Ludo Coeck

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ludo Coeck
Ludo Coeck & Eric Gerets.jpg
Coeck (a sinistra) nel ritiro della Nazionale nel 1980, assieme al collega Gerets.
Nazionalità Belgio Belgio
Altezza 184 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 1985
Carriera
Giovanili
1965-1972 Berchem
Squadre di club1
1971-1972Berchem7 (7)
1972-1983Anderlecht292 (54)
1983-1984Inter9 (0)
1984-1985Ascoli0 (0)
1985RWD Molenbeek0 (0)
Nazionale
1974-1984 Belgio Belgio 46 (4)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Ludovic Coeck, meglio conosciuto come Ludo Coeck (Berchem, 25 settembre 1955Edegem, 9 ottobre 1985), è stato un calciatore belga, di ruolo centrocampista.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 ottobre 1985, dopo essere stato ospite ad una trasmissione televisiva, rimase vittima di un fatale incidente d'auto nei pressi di Rumst, tra Anversa e Bruxelles. Le numerose fratture e il trauma cranico ne causarono la morte clinica, e Coeck si spense il 9 ottobre alla clinica dell'Università di Anversa, ad Edegem.[1]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocò soprattutto come centrocampista centrale, ma anche come mezz'ala sinistra. Iniziò la sua carriera giocando come centravanti[1] ed era soprannominato Boom Boom perché capace di scagliare violentissimi tiri dalla lunga distanza[2].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Coeck (a sinistra) all'Anderlecht nel 1978, mentre esce dal campo assieme al portiere Munaron.

Cresciuto nelle giovanili della squadra della sua città natale, il Berchem, all'età di diciassette anni si trasferì al prestigioso club belga dell'Anderlecht, di cui divenne quasi immediatamente un punto di riferimento, tanto da diventare titolare della propria nazionale a 19 anni non ancora compiuti[2]. In otto anni vince due scudetti, tre coppe del Belgio, due Coppe delle Coppe, una Coppa UEFA e due Supercoppe Europee[2].

Nell'estate del 1983 passò per 2 miliardi di lire all'Inter che, rimasta scottata dal mancato acquisto di Paulo Roberto Falcão, vinse la concorrenza del Milan[2]. La sua esperienza a Milano fu condizionata da una serie di infortuniì[3]: già nel precampionato si procurò uno stiramento muscolare in un'amichevole col Livorno; ebbe poi una distorsione alla caviglia col Parma in Coppa Italia e una botta al costato con l'Udinese in campionato[2].

Dopo un altro problema alla caviglia, che Coeck lamentò durante la partita Belgio-Svizzera valevole per la qualificazione agli Europei, i dirigenti nerazzurri si convinsero di privarsi del calciatore[2]. Nel 1984 passò all'Ascoli dove venne accolto in modo trionfale dal pubblico marchigiano, ma il riacutizzarsi dell'ennesimo infortunio patito durante il pre-campionato costrinse la società a rescindere il contratto prima ancora dell'inizio del campionato.[3]

