Mauro Bergonzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mauro Bergonzi
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Sezione Genova
Professione Assicuratore
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
1997-1999
1999-2002
2002-2010
2010-2014
Serie D
Serie C
Serie A e B
Serie A
Arbitro
Arbitro
Arbitro
Arbitro
Attività internazionale
2009-2013 UEFA e FIFA Arbitro
Esordio Malta-Finlandia 1-2
3 marzo 2010

Mauro Bergonzi (Genova, 30 dicembre 1971) è un ex arbitro di calcio e dirigente sportivo italiano, club manager dell’Albissola.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Appartenente alla sezione genovese, compì l'esordio in Serie A il 7 dicembre 2003 in occasione di Lecce-Parma 1-2.[1] Nel 2006 fu invece chiamato a dirigere uno spareggio del campionato albanese valido per la salvezza, tra Skenderbeu e Teuta.

Tra i fatti maggiormente degni di nota della sua carriera vi è il discusso arbitraggio di Napoli-Juventus del 27 ottobre 2007, in cui concesse due dubbi calci di rigore ai partenopei con Domizzi a segno entrambe le volte[2]: le polemiche riguardarono in particolare una presunta simulazione di Zalayeta che fu squalificato per due turni[3], col provvedimento poi annullato grazie a immagini televisive che appurarono il reale fallo subìto.[4]

Ulteriori controversie sorsero nell'aprile 2012 con l'arbitro genovese dapprima contestato da Pablo Osvaldo per la conduzione di gara in Juventus-Roma[5], e successivamente al centro di polemiche per quanto avvenuto in Udinese-Lazio[6]: negli istanti finali dell'incontro i bianconeri siglarono il definitivo raddoppio senza che i calciatori romani opponessero resistenza, avendo scambiato erroneamente un fischio proveniente dagli spalti per il segnale di chiusura della partita.[7] Le proteste in campo originarono una rissa, durante la quale il biancoceleste André Dias fu espulso[8]: il portiere laziale Federico Marchetti spintonò invece il direttore di gara[8], comportamento sanzionato con 4 giornate di squalifica.[9] Il discusso finale di partita spinse la società romana a chiedere la ripetizione dell'incontro, lamentela respinta dalla Lega.[10]

Promosso ad arbitro internazionale nel gennaio 2009, fu presente in carica di rappresentante dell'AIA ai Giochi del Mediterraneo di quell'anno. Il debutto internazionale si verificò il 3 marzo 2010 in occasione dell'amichevole tra Malta e Finlandia; il 21 agosto successivo diresse invece la Supercoppa italiana tra Inter e Roma.[11]

Il 14 febbraio 2014, durante la partita tra Milan e Bologna, rimedia una ferita al labbro inferiore — poi ricucita con due punti di sutura —[12] dopo essere stato colpito da una pallonata.[13] Il raggiunto limite anagrafico ne comporta il ritiro dall'agonismo al termine della stagione, con l'ultima presenza in Juventus-Cagliari del 18 maggio 2014.[14]

Nel luglio successivo viene ufficializzata la sua nomina a presidente del C.R.A. (Comitato Regionale Arbitri) Liguria, carica mantenuta per una sola stagione, e poi avvicendato l'11 luglio 2015 da Fabio Vicinanza di Albenga.

Dalla stagione 2015-2016 è moviolista per Premium Calcio.

Dal 25 luglio 2018 è club manager dell’Albissola, club emergente ligure neopromosso in Serie C.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Valerio Piccioni, Il Parma in cielo con Gilardino, in La Gazzetta dello Sport, 8 dicembre 2003.
  2. ^ Alberto Cerruti, Delirio Napoli, ma che rigori sono questi?, in La Gazzetta dello Sport, 28 ottobre 2007.
  3. ^ Prova tv: due giornate a Zalayeta, su repubblica.it, 29 ottobre 2007.
  4. ^ Cancellata la squalifica, c'era un fallo su Zalayeta, su napoli.repubblica.it, 30 ottobre 2007.
  5. ^ Massimo Cecchini, Osvaldo: «Bergonzi mi rideva in faccia», in La Gazzetta dello Sport, 23 aprile 2012.
  6. ^ Luigi Panella, Vince l'Udinese ma è finale caos, su repubblica.it, 29 aprile 2012.
  7. ^ Stefano Cieri, Strattoni, urla, in La Gazzetta dello Sport, 30 aprile 2012.
  8. ^ a b Francesco Ceniti, Rissa finale: pure Marchetti rischia lo stop, in La Gazzetta dello Sport, 30 aprile 2012.
  9. ^ Stefano Cieri, Lazio, che stangata, in La Gazzetta dello Sport, 1º maggio 2012.
  10. ^ Daniele Tombolini, I migliori dell'anno? Orsato, Celi, Bergonzi e De Marco, in La Gazzetta dello Sport, 16 maggio 2012.
  11. ^ Eva A. Provenzano, Supercoppa italiana, arbitra Bergonzi, su fcinter1908.it, 19 agosto 2010.
  12. ^ Milan-Bologna, pallonata all'arbitro Bergonzi: servono punti di sutura, su repubblica.it, 14 febbraio 2014.
  13. ^ Bergonzi ferito: labbro insanguinato, su gazzetta.it, 14 febbraio 2014.
  14. ^ Federico Sala, Juventus-Cagliari 3-0: 102 punti, la festa bianconera è completa, su repubblica.it, 18 maggio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]