Coppa Ali della Vittoria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Coppa Ali della Vittoria
Coppa Ali della vittoria.svg
SportFootball pictogram.svg Calcio
Conferito daLega B
Fondazione2006-2007
Soppressione2019-2020
Assegnato avincitore della Serie B
Frequenzaannuale
Numero edizioni14
Maggiori vittorie16 squadre (1)

La Coppa Ali della Vittoria è stato il trofeo assegnato al club vincitore del campionato italiano di calcio di Serie B tra le stagioni 2006-2007 e 2019-2020.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Realizzato in placcatura d'argento, pesa circa kg ed è alto poco più di 60 cm. Il basamento è costituito da una figura che ricorda la Vittoria, divinità alata che sostiene la coppa vera e propria, il cui disegno richiama un braciere olimpico.

Negli anni 1960 fu istituita la consuetudine di premiare il vincitore del torneo di Serie B con una coppa, così come avveniva per il vincitore del campionato di Serie A; ma in entrambi i casi essa veniva sempre consegnata nel corso di una cerimonia privata nella sede della Lega Nazionale Professionisti.

Dalla stagione 2006-2007, in occasione della vittoria della blasonata Juventus, si decise di istituire una cerimonia di premiazione sul campo:[1] a tal fine l'allora presidente della Lega Calcio, Antonio Matarrese, fece realizzare un nuovo trofeo, appunto la Coppa Ali della Vittoria, da consegnarsi al capitano della squadra vincitrice del campionato al termine dell'ultima giornata del torneo o, nel caso di vittoria acquisita con almeno un turno di anticipo, dell'ultima gara casalinga.

La Coppa Ali della Vittoria è stata consegnata quattordici volte e alzata da capitani di quattordici società differenti in quanto, curiosamente, nessun club ha vinto la serie cadetta più di una volta dall'istituzione della stessa.

Il trofeo è stato consegnato per l'ultima volta nella stagione 2019-2020 quando nell'occasione, eccezionalmente, è stato proposto, oltre che alla formazione prima classificata, anche alle altre due promosse;[2][3] dopodiché a partire dal campionato seguente è stato introdotto un nuovo trofeo.[4]

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

L'Atalanta riceve il trofeo nella cerimonia pubblica al termine della stagione 2010-2011.
Stagione Vincitore Allenatore Capitano
2006-2007 Juventus Italia Giancarlo Corradini[5] Italia Alessandro Del Piero
2007-2008 Chievo Italia Giuseppe Iachini Italia Sergio Pellissier
2008-2009 Bari Italia Antonio Conte Belgio Jean François Gillet
2009-2010 Lecce Italia Luigi De Canio Uruguay Guillermo Giacomazzi
2010-2011 Atalanta Italia Stefano Colantuono Italia Cristiano Doni
2011-2012 Pescara Rep. Ceca Zdeněk Zeman Italia Marco Sansovini
2012-2013 Sassuolo Italia Eusebio Di Francesco Italia Francesco Magnanelli
2013-2014 Palermo Italia Giuseppe Iachini Paraguay Édgar Barreto
2014-2015 Carpi Italia Fabrizio Castori Italia Filippo Porcari
2015-2016 Cagliari Italia Massimo Rastelli Italia Daniele Dessena
2016-2017 SPAL Italia Leonardo Semplici Italia Nicolas Giani
2017-2018 Empoli Italia Aurelio Andreazzoli Italia Manuel Pasqual
2018-2019 Brescia Italia Eugenio Corini Italia Daniele Gastaldello
2019-2020 Benevento Italia Filippo Inzaghi Italia Christian Maggio
Crotone[6] Italia Giovanni Stroppa Italia Alex Cordaz
Spezia[6] Italia Vincenzo Italiano Italia Claudio Terzi

Albo d'oro per Regioni d'Italia[modifica | modifica wikitesto]

Regione Titoli Stagione
Emilia-Romagna Emilia-Romagna 3 2012-2013, 2014-2015, 2016-2017
Puglia Puglia 2 2008-2009, 2009-2010
Lombardia Lombardia 2 2010-2011, 2018-2019
Piemonte Piemonte 1 2006-2007
Veneto Veneto 1 2007-2008
Abruzzo Abruzzo 1 2011-2012
Sicilia Sicilia 1 2013-2014
Sardegna Sardegna 1 2015-2016
Toscana Toscana 1 2017-2018
Calabria Calabria 1 2019-2020
Campania Campania 1 2019-2020
Liguria Liguria 1 2019-2020

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Allenatori plurivincitori[modifica | modifica wikitesto]

  1. Italia Giuseppe Iachini 2

Calciatori plurivincitori[modifica | modifica wikitesto]

  1. Italia Raffaele Bianco 3
  2. Italia Simone Romagnoli 3
  3. Italia Davide Lanzafame 2
  4. Italia Marino Defendi 2
  5. Italia Guido Marilungo 2
  6. Italia Michele Troiano 2
  7. Italia Emanuele Terranova 2
  8. Italia Gennaro Troianiello 2
  9. Paraguay Édgar Barreto 2
  10. Slovenia Aljaž Struna 2
  11. Italia Antonio Balzano 2
  12. Italia Marco Capuano 2
  13. Italia Davide Di Gennaro 2
  14. Italia Gianni Munari 2
  15. Italia Francesco Caputo 2
  16. Italia Lorenzo Lollo 2
  17. Brasile Gabriel 2
  18. Italia Michele Castagnetti 2
  19. Italia Daniele Dessena 2
  20. Italia Alfredo Donnarumma 2
  21. Spagna Alejandro Rodríguez 2
  22. Italia Luca Antei 2
  23. Italia Gaetano Letizia 2
  24. Italia Marco Sau 2
  25. Italia Pasquale Schiattarella 2
  26. Colombia Andrés Tello 2

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La grande festa, su juventus.com, 10 giugno 2007 (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2007).
  2. ^ A Crotone è festa promozione, su legab.it, 1º agosto 2020. URL consultato l'11 maggio 2021 (archiviato il 12 maggio 2021).
  3. ^ Lo Spezia per la prima volta in Serie A, su legab.it, 20 agosto 2020. URL consultato l'11 maggio 2021 (archiviato l'11 maggio 2021).
  4. ^ L'Empoli alza la coppa, su legab.it, 10 maggio 2021. URL consultato l'11 maggio 2021 (archiviato l'11 maggio 2021).
  5. ^ L'allenatore Didier Deschamps dimissionario il 27 maggio 2007, con promozione e primo posto in classifica aritmeticamente raggiunti, venne sostituito dal vice Giancarlo Corradini nelle ultime due giornate di campionato, ormai ininfluenti, cfr. L'addio di Deschamps è finalmente ufficiale. La Juve: "Contratto sciolto consensualmente", su repubblica.it, 26 maggio 2007. URL consultato il 29 settembre 2018 (archiviato il 25 giugno 2019).
  6. ^ a b Trofeo presentato anche al Crotone, secondo classificato, e allo Spezia, vincitore dei play-off, prima del suo ritiro.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio