Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Yūto Nagatomo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Yuto Nagatomo)
Yūto Nagatomo
Yuto Nagatomo 2011.jpg
Yūto Nagatomo con la maglia dell'Inter
Nazionalità Giappone Giappone
Altezza 170[1] cm
Peso 68[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Squadra Inter
Carriera
Giovanili
2002-2004
2005-2007
Rosso e Blu Bordato.png Higashi Fukuoka
Viola.svg Università Meiji
Squadre di club1
2007-2010 FC Tokyo FC Tokyo 72 (5)
2010-2011 Cesena 16 (0)[1]
2011- Inter 132 (9)
Nazionale
2007-2008
2008-
Giappone Giappone U-23
Giappone Giappone
6 (1)
85 (3)
Palmarès
Coppa Asia.svg Coppa d'Asia
Oro Qatar 2011
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 7 febbraio 2016

Yūto Nagatomo (長友 佑都 Nagatomo Yūto?) (Saijō, 12 settembre 1986) è un calciatore giapponese, difensore dell'Inter e della Nazionale giapponese con cui si è laureato campione d'Asia nel 2011[2].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Terzino di spinta, ambidestro, dispone di buone capacità atletiche: elevazione, velocità, corsa, resistenza. Nel corso di un'intervista ha attribuito la sua grande resistenza fisica alle umeboshi, un tipo di prugne marinate nel sale e ricche di acido citrico.[3] È solito festeggiare le reti segnate con un inchino verso i compagni di squadra.[4]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi[modifica | modifica wikitesto]

Il nonno Tatsuo Yoshida e il fratello Minoru sono stati ciclisti professionisti, gareggiando nella specialità del keirin. La sua carriera ha inizio in patria, difendendo i colori di alcune squadre universitarie.[5][6][7]

Nagatomo con la maglia del Tokyo.

A cavallo tra il 2007 e il 2008 viene scelto dal Tokyo, società della capitale, per la prima squadra.[8] Le brillanti prestazioni gli valgono l'interesse di club europei: nel luglio 2010 viene così acquistato dal Cesena, neopromosso in Serie A.[9] Pochi giorni più tardi, prima di scendere in campo per l'ultima gara, saluta la tifoseria locale pronunciando un discorso.[10]

L'esperienza italiana: Cesena e Inter[modifica | modifica wikitesto]

Nagatomo in azione con il Cesena.

Esordisce nel campionato italiano il 28 agosto, nel pareggio contro la Roma (0-0).[11] Dopo il riscatto del cartellino da parte della società romagnola, il 31 gennaio 2011 passa all'Inter in uno scambio di prestiti con Davide Santon, diventando così il primo calciatore giapponese a vestire la maglia nerazzurra.[12][13] L'esordio di Nagatomo avviene il 6 febbraio contro la Roma, sostituendo Wesley Sneijder al 73'.[14] Il primo gol con la maglia dell'Inter lo segna il 6 marzo nel match di Serie A contro il Genoa finito 5-2 a favore dei nerazzurri.[15]
Esordisce in Champions League il 15 marzo, nella vittoriosa trasferta contro il Bayern Monaco, subentrando a Cristian Chivu al minuto 87.[16] Il 2 aprile nel derby perso per 3-0 contro il Milan, tocca quota 100 presenze in carriera mentre il 22 maggio contro il Catania, all'ultima di campionato, mette a segno il suo secondo centro stagionale. Il 29 maggio arriva il primo titolo con la maglia dell'Inter: la Coppa Italia, battendo in finale per 3-1 il Palermo. Complessivamente ha segnato 2 gol in 19 partite.

Il 30 giugno viene riscattato dall'Inter in cambio di un conguaglio economico di 6,5 milioni di euro più le comproprietà di Luca Garritano e Luca Caldirola, due giocatori provenienti dal settore giovanile nerazzurro.[17] Segna il primo gol nella stagione 2011-12 nella partita contro la Fiorentina vinta dall'Inter per 2-0 il 10 dicembre. Tre giorni dopo decide con un suo goal la sfida contro il Genoa, nel recupero dell'undicesima giornata di Serie A.[18] In questa stagione gioca 43 partite e segna 2 gol.

La stagione 2012-2013 si apre con una marcatura nella gara contro l'Hajduk Spalato, valida per l'andata del terzo turno preliminare di Europa League.[19] Nella prima partita del girone di Europa League, disputata a Milano contro il Rubin Kazan, segna la rete del definitivo 2-2, con un destro al volo nei minuti di recupero.
Protagonista di buone prestazioni in stagione, il 18 dicembre, nella gara valida per gli ottavi di Coppa Italia vinta per 2-0 contro l'Hellas Verona, si infortuna riportando un risentimento muscolare al polpaccio. Il club decide così di concedergli il permesso anticipato, come fatto anche per Wesley Sneijder e Philippe Coutinho, per recarsi in Giappone per le vacanze natalizie.[20] Il 5 gennaio 2013 rinnova il proprio contratto con l'Inter fino a giugno 2016.[21] Gioca in tutto 35 partite segnando appunto 2 gol.

Nel solo girone di andata del campionato 2013-14 mette a segno cinque reti: il 26 novembre è insignito del premio di miglior calciatore asiatico dell'anno. Il 22 dicembre, durante il derby della Madonnina, indossa per la prima volta la fascia di capitano in seguito all'uscita dal campo di Zanetti e Cambiasso. In tutto in stagione mette insieme 36 presenze con appunto 5 gol.

Nagatomo con la Nazionale nipponica.

Per la stagione 2014-2015 viene nominato vice-capitano alle spalle di Andrea Ranocchia visti gli addii di Javier Zanetti, Esteban Cambiasso e Walter Samuel. Torna dalla Coppa d'Asia con uno stiramento alla coscia destra [22] che lo colpisce di nuovo dopo le due partite giocate da titolare contro Napoli e Palermo tenendolo fuori per un mese e mezzo (lesione di secondo grado al bicipite femorale della coscia destra).[23] In questa stagione gioca in tutto solo 18 partite.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2008 esordisce con la Nazionale giapponese, partecipando anche ai Giochi olimpici di Pechino.

Viene convocato per il Mondiale 2010, per essere poi inserito nella formazione ideale del torneo.[24] Ha vinto la Coppa d'Asia 2011, fornendo a Tadanari Lee l'assist per il gol decisivo della finale.[25]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 7 febbraio 2016.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe europee Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2007 Giappone FC Tokyo J1 0 0 CI 1 0 - - - - - - 1 0
2008 J1 29 3 CI 3 0 - - - - - - 32 3
2009 J1 31 1 CI 4 1 - - - - - - 35 2
2010 J1 12 1 CI 1 0 - - - - - - 13 1
Totale FC Tokyo 72 5 9 1 81 6
2010-gen. 2011 Italia Cesena A 16 0 CI 0 0 - - - - - - 16 0
gen.-giu. 2011 Italia Inter A 13 2 CI 3 0 UCL 3 0 SI - - 19 2
2011-2012 A 35 2 CI 1 0 UCL 7 0 SI - - 43 2
2012-2013 A 25 0 CI 2 0 UEL 8[26] 2[27] - - - 35 2
2013-2014 A 34 5 CI 2 0 - - - - - - 36 5
2014-2015 A 14 0 CI 1 0 UEL 3[28] 0 - - - 18 0
2015-2016 A 11 0 CI 3 0 - - - - - - 14 0
Totale Inter 132 9 12 0 21 2 165 11
Totale carriera 220 14 21 1 21 2 262 17

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Giappone Giappone
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
24-5-2008 Tokyo Giappone Giappone 1 – 0 Costa d'Avorio Costa d'Avorio Amichevole -
27-5-2008 Saitama Giappone Giappone 0 – 0 Paraguay Paraguay Amichevole -
2-6-2008 Tokyo Giappone Giappone 3 – 0 Oman Oman Qual. Mondiali 2010 - Uscita al 83’ 83’
20-8-2008 Tokyo Giappone Giappone 1 – 3 Uruguay Uruguay Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
9-10-2008 Tokyo Giappone Giappone 1 – 1 Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti Amichevole -
13-11-2008 Tokyo Giappone Giappone 3 – 1 Siria Siria Amichevole 1
19-11-2008 Qatar Qatar Qatar 0 – 3 Giappone Giappone Qual. Mondiali 2010 -
28-1-2009 Riffa Bahrein Bahrein 1 – 0 Giappone Giappone Amichevole -
11-2-2009 Yokohama Giappone Giappone 0 – 0 Australia Australia Qual. Mondiali 2010 -
28-3-2009 Saitama Giappone Giappone 1 – 0 Bahrein Bahrein Qual. Mondiali 2010 -
6-6-2009 Tashkent Uzbekistan Uzbekistan 0 – 1 Giappone Giappone Qual. Mondiali 2010 - Ammonizione al 37’ 37’
17-6-2009 Sydney Australia Australia 2 – 1 Giappone Giappone Qual. Mondiali 2010 -
4-2-2009 Osaka Giappone Giappone 5 – 1 Finlandia Finlandia Amichevole -
31-5-2009 Tokyo Giappone Giappone 4 – 0 Belgio Belgio Amichevole 1
5-9-2009 Enschede Paesi Bassi Paesi Bassi 3 – 0 Giappone Giappone Amichevole -
9-9-2009 Utrecht Giappone Giappone 4 – 3 Ghana Ghana Amichevole -
8-10-2009 Shizuoka Giappone Giappone 6 – 0 Hong Kong Hong Kong Qual. Coppa d'Asia 2011 1
14-10-2009 Miyagi Giappone Giappone 5 – 0 Togo Togo Kirin Cup -
2-2-2010 Oita Giappone Giappone 0 – 0 Venezuela Venezuela Kirin Cup -
6-2-2010 Tokyo Giappone Giappone 0 – 0 Cina Cina Coppa dell'Asia orientale -
14-2-2010 Tokyo Giappone Giappone 1 – 3 Corea del Sud Corea del Sud Coppa dell'Asia orientale -
3-3-2010 Toyota Giappone Giappone 2 – 0 Bahrein Bahrein Qual. Coppa d'Asia 2011 -
7-4-2010 Osaka Giappone Giappone 0 – 3 Serbia Serbia Kirin Cup -
24-5-2010 Saitama Giappone Giappone 0 – 2 Corea del Sud Corea del Sud Kirin Cup - Ammonizione al 74’ 74’
30-5-2010 Graz Giappone Giappone 1 – 2 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
4-6-2010 Sion Giappone Giappone 0 – 2 Costa d'Avorio Costa d'Avorio Amichevole -
14-6-2010 Bloemfontein Giappone Giappone 1 – 0 Camerun Camerun Mondiali 2010 - 1º turno -
19-6-2010 Durban Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 0 Giappone Giappone Mondiali 2010 - 1º turno -
24-6-2010 Rustenburg Danimarca Danimarca 1 – 3 Giappone Giappone Mondiali 2010 - 1º turno -
29-6-2010 Pretoria Paraguay Paraguay 0 – 0 dts
(5-3 dcr)
Giappone Giappone Mondiali 2010 - Ottavi -
4-9-2010 Yokohama Giappone Giappone 1 – 0 Paraguay Paraguay Amichevole -
7-9-2010 Osaka Giappone Giappone 2 – 1 Guatemala Guatemala Amichevole -
8-10-2010 Saitama Giappone Giappone 1 – 0 Argentina Argentina Amichevole -
12-10-2010 Seul Corea del Sud Corea del Sud 0 – 0 Giappone Giappone Amichevole -
9-1-2011 Doha Giappone Giappone 1 – 1 Giordania Giordania Coppa d'Asia 2011 - 1º turno -
13-1-2011 Doha Siria Siria 1 – 2 Giappone Giappone Coppa d'Asia 2011 - 1º turno -
17-1-2011 Al Rayyan Giappone Giappone 5 – 0 Arabia Saudita Arabia Saudita Coppa d'Asia 2011 - 1º turno -
21-1-2011 Doha Giappone Giappone 3 – 2 Qatar Qatar Coppa d'Asia 2011 - Quarti -
25-1-2011 Doha Giappone Giappone 2 – 2 dts
(3-0 dcr)
