Luciano Bruni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luciano Bruni
Luciano Bruni.jpg
Bruni alla Fiorentina
Nazionalità Italia Italia
Altezza 170 cm
Peso 66 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Squadra Piacenza (Berretti)
Ritirato 1994 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-1976 Livorno
1976-1978 Fiorentina
Squadre di club1
1978-1981 Fiorentina 29 (1)
1981-1982 Pistoiese 17 (0)
1982-1983 Reggiana 28 (2)
1983-1989 Verona 109 (4)
1989-1991 Lucchese 34 (0)
1991-1992 Siena21 (0)
1992-1993 Castelfiorentino ? (?)
1993-1994 Arezzo 24 (1)
Nazionale
1979 Italia Italia U-21 1 (0)
Carriera da allenatore
1998-2004 Fiorentina Giovanili
2004 Rondinella
2005-2006 Siena Primavera
2006-2008 Piacenza Primavera
2008-2009 Verona Vice
2009-2010 Juventus Primavera
2010-2011 Sampdoria Primavera
2012 Lucchese
2013-2014 Ostuni
2015 Livorno Primavera
2015-2016 Piacenza Juniores
2016-2017 Brescia Primavera
2017-2019Piacenza Berretti
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 19 giugno 2017

Luciano Bruni (Livorno, 24 dicembre 1960) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nel Livorno, nel 1976 passò alla Fiorentina, acquistato da Sergio Cervato per 60 milioni di lire[1]. In viola venne soprannominato il nuovo De Sisti[1], e vinse l'edizione 1978 del Torneo di Viareggio sotto la guida di Renzo Ulivieri[2]. Sempre in quell'anno l'esordio in Serie A in occasione dell'incontro Fiorentina-Lazio (3-0).

In maglia viola ebbe un grave infortunio (rottura dei legamenti) che lo costrinse ad un lungo stop nel corso della 1980-1981, e nell'ottobre del 1981 fu ceduto alla Pistoiese. Dopo un'altra annata in Serie B nella Reggiana[3], nel 1983 approdò al Verona per iniziare l'esperienza più importante della sua carriera.

Bruni in azione al Verona nel 1984, accanto al compagno di squadra Marangon e al torinista Schachner.

Sei anni a Verona con un contributo importante alla conquista dello storico scudetto della stagione 1984-1985, grazie al suo apporto a centrocampo per surrogare l'arretramento in difesa di Volpati (causa l'infortunio di Mauro Ferroni), variante che permise di non alterare l'equilibrio tattico creato da Osvaldo Bagnoli. In quell'annata disputò 27 partite con un gol, schierato al fianco o in alternativa al regista Antonio Di Gennaro[4]. In maglia gialloblù Bruni totalizzò 109 presenze con 4 reti all'attivo.

Nel 1987 subì un nuovo grave infortunio al ginocchio[5], rimanendo fuori per oltre un anno[6], e nell'ottobre del 1989 scese in Serie C1 nella Lucchese per riprendere confidenza con l'attività agonistica. Dopo aver conquistato con la formazione toscana la promozione in Serie B, chiuse la carriera nel Siena, ancora in C1, nel Castelfiorentino e nell'Arezzo[7].

In carriera ha totalizzato complessivamente 138 presenze e 5 reti in Serie A, e 57 presenze e 2 reti in Serie B.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1997 Bruni intraprende la carriera di allenatore. Parte nella Scuola Calcio Firenze Sud per poi tornare, in una nuova veste, alla Fiorentina. Coi gigliati inizia un percorso che, negli anni, lo porta a guidare Esordienti, Allievi Nazionali e Primavera.

Dopo una breve parentesi alla guida della prima squadra della Rondinella, in Serie D[8], torna a lavorare coi giovani: nel 2005-2006 guida la Primavera del Siena e, nelle due stagioni successive, quella del Piacenza, con cui approda ai quarti di finale del Torneo di Viareggio 2007[9]. Nel 2008-2009 è il vice di Gian Marco Remondina sulla panchina del Verona, in Lega Pro Prima Divisione[10].

Dal 19 giugno 2009 è il nuovo allenatore della Primavera della Juventus, con cui ha vinto il Torneo di Viareggio 2010[11]. Dal 7 giugno 2010 è il nuovo allenatore della Primavera della Sampdoria[11][12], incarico che lascia al termine della stagione[10].

Dopo un anno d'inattività, il 7 giugno 2012 viene nominato allenatore della Lucchese, neopromossa in Serie D[13], ma si dimette il 16 agosto successivo, prima dell'inizio del campionato[14]. Nella stagione 2013-2014 allena, in Eccellenza pugliese, l'Ostuni[15].

Dopo una parentesi sulla panchina della Primavera del Livorno, nell'estate 2015 torna a Piacenza come allenatore della squadra Juniores[16] e nella stagione successiva allena la squadra Primavera del Brescia[17]. Nel maggio 2017, lasciato il Brescia, torna per la terza volta al Piacenza alla guida della formazione Berretti[18].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Fiorentina: 1978

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Verona: 1984-1985
Lucchese: 1989-1990

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Juventus: 2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Profilo su Hellasstory.net
  2. ^ L'ex Luciano Bruni: 'A Firenze feci il centralinista' calciomercato.com
  3. ^ Statistiche su Lastoriadellareggiana.it
  4. ^ 19 maggio 1985: VERONA - AVELLINO 4 a 2 hellasstory.net
  5. ^ Così Verona ritornò in provincia La Repubblica, 3 febbraio 1988, pag. 34
  6. ^ L'ALTRA META' DELLO STADIO La Repubblica, 29 dicembre 1988, pag. 34
  7. ^ I calciatori dell'Arezzo Archiviato l'11 luglio 2010 in Internet Archive. arezzo1923.it
  8. ^ Terremoto alla Rondinella - Via Luciano Bruni e Paolo Andreotti calciopiu.net
  9. ^ Torneo di Viareggio 2007 storiapiacenza1919.it
  10. ^ a b Un ex dello scudetto per la panchina della Primavera tuttohellasverona.it
  11. ^ a b UFFICIALE: Luciano Bruni saluta la Juve: è il nuovo allenatore della Samp Primavera[collegamento interrotto] tuttojuve.com
  12. ^ Luciano Bruni nuovo allenatore Primavera blucerchiata (PDF) [collegamento interrotto], su sampdoria.it.
  13. ^ Fc Lucca, fine di una telenovela Bruni nuovo allenatore lanazione.it
  14. ^ CLAMOROSO A LUCCA: SI DIMETTE IL TECNICO LUCIANO BRUNI Radiobrunotoscana.it
  15. ^ Doppio ex Bruni al veleno: “Per allenare il curriculum non basta”, su corrierespione.altervista.org, 7 aprile 2014. URL consultato il 22 settembre 2016.
  16. ^ Luciano Bruni allenerà la Juniores Nazionale Sportpiacenza.it
  17. ^ Bruni alla Primavera. Il raduno al Cus Brescia, su bresciaoggi.it, 3 luglio 2016. URL consultato il 22 settembre 2016.
  18. ^ Piacenza - Berretti: sulla panchina torna mister Luciano Bruni Sportpiacenza.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Figurine Gialloblù (Raffaele Tomelleri – Leaderform – 2001)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]