Antonio Renna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonio Renna
Mimmo Renna.jpg
Renna alla Lazio nella stagione 1965-1966
Nazionalità Italia Italia
Altezza 175 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 1973 - giocatore
1997 - allenatore
Carriera
Giovanili
19??-19?? Fiorentina
Squadre di club1
1955-1956 Bianco e Nero.svg Juventina Lecce ? (?)
1956-1957 Livorno 11 (2)
1957-1959 Lecce 34+ (24)
1959-1964 Bologna 94 (14)
1964-1966 Lazio 33 (6)
1966-1969 Varese 53 (12)
1969-1973 Brindisi 107 (22)
Carriera da allenatore
19??-19?? Nardò
1974-1975 Brindisi
1975-1977 Lecce
1977-1979 Ascoli
1979-1981 Bari
1981-1983 Palermo
1983-1984 Catanzaro
1984-1985 Catania
1985-1987 Taranto
1987-1988 Casertana
1989 Livorno
1990-1991 Giarre [1]
19??-19?? Casarano
1995-1996 Nardò
1996-1997 Toma Maglie
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Antonio Renna detto Mimmo (Lecce, 2 marzo 1937) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Crebbe calcisticamente nella Fiorentina, che dopo averlo prestato al Livorno Calcio[2] lo cedette definitivamente al Lecce[3], squadra della sua città. Ha vestito le maglie di Bologna, Lazio e Varese in Serie A, collezionando 150 presenze e 22 gol in totale. Giocò anche nel Brindisi allenato da Luis Vinicio, con il quale ottenne nel 1972 una storica promozione in serie B. Con il Bologna ha vinto lo scudetto della stagione 1963-1964. Per le scorribande sulle fasce e i suoi dribbling prepotenti, fu soprannominato il "Garrincha dei poveri".

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Ha allenato soprattutto squadre di Serie B. La prima panchina importante fu a Brindisi, squadra nella quale aveva chiuso la carriera di giocatore. Nella stagione 1974-1975 portò gli adriatici alla salvezza, l'ultima della storia dei biancazzurri in cadetteria. Fu tra i dieci aspiranti tecnici a frequentare il primo corso per allenatori di Coverciano, diretto da Italo Allodi (suoi compagni di corso furono Giovanni Trapattoni, Osvaldo Bagnoli, Luis Suarez, Gianni Di Marzio e Gigi Simoni).

Ricondusse in serie cadetta il Lecce, dopo 27 anni dall'ultima promozione, al termine della stagione 1975-1976, quando subentrò al tecnico Nicola Chiricallo, nella stessa annata in cui i giallorossi fecero registrare anche l'imbattibilità casalinga,[4] la vittoria della Coppa Italia Semiprofessionisti e della Coppa Italo-Inglese Semiprofessionisti. Al primo anno di B, nella stagione 1976-1977, guida i salentini al settimo posto finale, dopo aver lottato per la promozione in A fino a poche giornate dal termine del torneo ed eliminando il Torino scudettato dalla Coppa Italia. Secondo molti opinionisti dell'epoca, i giallorossi di Mimmo Renna giocavano il miglior calcio della serie B.

Successivamente fu il tecnico dell'Ascoli dei record nella stagione 1977-1978.[5] I marchigiani dello storico presidente Costantino Rozzi, ottennero la promozione in Serie A con due mesi di anticipo e stabilirono il record assoluto dei punti totalizzati in un campionato di Serie B a venti squadre: 61 (2 punti a vittoria), con 26 vittorie, 9 pareggi e 3 sconfitte; record imbattuto dopo quasi 40 anni, anche rapportando i successivi campionati con la vittoria a 3 punti. Quell'anno, nelle file bianconere si mise in luce Giovanni Roccotelli, inventore della cosiddetta rabona; mister Renna scoraggiava simpaticamente tale pratica tecnica, condannando amichevolmente il suo centrocampista al pagamento di una bottiglia di champagne per ogni cross sbagliato, ma il fantasioso giocatore eseguiva il colpo sempre in maniera esemplare. Renna allenò i bianconeri anche nell'anno calcistico successivo in Serie A, terminandolo al decimo posto in classifica, dopo essersi tolto la soddisfazione di battere la Juventus campionessa d'Italia, allenata da Trapattoni.

Renna, alla guida dell'Ascoli, viene portato in trionfo dai tifosi dopo la vittoria del torneo di Serie B 1977-1978.

Nel 1979 il presidente del Bari, Antonio Matarrese, lo chiamò ad allenare i biancorossi militanti in Serie B, impegnandosi a organizzare con il tecnico una squadra che potesse (secondo loro e i tecnici baresi) conquistare la massima serie;[6] Renna scelse il progetto della robusta società di Matarrese dopo aver rifiutato le offerte del Genoa e del Bologna e ottenne nella stagione 1979-1980 la salvezza con quattro punti di distacco dalla zona retrocessione (dopo un buon girone d'andata, che vide il Bari nei primi cinque posti di classifica), dopo aver subito gli infortuni dei due attaccanti Libera e Gaudino[6]. Nella stagione 1980-1981, dopo aver rifiutato in estate la prestigiosa offerta del Napoli in serie A, si dimise dopo la 26ª giornata,[7] con 24 punti in classifica.

Successivamente allenò in seconda serie anche il Palermo per due stagioni (6º posto a pari punti con il Perugia nel campionato 1981-1982). Il Palermo di Mimmo Renna è stata una delle squadre più amate dalla tifoseria rosanero. Il gioco fantasioso e spregiudicato dell'allenatore leccese, unitamente alle qualità tecniche di Gian Piero Gasperini, Antonio Lopez, Giampaolo Montesano e il bomber Gianni De Rosa, sono ricordati nel capoluogo isolano.

Dopo due anni trascorsi a Palermo, nell'estate del 1983, per la prima volta, non trovò ingaggio immediato, venendo poi chiamato alla decima di campionato sulla panchina del Catanzaro appena retrocesso dalla massima serie. Renna prese il posto di Mariolino Corso, trovandosi a guidare una squadra con evidenti difficoltà e con un forte ritardo accumulato; nonostante un buon girone di ritorno, i giallorossi retrocessero, pur mostrando un Calcio considerato pregevole.

Nella stagione 1984-1985 fu chiamato sulla panchina del Catania. I rossoazzurri del presidente Angelo Massimino erano tornati in B dopo la retrocessione dalla Serie A del campionato precedente, mantenendo in rosa i due brasiliani Pedrinho e Luvanor. All'inizio la squadra di Renna si propose tra le prime fino alla fine del girone d'andata, ma dopo l'allontanamento del ds Giacomo Bulgarelli (per 5 anni compagno di squadra del leccese, nel Bologna), accusò un calo, ottenendo a fine stagione la salvezza.

L'anno dopo alla guida del Taranto in serie C1, ottenne la promozione in B, al termine di un torneo ricordato dagli ionici, che mise in luce il talento estroso del centrocampista Pietro Maiellaro. Gli ultimi anni della carriera professionistica lo videro sulle panchine di Casertana, Livorno e Giarre in serie C1, prima di uscire gradualmente di scena e accettare incarichi passeggeri fra i Dilettanti. Dal 1999 al 2008 è stato direttore della scuola calcio del Comune di Lecce, su indicazione dell'allora sindaco Adriana Poli Bortone, la quale ebbe a dichiarare che Mimmo Renna, primo calciatore leccese a vincere uno scudetto, fu "il suo mito sportivo della giovinezza".

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Lecce: 1956-1957 (girone G)
Bologna: 1963-1964
Brindisi: 1971-1972 (girone C)

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Bologna: 1961

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Almanacco Illustrato del Calcio 1992, Modena, Panini.
  • Gianni Antonucci, 1908-1998 90 Bari, Bari, Uniongrafica Corcelli, 1998.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]