Associazione Sportiva Roma 1989-1990

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Associazione Sportiva Roma.

Associazione Sportiva Roma
Asroma89-90.jpg
Una formazione giallorossa per la stagione 1989-90
Stagione 1989-1990
AllenatoreItalia Luigi Radice
PresidenteItalia Dino Viola
Serie A6º posto (in Coppa UEFA)
Coppa ItaliaSemifinali
Maggiori presenzeCampionato: Rizzitelli (34)
Totale: Rizzitelli (40)
Miglior marcatoreCampionato: Völler (14)
Totale: Völler (16)
StadioStadio Flaminio (30 000 posti)[1]
Abbonati10 071[1]
Maggior numero di spettatori27 124 vs. Milan (25 febbraio 1990)[1]
Minor numero di spettatori14 460 vs. Ascoli (3 settembre 1989)[1][2]
Media spettatori23 995[1]¹
¹
considera le partite giocate in casa in campionato.
Dati aggiornati al 29 aprile 1990

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti l'Associazione Sportiva Roma nelle competizioni ufficiali della stagione 1989-1990.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Persa la qualificazione alla Coppa UEFA dopo lo spareggio con la Fiorentina al termine del campionato 1988-89, dopo il definitivo addio di Niels Liedholm la società giallorossa ingaggiò Luigi Radice come allenatore, il quale inizialmente non era ben visto dalla tifoseria, ma si guadagnò ben presto un'ottima stima.[3] A livello di acquisti, fu preso il tedesco Berthold dal Verona, il portiere Giovanni Cervone, e il difensore Antonio Comi.[4] In Coppa Italia, la Roma accedette alla fase a gironi eliminando Modena e Palermo.[5]

In questa stagione, la squadra disputò tutte le gare interne allo Stadio Flaminio, causa la ristrutturazione dell'Olimpico per il Mondiale di Italia '90.[6] Il Flaminio sembrò portare fortuna alla squadra capitolina, che si ritrovarono quasi sempre a ridosso delle prime, fino a centrare tranquillamente l'obiettivo di entrare in zona Uefa. Il campionato regalò ai giallorossi anche la soddisfazione di aver totalizzato 3 punti su 4 nei derby.[7] Nella fase a gruppi della coppa nazionale, la Roma - abbinata ad Ascoli e Inter - superò i nerazzurri soltanto grazie al sorteggio[8]; in semifinale, fu battuta dalla Juventus.[9][10] Il piazzamento finale del campionato risultò essere un sesto posto, sufficiente per accedere alla Coppa UEFA.[7][11]

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Lo sponsor tecnico è NR, lo sponsor ufficiale è Barilla. La prima divisa è costituita da maglia rossa con colletto a polo giallo, pantaloncini rossi e calzettoni rossi bordati di giallo. In trasferta i Lupi usano una maglia bianca con colletto a polo rosso, pantaloncini bianchi, calzettoni bianchi bordati di rosso. I portieri usano una divisa costituita pantaloncini e calzettoni neri abbinati a maglie con colletto a polo grigia, in alternativa viene usata una divisa formata da maglia nera con maniche e decorazioni azzurre, pantaloncini neri e calzettoni bianchi.[12]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa (alternativa)
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1ª div. portiere
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
2ª div. portiere

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito l'organigramma societario.[11] Area direttiva

Presidente: Dino Viola

Area tecnica

Direttore sportivo: Emiliano Mascetti
Allenatore: Luigi Radice

Area sanitaria

Medico sociale: Ernesto Alicicco

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito la rosa.[13]

N. Ruolo Giocatore
Italia P Luca Alidori[14]
Italia P Giovanni Cervone
Italia P Franco Tancredi
Italia P Ferro Tontini[14]
Germania Ovest D Thomas Berthold
Italia D Andrea Borsa[14]
Italia D Ugo Cipelli[14]
Italia D Antonio Comi
Italia D Manuel Gerolin
Italia D Gabriele Grossi
Italia D Lionello Manfredonia
Italia D Sebastiano Nela
Italia D Stefano Pellegrini
Italia D Fabio Petruzzi
Italia D Antonio Tempestilli
Italia C Daniele Berretta[14]
N. Ruolo Giocatore
Italia C Bruno Conti
Italia C Alessandro Cucciari
Italia C Fabrizio Di Mauro
Italia C Stefano Desideri
Italia C Giuseppe Giannini (capitano)
Italia C Stefano Impallomeni
Italia C Giampiero Maini[14]
Italia C Giovanni Piacentini[15]
Italia C Alessio Scarchilli[14]
Italia C Francesco Statuto[14]
Italia A Leonardo Aiello
Italia A Roberto Muzzi[14]
Italia A Ruggero Rizzitelli
Germania Ovest A Rudi Völler
Italia A Paolo Baldieri

Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito il calciomercato.[13]

Sessione estiva[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
P Giovanni Cervone Verona definitivo
D Antonio Comi Torino definitivo
D Thomas Berthold Verona definitivo
D Stefano Pellegrini Sampdoria definitivo
C Stefano Impallomeni Parma fine prestito
A Paolo Baldieri Avellino definitivo
Cessioni
R. Nome a Modalità
P Alberto Menotti ? ?
P Angelo Peruzzi Verona prestito
D Fulvio Collovati Genoa definitivo
D Moreno Ferrario Avellino definitivo
D Emidio Oddi Udinese definitivo
C Andrade Vasco da Gama definitivo
C Roberto Policano Torino definitivo
A Daniele Massaro Milan fine prestito
A Renato Flamengo definitivo

Sessione autunnale[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome a Modalità
C Giovanni Piacentini Padova definitivo
Cessioni
R. Nome a Modalità

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie A 1989-1990.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Udine
27 agosto 1989, ore 16:30
1ª giornata
Udinese1 – 1
referto
RomaStadio Friuli (circa 36.000 spett.)
Arbitro:  Luci (Firenze)

Pescara
3 settembre 1989, ore 16:30
2ª giornata
Roma0 – 0
referto
AscoliStadio Adriatico[16] (circa 16.000 spett.)
Arbitro:  Di Cola (Avezzano)

Genova
6 settembre 1989, ore 16:00
3ª giornata
Genoa0 – 2
referto
RomaStadio Luigi Ferraris (circa 27.000 spett.)
Arbitro:  Cornieti (Forlì)

Roma
10 settembre 1989, ore 16:00
4ª giornata
Roma4 – 1
referto
AtalantaStadio Flaminio (circa 23.000 spett.)
Arbitro:  Pairetto (Torino)

Bari
17 settembre 1989, ore 16:00
5ª giornata
Bari1 – 2
referto
RomaStadio della Vittoria (circa 32.000 spett.)
Arbitro:  Luci (Firenze)

Roma
24 settembre 1989, ore 15:00
6ª giornata
Roma1 – 0
referto
CesenaStadio Flaminio (circa 25.000 spett.)
Arbitro:  Beschin (Legnago)

Milano
1º ottobre 1989, ore 15:00
7ª giornata
Inter3 – 0
referto
RomaStadio Giuseppe Meazza (circa 48.000 spett.)
Arbitro:  Lo Bello (Siracusa)

Roma
8 ottobre 1989, ore 15:00
8ª giornata
Roma1 – 1
referto
NapoliStadio Flaminio (circa 25.000 spett.)
Arbitro:  Magni (Bergamo)

Milano
22 ottobre 1989, ore 14:30
9ª giornata
Milan1 – 0
referto
RomaStadio Giuseppe Meazza (circa 57.000 spett.)
Arbitro:  D'Elia (Salerno)

Roma
29 ottobre 1989, ore 14:30
10ª giornata
Roma2 – 1
referto
LecceStadio Flaminio (circa 24.000 spett.)
Arbitro:  Felicani (Bologna)

Genova
5 novembre 1989, ore 14:30
11ª giornata
Sampdoria4 – 2
referto
RomaStadio Luigi Ferraris (circa 23.000 spett.)
Arbitro:  Pairetto (Torino)

Roma
19 novembre 1989, ore 14:30
12ª giornata
Roma1 – 1
referto
LazioStadio Flaminio (circa 22.000 spett.)
Arbitro:  D'Elia (Salerno)

Verona
26 novembre 1989, ore 14:30
13ª giornata
Verona2 – 2
referto
RomaStadio Marcantonio Bentegodi (circa 14.000 spett.)
Arbitro:  Baldas (Trieste)

Firenze
3 dicembre 1989, ore 14:30
14ª giornata
Fiorentina1 – 2
referto
RomaStadio Comunale (circa 19.000 spett.)
Arbitro:  Beschin (Legnago)

Roma
10 dicembre 1989, ore 14:30
15ª giornata
Roma3 – 2
referto
CremoneseStadio Flaminio (circa 23.000 spett.)
Arbitro:  Cornieti (Forlì)

Roma
17 dicembre 1989, ore 14:30
16ª giornata
Roma1 – 0
referto
JuventusStadio Flaminio (circa 27.000 spett.)
Arbitro:  Agnolin (Bassano dl Grappa)

Bologna
30 dicembre 1989, ore 14:30
17ª giornata
Bologna1 – 1
referto
RomaStadio Renato Dall'Ara (circa 27.000 spett.)
Arbitro:  D'Elia (Salerno)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Roma
7 gennaio 1990, ore 14:30
18ª giornata
Roma3 – 1
referto
UdineseStadio Flaminio (circa 23.000 spett.)
Arbitro:  Luci (Firenze)

Ascoli Piceno
14 gennaio 1990, ore 14:30
19ª giornata
Ascoli1 – 1
referto
RomaStadio Cino e Lillo Del Duca (circa 13.000 spett.)
Arbitro:  Baldas (Trieste)

Roma
17 gennaio 1990, ore 14:30
20ª giornata
Roma0 – 1
referto
GenoaStadio Flaminio (circa 26.000 spett.)
Arbitro:  Nicchi (Empoli)

Bergamo
21 gennaio 1990, ore 14:30
21ª giornata
Atalanta3 – 0
referto
RomaStadio Comunale (circa 22.000 spett.)
Arbitro:  Beschin (Legnago)

Roma
28 gennaio 1990, ore 14:30
22ª giornata
Roma1 – 0
referto
BariStadio Flaminio (circa 23.000 spett.)
Arbitro:  Luci (Firenze)

Cesena
4 febbraio 1990, ore 15:00
23ª giornata
Cesena0 – 0
referto
RomaStadio Dino Manuzzi (circa 17.000 spett.)
Arbitro:  Baldas (Trieste)

Roma
11 febbraio 1990, ore 15:00
24ª giornata
Roma1 – 1
referto
InterStadio Flaminio (circa 25.000 spett.)
Arbitro:  Lo Bello (Siracusa)

Napoli
18 febbraio 1990, ore 15:00
25ª giornata
Napoli3 – 1
referto
RomaStadio San Paolo (circa 60.000 spett.)
Arbitro:  Luci (Firenze)

Roma
25 febbraio 1990, ore 15:00
26ª giornata
Roma0 – 4
referto
MilanStadio Flaminio (circa 27.000 spett.)
Arbitro:  Pairetto (Torino)

Lecce
4 marzo 1990, ore 15:00
27ª giornata
Lecce0 – 2
referto
RomaStadio Via del Mare (circa 16.000 spett.)
Arbitro:  Beschin (Legnago)

Roma
11 marzo 1990, ore 15:00
28ª giornata
Roma1 – 1
referto
SampdoriaStadio Flaminio (circa 22.000 spett.)
Arbitro:  Stafoggia (Pesaro)

Roma
18 marzo 1990, ore 15:00
29ª giornata
Lazio0 – 1
referto
RomaStadio Flaminio (circa 23.000 spett.)
Arbitro:  Baldas (Trieste)

Roma
25 marzo 1990, ore 15:30
30ª giornata
Roma5 – 2
referto
VeronaStadio Flaminio
Arbitro:  Frigerio (Milano)

Roma
8 aprile 1990, ore 15:30
31ª giornata
Roma0 – 0
referto
FiorentinaStadio Flaminio
Arbitro:  Lo Bello (Siracusa)

Cremona
14 aprile 1990, ore 15:30
32ª giornata
Cremonese0 – 1
referto
RomaStadio Giovanni Zini
Arbitro:  Agnolin (Bassano del Grappa)

Torino
22 aprile 1990, ore 15:30
33ª giornata
Juventus1 – 1
referto
RomaStadio Comunale Vittorio Pozzo (circa 20.000 spett.)
Arbitro:  Beschin (Legnago)

Roma
29 aprile 1990, ore 16:00
34ª giornata
Roma2 – 2
referto
BolognaStadio Flaminio (circa 26.000 spett.)
Arbitro:  Stafoggia (Pesaro)

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 1989-1990.

Turni preliminari[modifica | modifica wikitesto]

Terni
24 agosto 1989, ore 20:40
Primo turno preliminare
Roma3 – 0
referto
ModenaStadio Libero Liberati[16] (circa 18.000 spett.)
Arbitro:  Pairetto (Torino)

Terni
30 agosto 1989, ore 20:30
Secondo turno preliminare
Roma4 – 0
referto
PalermoStadio Libero Liberati[16] (10.305 spett.)
Arbitro:  Quartuccio (Torre Annunziata)

Fase a gruppi - Gruppo A[modifica | modifica wikitesto]

Roma
3 gennaio 1990, ore 14:30
1ª giornata
Roma3 – 0
referto
AscoliStadio Flaminio (circa 20.000 spett.)
Arbitro:  Quartuccio (Torre Annunziata)

Milano
24 gennaio 1990, ore 14:30
3ª giornata
Inter3 – 1
referto
RomaStadio San Siro (13.567 spett.)
Arbitro:  Amendolia (Messina)

Fase a eliminazione diretta[modifica | modifica wikitesto]

Torino
31 gennaio 1990, ore 14:30
Semifinale - Andata
Juventus2 – 0
referto
RomaStadio Comunale Vittorio Pozzo (12.844 spett.)
Arbitro:  Sguizzato (Verona)

Roma
14 febbraio 1990, ore 14:30
Semifinale - Ritorno
Roma3 – 2
referto
JuventusStadio Flaminio (22.461 spett.)
Arbitro:  Agnolin (Bassano del Grappa)

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 29 aprile 1990.[11][7]

Competizione Punti In casa In trasferta Totale DR
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
Scudetto.svg Serie A 41 17 8 7 2 26 18 17 6 6 5 19 22 34 14 13 7 45 40 +5
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia 4 4 0 0 13 2 2 0 0 2 1 5 6 4 0 2 14 7 +7
Totale 21 12 7 2 39 20 19 6 6 7 20 27 40 18 13 9 59 47 +12

Andamento in campionato[modifica | modifica wikitesto]

Giornata 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34
Luogo T C T C T C T C T C T C T T C C T C T C T C T C T C T C T C C T T C
Risultato N N V V V V P N P V P N N V V V N V N P P V N N P P V N V V N V N N
Posizione 6 6 4 3 2 1 3 4 5 4 5 6 7 5 3 2 3 3 5 5 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6

Legenda:
Luogo: C = Casa; T = Trasferta. Risultato: V = Vittoria; N = Pareggio; P = Sconfitta.

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito le statistiche dei giocatori.[11][17]

Giocatore Serie A Coppa Italia Totale
Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni
Alidori, L. L. Alidori 0-000----0-000
Cervone, G. G. Cervone 27-36106-7??33-431+0+
Tancredi, F. F. Tancredi 7-4000-0??7-40+0+
Tontini, F. F. Tontini 1-000----1-000
Berthold, T. T. Berthold 3225060??3825+0+
Borsa, A. A. Borsa ------------
Cipelli, U. U. Cipelli ------------
Comi, A. A. Comi 3118160??3718+1+
Gerolin, M. M. Gerolin 2437050??2937+0+
Grossi, G. G. Grossi ------------
Manfredonia, L. L. Manfredonia 1506120??1706+1+
Nela, S. S. Nela 3017060??3617+0+
Pellegrini, S. S. Pellegrini 1805150??2305+1+
Petruzzi, F. F. Petruzzi 1000----1000
Tempestilli, A. A. Tempestilli 2836061??3446+0+
Berretta, D. D. Berretta ------------
Conti, B. B. Conti 2122010??2222+0+
Cucciari, A. A. Cucciari 600010??700+0+
Di Mauro, F. F. Di Mauro 2807063??3437+0+
Desideri, S. S. Desideri 26104062??32124+0+
Giannini, G. G. Giannini 3136052??3656+0+
Impallomeni, S. S. Impallomeni 500010??600+0+
Maini, G. G. Maini ------------
Piacentini, G. G. Piacentini 1602010??1702+0+
Scarchilli, A. A. Scarchilli ------------
Statuto, F. F. Statuto ------------
Aiello, L. L. Aiello ------------
Muzzi, R. R. Muzzi 1000----1000
Rizzitelli, R. R. Rizzitelli 3451063??4081+0+
Völler, R. R. Völler 32144162??38164+1+
Baldieri, P. P. Baldieri 1101010??1201+0+

Giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Statistiche Spettatori Serie A 1989-1990, su stadiapostcards.com.
  2. ^ Gara disputata a Pescara.
  3. ^ Annuncio sottovoce Radice allenatore, in la Repubblica, 6 luglio 1989, p. 32.
  4. ^ Marco E. Ansaldo, Tapie-Maradona ultimo tentativo, in la Repubblica, 9 luglio 1989, p. 32.
  5. ^ F.C., Quattro volte Roma, in la Repubblica, 31 agosto 1989, p. 27.
  6. ^ Corrado Sannucci, Maledetto flaminio, in la Repubblica, 7 ottobre 1989, p. 37.
  7. ^ a b c Almanacco illustrato del Calcio 1991, Modena, Panini Editore, 1990, p. 659, ISSN 1129-3381 (WC · ACNP).
  8. ^ Antonio Dipollina, Il Milan chiede scusa, in la Repubblica, 26 gennaio 1990, p. 37.
  9. ^ Licia Granello, La formula Casiraghi manda la Roma in tilt, in la Repubblica, 1º febbraio 1990, p. 27.
  10. ^ Fulvio Bianchi, Sorride la Juve precaria, in la Repubblica, 15 febbraio 1990, p. 28.
  11. ^ a b c d Romano, 1984-1991 La Roma formato Coppa Italia.
  12. ^ Castellani, Ceci, de Conciliis, pp. 171-172.
  13. ^ a b Rosa AS Roma - Saison 89/90, su transfermarkt.it. URL consultato l'11 aprile 2018.
  14. ^ a b c d e f g h i Aggregato alla prima squadra dalla formazione Primavera.
  15. ^ Acquistato durante la sessione autunnale.
  16. ^ a b c In campo neutro a seguito della squalifica inflitta al campo della Roma di tre giornate per le intemperanze dei tifosi durante la partita di spareggio valevole per un posto nella Coppa UEFA 1989-90 tra Roma e Fiorentina disputata al termine della stagione precedente.
  17. ^ A completamento dei dati vanno conteggiati un autogol in campionato e un autogol in Coppa Italia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Castellani, Massimilano Ceci e Riccardo de Conciliis, La maglia che ci unisce. Storia delle divise dell'AS Roma dalla nascita ai giorni nostri, Roma, Goalbook Edizioni, 2012, ISBN 978-88-908115-0-0.

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Manuela Romano (a cura di), La storia della A.S. Roma (10 DVD-Video), Corriere dello Sport, Rai Trade, 2006.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio