Leonardo Pavoletti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Leonardo Pavoletti
LeoPavo19.png
Pavoletti nel 2016
Nazionalità Italia Italia
Altezza 188[1] cm
Peso 78[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Cagliari
Carriera
Giovanili
non conosciuta Gruppo Sportivo C.N.F.O.
Armando Picchi
Squadre di club1
2005-2008Armando Picchi68 (16)
2008-2009Viareggio26 (6)[2]
2009-2010Pavia28 (9)[3]
2010-2011Juve Stabia7 (0)
2011Casale10 (3)
2011-2012Virtus Lanciano33 (15)[4]
2012-2013Sassuolo33 (11)
2013-2014Varese36 (20)[5]
2014-2015Sassuolo9 (1)
2015-2017Genoa45 (23)
2017Napoli6 (0)
2017-Cagliari15 (4)
Nazionale
2016Italia Italia0 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 17 dicembre 2017

Leonardo Pavoletti (Livorno, 26 novembre 1988) è un calciatore italiano, attaccante del Cagliari.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

È un classico attaccante d'area di rigore, abile soprattutto negli ultimi 11 metri.[6]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizi di carriera e prime squadre[modifica | modifica wikitesto]

Comincia a giocare nelle file del Gruppo Sportivo C.N.F.O. (Cantiere Navale Fratelli Orlando), poi a 14 anni passa all'Armando Picchi. Successivamente indossa le maglie di Viareggio, Pavia, Juve Stabia, mostrando buone capacità realizzative: 16 reti in Serie D e 18 in C2 (ora Lega Pro). In seguito viene acquistato dalla Virtus Lanciano, con la cui maglia si aggiudica il titolo di capocannoniere nella Lega Pro Prima Divisione 2011-2012, contribuendo alla promozione della squadra abruzzese in Serie B.

Sassuolo, Varese e ritorno in neroverde[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate 2012 passa al Sassuolo a titolo definitivo, segnando 5 reti nelle prime 4 presenze nel campionato di Serie B. Coi neroverdi vince il campionato, ottenendo la prima promozione in Serie A della storia del Sassuolo dopo aver giocato 33 incontri in seconda serie. Durante questa stagione subisce una squalifica di 40 giorni[7] per doping, risultando positivo al tuamminoeptano causa l'assunzione di Rinoflumicil, un decongestionante nasale[8].

Il 2 settembre 2013, ultimo giorno di calciomercato, dopo 2 presenze in Serie A passa al Varese in prestito con diritto di riscatto e controriscatto.[9] Esordisce nella prima gara utile di sei giorni dopo, quella vinta per 3-0 in trasferta contro il Latina della terza giornata di campionato, segnando anche la rete che chiude l'incontro.[10] Nella giornata successiva mette a segno invece una doppietta, stavolta ai danni del Pescara nell'incontro vinto per 3-2 dalla squadra lombarda. Conclude la stagione con 38 presenze e 24 goal (quattro dei quali segnati contro il Novara nelle due gare dello spareggio salvezza), risultando determinante per la permanenza in B del club bianco-rosso.

Il 17 giugno 2014 viene riscattato dal Varese per 800.000 euro[11]; tuttavia, due giorni più tardi, il Sassuolo esercita il diritto di controriscatto sul giocatore.[12] Il 13 dicembre seguente segna il suo primo gol in Serie A all'85º minuto di Palermo-Sassuolo 2-1.

Genoa[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 gennaio 2015, insieme al compagno Lorenzo Ariaudo, si trasferisce al Genoa con la formula del prestito con diritto di riscatto.[13] Il 9 febbraio seguente esordisce con la nuova maglia, nella vittoria per 1-0 sul campo della Lazio, subentrando a Mbaye Niang al 71º minuto di gioco. Il 15 aprile segna il suo primo gol con il Genoa, siglando la rete del definitivo 2-0 nella vittoria casalinga contro il Parma. Chiude la stagione in rossoblù con 6 gol in 10 partite disputate, risultando così il primo come media gol (una rete ogni 92 minuti)[14] e contribuendo al sesto posto del Genoa.

