Diego Laxalt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Diego Laxalt
Nazionalità Uruguay Uruguay Italia Italia
Altezza 178 cm
Peso 66 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Squadra Genoa
Carriera
Giovanili
2003-2012Defensor
Squadre di club1
2012-2013Defensor15 (1)
2013Inter0 (0)
2013-2014Bologna15 (2)
2014-2015Empoli4 (0)
2015-Genoa111 (7)
Nazionale
2013Uruguay Uruguay U-2016 (1)
2016-Uruguay Uruguay7 (0)
Palmarès
Transparent.png Sudamericani di calcio Under-20
Bronzo Argentina 2013
Transparent.png Mondiali di calcio Under-20
Argento Turchia 2013
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate all'8 giugno 2018

Diego Sebastián Laxalt Suárez (Montevideo, 7 febbraio 1993) è un calciatore uruguaiano, centrocampista del Genoa e della Nazionale uruguaiana, di doppia nazionalità con passaporto italiano.[1].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Di sé dice: «I miei punti di forza sono la rapidità e la resistenza. Sono mancino e a centrocampo mi posso adattare in più posizioni».[2]

Nasce mezz'ala sinistra: sotto la guida di Gian Piero Gasperini, suo allenatore al Genoa, si trasferisce stabilmente sulla fascia, dove gioca prevalentemente come tornante a tutto campo ma anche come terzino o addirittura esterno del tridente offensivo.[3] È dotato di un'ottima tecnica di base unita ad un buon dribbling, che lo rendono spesso protagonista nella fase offensiva.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Defensor[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º settembre 2012 esordisce con la maglia del Defensor nella vittoria per 4-0 contro il Montevideo Wanderers. Il 24 febbraio 2013, dopo aver partecipato al Campionato sudamericano di calcio Under-20 2013, torna in campo con la maglia della Violeta nella trasferta contro il Nacional, che proprio grazie al suo gol, all'11', il Defensor batte per 1-0.[4][5] Conclude la sua prima esperienza calcistica con 15 presenze e un gol realizzato.

Inter e i vari prestiti[modifica | modifica wikitesto]

L'Inter lo opziona nel mese di gennaio del 2013, con l'acquisto che si concretizza nella sessione estiva,[6] depositando il contratto il 30 luglio.[7] Il nuovo allenatore dell'Inter, Walter Mazzarri, non lo convoca nel ritiro precampionato,[8] in quanto impegnato con l'Uruguay nel Mondiale Under-20 in Turchia. Viene successivamente convocato per la tournée USA in preparazione al campionato.[9]

Il 21 agosto 2013 si trasferisce in prestito con diritto di riscatto sulla compartecipazione al Bologna, nell'ambito dell'operazione che porta Saphir Taïder in compartecipazione all'Inter.[10] Il 25 settembre 2013 fa il suo esordio alla quinta giornata di campionato contro il Milan realizzando una doppietta che porta i bolognesi sul momentaneo 2-1 partita poi terminata 3-3 grazie alla rimonta degli avversari.[11] A fine stagione, dopo 15 presenze e 2 gol con la maglia del Bologna, fa ritorno all'Inter.

Il 13 agosto 2014 si trasferisce in prestito, con diritto di riscatto e opzione di controriscatto a favore dei nerazzurri, all'Empoli, neopromossa in Serie A.[12] Esordisce il 24 agosto successivo nella vittoria, per 3-0, nel terzo turno di Coppa Italia contro L'Aquila.[13] Gioca la sua prima partita, in Serie A con la maglia degli azzurri, il 9 novembre 2014 in occasione della vittoria casalinga, per 2-1, contro la Lazio. Segna la prima rete, con la maglia dell'Empoli, il 3 dicembre 2014 in occasione del quarto turno di Coppa Italia, vinto per 2-0, contro il Genoa.[14]

Genoa[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 gennaio 2015 conclude il prestito con l'Empoli, con un totale di 7 presenze e 1 rete; successivamente viene ceduto al Genoa, in prestito per 18 mesi a 500.000 euro con diritto di riscatto a favore del Genoa fissato a 2,5 milioni di euro, e diritto di controriscatto a favore dell'Inter.[15] L'esordio, con la maglia rossoblù, arriva il 15 febbraio successivo in occasione della vittoria casalinga, per 5-2, contro il Verona. Conclude la prima stagione con la maglia del Grifone con un bottino di 8 presenze.

Il 28 ottobre 2015 mette a segno le prime due reti in maglia rossoblù in occasione della trasferta pareggiata, per 3-3, contro il Torino. Conclude la sua seconda stagione con la maglia del Genoa con un totale di 36 presenze e 3 reti risultando essere il giocatore più utilizzato nell'arco della stagione. A luglio del 2016 viene riscattato dal club ligure per la cifra di 4 milioni di euro.

