Spartaco Landini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Spartaco Landini
Spartaco Landini.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 179 cm
Peso 73 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 1978 - giocatore
Carriera
Giovanili
Sangiovannese
Squadre di club1
1962-1970Inter94 (1)
1970-1973Palermo97 (0)
1973-1976Napoli26 (0)
1976-1978Sangiovannese69 (0)
Nazionale
1966 Italia Italia 4 (0)
Carriera da allenatore
1978-1979Avellino(vice)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Spartaco Landini (Terranuova Bracciolini, 31 gennaio 1944Genova, 16 aprile 2017) è stato un dirigente sportivo, allenatore di calcio e calciatore italiano, di ruolo difensore.

Era fratello di Fausto Landini, anch'egli ex calciatore.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nella Sangiovannese, ha iniziato ed ha trascorso gran parte della sua carriera da calciatore professionista all'Inter, dalla stagione 1962-1963 alla stagione 1970-1971. Agli inizi nella squadra milanese, all'epoca allenata da Helenio Herrera, era utilizzato come riserva, ma col passare del tempo si guadagnò un posto in prima squadra, divenendo titolare nella stagione 1969-1970, in cui disputò 29 partite in Serie A e segnò un gol. Fece parte della cosiddetta Grande Inter che vinse quattro scudetti, due Coppe dei Campioni e due Coppe Intercontinentali.

Landini (in piedi, terzo da destra) nell'Inter del 1966-1967

Negli anni settanta ha poi concluso la sua carriera vestendo le maglie del Palermo, del Napoli (dove per due anni ebbe accanto l'ex compagno dell'Inter e della Nazionale Tarcisio Burgnich e con cui vinse la Coppa Italia 1975-1976) e, infine, della Sangiovannese.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Fu convocato nella Nazionale di calcio dell'Italia per i Mondiali del 1966 in Inghilterra, dove disputò una sola partita, quella persa contro la Nazionale di calcio nordcoreana.

In totale ha collezionato 4 presenze con la maglia azzurra.

Dirigente[modifica | modifica wikitesto]

Dopo esser stato direttore sportivo del Catanzaro[1] e del Genoa[2], è divenuto dirigente della Lucchese.[3]

Il 1º luglio 2013 diventa collaboratore del Direttore Sportivo Giancarlo Romairone allo Spezia[4], per poi passare nell'ottobre del 2014 al Varese[5].

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Si è spento nel 2017 a 73 anni a causa di una leucemia mieloide acuta.[6]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
18-6-1966 Milano Italia Italia 1 – 0 Austria Austria Amichevole -
19-7-1966 Middlesbrough Corea del Nord Corea del Nord 1 – 0 Italia Italia Mondiali 1966 - 1º turno -
1-11-1966 Milano Italia Italia 1 – 0 URSS URSS Amichevole - Ingresso al 76’ 76’
26-11-1966 Napoli Italia Italia 3 – 1 Romania Romania Qual. Euro 1968 -
Totale Presenze 4 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Inter: 1964-1965; 1965-1966
Napoli: 1975-1976

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Inter: 1964-1965

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ È morto Spartaco Landini, fu anche d.s. del Catanzaro, in gazzettadelsud.it, 16 aprile 2017. URL consultato il 17 aprile 2017.
  2. ^ Genoa in lutto, è morto Spartaco Landini, in ilsecoloxix.it, 16 aprile 2017. URL consultato il 17 aprile 2017.
  3. ^ Morto Spartaco Landini, ex dirigente rossonero, in gazzettalucchese.it, 17 aprile 2017. URL consultato il 17 aprile 2017.
  4. ^ Giancarlo Petrini e Spartaco Landini entrano nella famiglia Spezia Acspezia.com
  5. ^ Spartaco Landini nuovo Direttore Sportivo [collegamento interrotto], in varese1910.it, 22 ottobre 2014. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  6. ^ F. Q., Spartaco Landini, addio al terzino della gloriosa Inter di Herrera. È stato direttore sportivo di Genoa e Catanzaro, in ilfattoquotidiano.it, 17 aprile 2017. URL consultato il 18 aprile 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Calciatori. La raccolta completa degli album Panini. 1973-74. Milano-Modena, La Gazzetta dello Sport-Panini, 2004.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]