Marino Perani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marino Perani
Bo-fc-perani.jpg
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 1975 - giocatore
1998 - allenatore
Carriera
Giovanili
19??-1956 Atalanta
Squadre di club1
1956-1958 Atalanta 31 (6)
1958-1959 Bologna 25 (3)
1959-1960 Padova 28 (8)
1960-1974 Bologna 296 (61)
1974-1975 Toronto Metros-HRV 8 (1)
Nazionale
19?? Italia Italia U-21 1 (2)
19?? Italia Italia B 2 (0)
1966 Italia Italia 4 (1)
Carriera da allenatore
1978-1980 Bologna
1980-1981 Udinese
1981-1982 Brescia
1982-1983 Salernitana
1983-1985 Parma
1985-1986 Padova
1986-1987 Sanremese
1987-1988 Reggiana
1989-1990 Ravenna
1997-1998 Iperzola
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Marino Perani (Ponte Nossa, 27 ottobre 1939) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Attaccante di fascia destra dal fisico minuto, dotato di classe e di buona visione di gioco, specialista nei cross da fondo campo[1]. Era dotato di buon tiro dalla distanza, grazie al quale ha segnato oltre 80 reti in carriera[2].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nell'Atalanta, esordì giovanissimo in Serie A nel campionato 1956-57 diventando titolare fin dal successivo, ricoprendo il ruolo di ala destra. Nel 1958, diciannovenne, passò al Bologna, legando in modo indissolubile il suo nome alla squadra rossoblù e formando con Ezio Pascutti una celeberrima coppia di ali. Dopo una prima buona stagione, nel campionato 1959-60 fu mandato al Padova di Nereo Rocco per fare esperienza. Ripreso dal Bologna, fu titolare indiscusso dal 1960 al 1974.

Perani (accosciato, primo da sinistra) nel Bologna del 1960-1961

Nel campionato 1963-1964 fu tra i protagonisti della conquista del settimo ed ultimo scudetto da parte del Bologna, disputando anche lo spareggio a Roma contro l'Inter, che assegnò il titolo. Nel corso dello stesso campionato Perani fu tra i 5 giocatori coinvolti nel clamoroso "caso doping", dal quale peraltro uscì, come i suoi compagni, prosciolto per non aver commesso il fatto.

Con la maglia rossoblu vinse due Coppe Italia nel 1970 e nel 1974. Nello stesso anno 1970 vinse anche la Coppa di Lega Italo-Inglese giocando nella doppia finale contro il Manchester City[3]. È il 5º giocatore di sempre per presenze con la maglia del Bologna, avendo totalizzato ben 415 presenze in incontri ufficiali[4].

Chiuse la carriera in Canada con la maglia del Toronto Metros-Croatia nel 1975. In totale ha collezionato 380 presenze in serie A[5].

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Con la Nazionale ha esordito il 14 giugno 1966, segnando anche una rete alla Bulgaria. In quello stesso anno, ha partecipato ai Mondiali in Inghilterra scendendo in campo in tutte le 3 gare della fase a gironi. Non venendo più convocato in seguito, conta 4 presenze con la maglia azzurra.[6]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Appese le scarpe al chiodo nel 1975, Perani rimase a vivere a Bologna e lavorò nella società come allenatore delle squadre giovanili. I buoni risultati ottenuti indussero il presidente Conti, nel gennaio del 1979, ad affidargli la prima squadra dopo l'esonero di Bruno Pesaola. Ma dopo sole sette partite caratterizzate da risultati negativi Perani fu avvicendato da Cesarino Cervellati, che portò la squadra alla salvezza. Con decisione un po' a sorpresa, per il campionato successivo, quello del 1979-1980, la nuova dirigenza affidò proprio a Perani la panchina della squadra[7]; il traguardo della salvezza fu raggiunto senza patemi, ma comunque a fine stagione Perani fu sollevato dall'incarico.

Perani, tecnico del Bologna, esce dal campo assieme a Castronaro sul finire degli anni '70.

Terminato per sempre il rapporto pluriennale coi rossoblù, nel 1980 passò ad allenare l'Udinese, sempre in Serie A, ma fu esonerato verso metà campionato. Nella stagione seguente, 1981-1982, alla 15ª giornata subentrò ad Alfredo Magni sulla panchina del Brescia, in Serie B, ma non riuscì a evitare la retrocessione delle rondinelle in Serie C1.

Nel 1982-1983 subentrò sulla panchina della Salernitana, in C1. La stagione 1983-1984 vide Perani di nuovo in C1 sulla panchina del Parma[8]: dopo un campionato di testa la squadra si piazzò al primo posto del girone (a pari punti proprio col Bologna) e ottenne quindi la promozione in cadetteria; ma nel campionato successivo i negativi risultati dei dicali (poi retrocessi) indussero la società a licenziare l'allenatore a stagione in corso.

Gli anni successivi, fino al 1990, videro Perani accettare panchine di C1 e C2 in sostituzione di colleghi esonerati. Nel 1997 allenò l'Iperzola, squadra dell'hinterland bolognese.

È opinionista in varie trasmissioni televisive locali di carattere sportivo.[senza fonte]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
14/06/1966 Bologna Italia Italia 6 – 1 Bulgaria Bulgaria Amichevole 1
22/06/1966 Torino Italia Italia 3 – 0 Argentina Argentina Amichevole -
13/07/1966 Sunderland Italia Italia 2 – 0 Cile Cile Mondiali 1966 - 1º Turno -
19/07/1966 Middlesbrough Corea del Nord Corea del Nord 1 – 0 Italia Italia Mondiali 1966 - 1º Turno -
Totale Presenze 4 Reti 1

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Bologna: 1963-1964
Bologna: 1969-1970, 1973-1974
Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]
Bologna: 1961
Bologna: 1970

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Parma: 1983-1984 (girone A)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]