Fabrizio Lorieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fabrizio Lorieri
Fabriziolorieri.jpg
Lorieri con la maglia dell'Ascoli nella stagione 1989-1990
Nazionalità Italia Italia
Altezza 186[1] cm
Peso 78[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex portiere)
Ritirato 2004 - giocatore
Carriera
Giovanili
Sangiovannese
Inter
Squadre di club1

 

1980-1981Inter0 (-0)
1981-1982Sangiovannese33 (-34)
1982-1983Prato19 (-13)
1983-1984Inter0 (-0)
1984-1985Piacenza34 (-25)[2].
1985-1986Inter0 (-0)
1986-1989Torino71 (-84)
1989-1993Ascoli141 (-177)
1993-1995Roma22 (-25)
1995-1999Lecce140 (-173)
1999-2000Salernitana29 (-38)
2000-2002Genoa66 (-69)
2002-2003Spezia8 (-9)
2004Cuoiopelli Cappiano Romaiano5 (-6)
Nazionale
1985-1987 Italia Italia U-21 4 (-2)
Carriera da allenatore
2004-2005 Catanzaro Vice
2006-2007 Empoli Vice
2008 Empoli Vice
2008 Parma Vice
2010-2013 Lecce Vice + portieri
2013-2018 Sassuolo Portieri
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Argento 1986
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 13 agosto 2018

Fabrizio Lorieri (Massa, 11 febbraio 1964) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo portiere.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nell'Inter, esordisce nella stagione 1981-1982 con la Sangiovannese[3] (Serie C2), per poi passare in comproprietà al Prato l'anno successivo[3]: con i toscani vince il campionato di Serie C2 1982-1983[4]. Nel 1983 torna all'Inter come riserva di Walter Zenga, ma dopo una stagione senza scendere in campo si trasferisce sempre in comproprietà al Piacenza[3], in Serie C1: con gli emiliani disputa una stagione da titolare, perdendo la Serie B dopo lo spareggio contro il Lanerossi Vicenza[5].

Dopo un'altra stagione senza presenze nell'Inter è ceduto al Torino[6]. Con la squadra piemontese gioca tre campionati di Serie A dal 1986 al 1989, disputandone da titolare inamovibile solo uno (1987-1988) e subendo, nelle restanti stagioni, la concorrenza di portieri di riserva quali Renato Copparoni e Luca Marchegiani. Nella stagione 1988-1989 il rapporto con il Torino si incrina definitivamente[7][8] e dopo la retrocessione dei granata si trasferisce all'Ascoli[9], dove rimane per quattro stagioni (due in Serie A e due in Serie B).

Nel 1993 approda alla Roma[10] per 4 miliardi di lire[11]; con i giallorossi colleziona 20 presenze nella prima stagione e 2 nella seconda in Serie A (debutto il 29 agosto 1993 in Genoa-Roma 2-0).

Lorieri sulla copertina dell'album di figurine Calciatori Panini del 1992-93

Nel 1995 è ceduto al Lecce, in Serie C1, con cui ottiene due promozioni consecutive (dalla C1 alla B e dalla B alla A)[12]. Nella stagione 1997-1998 è titolare in Serie A con il Lecce, che retrocede. Nella stagione 1998-1999, in Serie B, conquista nuovamente la promozione in massima divisione con i salentini. Nel periodo trascorso al Lecce milita per due anni con l'ex compagno nella Roma Giuseppe Giannini.

Nel novembre 1999, non rientrando nei piani della società[12], è acquistato dalla Salernitana[13] (Serie B), in cui milita per una stagione prima di passare al Genoa in cambio di Salvatore Soviero[14] (altre due annate in Serie B). Nel giugno 2003 è allo Spezia, in Serie C1, dove finisce quasi subito fuori rosa[15] e nel gennaio 2004 passa al Cuoiopelli Cappiano Romaiano, in Serie C2[16], dove chiude la carriera.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Conta 15 convocazioni e 4 presenze nella nazionale italiana Under-21, con cui ha esordito il 12 novembre 1986 (0-0 contro l'Austria) e disputato l'ultima gara l'11 febbraio dell'anno seguente (vittoria per 2-1 sul Portogallo).

