Luigi Radice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il pilota motonautico, vedi Luigi Radice (pilota motonautico).
Luigi Radice
Luigi Radice (Torino).jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 173 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 1965 - giocatore
1998 - allenatore
Carriera
Giovanili
1953-1954 Milan
Squadre di club1
1955-1959Milan20 (0)
1959-1960Triestina31 (0)
1960Milan2 (0)
1960-1961Padova24 (0)
1961-1965Milan53 (1)
Nazionale
1961-1963 Italia Italia 5 (0)
Carriera da allenatore
1966-1968 Monza
1968-1969 Treviso
1969-1971 Monza
1972-1973 Cesena
1973-1974 Fiorentina
1974-1975 Cagliari
1975-1980 Torino
1980-1981 Bologna
1981-1982 Milan
1983 Bari
1983-1984 Inter
1984-1989 Torino
1989-1990 Roma
1990-1991 Bologna
1991-1993 Fiorentina
1993 Cagliari
1995-1996 Genoa
1997 Monza
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Luigi Radice, detto Gigi, anche Sergente di ferro (Cesano Maderno, 15 gennaio 1935Monza, 7 dicembre 2018), è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano, promotore negli anni settanta del pressing a tutto campo.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Radice al Milan negli anni Sessanta.

Vestì le maglie di Milan, Triestina, Padova, da terzino sinistro, nel corso degli anni Cinquanta-Sessanta. Cresciuto alle giovanili rossonere e inizialmente passato in prima squadra con poca fortuna (19 presenze in tre stagioni, 2 scudetti vinti), militò prima negli alabardati, poi nei biancoscudati con cui si meritò il ritorno a Milano, divenendo uno dei protagonisti dello scudetto 1961-62 e della vittoria in Coppa dei Campioni della stagione successiva. Abbandonò la carriera dopo un grave infortunio al ginocchio.[senza fonte]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Monza[modifica | modifica wikitesto]

Incominciò ad allenare la squadra del Monza, stagione 1966-67, vincendo il campionato di Serie C e raggiungendo, l'anno seguente, la salvezza in B.

Treviso, Cesena e Fiorentina[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'esperienza al Treviso conquistò la Serie A col Cesena nel torneo cadetto 1972-73, prima promozione dei bianconeri in Serie A, per poi esordire in A con la Fiorentina nel 1973-74.

Cagliari e scudetto col Torino[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'esperienza al Cagliari l'anno successivo, passò al Torino dove vinse, nel 1975-76, il primo scudetto del post-Superga, che gli valse il premio Seminatore d'Oro di miglior allenatore dell'anno. Nei campionati successivi raggiunse in granata il , , posto.

Il 17 aprile 1979 rimase coinvolto in un incidente stradale sull'Autostrada dei Fiori, che stava percorrendo sulla sua auto insieme con l'ex calciatore Paolo Barison. Nello scontro Radice riportò alcune contusioni[1], Barison perse la vita. Nella stagione 1979-80 fu esonerato dal Torino, con la squadra in zona retrocessione.

Radice saluta Giovanni Trapattoni prima di un derby torinese della stagione 1976-1977.

Bologna e Milan[modifica | modifica wikitesto]

L'annata 1980-81 fu al Bologna nella stagione dell'handicap in classifica (-5) che seguì lo scandalo Totonero; la penalizzazione fu lasciata subito alle spalle, portando i felsinei al 7º posto in graduatoria. Ha allenato il Milan nel negativo campionato 1981-82, venendo esonerato, sostituito a inizio girone di ritorno da Italo Galbiati in una stagione chiusasi con la retrocessione dei rossoneri.

Bari, Inter, ritorno al Torino, Roma e Cagliari[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1983 fu chiamato in corsa sulla panchina del Bari, in Serie B, dal presidente Antonio Matarrese, subentrando all'esonerato Enrico Catuzzi, e guidò i biancorossi nelle restanti 13 gare di campionato. Successivamente allenò Inter (1983-84), Torino (dal 1984-85 al 1988-89), dove il 1º anno ottenne il 2º posto, Roma (1989-90), Cagliari, Fiorentina (dal 1991 al 1993) dove, alla 2ª stagione, fu esonerato dopo 14 gare di campionato.

Fiorentina[modifica | modifica wikitesto]

Assunto da Cecchi Gori dopo l'esonero di Sebastião Lazaroni, portò i viola alla salvezza. L'annata successiva i gigliati ebbero inizio positivo: a Natale erano al 2º posto; qui subirono il pesante ko (3-7) dal Milan e dopo lo 0-1 del 3 gennaio 1993 subito dall'Atalanta, con la Fiorentina al 6º posto, avvenne l'accesa lite tra Radice e il vicepresidente Vittorio Cecchi Gori. Alla fine l'esonero fu confermato dal dirigente in diretta al Processo del Lunedì.

Ritorno al Cagliari, Genoa e Monza[modifica | modifica wikitesto]

Successivamente tornò a Cagliari nel 1993-94, per il torneo 1995-96 fu al Genoa. Chiuse la carriera di allenatore dove aveva incominciato, a Monza, con cui nel 1996-97 ottenne la promozione in Serie B e nella stagione successiva, 1997-98, fu esonerato dopo la 5ª gara.

Malattia e morte[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 aprile 2015, intervistato dal quotidiano "Il Giornale", il figlio Ruggero rivelò che il suo papà era affetto dalla malattia di Alzheimer.[2]

Muore a Monza il 7 dicembre 2018 all'età di 83 anni.[3] Due giorni dopo viene ricordato con striscioni, lutto al braccio e un minuto di silenzio a San Siro prima della gara tra Milan e Torino, le due squadre più rappresentative della sua carriera.[4]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[5][modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1955-1956 Italia Milan A 8 0 - - - CC 1 0 CL 2 0 11 0
1956-1957 A 1 0 - - - - - - CL 2 0 3 0
1957-1958 A 9 0 CI 1 0 CC 4 0 - - - 14 0
1958-1959 A 2 0 CI 1 0 - - - CA 1 0 4 0
1959-1960 Italia Triestina B 31 0 CI ? ? - - - - - - 31+ 0+
lug.-nov. 1960 Italia Milan A 2 0 CI 0 0 - - - - - - 2 0
dic. 1960-1961 Italia Padova A 24 0 CI 2 0 - - - - - - 26 0
1961-1962 Italia Milan A 28 1 CI 0 0 CdF 1 0 CA 0 0 29 1
1962-1963 A 23 0 CI 1 0 CC 5 0 CA 0 0 29 0
1963-1964 A 0 0 CI 0 0 CC 0 0 CInt 0 0 0 0
1964-1965 A 2 0 CI 1 0 CdF 0 0 - - - 3 0
Totale Milan 75 1 4 0 11 0 5 0 95 1
Totale carriera 130 1 6+ 0+ 11 0 5 0 152+ 1+

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
5-5-1962 Firenze Italia Italia 2 – 1 Francia Francia Amichevole -
13-5-1962 Bruxelles Belgio Belgio 1 – 3 Italia Italia Amichevole -
31-5-1962 Santiago del Cile Italia Italia 0 – 0 Germania Ovest Germania Ovest Mondiali 1962 - 1º turno -
7-6-1962 Santiago del Cile Italia Italia 3 – 0 Svizzera Svizzera Mondiali 1962 - 1º turno -
11-11-1962 Vienna Austria Austria 1 – 2 Italia Italia Amichevole -
Totale Presenze 5 Reti 0

Statistiche da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

In grassetto le competizioni vinte.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie Piazz.
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
1966-1967 Italia Monza C 34+1[6] 20+1 10 4 - - - - - - - - - - - - - - - 35 21 10 4 60,00 (prom.)
1967-feb. 1968 B 25 6 14 5 CI 2 1 0 1 - - - - - - - - - - 27 7 14 6 25,93 Esonerato
1968-1969 Italia Treviso C 38 14 18 6 - - - - - - - - - - - - - - - 38 14 18 6 36,84
1969-1970 Italia Monza B 38 15 15 8 CI 3 1 2 0 - - - - - - - - - - 41 16 17 8 39,02
1970-1971 B 38 9 17 12 CI 5+2[7] 1 2+2 2 - - - - - - - - - - 45 10 21 14 22,22 15º
1971-1972 Italia Cesena B 38 13 17 8 CI 4 0 1 3 - - - - - - - - - - 42 13 18 11 30,95
1972-1973 B 38 17 15 6 CI 4 2 1 1 - - - - - - - - - - 42 19 16 7 45,24 (prom.)
Totale Cesena 76 30 32 14 8 2 2 4 - - - - - - - - 84 32 34 18 38,10
1973-1974 Italia Fiorentina A 30 10 13 7 CI 4 1 2 1 CU 2 0 1 1 - - - - - 36 11 16 19 30,56
dic. 1974-1975 Italia Cagliari A 21 4 12 5 CI 0 0 0 0 - - - - - - - - - - 21 4 12 5 19,05 Suben., 10º
1975-1976 Italia Torino A 30 18 9 3 CI 4 3 0 1 - - - - - - - - - - 34 21 9 4 61,76
1976-1977 A 30 21 8 1 CI 4 2 1 1 CC 4 1 2 1 - - - - - 38 24 11 3 63,16
1977-1978 A 30 14 11 5 CI 10 4 4 2 CU 6 2 1 3 - - - - - 46 20 16 10 43,48
1978-1979 A 30 11 14 5 CI 4 2 0 2 CU 2 1 0 1 - - - - - 36 14 14 8 38,89
1979-feb. 1980 A 19 5 8 6 CI 6 4 2 0 CU 2 1 0 1 - - - - - 27 10 10 7 37,04 Eson.
1980-1981 Italia Bologna A 30 11 12 7 CI 8 5 2 1 - - - - - TdC 3 1 1 1 41 17 15 9 41,46
1981-gen. 1982 Italia Milan A 16 3 6 7 CI 4 2 1 1 - - - - - CM 3 1 1 1 23 6 8 9 26,09 Eson.
mar.-giu. 1983 Italia Bari B 13 3 5 5 CI 0 0 0 0 - - - - - - - - - - 13 3 5 5 23,08 Suben., 20º (retr.)
1983-1984 Italia Inter A 30 12 11 7 CI 5 2 1 2 CU 6 2 0 4 - - - - - 41 16 12 13 39,02
1984-1985 Italia Torino A 30 14 11 5 CI 9 3 5 1 - - - - - - - - - - 39 17 16 6 43,59
1985-1986 A 30 11 11 8 CI 9 5 2 2 CU 4 1 2 1 TE 5 2 2 1 48 19 17 12 39,58
1986-1987 A 30 8 10 12 CI 7 2 4 1 CU 8 4 3 1 - - - - - 45 14 17 14 31,11 11º
1987-1988 A 30+1[8] 8 15+1 7 CI 13 8 1 4 - - - - - - - - - - 44 16 17 11 36,36
ago.-dic. 1988 A 9 2 3 4 CI 8 5 2 1 - - - - - - - - - - 17 7 5 5 41,18 Eson.
Totale Torino 268+1 112 100+1 56 74 38 21 15 26 10 8 8 5 2 2 1 374 162 132 80 43,32
1989-1990 Italia Roma A 34 14 13 7 CI 6 4 0 2 - - - - - - - - - - 40 18 13 9 45,00
ott. 1990-1991 Italia Bologna A 28 3 10 15 CI 4 3 0 1 CU 6 2 1 3 - - - - - 38 8 11 19 21,05 Suben. 18º (retr.)
Totale Bologna 58 14 22 22 12 8 2 2 6 2 1 3 3 1 1 1 105 35 34 36 33,33
ott. 1991-1992 Italia Fiorentina A 29 9 11 9 CI 2 0 2 0 - - - - - - - - - - 31 9 13 9 29,03 Suben., 6º
1992-gen. 1993 A 14 5 5 4 CI 4 2 1 1 - - - - - - - - - - 18 7 6 5 38,89 Eson.
Totale Fiorentina 73 24 29 20 10 3 5 2 2 0 1 1 - - - - 85 27 35 23 31,76
ago. 1993 Italia Cagliari A 1 0 0 1 CI 0 0 0 0 CU 0 0 0 0 - - - - - 1 0 0 1 &&0,00 Eson.
Totale Cagliari 22 4 12 6 - - - - - - - - - - - - 22 4 12 6 18,18
1995-feb. 1996 Italia Genoa B 23 8 6 9 CI 2 1 0 1 - - - - - CAI 7 4 3 0 32 13 9 10 40,63 Eson.
mar.-giu. 1997 Italia Monza C1 8+3[9] 3+3 4 1 CI+CI-C 0 0 0 0 - - - - - - - - - - 11 6 4 1 54,55 Suben., 5º (prom.)
lug.-set. 1997 B 5 1 1 3 CI 2 0 1 1 - - - - - - - - - - 7 1 2 4 14,29 Eson.
Totale Monza 148+4 54+4 61 33 12+2 3 5+2 4 - - - - - - - - 166 61 68 37 36,75
Totale carriera 799+5 292+4 315+1 192 133+2 63 37+2 33 40 14 10 16 18 8 7 3 997 381 372 244 38,21

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La storia siete voi: il Bisonte, Paolo Barison, Tuttonapoli, 3 luglio 2013
  2. ^ Vanni Zagnoli, «Il triste tramonto di mio padre, Gigi Radice», su Il Giornale, 26 aprile 2015. URL consultato il 21 marzo 2016.
  3. ^ Gigi Radice è morto: vinse quattro scudetti con Milan e Torino, su gazzetta.it, 7 dicembre 2018.
  4. ^ Milan-Torino, San Siro ricorda Gigi Radice: striscioni e minuto di silenzio, su sky.it, 9 dicembre 2018.
  5. ^ Luigi Radice, carrierecalciatori.it. URL consultato il 9 dicembre 2018. Luigi Radice, magliarossonera.it. URL consultato il 9 dicembre 2018.
  6. ^ Spareggio per la promozione.
  7. ^ A causa di peggior piazzamenti e stessi punti, si sono svolti degli spareggi per la qualificazione alle fasi successive.
  8. ^ Spareggio contro la Juventus per l'accesso alla Coppa UEFA 1988-1989, giocato a Torino il 23 maggio 1988 e concluso ai calci di rigore in favore dei bianconeri per 4 a 2.
  9. ^ Play-off.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Massimo Perrone (a cura di), Il libro del calcio italiano 1999/2000, Roma, Il Corriere dello Sport, 1999, p. 155.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]