 7 aprile 2013), 4 gare di Europa League (una rete contro il Tottenham il 14 marzo 2013) e 3 partite di Coppa Italia (1 gol contro la Roma). Nel 2013-2014 milita ancora nel club neroazzurro con il quale gioca 29 gare in A con 4 gol (Catania, Sassuolo, Atalanta e Udinese) e 2 gare di Coppa Italia.

Sunderland[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º settembre 2014 si trasferisce al Sunderland con la formula del prestito oneroso (per 1,5 milioni di euro) con diritto di riscatto fissato a 11 milioni,[17] che diventerà obbligatorio nel caso in cui i Black Cats raggiungano la salvezza nella stagione 2014-2015.[18] Il 13 settembre esordisce con la nuova maglia, nel pareggio per 2-2 contro il Tottenham allo Stadium of Light. Il 3 febbraio 2015 segna il suo primo gol con il Sunderland, nel match di FA Cup vinto per 3-1 sul campo del Fulham. Chiude l'annata con 17 presenze tra campionato e coppe, realizzando un solo gol.

A fine stagione, nonostante la salvezza ottenuta, il Sunderland si rifiuta di riscattare il giocatore e per questo motivo la questione finisce davanti alla FIFA.[19] Dal settembre del 2015 al gennaio del 2016 si è allenato con il Vélez Sarsfield, in attesa che la FIFA risolvesse la disputa tra Inter e Sunderland.[20][21] Il 16 giugno 2017 il TAS dà ragione ai nerazzurri sulla vicenda del mancato riscatto dell'argentino nel 2015; Il Sunderland, nell'estate del 2014, lo acquistò in prestito dalla società nerazzurra con obbligo di riscatto fissato a 10,5 milioni di euro in caso di salvezza. A salvezza ottenuta, però, il Sunderland non aveva versato la cifra fissata per il riscatto ma, dopo ricorsi e sentenze, l'Inter ora avrà la somma concordata nel 2014. [22]

Sampdoria[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 gennaio 2016 firma un contratto di sei mesi con la Sampdoria;[23] il giocatore sceglie di indossare la maglia numero 25. Alcuni problemi burocratici, però, costringono il club genovese a non poterlo convocare per le prime tre partite ufficiali dell'anno. Il 19 gennaio seguente arriva il transfer dall'Inghilterra ed il giocatore diventa a tutti gli effetti un componente dell'organico della Sampdoria. Il 24 gennaio esordisce con la nuova maglia, nella sconfitta per 2-4 contro il Napoli a Marassi, subentrando ad Édgar Barreto al 65º minuto di gioco. Il 3 aprile segna il suo primo gol con i blucerchiati, nella partita pareggiata per 1-1 sul campo della Fiorentina.

Il 24 giugno 2016 la Sampdoria decide di rinnovare il contratto del giocatore fino al 30 giugno 2019.[24] Trova il primo gol stagionale durante la gara casalinga di Coppa Italia vinta per 3-0 contro il Cagliari. Il 24 settembre 2017 trova al 91' il gol del 2-0 interno contro il Milan.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 agosto 2011 riceve la sua prima convocazione in Nazionale maggiore argentina, da parte del ct Alejandro Sabella, per le partite amichevoli contro Venezuela e Nigeria[25]. Debutta il 2 settembre 2011 contro il Venezuela venendo schierato titolare e giocando per un'ora prima di essere sostituito da Javier Pastore.

Il 7 giugno 2014 realizza la sua prima rete con l'Argentina nella partita amichevole giocata a La Plata contro la Slovenia e vinta per 2 a 0 dagli albicelesti.

Nel 2014 prende parte al Campionato mondiale tenutosi in Brasile, che vede l'Argentina arrivare in Finale: Ricky gioca un unico match nella competizione, quello del 25 giugno vinto per 2 a 0 contro la Nigeria.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 4 novembre 2017.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2007-2008 Argentina Vélez Sársfield PD 1 0 - - - - - - - - - 1 0
2008-2009 PD 1 0 - - - - - - - - - 1 0
2009-2010 PD 11 1 - - - CL 1 0 - - - 12 1
2010-2011 PD 29 4 - - - CL+CS 9+2 1+0 - - - 40 5
Totale Vélez Sársfield 42 5 - - 12 1 - - 54 6
2011-2012 Italia Inter A 21 2 CI 2 0 UCL 5 1 SI 1 0 29 3
2012-2013 A 23 5 CI 3 1 UEL 4 1 - - - 30 7
2013-2014 A 29 4 CI 2 0 - - - - - - 31 4
Totale Inter 73 11 7 1 9 2 1 0 90 14
2014-2015 Inghilterra Sunderland PL 13 0 FACup+CdL 3+1 1+0 - - - - - - 17 1
gen.-giu. 2016 Italia Sampdoria A 13 1 CI 0 0 UEL 0 0 - - - 13 1
2016-2017 A 21 2 CI 2 1 - - - - - - 23 3
2017-2018 A 4 1 CI 1 0 - - - - - - 5 1
Totale Sampdoria 38 4 3 1 - - - - 41 5
Totale carriera 166 19 14 3 21 3 1 0 202 26

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Argentina
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
2-9-2011 Calcutta Venezuela Venezuela 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 60’ 60’
6-9-2011 Dacca Argentina Argentina 3 – 1 Nigeria Nigeria Amichevole - Ingresso al 89’ 89’
11-11-2011 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 1 Bolivia Bolivia Qual. Mondiali 2014 - Uscita al 59’ 59’
14-8-2013 Roma Italia Italia 1 – 2 Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 81’ 81’
16-11-2013 East Rutherford Ecuador Ecuador 0 – 0 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 79’ 79’
5-6-2014 Buenos Aires Argentina Argentina 3 – 0 Trinidad e Tobago Trinidad e Tobago Amichevole - Ingresso al 70’ 70’
7-6-2014 La Plata Argentina Argentina 2 – 0 Slovenia Slovenia Amichevole 1 Uscita al 58’ 58’
25-6-2014 Porto Alegre Nigeria Nigeria 2 – 3 Argentina Argentina Mondiali 2014 - 1º turno - Ingresso al 63’ 63’
3-9-2014 Düsseldorf Germania Germania 2 – 4 Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 86’ 86’
Totale Presenze 9 Reti 1

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Vélez Sársfield: Clausura 2009, Clausura 2011

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.inter.it/it/squadra/G0880
  2. ^ Fabrizio Romano, «L'Inter si gode Ricky Maravilla, ma c'è un retroscena», fcinternews.it, 15 luglio 2011. URL consultato il 7 gennaio 2012.
  3. ^ Gazzetta: "All'Inter piace Alvarez, il 'Kakà' del Vélez", in Tuttomercatoweb.com, 26 maggio 2011.
  4. ^ La Gazzetta promuove Alvarez, Obi e Castaignos, Tuttomercatoweb.com, 8 agosto 2011.
  5. ^ a b Alvarez, l'investimento ora paga - Ricky può cambiare l'Inter?, La Gazzetta dello Sport, 23 novembre 2011.
  6. ^ (ES) Martín Manrupe, Talentos de Exportación: Ricky Álvarez, la magia polifuncional que necesita Europa, Goal.com, 15 aprile 2011. URL consultato il 23 maggio 2011.
  7. ^ (ES) Rubén David Oliva, En Vélez siempre se tiene que pelear todo, Diario Infovelez. URL consultato il 10 luglio 2010.
  8. ^ (ES) Ricardo Álvarez 2009 Clausura stats, Fútbol Pasión. URL consultato l'11 luglio 2010.
  9. ^ (ES) Buonanotte volvió al gol y fue el héroe del triunfo de River, in TyC Sports, 30 aprile 2010. URL consultato il 27 giugno 2010.
  10. ^ Closing '10 statistics, Argentine Soccer. URL consultato il 23 maggio 2011.
  11. ^ (ES) La Maravilla se muda a Italia, in velezsarsfield.com.ar, 6 luglio 2011. URL consultato il 6 luglio 2011.
  12. ^ Matteo Della Vite, Inter: colpaccio Alvarez E adesso obiettivo Bologna, La Gazzetta dello Sport, 5 luglio 2011.
  13. ^ Gaetano De Stefano, Ibra-Boateng: Inter a terra Festa Milan in Supercoppa, Gazzetta.it, 6 agosto 2011.
  14. ^ Valerio Clari, Inter, partenza da incubo Il Palermo è super: 4-3, Gazzetta.it, 11 settembre 2011.
  15. ^ Champions: Trabzonspor-Inter 1-1, Gazzetta.it, 22 novembre 2011.
  16. ^ Valerio Clari, Inter, il poker è servito E Milito torna a segnare, Gazzetta.it, 21 dicembre 2011.
  17. ^ (EN) Alvarez completes move Safc.com
  18. ^ Calciomercato - Sunderland salvo: Alvarez frutta 11 milioni all'Inter, Eurosport, 21 maggio 2015
  19. ^ SKY - ALVAREZ, SI VA DAGLI AVVOCATI: IL SUNDERLAND NON VUOLE PAGARE. MA L'INTER...
  20. ^ Ricky Alvarez si allena con il Velez, ma dovrà star fermo sino al 2016
  21. ^ Ultimo doppio dell'anno per la Samp, Alvarez fa capolino al “Mugnaini”
  22. ^ [1]
  23. ^ ALVAREZ È DEI NOSTRI: TESSERATO L'ARGENTINO, AVRÀ IL NUMERO 25
  24. ^ Alvarez ancora con noi: rinnovato il contratto fino al 2019
  25. ^ (ES) afa.org.ar, Lista de convocados para los amistosos ante Venezuela y Nigeria, 18 agosto 2011. URL consultato il 19 agosto 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]