Il 7 luglio 2015 viene riscattato dal Genoa per 4 milioni di euro e firma un contratto che lo lega ai Grifoni fino al 2019.[15] Pur saltando alcune partite per problemi fisici e squalifiche,[16] disputa un'ottima stagione sul piano realizzativo, realizzando anche tre reti nei due derby contro la Sampdoria. Conclude l'annata piazzandosi sesto in classifica marcatori con 14 reti segnate in 25 presenze totali, risultando il miglior cannoniere italiano della stagione.[17] Lascia il Genoa a metà dell'annata 2016-2017 – dopo un inizio di stagione condizionato da alcuni infortuni[18] –, chiudendo l'esperienza in maglia rossoblù con 46 presenze e 25 reti complessive.

Napoli[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 gennaio 2017 viene acquistato dal Napoli a titolo definitivo per 18 milioni di euro. Sceglie la maglia numero 32.[19] Il 10 gennaio 2017 esordisce contro lo Spezia nella partita degli ottavi di Coppa Italia subentrando al minuto 81' a Manolo Gabbiadini. L'esperienza napoletana si chiude nell'estate seguente, con 10 presenze tra campionato e coppe e nessuna rete all'attivo.

Cagliari[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 agosto 2017 si trasferisce al Cagliari in prestito con obbligo di riscatto[20] per 10 milioni di euro, divenendo l'acquisto più oneroso nella storia del club rossoblù.[21] Il 10 settembre esordisce con la maglia degli isolani nella prima partita alla Sardegna Arena contro il Crotone vinta 1-0. Il 15 ottobre sigla il suo primo gol con la maglia dei sardi, proprio contro il Genoa, sua ex squadra (i liguri si imporranno comunque per 3-2).

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 maggio 2016 riceve la sua prima convocazione in Nazionale dal C.T. Antonio Conte nello stage di preparazione all'Europeo,[22] non venendo tuttavia confermato tra i 30 preconvocati annunciati una settimana dopo.[23] Il 27 agosto 2016 viene convocato dal nuovo CT Gian Piero Ventura, per le gare ufficiali contro Francia e Israele.[24]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 17 dicembre 2017.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2005-2006 Italia Armando Picchi D 9 0 CI-D 0 0 - - - - - - 9 0
2006-2007 D 29 4 CI-D 1 0 - - - - - - 30 4
2007-2008 D 30 12 CI-D 2 0 - - - - - - 32 12
Totale Armando Picchi 68 16 3 0 - - - - 71 16
2008-2009 Italia Viareggio 2D 28+2 6+0 CI-LP 1 0 - - - - - - 31 6
2009-2010 Italia Pavia 2D 28+2 9+0 CI-LP 2 0 - - - - - - 32 9
2010-gen. 2011 Italia Juve Stabia 1D 7 0 CI+CI-LP 0+3 0 - - - - - - 10 0
gen.-giu. 2011 Italia Casale 2D 10 3 CI-LP - - - - - - - - 10 3
2011-2012 Italia Lanciano 1D 33+3 15+1 CI+CI-LP 0 0 - - - - - - 36 16
2012-2013 Italia Sassuolo B 33 11 CI 3 1 - - - - - - 36 12
set. 2013-2014 Italia Varese B 36+2 20+4 CI 1 0 - - - - - - 39 24
2014-gen. 2015 Italia Sassuolo A 9 1 CI 3 0 - - - - - - 12 1
Totale Sassuolo 42 12 6 1 - - - - 48 13
gen.-giu. 2015 Italia Genoa A 10 6 CI 0 0 - - - - - - 10 6
2015-2016 A 25 14 CI 1 1 - - - - - - 26 15
2016-gen. 2017 A 9 3 CI 1 1 - - - - - - 10 4
Totale Genoa 44 23 2 2 - - - - 46 25
gen.-giu. 2017 Italia Napoli A 6 0 CI 4 0 UCL 0 0 - - - 10 0
2017-2018 Italia Cagliari A 15 4 CI 0 0 - - - - - - 15 4
Totale carriera 315 110 22 3 - - - - 340 113

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Sassuolo: 2012-2013

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Lega Pro Prima Divisione 2011-2012 (15 gol) Girone B

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Leonardo Pavoletti, su sscnapoli.it. URL consultato il 16 maggio 2017.
  2. ^ 28 (6) se si comprendono i Play-off di Lega Pro Seconda Divisione.
  3. ^ 30 (9) se si comprendono i Play-off di Lega Pro Seconda Divisione.
  4. ^ 36 (16) se si comprendono i Play-off di Lega Pro Prima Divisione.
  5. ^ 38 (24) se si comprendono i Play-out di Serie B.
  6. ^ Genoa, Pavoletti killer d'area: tutti i goal segnati negli ultimi 11 metri, su goal.com, 3 maggio 2016. URL consultato il 12 agosto 2016.
  7. ^ Sassuolo a Vercelli senza Pavoletti: squalificato 40 giorni per doping, su ilrestodelcarlino.it, 8 febbraio 2013. URL consultato il 22 dicembre 2013.
  8. ^ Doping, positivo Pavoletti (Sassuolo) Colpa di un farmaco per il raffreddore, su gazzetta.it, 15 gennaio 2013. URL consultato il 22 dicembre 2013.
  9. ^ Mercato: Pavoletti è biancorosso, su varese1910.it.
  10. ^ Latina-Varese 0-3: il sigillo di Pavoletti, su varese1910.it.
  11. ^ Sportitalia - Varese, riscattata la metà di Pavoletti dal Sassuolo, su tuttomercatoweb.com.
  12. ^ UFFICIALE: Sassuolo, torna Pavoletti. Esercitato il contro-riscatto, su tuttomercatoweb.com.
  13. ^ Genoa, ufficiali Ariaudo, Laxalt e Pavoletti, su genoacfc.it, 30 gennaio 2015.
  14. ^ Media minuti-gol segnati: Pavoletti è 1°, poi Zapata e Gabbiadini, su fantagazzetta.com, 1 giugno 2015. URL consultato il 24 giugno 2015.
  15. ^ Pavoletti a titolo definitivo, su genoacfc.it, 7 luglio 2015.
  16. ^ Leonardo Pavoletti - Rendimento per stagione, su transfermarkt.it. URL consultato il 18 aprile 2016.
  17. ^ Campionato di Serie A 2015/16, Pavoletti miglior cannoniere italiano, su genoanews1893.it. URL consultato il 20 giugno 2016.
  18. ^ Filippo Testini, Genoa, infortunio al ginocchio per Pavoletti: in dubbio per la Juventus, su corrieredellosport.it, 20 novembre 2016. URL consultato il 5 dicembre 2016.
  19. ^ Il Napoli ufficializza l'acquisto di Pavoletti, su sscnapoli.it. URL consultato il 03 gennaio 2017.
  20. ^ Pavoletti in rossoblù, 30 agosto 2017.
  21. ^ Cagliari, colpo Pavoletti: al Napoli vanno 10 milioni più bonus, su gazzetta.it, 29 agosto 2017.
  22. ^ Sette volti nuovi per lo stage: da mercoledì Azzurri al lavoro a Coverciano, su figc.it.
  23. ^ Trenta convocati per il raduno pre-Europeo. Da verificare la condizione di Montolivo e Motta, su figc.it.
  24. ^ Per le gare con Francia e Israele prima chiamata per Donnarumma, Romagnoli, Belotti e Pavoletti, su figc.it, 27 agosto 2016. URL consultato il 28 agosto 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]