Il 26 agosto 2017, alla sua sesta stagione in Italia, disputa la sua centesima partita in Serie A in occasione della sconfitta casalinga per 2-4 contro la Juventus. Il 12 dicembre successivo disputa invece la sua centesima partita con la maglia del Genoa, in occasione della sconfitta casalinga, per 1-2, contro l'Atalanta. Chiude la stagione con 32 presenze e 3 gol.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Giovanile[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce con la maglia della Celeste nel Campionato sudamericano di calcio Under-20 2013 in Argentina: il 10 gennaio scende in campo, per la prima volta, nel pareggio per 3-3 contro il Perù. Due giorni dopo arriva anche la sua prima marcatura nella competizione, segnando al 6' nella partita vinta per 3-2 contro il Brasile. Il 18 gennaio la squadra supera il Girone B qualificandosi per il Girone Finale. Il 3 febbraio conclude la competizione giocando tutte le partite giocate dall'Uruguay e riuscendo a qualificarsi al Campionato mondiale di calcio Under-20 2013 in Turchia e viene inserito nell'undici ideale della manifestazione.[16][17]

Dopo aver contribuito a qualificarsi al Mondiale Under-20, viene inserito nella lista dei convocati per la manifestazione. Esordisce il 23 giugno, da titolare, nella sconfitta per 1-0 contro la Croazia; in questa partita disputa tutti i 90 minuti di gioco.[18] La prima vittoria, nella fase a gironi, arriva durante la partita successiva, poiché l'Uruguay batte la Nuova Zelanda per 2-0: Laxalt viene sostituito all'82' dall'attaccante Gonzalo Bueno.[19] L'Uruguay vince anche l'ultima partita della fase gironi contro l'Uzbekistan, vinta 4-0, partita che permette all'Uruguay di superare il turno come seconda classifica con 6 punti alle spalle della Croazia con 7 punti.[20] Negli ottavi di finale l'Uruguay pesca la Nigeria, che viene sconfitta con il risultato di 2-1: Laxalt gioca fino al 77' quando viene sostituito da Gonzalo Bueno.[21] Il 6 luglio disputa i quarti di finale contro la Spagna, partita vinta con un gol nei tempi supplementari: Laxalt disputa tutti i 120 minuti di gioco e l'Uruguay si qualifica così in semifinale dove affronterà l'Iraq.[22] Il 10 luglio conquista la finale contro la Francia, poiché l'Uruguay riesce a battere l'Iraq ai calci di rigore per un complessivo di 7-6.[23] Il 13 luglio perde la finale ai calci di rigore, ottenendo la medaglia d'argento.[24]

Maggiore[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 marzo 2016 viene convocato dal CT Óscar Tabárez per le partite, valide per la qualificazione al mondiale 2018, contro Brasile e Perù.[25] Il 30 maggio 2016, a causa della rinuncia per infortunio di Cristian Rodríguez, viene inserito nella lista dei convocati per la Copa América Centenario.[26][27] L'esordio in tale competizione però, e quindi con la stessa maglia della Nazionale, non arriva, poiché per scelta tecnica siede in panchina per tutte le partite della fase a gironi prima che i suoi compagni vengano eliminati proprio a questo stadio della competizione. L'esordio arriva il 6 ottobre 2016 in occasione della partita, valida per la qualificazione ai Mondiali 2018, vinta 3-0 contro il Venezuela.

Il 2 giugno 2018 viene selezionato nella lista dei 23 giocatori che parteciperanno al Campionato mondiale di calcio 2018 in Russia[28] e il 20 giugno esordisce contro l'Arabia Saudita entrando nel secondo tempo al posto di Cristian Rodríguez.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 20 maggio 2018.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2012-2013 Uruguay Defensor PD 15 1 - - - CL 0 0 - - - 15 1
2013-2014 Italia Bologna A 15 2 CI 0 0 - - - - - - 15 2
2014-gen. 2015 Italia Empoli A 4 0 CI 3 1 - - - - - - 7 1
gen.-giu. 2015 Italia Genoa A 8 0 CI 0 0 - - - - - - 8 0
2015-2016 A 35 3 CI 1 0 - - - - - - 36 3
2016-2017 A 36 1 CI 3 0 - - - - - - 39 1
2017-2018 A 32 3 CI 2 1 - - - - - - 34 4
Totale Genoa 111 7 6 1 - - - - 117 8
Totale carriera 145 10 9 2 - - - - 154 12

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Uruguay
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
6-10-2016 Montevideo Uruguay Uruguay 3 – 0 Venezuela Venezuela Qual. Mondiali 2018 - Ingresso al 80’ 80’
11-10-2016 Barranquilla Colombia Colombia 2 – 2 Uruguay Uruguay Qual. Mondiali 2018 - Ingresso al 86’ 86’
4-6-2017 Dublino Irlanda Irlanda 3 – 1 Uruguay Uruguay Amichevole - Uscita al 46’ 46’
23-3-2018 Nanning Uruguay Uruguay 2 – 0 Rep. Ceca Rep. Ceca Amichevole -
26-3-2018 Nanning Galles Galles 0 – 1 Uruguay Uruguay Amichevole -
8-6-2018 Montevideo Uruguay Uruguay 3 – 0 Uzbekistan Uzbekistan Amichevole - Ingresso al 59’ 59’
20-6-2018 Rostov sul Don Uruguay Uruguay 1 – 0 Arabia Saudita Arabia Saudita Mondiali 2018 - 1º turno - Ingresso al 59’ 59’
Totale Presenze 7 Reti 0

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://gianlucadimarzio.com/it/inter-laxalt-arriva-a-milano-e-ottiene-il-passaporto-italiano
  2. ^ Laxalt si presenta: «Sono il nuovo Recoba» Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive. corrieredellosport.it
  3. ^ ESCLUSIVA TMW - Roma, occhi su Laxalt: è il 'nuovo Gargano' del Sub-20, Tuttomercatoweb.com, 16-01-13. URL consultato il 30-01-13.
  4. ^ Laxalt punisce il Nacional,il Penarol inciampa ancora contro il Fenix calciosudamericano.it
  5. ^ Laxalt a segno in Uruguay in attesa di vestire di nerazzurro Archiviato il 20 aprile 2013 in Internet Archive. sportevai.it
  6. ^ Inter, colpo Laxalt. Il pres. del Defensor: "Ecco come ci pagheranno" tuttomercatoweb.com
  7. ^ Laxalt ufficiale all'Inter uefa.com
  8. ^ Pinzolo, 31 nerazzurri in partenza per il ritiro estivo inter.it
  9. ^ Tour USA 2013, la lista dei convocati inter.it
  10. ^ Taider all'Inter, Laxalt al Bologna[collegamento interrotto], bolognafc.it, 21-08-13. URL consultato il 21-08-13.
  11. ^ Bologna 3-3 Milan, Legaseriea.it, 25 settembre 2013. URL consultato il 26 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2013).
  12. ^ Preso Laxalt, empolicalcio.net, 13 agosto 2014. URL consultato il 13 agosto 2014.
  13. ^ Empoli-L´Aquila 3-0, empolicalcio.net, 24 agosto 2014. URL consultato il 25 agosto 2014.
  14. ^ LAXALT EN COPA ITALIA, tenfield.com.uy, 3 dicembre 2014. URL consultato il 4 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 17 gennaio 2015).
  15. ^ UFFICIALI: ARIAUDO, LAXALT, PAVOLETTI, genoacfc.it, 30 gennaio 2015. URL consultato il 31 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2015).
  16. ^ Colombia campione nel Sudamericano Sub 20: scopriamo la top 11 del torneo, Calcioblog.it, 04-02-13. URL consultato il 05-02-13.
  17. ^ Nella top 11 del Sudamericano Sub-20 c'è Laxalt!, Fcinternews.it, 03-02-13. URL consultato il 05-02-13.
  18. ^ Uruguay 0 - Croatia 1 fifa.com
  19. ^ New Zealand 0 - Uruguay 2 fifa.com
  20. ^ Uzbekistan 0 - Uruguay 4 fifa.com
  21. ^ Nigeria 1 - Uruguay 2 fifa.com
  22. ^ Uruguay 1 - Spain 0 fifa.com
  23. ^ Iraq 1 - Uruguay 1 a.e.t. (1:1, 1:0) 6:7 PSO fifa.com
  24. ^ France 0 - Uruguay 0 a.e.t. 4:1 PSO fifa.com
  25. ^ Laxalt in nazionale: 'Bella notizia, frutto del buon lavoro' calciomercato.com
  26. ^ (ES) #Copa100 - Plantel confirmado, su auf.org.uy, 14 maggio 2016. URL consultato il 14 maggio 2016.
  27. ^ Laxalt convocato dall'Uruguay: sostituirà Cristian Rodriguez
  28. ^ Convocati Uruguay: la lista dei 23 per i Mondiali di Russia 2018, su it.eurosport.com. URL consultato il 21 giugno 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]