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il ritiro si lega a Luigi Cagni, tecnico che segue nelle esperienze al Catanzaro come preparatore dei portieri[17], all'Empoli nella stagione 2006-2007 e poi nello scorcio finale della stagione 2007-2008[18] e al Parma fino al settembre 2008, con entrambe le squadre anche nel ruolo di vice. Il 30 giugno 2010 il Lecce durante una conferenza stampa per il cambio della presidenza, ufficializza il suo ingaggio per la stagione 2010-2011 come preparatore dei portieri[19]. Ottenuta la salvezza e la consacrazione del portiere Antonio Rosati, passato poi al Napoli, viene riconfermato anche per la stagione successiva quando compie un altro grande lavoro con Massimiliano Benassi. Rimane al Lecce fino al gennaio 2013, quando viene sostituito con Raffaele Di Fusco, che fa parte dello staff del nuovo allenatore Antonio Toma, subentrato a Franco Lerda[20].

Nell'estate 2013 viene assunto dal Sassuolo, neopromosso in Serie A, come allenatore dei portieri[21]. Rimane in Emilia anche dopo il passaggio di Eusebio Di Francesco alla Roma e l'ingaggio di Cristian Bucchi come nuovo tecnico della formazione neroverde.[22]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Lecce: 1995-1996
Prato: 1982-1983

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 6 (1989-1990), Panini, 11 giugno 2012, p. 28.
  2. ^ 35 (-28) se si comprende lo spareggio con il Lanerossi Vicenza
  3. ^ a b c Acquisti e cessioni Inter 1980-1990 Archiviato il 18 febbraio 2013 in Internet Archive. storiainter.it
  4. ^ Stagione 1982-1983 tifosiprato.tifonet.it
  5. ^ Rosa 1984-1985 storiapiacenza1919.it
  6. ^ E BORGHI ARRIVA AD ASCOLI PER QUALCHE DOLLARO IN PIU' La Repubblica, 26 giugno 1986, pag.33
  7. ^ 'LORIERI RESTA CON NOI' LA SOCIETA' TORNA INDIETRO La Repubblica, 20 settembre 1988, pag.43
  8. ^ LIQUIDAZIONE PORTIERI La Repubblica, 18 settembre 1988, pag.43
  9. ^ Maledetta fretta La Repubblica, 20 agosto 1989, pag.20
  10. ^ MA BALBO È UNA SCOMMESSA La Repubblica, 28 luglio 1993, pag.23
  11. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 10 (1993-1994), Panini, 9 luglio 2012, p. 10.
  12. ^ a b Dal passato al futuro nel segno di Fabrizio Lorieri lecceprima.it
  13. ^ In principio fu il portiere[collegamento interrotto] salernoinprima.it
  14. ^ Arrivato Lorieri addio a Soviero La Repubblica, 11 agosto 2000
  15. ^ Job stella a Cremona Donzella nell'oblio La Repubblica, 5 gennaio 2003
  16. ^ Riecco Lorieri, gioca in C2 La Repubblica, 28 gennaio 2004
  17. ^ Fabrizio Lorieri nuovo preparatore dei portieri uscatanzaro.net
  18. ^ UFFICIALE: Empoli, torna Cagni tuttomercatoweb.com
  19. ^ PIERANDREA SEMERARO NUOVO PRESIDENTE, su sport.repubblica.it.
  20. ^ Dopo tre anni via anche Lorieri Archiviato il 28 gennaio 2013 in Internet Archive. Leccegiallorossa.net
  21. ^ Sassuolo: Di Francesco prolunga: al timone per altri due anni Repubblica.it
  22. ^ Ecco lo staff tecnico del Sassuolo di mister Bucchi, su Canale Sassuolo, 10 luglio 2017. URL consultato il 10 luglio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]