Ercole Rabitti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ercole Rabitti
Ercole Rabitti.jpg
Rabitti al Fanfulla negli anni 1950
Nazionalità Italia Italia
Altezza 168 cm
Peso 60 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 1957 - giocatore
1981 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
1939-1943Juventus6 (1)
1943-1944Casale14 (0)
1945-1946Cuneo20 (3)
1946-1947Spezia33 (9)
1947-1948Viareggio33 (9)
1948-1952Como116 (36)
1952-1955Fanfulla86 (15)
1955-1956Cecina 28 (8)
1956-1958Anconitana54 (12)
1958-1959Asti25 (4)
Carriera da allenatore
19??-1964JuventusGiovanili
1964Juventus
1966-1967Savona
19??-1969JuventusGiovanili
1969-1970Juventus
197?-1980TorinoGiovanili
1980-1981Torino
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Ercole Rabitti (Torino, 24 agosto 1921Ferrara, 27 maggio 2009) è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Come calciatore, Rabitti esordì in Serie A con la Juventus il 26 maggio 1940 nell'incontro di campionato Juventus-Napoli 2-1. Con la maglia bianconera, però, collezionò appena 6 presenze e 1 rete, cosicché proseguì la sua carriera in altre squadre, in particolare con il Como dal 1947 al 1952, con 116 presenze e 35 reti realizzate. Prese così parte alla stagione migliore del club lariano, che nel campionato di Serie A 1949-1950 conquistò il settimo posto.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Come allenatore, dopo aver iniziato nel settore giovanile nella Juventus, nella parte finale della stagione 1963-1964 venne promosso sulla panchina della prima squadra bianconera, subentrando a Eraldo Monzeglio il quale contestualmente passò ad affiancando come direttore tecnico.[1] Allenò in seguito il Savona nel campionato di Serie B 1966-1967, conclusosi con la retrocessione dei liguri.

Tornato nel frattempo a occuparsi del vivaio della Juventus, nell'annata 1969-1970 venne richiamato in prima squadra sostituendo in ottobre Luis Carniglia:[2] rimontando da una pessima situazione di classifica, sfiorò lo scudetto dando filo da torcere al Cagliari poi campione d'Italia.[3] Successivamente passò ai concittadini del Torino dove per vari anni allenò nel settore giovanile; nel febbraio del 1980 subentrò a Luigi Radice alla guida della prima squadra,[4] conducendo i granata al terzo posto finale in campionato e alla finale di Coppa Italia (persa contro la Roma), prima di venire a sua volta sostituito nel marzo del 1981 da Romano Cazzaniga.[5]

È morto il 27 maggio 2009 all'età di 87 anni.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Juventus: 1941-1942
Como: 1948-1949
Anconitana: 1956-1957 (girone E)

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Torino: 1976-1977

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Un "caso Sivori" alla Juve? Maggiori responsabilità a Rabitti, in La Stampa, nº 72, 25 marzo 1964, p. 8.
  2. ^ Guido Lajolo, Licenziato Carniglia, i bianconeri a Boniperti, in Corriere dello Sport, 22 ottobre 1969, p. 9.
  3. ^ Barreca, p. 80
  4. ^ Nello Paci, Il Torino «silura» Radice (PDF), in l'Unità, 5 febbraio 1980, p. 12. (archiviato dall'url originale il 5 novembre 2016).
  5. ^ Nello Paci, Troppe beghe nel Torino: Rabitti lascia (PDF), in l'Unità, 4 marzo 1981, p. 12. (archiviato dall'url originale il 5 novembre 2016).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vladimiro Caminiti, Juventus Juventus. Dizionario storico romantico dei bianconeri, Milano, Edizioni Elle, 1977, p. 189.
  • Vincenzo Barreca, Gli scudetti dimenticati: Cagliari 1969-70 - L'isola balla, Calcio 2000, dicembre 1998, pp. 76-86, ISBN non esistente.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]