Corea del Sud Corea del Sud Coppa d'Asia 2011 - Semifinale -
29-1-2011 Doha Australia Australia 0 – 1 dts Giappone Giappone Coppa d'Asia 2011 - Finale - 4º titolo
1-6-2011 Niigata Giappone Giappone 0 – 0 Perù Perù Kirin Cup -
7-6-2011 Yokohama Giappone Giappone 0 – 0 Rep. Ceca Rep. Ceca Kirin Cup -
7-10-2011 Kobe Giappone Giappone 1 – 0 Vietnam Vietnam Qual. Mondiali 2014 -
11-10-2011 Osaka Giappone Giappone 8 – 0 Tagikistan Tagikistan Qual. Mondiali 2014 -
29-2-2012 Toyota Giappone Giappone 0 – 1 Uzbekistan Uzbekistan Qual. Mondiali 2014 -
23-5-2012 Fukuroi Giappone Giappone 2 – 0 Azerbaigian Azerbaigian Qual. Mondiali 2014 -
3-6-2012 Saitama Giappone Giappone 3 – 0 Oman Oman Qual. Mondiali 2014 -
8-6-2012 Saitama Giappone Giappone 6 – 0 Giordania Giordania Qual. Mondiali 2014 -
12-6-2012 Brisbane Australia Australia 1 – 1 Giappone Giappone Qual. Mondiali 2014 -
15-8-2012 Sapporo Giappone Giappone 1 – 1 Venezuela Venezuela Amichevole -
11-9-2012 Saitama Giappone Giappone 1 – 0 Iraq Iraq Qual. Mondiali 2014 -
12-10-2012 Saint-Denis Francia Francia 0 – 1 Giappone Giappone Amichevole -
16-10-2012 Breslavia Giappone Giappone 0 – 4 Brasile Brasile Amichevole -
14-11-2012 Mascate Oman Oman 1 – 2 Giappone Giappone Qual. Mondiali 2014 -
6-2-2013 Kōbe Giappone Giappone 3 – 0 Lettonia Lettonia Amichevole -
30-5-2013 Toyota Giappone Giappone 0 – 2 Bulgaria Bulgaria Kirin Cup -
4-6-2013 Saitama Giappone Giappone 1 – 1 Australia Australia Qual. Mondiali 2014 -
11-6-2013 Doha Iraq Iraq 0 – 1 Giappone Giappone Qual. Mondiali 2014 -
15-6-2013 Brasilia Brasile Brasile 3 – 0 Giappone Giappone Conf. Cup 2013 - 1º turno -
19-6-2013 Recife Italia Italia 4 – 3 Giappone Giappone Conf. Cup 2013 - 1º turno -
22-6-2013 Belo Horizonte Giappone Giappone 1 – 2 Messico Messico Conf. Cup 2013 - 1º turno -
6-9-2013 Osaka Giappone Giappone 3 – 0 Guatemala Guatemala Amichevole -
10-9-2013 Yokohama Giappone Giappone 3 – 1 Ghana Ghana Amichevole -
11-10-2013 Novi Sad Serbia Serbia 2 – 0 Giappone Giappone Amichevole -
15-10-2013 Minsk Bielorussia Bielorussia 1 – 0 Giappone Giappone Amichevole -
16-11-2013 Genk Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 2 Giappone Giappone Amichevole -
5-3-2014 Tokyo Giappone Giappone 4 – 2 Nuova Zelanda Nuova Zelanda Kirin Cup -
27-5-2014 Saitama Giappone Giappone 1 – 0 Cipro Cipro Amichevole -
3-6-2014 Tampa Costa Rica Costa Rica 1 – 3 Giappone Giappone Amichevole -
7-6-2014 Tampa Giappone Giappone 4 – 3 Zambia Zambia Amichevole -
14-6-2014 Recife Costa d'Avorio Costa d'Avorio 2 – 1 Giappone Giappone Mondiali 2014 - 1º turno -
19-6-2014 Natal Giappone Giappone 0 – 0 Grecia Grecia Mondiali 2014 - 1º turno -
24-6-2014 Cuiabá Giappone Giappone 1 – 4 Colombia Colombia Mondiali 2014 - 1º turno -
5-9-2014 Sapporo Giappone Giappone 0 – 2 Uruguay Uruguay Kirin Cup -
9-9-2014 Yokohama Giappone Giappone 2 – 2 Venezuela Venezuela Kirin Cup -
10-10-2014 Niigata Giappone Giappone 1 – 0 Giamaica Giamaica Amichevole -
12-1-2015 Newcastle (Australia) Giappone Giappone 4 – 0 Palestina Palestina Coppa d'Asia 2015 - 1º turno -
16-1-2015 Brisbane Iraq Iraq 0 – 1 Giappone Giappone Coppa d'Asia 2015 - 1º turno -
20-1-2015 Melbourne Giappone Giappone 2 – 0 Giordania Giordania Coppa d'Asia 2015 - 1º turno -
23-1-2015 Sydney Giappone Giappone 1 – 1 dts
(4-5 dcr)
Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti Coppa d'Asia 2015 - Quarti -
Totale Presenze 80 Reti 3

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

FC Tokyo: 2009
Inter: 2010-2011

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

2011

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2013

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Almanacco illustrato del Calcio 2015, Modena, Panini editore, 2014, p. 230.
  2. ^ Derby, Zenga ha l'Inter nel cuore e Honda e Nagatomo: "Chi perde si fa i capelli viola", La Gazzetta dello Sport, 21 novembre 2014.
  3. ^ Il segreto di Nagatomo ? Le prugne salate della salute, La Gazzetta dello Sport, 7 marzo 2011.
  4. ^ Inter, Zanetti: "Vi spiego l'inchino con Nagatomo", InterNews.it, 19 dicembre 2012.
  5. ^ Arianna Ravelli, Nagatomo, di corsa per amore «Inter, sono diventato grande», Corriere della Sera, 29 aprile 2011, p. 66.
  6. ^ Arianna Ravelli, Nagatomo, di corsa per amore «Inter, sono diventato grande», Corriere della Sera, 29 aprile 2011, p. 66. (archiviato dall'url originale il ).
  7. ^ Alessandra Gozzini, I laureati della Serie A Chiellini tra i top cinque, La Gazzetta dello Sport, 12 dicembre 2012.
  8. ^ Luca Taidelli, Nagatomo e Inter si rialzano "Ecco come abbiamo fatto", La Gazzetta dello Sport, 16 dicembre 2011.
  9. ^ In Giappone «Nagatomo è vicino al Cesena», Corriere dello Sport, 8 luglio 2010.
  10. ^ Giapponesi in Italia, mai dire banzai, Panorama, 4 luglio 2013.
  11. ^ Jacopo Gerna, Il Cesena spaventa l'Olimpico Roma, subito due punti persi, Gazzetta.it, 28 agosto 2010.
  12. ^ Mercato: Yuto Nagatomo è dell'Inter, in FC Internazionale, 31 gennaio 2011.
  13. ^ Nagatomo: "Felice di giocare con l'Inter", in FC Internazionale, 31 gennaio 2011.
  14. ^ Inter 5-3 Roma, Lega Serie A. URL consultato il 01 luglio 2011.
  15. ^ Inter 5-2 Genoa, Lega Serie A. URL consultato il 01 luglio 2011.
  16. ^ (EN) Bayern sunk by last-gasp Inter winner, in UEFA, 15 marzo 2011.
  17. ^ Caldirola e Garritano in comproprietà, in cesenacalcio.it, 30 giugno 2011.
  18. ^ Nagatomo usa la testa - L'Inter passa a Genova: è sesta, in gazzetta.it, 13 dicembre 2011.
  19. ^ Hajduk Spalato 0-3 Inter, Soccerway.com. URL consultato il 3 agosto 2012.
  20. ^ Doppia tegola: Nagatomo e Castellazzi ko. Tornano... Tuttomercatoweb.com, 19 dicembre 2012
  21. ^ Mercato: l'Inter e Nagatomo insieme fino al 2016, www.inter.it. URL consultato il 05 gennaio 2013.
  22. ^ Inter, emergenza difesa per Mancini
  23. ^ Inter. Nagatomo, stop di 45 giorni. E adesso spunta l'ipotesi Lell
  24. ^ Mario Sconcerti, Top 11 del Mondiale (più 7 panchinari), Corriere della Sera, 10 luglio 2010.
  25. ^ La vittoria di Zaccheroni Giappone campione d'Asia, Repubblica.it, 29 gennaio 2011.
  26. ^ 4 presenze nei turni preliminari.
  27. ^ 1 rete nei turni preliminari.
  28. ^ 1 presenza nei play-off.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]