Como Calcio 1984-1985

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Calcio Como.

Como Calcio
Como Calcio 1984-85.jpeg
La rosa del Como Calcio nella stagione 1984-1985.
Stagione 1984-1985
AllenatoreItalia Ottavio Bianchi
PresidenteItalia Benito Gattei
Serie A11º posto
Coppa ItaliaPrimo turno
Maggiori presenzeCampionato: Fusi, Giuliani, Matteoli (30)
Miglior marcatoreCampionato: Morbiducci (3)

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti il Como Calcio nelle competizioni ufficiali della stagione 1984-1985.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Per il ritorno in massima serie dopo 2 anni di cadetteria, il Como ingaggiò come allenatore il bresciano Ottavio Bianchi. Sul fronte mercato arrivarono in riva al lago Ottoni e (in ottobre) Morbiducci dal Perugia; vengono aggregati alla prima squadra Favaro, De Marchi e Viviani, e ritorna dal prestito a Reggio Emilia Invernizzi.

I due stranieri, lo svedese Corneliusson e il tedesco Müller.

Ma i due colpi di mercato vennero dalla Germania Ovest e da Milano: adeguandosi alla regola dei due stranieri per squadra vigente all'epoca, furono acquistati dal direttore sportivo Sandro Vitali, Corneliusson dallo Stoccarda e Hansi Muller dall'Inter (questo ultimo, dopo aver passato l'annata precedente in maniera turbolenta per i cattivi rapporti tra lui e il nerazzurro Beccalossi).

In campionato gli azzurri, dati dagli addetti ai lavori quali vittime sacrificali alla retrocessione, puntarono a una tranquilla salvezza: dopo tre pareggi iniziali, ne presero tre dal Napoli di Maradona ma la settimana successiva arrivò la prima vittoria in casa contro l'Udinese. Alla fine del girone d'andata il bilancio dei lariani è di 5 vittorie (da ricordare quella al Meazza contro il Milan per 0-2), 5 pareggi e 5 sconfitte.

Il ritorno inizia male: dopo 3 sconfitte e 2 pareggi, la situazione comincia a farsi grave con le sconfitte contro Cremonese e Ascoli (in lotta per la salvezza), ma la vittoria contro una Lazio già spacciata riapre il discorso salvezza, che venne raggiunta successivamente il 28 aprile 1985 pareggiando in casa contro il Torino per 0-0 mentre bianconeri, biancocelesti e grigiorossi uscirono sconfitti, venendo retrocessi in B.

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Il fornitore tecnico per la stagione 1984-1985 rimane invariato: il fornitore tecnico è adidas, mentre lo sponsor ufficiale è Mita.

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
Italia P Pierantonio Bosaglia
Italia P Carlo Della Corna
Italia P Giuliano Giuliani
Italia D Massimo Albiero
Italia D Enrico Annoni
Italia D Pasquale Bruno
Italia D Marco Antonio De Marchi
Italia D Antonio Favaro[1]
Italia D Giovanni Guerrini
Italia D Claudio Ottoni
Italia D Antonio Tempestilli
Italia C Giuseppe Maria Butti
Italia C Giancarlo Centi (capitano)
N. Ruolo Giocatore
Italia C Luca Fusi
Italia C Renzo Gobbo
Italia C Giovanni Invernizzi
Italia C Luca Mattei
Italia C Gianfranco Matteoli
Germania Ovest C Hansi Müller
Italia C Egidio Notaristefano
Italia C Enrico Todesco
Italia C Fabio Viviani
Svezia A Dan Corneliusson
Italia A Moreno Morbiducci[2]
Italia A Marino Palese[3]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Campionato[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie A 1984-1985.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Como
16 settembre 1984, ore 15.00
1ª giornata
Como0 – 0
referto
JuventusStadio Giuseppe Sinigaglia
Arbitro:  Giancarlo Redini (Pisa)

Roma
23 settembre 1984, ore 15.00
2ª giornata
Roma1 – 1
referto
ComoStadio Olimpico
Arbitro:  Egidio Ballerini (La Spezia)

Como
30 settembre 1984, ore 15.00
3ª giornata
Como0 – 0
referto
FiorentinaStadio Giuseppe Sinigaglia
Arbitro:  Pietro D'Elia (Salerno)

Napoli
7 ottobre 1984, ore 15.00
4ª giornata
Napoli3 – 0
referto
ComoStadio San Paolo
Arbitro:  Maurizio Mattei (Macerata)

Como
14 ottobre 1984, ore 15.00
5ª giornata
Como2 – 0
referto
UdineseStadio Giuseppe Sinigaglia
Arbitro:  Giancarlo Pirandola (Lecce)

Milano
21 ottobre 1984, ore 15.00
6ª giornata
Inter1 – 0
referto
ComoStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Giorgio Baldi (Roma)

Como
28 ottobre 1984, ore 15.00
7ª giornata
Como1 – 0
referto
AscoliStadio Giuseppe Sinigaglia
Arbitro:  Giancarlo Redini (Pisa)

Genova
11 novembre 1984, ore 15.00
8ª giornata
Sampdoria1 – 0
referto
ComoStadio Luigi Ferraris
Arbitro:  Roberto Bianciardi (Siena)

Como
18 novembre 1984, ore 15.00
9ª giornata
Como1 – 0
referto
CremoneseStadio Giuseppe Sinigaglia
Arbitro:  Salvatore Lombardo (Marsala)

Roma
25 novembre 1984, ore 15.00
10ª giornata
Lazio3 – 2
referto
ComoStadio Olimpico
Arbitro:  Pierluigi Pairetto (Torino)

Como
2 dicembre 1984, ore 15.00
11ª giornata
Como0 – 0
referto
AtalantaStadio Giuseppe Sinigaglia
Arbitro:  Egidio Ballerini (La Spezia)

Torino
16 dicembre 1984, ore 15.00
12ª giornata
Torino3 – 1
referto
ComoStadio Comunale (25.913 spett.)
Arbitro:  Salvatore Lombardo (Marsala)

Como
23 dicembre 1984, ore 15.00
13ª giornata
Como0 – 0
referto
VeronaStadio Giuseppe Sinigaglia
Arbitro:  Egidio Ballerini (La Spezia)

Como
6 gennaio 1985, ore 15.00
14ª giornata
Como2 – 1
referto
AvellinoStadio Giuseppe Sinigaglia
Arbitro:  Roberto Bianciardi (Siena)

Milano
13 gennaio 1985, ore 15.00
15ª giornata
Milan0 – 2
referto
ComoStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Pierluigi Magni (Bergamo)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Torino
20 gennaio 1985, ore 15.00
16ª giornata
Juventus2 – 0
referto
ComoStadio Comunale
Arbitro:  Maurizio Mattei (Macerata)

Como
27 gennaio 1985, ore 15.00
17ª giornata
Como0 – 0
referto
RomaStadio Giuseppe Sinigaglia
Arbitro:  Giancarlo Redini (Pisa)

Firenze
10 febbraio 1985, ore 15.00
18ª giornata
Fiorentina2 – 1
referto
ComoStadio Comunale
Arbitro:  Luigi Agnolin (Bassano del Grappa)

Como
17 febbraio 1985, ore 15.00
19ª giornata
Como1 – 1
referto
NapoliStadio Giuseppe Sinigaglia
Arbitro:  Romeo Paparesta (Bari)

Udine
24 febbraio 1985, ore 15.00
20ª giornata
Udinese4 – 1
referto
ComoStadio Friuli
Arbitro:  Luigi Agnolin (Bassano del Grappa)

Como
3 marzo 1985, ore 15.00
21ª giornata
Como0 – 0
referto
InterStadio Giuseppe Sinigaglia
Arbitro:  Maurizio Mattei (Macerata)

Ascoli Piceno
17 marzo 1985, ore 15.00
22ª giornata
Ascoli1 – 0
referto
ComoStadio Cino e Lillo Del Duca
Arbitro:  Paolo Bergamo (Livorno)

Como
24 marzo 1985, ore 15.00
23ª giornata
Como0 – 0
referto
SampdoriaStadio Giuseppe Sinigaglia
Arbitro:  Maurizio Mattei (Macerata)

Cremona
31 marzo 1985, ore 15.00
24ª giornata
Cremonese2 – 0
referto
ComoStadio Giovanni Zini
Arbitro:  Pierluigi Magni (Bergamo)

Como
14 aprile 1985, ore 15.00
25ª giornata
Como1 – 0
referto
LazioStadio Giuseppe Sinigaglia
Arbitro:  Paolo Bergamo (Livorno)

Bergamo
21 aprile 1985, ore 15.00
26ª giornata
Atalanta1 – 0
referto
ComoStadio Comunale
Arbitro:  Luigi Agnolin (Bassano del Grappa)

Como
28 aprile 1985, ore 15.00
27ª giornata
Como0 – 0
referto
TorinoStadio Giuseppe Sinigaglia (17.700 spett.)
Arbitro:  Roberto Bianciardi (Siena)

Verona
5 maggio 1985, ore 15.00
28ª giornata
Verona0 – 0
referto
ComoStadio Marcantonio Bentegodi
Arbitro:  Liberato Esposito (Torre del Greco)

Avellino
12 maggio 1985, ore 15.00
29ª giornata
Avellino1 – 1
referto
ComoStadio Partenio
Arbitro:  Tullio Lanese (Messina)

Como
19 maggio 1985, ore 15.00
30ª giornata
Como0 – 0
referto
MilanStadio Giuseppe Sinigaglia
Arbitro:  Pierluigi Pairetto (Torino)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dal Padova da ottobre 1984.
  2. ^ Dal Perugia da ottobre 1984.
  3. ^ Al Lecce da ottobre 1984.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enrico Levrini, Como 1907-2007. Cent'anni in azzurro, Como, Editoriale Corriere di Como, 2007.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio