Marco Masi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marco Masi
Marco Masi, Torino.jpg
Masi con la maglia del Torino
Nazionalità Italia Italia
Altezza 179 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Squadra Pianese
Ritirato 1992 - giocatore
Carriera
Giovanili
????-1973 non conosciuta Stella Azzurra
1973-1977 Torino
Squadre di club1
1977-1978 Torino 0 (0)
1978-1979 Genoa 19 (0)
1979-1981 Torino 32 (0)
1981-1983 Pistoiese 48 (0)
1983-1984 Napoli 14 (0)
1984-1985 Pisa 30 (1)
1985-1988 Catanzaro 89 (2)
1988-1989 Piacenza 34 (0)
1989-1990 Ancona 21 (1)
1991-1992 Pontedera 23 (1)
Carriera da allenatore
1992-1995 Pisa Giovanili
1995-1997 Lucchese Primavera
1997-1998 Aglianese
1998-1999 Pontedera
1999-2000 Sanremese
2001-2002 Cascina
2002 Fucecchio
2002-2004 Pisa Berretti
2004 Pisa Vice
2004-2005 Pisa
2005-2007 Cascina
2007-2010 Pontedera
2010-2012 Pontedera
2012-2013 Borgo a Buggiano
2013-2014 Follonica Gavorrano
2014-2015 Spezia Allievi Naz.
2015 Sampdoria Primavera
2016 Viareggio 2014
2017- Pianese
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Marco Masi (Pisa, 11 gennaio 1959) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore, tecnico della Pianese.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Giocava come libero[1]; tecnicamente dotato, accusava limiti di temperamento[2][3].

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Predilige lo schieramento a zona, con una difesa a 4[4] o a 3[5][6].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Cresce nel Torino, che lo preleva quattordicenne dai dilettanti pisani dello Stella Azzurra[2][7]. Fa la sua apparizione nella rosa della prima squadra nella Coppa Italia 1977-1978, disputando tre partite nel girone finale[3]. Viene poi ceduto in prestito al Genoa nel 1978, dove viene impiegato con discontinuità dai tre allenatori alternatisi sulla panchina dei Grifoni (Puricelli, Maroso e Bui)[3] con cui ottiene la salvezza.

Masi con la maglia del Napoli nel 1984

Rientrato al Torino, debutta in Serie A il 7 ottobre 1979 nell'undici iniziale in occasione della partita disputata contro la Fiorentina[8]. Inizialmente destinato a una nuova cessione in prestito, alla Biellese[7], rimane in rosa a causa degli infortuni del libero titolare Giorgio Carrera e di Renato Zaccarelli[7]; conquista la fiducia di Luigi Radice e in seguito di Ercole Rabitti (già suo allenatore nelle giovanili[2]) totalizzando 19 presenze. L'anno successivo, limitato dal servizio militare, disputa 13 partite con i granata[9].

Nel 1981 viene ceduto alla Pistoiese dove rimane per due anni prima di essere acquistato in comproprietà dal Napoli come riserva di Ruud Krol[10]. Sotto il Vesuvio disputa le sue ultime 14 presenze in Serie A, e a fine stagione viene riscattato dalla Pistoiese[11], che lo gira al Pisa, appena retrocesso in Serie B. In Toscana conquista da titolare la promozione in Serie A[12]

Dopo la promozione, tuttavia, non viene riconfermato, e viene ceduto al Catanzaro[13]. Nonostante una rosa di buon spessore, i calabresi retrocedono in Serie C1[14]; Masi rimane in giallorosso collaborando alla promozione in Serie B e, nella stagione successiva, a un sorprendente quinto posto finale[15].

Dopo tre stagioni in Calabria passa al Piacenza[1]; la stagione è negativa e la squadra termina all'ultimo posto nel campionato di Serie B 1988-1989. Si trasferisce quindi all'Ancona[16], sempre in Serie B, e poi al Pontedera, dove chiude la carriera agonistica a causa di un infortunio[6].

In carriera ha totalizzato complessivamente 46 presenze in Serie A e 214 presenze e 2 reti in Serie B.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato guidando le giovanili del Pisa e la Primavera della Lucchese per un biennio, tra il 1995 e il 1997[17]. Nel 1997 ha allenato l'Aglianese[17], con cui raggiunge i play-off nel Campionato Nazionale Dilettanti 1997-1998[5], prima di lavorare due stagioni nei professionisti al Pontedera[6] e alla Sanremese, dove viene esonerato nel marzo 2000[18] e successivamente richiamato[19], senza evitare la retrocessione dei matuziani. In seguito allena in Serie D il Cascina[20] e il Fucecchio, da cui si dimette dopo pochi per problemi economici della società[21]; nel corso della stessa stagione diventa, sia pur non ufficialmente, allenatore della Berretti del Pisa[22]

Dopo le dimissioni di Antonio Cabrini, di cui era il vice, nel novembre 2004 subentra alla guida della prima squadra[23]. Tuttavia in gennaio viene a sua volta esonerato, a causa dei risultati negativi ottenuti[24].

Dal 2005 al 2007 ha allenato di nuovo il Cascina in Serie D[25]. Dal 2007 allena il Pontedera, ancora in Serie D, mantenendo l'incarico fino all'estate del 2010 quando la nuova dirigenza granata affida la panchina a Giovanni Vitali[26]. Passa brevemente al settore giovanile del Pisa[27] prima di ritornare al Pontedera il 19 ottobre successivo, dopo l'esonero di Vitali[28], e rimane sulla panchina pontederese anche nella stagione 2011-2012 quando la squadra vince il campionato ottenendo la promozione in Lega Pro Seconda Divisione. A fine stagione non viene confermato sulla panchina del Pontedera.

Il 27 giugno 2012 diviene il nuovo allenatore del Borgo a Buggiano[29] dove al termine della Lega Pro Seconda Divisione 2012-2013 ottiene la salvezza. Nell'estate 2013 però la squadra toscana non si iscrive al successivo campionato, così Masi resta senza squadra.

Il 4 novembre 2013 viene ingaggiato dal Gavorrano, militante in Seconda Divisione, in sostituzione dell'esonerato Gabriele Cioffi[30]. Nel marzo 2014 rescinde consensualmente il contratto con la società toscana[31].

Nell'estate 2014 diventa allenatore degli Allievi Nazionali dello Spezia. Dal 5 ottobre 2015 diventa allenatore della formazione Primavera della Unione Calcio Sampdoria[32]. Il 25 novembre seguente viene sollevato dall'incarico.

Nell'estate 2016 diventa il nuovo allenatore del Viareggio 2014, club di Serie D[33]. Si dimette il 10 dicembre 2016.[34]

Il 23 maggio 2017 viene nominato nuovo allenatore della Pianese[35]. Il 5 maggio 2019 conduce la squadra alla vittoria del campionato di Serie D, conducendo il club di Piancastagnaio per la prima volta nella storia alla promozione in Serie C.

Statistiche da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 10 novembre 2019.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie Piazzamento
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
1997-1998 Italia Aglianese CND 34 16 9 9 - - - - - - - - - - - - - - - 34 16 9 9 47,06
1998-1999 Italia Pontedera C2 34 10 12 12 CI-C 6 3 2 1 - - - - - - - - - - 40 13 14 13 32,50 13º
1999-2000 Italia Sanremese C2 34 4 17 13 CI-C 4 1 2 1 - - - - - - - - - - 38 5 19 14 13,16 18º, retrocesso
2001-2002 Italia Cascina Ecc. 30 16 11 3 - - - - - - - - - - - - - - - 30 16 11 3 53,33 2º, promosso
2004-2005 Italia Pisa C1 9 1 5 3 CI-C 2 0 2 0 - - - - - - - - - - 11 1 7 3 &&9,09 subentrato, esonerato
2005-2006 Italia Cascina D 34+1 12 12 10+1 CI-D 2 1 0 1 - - - - - - - - - - 37 13 12 12 35,14
2006-2007 D 34 13 12 9 CI-D 2 0 1 1 - - - - - - - - - - 36 13 13 10 36,11
Totale Cascina 99 41 35 23 4 1 1 2 - - - - - - - - 103 42 36 25 40,78
2007-2008 Italia Pontedera D 34+1 17 9 8+1 CI-D 4 1 2 1 - - - - - - - - - - 39 18 11 10 46,15
2008-2009 D 38 15 11 12 CI-D 8 3 3 2 - - - - - - - - - - 46 18 14 14 39,13
2009-2010 D 38 11 12 15 CI-D 2 1 0 1 - - - - - - - - - - 40 12 12 16 30,00 15º
2010-2011 D 34+2 18+2 8 8 CI-D 1 0 1 0 - - - - - - - - - - 37 20 9 8 54,05
2011-2012 D 34+2 21 12 1+2 CI+CI-D 2+1 1+0 0+0 1+1 - - - - - - - - - - 39 22 12 5 56,41 1º, promosso
Totale Pontedera 217 94 64 59 24 9 8 7 - - - - - - - - 241 103 72 66 42,74
2012-2013 Italia Borgo a Buggiano LP-2D 34 9 17 8 CI-LP 2 1 0 1 - - - - - - - - - - 36 10 17 9 27,78
2013-2014 Italia Follonica Gavorrano LP-2D 16 4 6 6 CI-LP - - - - - - - - - - - - - - 16 4 6 6 25,00 subentrato, esonerato
2017-2018 Italia Pianese D 38 14 16 8 CI-D 4 3 0 1 - - - - - - - - - - 42 17 16 9 40,48
2018-2019 D 38+2 21 11 6+2 CI-D 4 3 0 1 - - - - - - - - - - 44 24 11 9 54,55 1º, promosso
2019-2020 C 14 4 4 6 CI-C 2 0 1 1 - - - - - - - - - - 16 4 5 7 25,00 in corso
Totale Pianese 92 39 31 22 10 6 1 3 - - - - - - - - 102 45 32 25 44,12
Totale carriera 535 208 184 143 46 18 14 14 - - - - - - - - 581 226 198 157 38,90

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Pisa: 1984-1985
Catanzaro: 1986-1987

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Pontedera: 2011-2012
Pianese: 2018-2019

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Rosa 1988-1989 Storiapiacenza1919.it
  2. ^ a b c Masi, "forzato" della panchina, Stampa Sera, 14 agosto 1979, pag.10
  3. ^ a b c Masi felice per l'esordio, Stampa Sera, 8 ottobre 1979, pag.12
  4. ^ L'Aglianese pensa a rifondarsi, Il Tirreno, 1º luglio 1997
  5. ^ a b Masi è pronto a firmare, Il Tirreno, 5 giugno 1998
  6. ^ a b c Masi è il nuovo allenatore "Solo alcuni aggiustamenti e la valorizzazione dei giovani", Il Tirreno, 7 giugno 1998
  7. ^ a b c Masi adesso ringrazia Radice che con onestà lo ha lanciato, La Stampa, 17 novembre 1979, pag.23
  8. ^ Torino-Fiorentina 1-1 - Stagione 1979-1980 Archiviato il 20 dicembre 2013 in Internet Archive. Archiviotoro.it
  9. ^ Sono Masi e Sclosa le carte vincenti, Stampa Sera, 23 ottobre 1980, pag.11
  10. ^ Stagione 1983-1984 Areanapoli.it
  11. ^ Ormai ha vinto l'oro di Napoli, La Repubblica, 15 giugno 1984, pag.31
  12. ^ Stagione 1984-1985 Pisanellastoria.it
  13. ^ Vignola ritorna a Verona. Socrates al Corinthians?, La Repubblica, 3 luglio 1985, pag.30
  14. ^ Stagione 1985-1986 Catanzaro1929.com
  15. ^ Stagione 1987-1988 Catanzaro1929.com
  16. ^ Acquisti e cessioni 1989-1990 Storiapiacenza1919.it
  17. ^ a b L'Aglianese ha scelto Masi. Ieri la firma: "Vengo con grande entusiasmo", Il Tirreno, 12 giugno 1997
  18. ^ QUI SANREMESE Masi: "Loro hanno più tecnica noi punteremo sulla grinta", Il Tirreno, 19 marzo 2000
  19. ^ Sanremese-choc: richiamato Masi, La Stampa, 20 aprile 2000, pag.41
  20. ^ La gran voglia di ripartire di Masi, Il Tirreno, 3 luglio 2001
  21. ^ Fucecchio, crisi finanziaria Allenatore e ds si dimettono, Il Tirreno, 9 ottobre 2002
  22. ^ Giovanissimi, big match a Grosseto, Il Tirreno, 7 dicembre 2002, pag.11
  23. ^ Pisa, via Cabrini e il dg Corni, Masi domenica in panchina, Il Tirreno, 19 novembre 2004, pag.19
  24. ^ Calcio, serie C1: Masi non è più l'allenatore del Pisa Nove.firenze.it
  25. ^ Pontedera e Castiglione promosse in Lega Pro Archiviato il 16 agosto 2012 in Internet Archive. Corrieredellosport.it
  26. ^ Amarezza e sportività, questo è Marco Masi, Il Tirreno, 23 luglio 2010, pag.9
  27. ^ Benevento, D'Anna non ci sarà: squalificato, Il Tirreno, 20 ottobre 2010, pag.13
  28. ^ Pontedera: esonerato Vitali Laseried.com
  29. ^ Marco Masi nuovo allenatore del Borgo a Buggiano Radiobrunotoscana.it
  30. ^ UFFICIALE: Gavorrano, esonerato mister Cioffi. Il nuovo allenatore è Marco Masi Archiviato il 1º aprile 2014 in Internet Archive. Tuttolegapro.com
  31. ^ Gavorrano: panchina affidata a Cacitti, Berretti a Luzzetti Archiviato il 24 settembre 2015 in Internet Archive. Grossetosport.com
  32. ^ Marco Masi è il nuovo allenatore della formazione Primavera
  33. ^ Il Viareggio ha scelto: il nuovo allenatore è Marco Masi Radiobrunotoscana.it
  34. ^ Viareggio calcio, si dimette l'allenatore, in luccaindiretta.it, 10 dicembre 2016. URL consultato il 7 gennaio 2018.
  35. ^ MARCO MASI È IL NUOVO ALLENATORE DELLA PIANESE Uspianeseasd.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]