Angelo Castronaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Angelo Castronaro
Angelo Castronaro.jpg
Angelo Castronaro con la maglia del Bologna (1978)
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex Interno)
Ritirato 1985 - giocatore
Carriera
Giovanili
Sambenedettese
Squadre di club1
1970-1971 Sambenedettese 8 (1)
1971-1972 Fermana 24 (2)
1972-1975 Sambenedettese 83 (13)
1975-1978 Genoa 94 (5)
1978-1980 Bologna 45 (1)
1980-1982 SPAL 65 (8)
1982-1983 Arezzo 22 (0)
1983-1985 Civitanovese 56 (1)
Carriera da allenatore
1992-1993Altamura[1]
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Angelo Castronaro (Porto Sant'Elpidio, 3 agosto 1952) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto calcisticamente nella Sambenedettese, dove si mise in luce negli anni d'oro dei rossoblu, con alla guida il triestino Marino Bergamasco, e dopo una breve militanza nella Fermana, in serie D, conquistò la seconda promozione storica in Serie B della Samb, nel campionato di Serie C del 1973-1974.

Castronaro (in piedi, primo da sinistra) nel Genoa del 1975-1976

Venne ceduto al Genoa dove conquistò un'altra promozione, questa volta in Serie A nel campionato di Serie B del 1975-1976, per poi così esordire in Serie A, allo Stadio Luigi Ferraris contro la Roma (2-2).

In massima serie colleziona 93 presenze con 3 reti all'attivo indossando le maglie del Genoa e Bologna, per poi passare alla SPAL, quindi all'Arezzo sempre in Serie B (158 presenze e 17 reti complessive in cadetteria) e, a fine carriera, alla Civitanovese in Serie C.

È citato da Carlo Petrini, suo compagno di squadra al Bologna, nel libro Nel fango del dio pallone, come uno dei due calciatori dei rossoblu (con Renato Sali) ad aver rifiutato di partecipare ad una presunta combine in occasione di un incontro con la Juventus.[2]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Sambenedettese: 1973-1974
Genoa: 1975-1976

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Almanacco illustrato del calcio 1993, edizioni Panini, pag. 358
  2. ^ Carlo Petrini, Nel fango del dio pallone (2000) shevalove.blogspot.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]