Coeck tornò quindi in Belgio per curarsi (gli era stata diagnosticata, nel frattempo, un'anomalia all'anca[2]) e rimase inattivo quasi un anno prima di accasarsi con il RWD Molenbeek. Ma nel mese di ottobre del 1985 un incidente stradale mise fine prematuramente alla sua vita. Ha collezionato 46 presenze con la nazionale belga, partecipando anche ai mondiali di Spagna nel 1982 (segnando un bellissimo gol contro El Salvador) e agli europei francesi nel 1984.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Belgio
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
08/09/1974 Reykjavík Islanda Islanda 0 – 2 Belgio Belgio Qual. Euro 1976 -
30/04/1975 Anversa Belgio Belgio 1 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
06/09/1975 Liegi Belgio Belgio 1 – 0 Islanda Islanda Qual. Euro 1976 -
27/09/1975 Bruxelles Belgio Belgio 1 – 2 Germania Est Germania Est Qual. Euro 1976 -
15/11/1975 Parigi Francia Francia 0 – 0 Belgio Belgio Qual. Euro 1976 -
25/04/1976 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 0 Belgio Belgio Qual. Euro 1976 -
05/09/1976 Reykjavík Islanda Islanda 0 – 1 Belgio Belgio Qual. Mondiali 1978 -
10/11/1976 Liegi Belgio Belgio 2 – 0 Irlanda del Nord Irlanda del Nord Qual. Mondiali 1978 -
26/01/1977 Roma Italia Italia 2 – 1 Belgio Belgio Amichevole -
26/03/1977 Anversa Belgio Belgio 0 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 1978 -
26/10/1977 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 0 Belgio Belgio Qual. Mondiali 1978 -
16/11/1977 Belfast Irlanda del Nord Irlanda del Nord 3 – 0 Belgio Belgio Qual. Mondiali 1978 -
21/12/1977 Liegi Belgio Belgio 0 – 1 Italia Italia Amichevole -
22/03/1978 Charleroi Belgio Belgio 1 – 0 Austria Austria Amichevole -
19/04/1978 Magdeburgo Germania Est Germania Est 0 – 0 Belgio Belgio Amichevole -
20/09/1978 Lokeren Belgio Belgio 1 – 1 Norvegia Norvegia Qual. Euro 1980 -
11/10/1978 Lisbona Portogallo Portogallo 1 – 1 Belgio Belgio Qual. Euro 1980 -
15/11/1978 Tel Aviv Israele Israele 1 – 0 Belgio Belgio Amichevole -
18/03/1980 Bruxelles Belgio Belgio 2 – 0 Uruguay Uruguay Amichevole -
02/04/1980 Bruxelles Belgio Belgio 2 – 1 Polonia Polonia Amichevole 1
15/10/1980 Dublino Irlanda Irlanda 1 – 1 Belgio Belgio Qual. Mondiali 1982 -
19/11/1980 Bruxelles Belgio Belgio 1 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 1982 -
21/12/1980 Nicosia Cipro Cipro 0 – 2 Belgio Belgio Qual. Mondiali 1982 -
18/02/1981 Bruxelles Belgio Belgio 3 – 2 Cipro Cipro Qual. Mondiali 1982 -
25/03/1981 Bruxelles Belgio Belgio 1 – 0 Irlanda Irlanda Qual. Mondiali 1982 -
09/09/1981 Bruxelles Belgio Belgio 2 – 0 Francia Francia Qual. Mondiali 1982 -
24/03/1982 Bruxelles Belgio Belgio 4 – 1 Romania Romania Amichevole -
28/04/1982 Bruxelles Belgio Belgio 0 – 1 Bulgaria Bulgaria Amichevole -
27/05/1982 Copenaghen Danimarca Danimarca 1 – 0 Belgio Belgio Amichevole -
13/06/1982 Barcellona Argentina Argentina 0 – 1 Belgio Belgio Mondiali 1982 -
19/06/1982 Elche Belgio Belgio 1 – 0 El Salvador El Salvador Mondiali 1982 1
22/06/1982 Elche Belgio Belgio 1 – 1 Ungheria Ungheria Mondiali 1982 -
28/06/1982 Barcellona Belgio Belgio 0 – 3 Polonia Polonia Mondiali 1982 -
01/07/1982 Barcellona Belgio Belgio 0 – 1 URSS URSS Mondiali 1982 -
22/09/1982 Monaco di Baviera Germania Ovest Germania Ovest 0 – 0 Belgio Belgio Amichevole -
06/10/1982 Bruxelles Belgio Belgio 3 – 0 Svizzera Svizzera Qual. Euro 1984 1
15/12/1982 Bruxelles Belgio Belgio 3 – 2 Scozia Scozia Qual. Euro 1984 -
30/03/1983 Lipsia Germania Est Germania Est 1 – 2 Belgio Belgio Qual. Euro 1984 -
27/04/1983 Bruxelles Belgio Belgio 2 – 1 Germania Est Germania Est Qual. Euro 1984 1
31/05/1983 Lussemburgo (città) Belgio Belgio 1 – 1 Francia Francia Settantacinquesimo anniversario della Federazione calcistica lussemburghese -
21/09/1983 Bruxelles Belgio Belgio 1 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
12/10/1983 Glasgow Scozia Scozia 1 – 1 Belgio Belgio Qual. Euro 1984 -
09/11/1983 Berna Svizzera Svizzera 3 – 1 Belgio Belgio Qual. Euro 1984 -
06/06/1984 Bruxelles Belgio Belgio 2 – 2 Ungheria Ungheria Amichevole -
16/06/1984 Nantes Francia Francia 5 – 0 Belgio Belgio Euro 1984 -
19/06/1984 Strasburgo Belgio Belgio 2 – 3 Danimarca Danimarca Euro 1984 -
Totale Presenze 46 Reti 4

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Anderlecht: 1972-1973, 1974-1975, 1975-1976
Anderlecht: 1973-1974, 1980-1981

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Anderlecht: 1975-1976, 1977-1978
Anderlecht: 1976, 1978
Anderlecht: 1982-1983

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b L'ultima corsa di Ludo Coeck, La Repubblica, 1º settembre 2009. URL consultato il 1º settembre 2009.
  2. ^ a b c d e f g Ludo Coeck, perseguitato dalla sfortuna fino alla morte, Tuttomercatoweb.com, 15 settembre 2013
  3. ^ a b Ventisei anni fa veniva a mancare Ludo Coeck.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN291726340 · ISNI (EN0000 0003 9670 8398