Marco Fassone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Marco Fassone (Pinerolo, 1º gennaio 1964[1]) è un dirigente d'azienda e dirigente sportivo italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in Lettere Moderne all'Università di Torino nel 1987,[2] l'anno seguente entra a far parte del gruppo Ferrero, dove rimane per 12 anni.

Nel 2001 passa alla Galbani in qualità di Direttore per lo Sviluppo di nuovi prodotti, incarico ricoperto per circa un anno.

In questo periodo è anche assistente arbitrale affiliato alla CAN A-B.[3]

Juventus[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio 2003 approda nel mondo dello sport, entrando a far parte dello staff della Juventus come Direttore Marketing.[2] Figura di primo piano nel settore commerciale del club bianconero, raggiunge la carica di Direttore Esecutivo Area Stadio, Marketing e Vendite[4] ed è tra gli artefici del progetto del nuovo stadio[3][5] e dell'internazionalizzazione del marchio della società torinese.[3][5] In quest'ottica ispira, tra le altre cose, la creazione del primo Juventus Club in Cina.[6]

Napoli[modifica | modifica wikitesto]

La qualità del suo lavoro in questi campi suscita l'interesse del presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis,[3][6] che gli offre l'incarico di direttore generale della società partenopea, carica vacante dopo la risoluzione del contratto di Pierpaolo Marino. I contatti vengono avviati già nell'autunno 2009,[3][4][7] ma la dirigenza bianconera dà il proprio avallo solo nell'estate successiva: il 9 agosto 2010 Fassone assume ufficialmente il suo nuovo incarico,[7] con il compito di portare il marchio Napoli sui mercati esteri[4][5][7] e di occuparsi della questione dello stadio.[4][5] Il 22 maggio 2012, al termine di due anni di collaborazione con la società di De Laurentiis, annuncia ufficialmente il suo addio, pubblicando una lettera di congedo e di saluto indirizzata ai tifosi.[8]

Inter[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 maggio 2012 diventa direttore generale dell'Inter,[9] dopo che già il suo predecessore Ernesto Paolillo ne aveva preannunciato l'ingresso in società due giorni prima.[10] Nel contempo viene nominato anche Consigliere Delegato di Inter Brand sotto la presidenza di Erick Thohir, e Direttore Generale di Inter Media and Communication.[11]

Il 18 settembre 2015, attraverso un comunicato ufficiale sul sito internet, l'amministratore delegato dell'Inter Michael Bolingbroke comunica l'interruzione del rapporto di Fassone con i nerazzurri,[12] dato il dualismo che si era creato tra i due.[13][14]

Milan[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 aprile 2017, con l'ufficializzazione del passaggio di proprietà del Milan da Fininvest all'imprenditore cinese Li Yonghong, Fassone diventa ufficialmente amministratore delegato del club rossonero sostituendo Adriano Galliani.[15]

Il 21 luglio 2018, dopo il passaggio del Milan ad Elliott Management Corporation a causa degli inadempimenti di Li Yonghong, viene licenziato dall'incarico per giusta causa dal nuovo Presidente Paolo Scaroni, avendo compromesso il rapporto fiduciario col club.[16][17]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Gazzetta dello Sport, 21 luglio 2017, p. 2.
  2. ^ a b Marco Fassone[collegamento interrotto], linkedin.com. URL consultato il 22 ottobre 2010.
  3. ^ a b c d e Sarà Marco Fassone il nuovo DG del Napoli, tuttonapoli.net, 20 ottobre 2009. URL consultato il 22 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 22 giugno 2010).
  4. ^ a b c d Fassone dalla Juve al Napoli: «Qui le migliori prospetttive», tuttosport.com, 9 agosto 2010. URL consultato il 22 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2014).
  5. ^ a b c d Marco Fassone[collegamento interrotto], videocomunicazioni.com, 10 agosto 2010. URL consultato il 22 ottobre 2010.
  6. ^ a b La storia di Fassone, direttanapoli.it, 5 agosto 2010. URL consultato il 22 ottobre 2010.
  7. ^ a b c Fassone: progetto Napoli mi affascina, sscnapoli.it, 9 agosto 2010. URL consultato il 22 ottobre 2010.
  8. ^ Lettera di saluto di Marco Fassone, sscnapoli.it, 22 maggio 2012.
  9. ^ Il Presidente Moratti presenta Marco Fassone, inter.it, 30 maggio 2012. URL consultato il 5 giugno 2012.
  10. ^ Paolillo: "Sì, Fassone sarà il nuovo dg. Ma io non lascerò", fcinternews.it, 28 maggio 2012.
  11. ^ ORGANIGRAMMA, su inter.it. URL consultato il 25 agosto 2014.
  12. ^ Scossone Inter: licenziato Fassone, tio.ch, 18 settembre 2015.
  13. ^ Fassone a SportItalia (Prima Parte): “Il mio addio? Ecco la verità. Sullo stadio, il bilancio e lo scambio Guarin-Vucinic…”
  14. ^ Inter: «Siamo intermediari di Etihad» Così i nerazzurri sono stati ingannati, su Corriere della Sera. URL consultato il 3 febbraio 2016.
  15. ^ Comunicato stampa, su acmilan.com, 14 aprile 2017. URL consultato il 18 aprile 2017.
  16. ^ Milan-Cda, sollevati Yonghong Li e Fassone. Scaroni eletto nuovo presidente, su gazzetta.it, 21 luglio 2018. URL consultato il 21 luglio 2018.
  17. ^ Maria Strada, Milan, la lettera che licenza per giusta causa Fassone: «Grave indifferenza e negligenza verso il club», in Corriere della Sera, 22 ottobre 2018. URL consultato il 22 ottobre 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (DEENIT) Marco Fassone, su Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG.