Renato Sali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Renato Sali
Renato Sali - US Foggia 1976-77.jpg
Sali al Foggia nella stagione 1976-1977
Nazionalità Italia Italia
Altezza 178 cm
Peso 71 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Ritirato 1983
Carriera
Giovanili
19??-19??Atalanta
Squadre di club1
1969-1970Atalanta0 (0)
1970-1974Reggina140 (1)
1974-1978Foggia112 (2)
1978-1981Bologna77 (0)
1981-1983Brescia38 (0)
Nazionale
1972Italia Italia B2(0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Renato Sali (Ticengo, 11 giugno 1949) è un ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Oltre all'aspetto sportivo, salì alla ribalta nell'ambiente calcistico italiano anche per la ricercata somiglianza con il più famoso Paul Breitner[1] — guadagnandosi per questo motivo il soprannome di Breitner della Bassa —,[2] nonché per l'impegno politico a sinistra.[1]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Era un terzino sinistro[2] arcigno, di grande temperamento, dotato di discreta tecnica individuale e buona facilità di corsa. Poteva giocare anche da stopper.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Sali con la maglia del Bologna nel 1980-1981

Cresciuto nella giovanili dell'Atalanta, senza riuscire ad approdare in prima squadra, nel 1970 viene ceduto alla Reggina con cui disputa da titolare quattro campionati di Serie B, fino alla retrocessione della stagione 1973-1974.

Rimane fra i cadetti trasferendosi al Foggia, appena sceso dalla Serie A. Anche in Puglia Sali resta per quattro anni, conquistando la promozione in massima serie nel campionato 1975-1976, e disputando poi due annate in Serie A fino alla retrocessione nel torneo 1977-1978.

Passa quindi al Bologna dove è per tre stagioni titolare in massima serie. In Emilia viene altresì ricordato per essere stato uno dei soli due calciatori rossoblù, assieme ad Angelo Castronaro, ad aver rifiutato di prender parte alla combine in occasione di una sfida contro l'Avellino.[1]

Nel 1981 viene ceduto, nella sessione autunnale di calciomercato, al Brescia. Con le rondinelle disputa due stagioni, la prima in Serie B e la seconda in Serie C1. In carriera ha collezionato complessivamente 136 presenze in Serie A, e 208 presenze e 3 reti in Serie B; ha inoltre totalizzato due presenze in nazionale B.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Malcon Pagani, Renato Sali, il personaggio, in l'Unità, 25 gennaio 2009, p. 47 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  2. ^ a b Zara, Calzaretta, Breitner della Bassa.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]